Perché la Nato teme ancora l'incrociatore Maresciallo Ustinov


L'incrociatore missilistico della flotta settentrionale "Maresciallo Ustinov" ha ricevuto la coppa sfida del Comandante in Capo della Marina. La nave da combattimento, progettata e costruita in URSS, ha ricevuto il soprannome di "killer della portaerei" e, nonostante la sua considerevole età, suscita ancora preoccupazioni nella Marina americana.


Inizialmente, il progetto 1164 incrociatori Atlant, a cui appartiene il maresciallo Ustinov, furono creati per contrastare i gruppi d'attacco delle portaerei. Gli aeromobili basati su portaerei di tali formazioni di combattimento fornivano protezione alle portaerei fino a una distanza di 800 km.

Allo stesso tempo, "Atlanta" era equipaggiato con 16 lanciatori P-500 "Basalt", i cui missili potevano colpire un bersaglio a una distanza di 1000 km. Allo stesso tempo, un tale proiettile sviluppava una velocità di Mach 2,56 e disponeva di attrezzature di difesa antiaerea a bordo, che garantivano la consegna quasi garantita della testata al bersaglio.

I suddetti lanciatori avevano anche attrezzature nucleari, che "complicavano ulteriormente la vita" di un potenziale nemico. Il progetto 1164 "Atlant" prevedeva la creazione di 10 navi, ma il destino decretò diversamente.

Al momento del crollo dell'Unione Sovietica, solo tre incrociatori erano in servizio: Moskva, Varyag e il maresciallo Ustinov. Allo stesso tempo, le navi da guerra non hanno perso la loro rilevanza e rimangono ancora una seria minaccia per i gruppi di portaerei nemici.

I moderni Atlanti sono stati equipaggiati con missili P-1000 Vulcan più avanzati e in futuro le navi possono ottenere Calibre o addirittura Zircon. Inoltre, gli incrociatori sono dotati di armi di difesa aerea e antisommergibili più potenti, che coprono profondità fino a 500 metri (la profondità massima di un sottomarino nucleare di classe Virginia non supera i 480 metri).

Nel complesso, l'incrociatore rimane un'efficace arma da guerra che la NATO temeva. Ciò è stato chiaramente dimostrato dal maresciallo Ustinov nei mari del Nord e della Norvegia, da dove la nostra nave ha "educatamente espulso" uno squadrone NATO.

  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. iv.viktor Офлайн iv.viktor
    iv.viktor (VINCITORE) 3 March 2021 21: 57
    0
    Quando ho letto "Warship" ho finito di leggere subito. C'è solo una domanda:

    ... La NATO teme ancora l'incrociatore Maresciallo Ustinov

    - te l'hanno detto o l'hai deciso tu stesso?