In Grecia: "Stalin ha dato il via libera affinché la Grecia continui a far parte del mondo occidentale, e non abbiamo una sola strada in suo onore".


Le restrizioni dovute alla pandemia, unite alle festività natalizie, offrono un'opportunità di lettura, scrive il giornalista. politico editorialista, conduttore televisivo e direttore esecutivo del quotidiano Kathimerini Alexis Papaelas per la sua pubblicazione.


L'autore riferisce di aver letto di recente un grande libro sulla Conferenza di Yalta e la biografia di Franklin D. Roosevelt. Dopodiché, non ha potuto fare a meno di porsi una domanda che sperava non sarebbe stata fraintesa dai lettori.

Perché i greci non hanno chiamato almeno una piazza o una strada dopo il leader sovietico Joseph Stalin?

Chiese.

Stalin ha dato il via libera affinché la Grecia rimanga parte del mondo occidentale e non abbiamo una sola strada in suo onore

- ha affermato l'autore.

Ha ricordato che il primo ministro britannico Winston Churchill era ossessionato dalla Grecia e dalla necessità di mantenere questo paese legato all'Occidente.

Stalin ha dato il via libera senza troppe esitazioni. È difficile dire quale sarebbe stato il risultato se il leader sovietico avesse deciso diversamente, poiché la Gran Bretagna aveva già perso la maggior parte del suo potere e il presidente americano non era così interessato alla Grecia. Stalin prese le sue decisioni e il corso del paese per i decenni successivi fu determinato

- ha spiegato Papaelas.

Ha chiarito che i leader della sinistra sapevano della decisione di Stalin, ma i ranghi no. Speravano di vincere la guerra civile quando la decisione geopolitica era già stata presa ai massimi livelli.

Indubbiamente, ci sono ancora persone che rifiutano di ammettere che è bene che la Grecia rimanga dalla parte dell'Occidente. Gli osservatori più dogmatici rifiutano di ammettere che la Grecia avrebbe condiviso il destino della Bulgaria o della Romania. Gli utopisti insistono sul fatto che, grazie alla nostra visione greca, potremmo costruire il nostro modello socialista, proprio come ha fatto la Jugoslavia.

- aggiunge l'autore.

Ritiene fortunato che la Grecia sia rimasta nel mondo occidentale e che sia riuscita a entrare a far parte del "club elitario".

Ovviamente migliaia di greci hanno pagato un caro prezzo per la guerra fredda, in prigione o in esilio. Il paese avrebbe potuto avere una rotta più fluida dopo la guerra se sinistra e destra avessero avuto più maturità. Tuttavia, la Grecia ha trovato il suo punto d'appoggio dopo la fine della dittatura militare e si è rifugiata in Europa.

- ha sottolineato l'autore.

Ha notato che i greci dubitano ancora di essere dalla parte giusta.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, eravamo decisamente sul lato destro del recinto. E, sorprendentemente, non abbiamo strade di Churchill e nemmeno una singola piazza o strada di Stalin

- ha riassunto Papaelas.
  • Fotografie usate: http://mil.ru/
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 27 dicembre 2020 20: 54
    +3
    giornalista, editorialista politico, conduttore televisivo e direttore esecutivo del quotidiano Kathimerini Alexis Papaelas

    Non conosce la storia del suo paese. Dov'è almeno una menzione della guerra civile del 1946-49?
    Alla fine della seconda guerra mondiale, la Grecia era uno stato molto filocomunista e le sue forze comuniste l'hanno liberata dall'occupazione tedesca.

    Stalin ha dato il via libera senza troppe esitazioni.

    Stalin prese le sue decisioni e il corso del paese per i decenni successivi fu determinato

    Ecco la classica storia della causalità. A Teheran e Yalta furono prese alcune decisioni sulla divisione dell'Europa del dopoguerra in zone di influenza. E sono stati raggiunti in difficili negoziati. Non ho dubbi che se non fosse stato per la geografia, Stalin avrebbe volentieri scambiato la Polonia russofobica con una filocomunista e storicamente fedele, in relazione alla Russia, alla Grecia. Ma, come ha detto Bismarck, "la geografia è il destino".

    E Stalin adempì la sua parte degli obblighi. E non ha fatto nulla quando, nel corso della guerra "civile", la Gran Bretagna ha rimosso le forze comuniste dal potere e ha stabilito il potere dei collaboratori che erano al potere durante l'occupazione nazista. I metodi di "persuasione" includevano il lavoro di artiglieria, carri armati e aerei nelle città.
    Ecco perché non ci sono strade e piazze che prendono il nome da Stalin. I comunisti si consideravano traditi da Stalin. I collaboratori non ne hanno affatto bisogno.

    Ma anche il ruolo della Gran Bretagna è stato ben ricordato prima. Pertanto, non ci sono strade di Churchill. Per non irritare inutilmente le persone.
    E la storia di questa guerra sarebbe bello studiare ungheresi, cechi, ecc.
    Stalin non è intervenuto negli eventi in Grecia. In contrasto con la reazione completamente diversa dell'Occidente a quanto sta accadendo nella zona di influenza dell'URSS.
    1. greenchelman Online greenchelman
      greenchelman (Grigory Tarasenko) 28 dicembre 2020 10: 04
      0
      Ecco un intero articolo per te sulla guerra civile in Grecia nel 1946-1949 ... Anche se tu stesso potresti scoprirlo guidandolo in un motore di ricerca e non appendere qui un foglio di sciocchezze.
  2. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 27 dicembre 2020 21: 49
    0
    La Grecia era geograficamente lontana dai confini dell'URSS e non era in alcun modo adatta al ruolo di paese di "cordone sanitario" attorno ai suoi confini, quindi per Stalin non aveva alcun valore particolare.
    1. onoyko Офлайн onoyko
      onoyko (Pavlo) 28 dicembre 2020 17: 05
      0
      Non si tratta di distanza. L'Albania non è più vicina. Churchill non voleva restituirlo categoricamente. La posizione della Grecia è troppo importante.
  3. Oleg Ramover Online Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 28 dicembre 2020 00: 31
    -5
    e non c'è una sola piazza o strada che prende il nome da Stalin

    Se ricordiamo l'operazione greca dell'NKVD, durante la quale, oltre ai cittadini dell'URSS di origine greca, furono uccisi diverse migliaia di cittadini greci, allora dare il nome di Stalin alle strade greche è in qualche modo strano.
    1. onoyko Офлайн onoyko
      onoyko (Pavlo) 28 dicembre 2020 17: 08
      +1
      Molte altre persone sono morte durante la guerra civile in Grecia. Questo non è il motivo. Il motivo è che la sinistra, anche nella versione di Tsipras, non è realmente salita al potere. Sebbene in Grecia esista un Partito Comunista di Maoisti e Trotskisti. A proposito, ce ne sono solo 4, il Partito Comunista.
  4. onoyko Офлайн onoyko
    onoyko (Pavlo) 28 dicembre 2020 20: 25
    0
    A proposito, il cognome dell'autore non è Papaellas, ma Papachellas ALEXIS PAPACHELAS.