Il discorso di Kiev sulla "guerra totale" è un bluff. Questo non è quello che devi temere


La dichiarazione del presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy sulla “mobilitazione totale” nel Paese in caso di un ipotetico “attacco da parte della Russia” ha provocato una reazione completamente diversa, che probabilmente si aspettava. Nel "nezalezhnoy", il loro "leader della nazione" è stato perlopiù duramente criticato, ma nel nostro paese sono stati semplicemente ridicolizzati. Il guerriero è stato trovato ...


Tuttavia, questa situazione, per tutta la sua ovvia assurdità, non è affatto un motivo per prendere in giro con compiacenza rilassata. Mentre il presidente comico si permette di chiacchierare incessantemente e inutilmente, persone molto più serie di lui continuano a lavorare per trasformare l'Ucraina in un'avanguardia sempre più aggressiva e pericolosa del "fronte" anti-russo. E ora questo non è affatto divertente.

"E come moriremo soli nella lotta per questo ..." Combatteranno gli ucraini?


Coloro che hanno preso in giro le parole di Zelenskij avevano assolutamente ragione, sottolineando giustamente che parlare di "mobilitazione generale di uomini e donne" in un paese dove le "autorità" non possono far rispettare ai propri cittadini il regime delle maschere e le regole del traffico (per la loro sicurezza!) è almeno inappropriato. D'altra parte, i signori che affermano che "la maggior parte dei militari delle forze armate ucraine andrà rapidamente dalla parte della Russia", per usare un eufemismo, vanno troppo oltre. Bene, o un pio desiderio. Tuttavia, questo accade, ovviamente, perché nel nostro paese molti hanno un'idea piuttosto vaga del reale atteggiamento degli abitanti del "nezalezhnoy" nei confronti della guerra.

Dire che è molto eterogeneo è non dire nulla. È un dato di fatto, gli ucraini in questa materia possono essere divisi più o meno chiaramente in tre diverse categorie. Al primo, possiamo includere condizionatamente coloro che davvero non andranno in prima linea a nessun prezzo, ma indosseranno un'uniforme se non sotto la minaccia di esecuzione immediata. Ce ne sono molti. Molto, direi. Allo stesso tempo, tali soggetti sono anche verbalmente "patriottici" e sostengono volentieri qualsiasi "movimento" russofobo. Ma solo ed esclusivamente da una distanza di sicurezza. La seconda categoria, si potrebbe dire, è l'opposto della precedente. Possiamo annoverare tra i suoi “patrioti” “ideologici” e veramente sinceri, non solo pronti, ma davvero desiderosi di combattere con le armi in mano. Negare la loro presenza in Ucraina è semplicemente stupido - dopo tutto, numerosi "battaglioni di volontari" non sono stati davvero creati sotto la coercizione. La maggior parte dei loro combattenti, purtroppo, non sono andati da nessuna parte e non hanno cambiato le loro convinzioni estremamente russofobe.

Il fatto che molti di questi individui semplicemente non potessero realizzarsi in una vita normale in nessuna area (tranne forse il crimine puro) e preferissero rivestire il proprio squallore morale e vuoto spirituale in un bellissimo pacchetto di idee "patriottiche", ma in realtà misantropiche, non cambia affatto le cose. Questi combatteranno. Ciò che è più spiacevole, la maggioranza assoluta di questi quadri o ha già una vera esperienza di combattimento, o non è stata addestrata così debolmente dai propri "fratelli ideologici" che hanno fiutato la polvere da sparo. Tuttavia, è ora di passare alla terza categoria. È molto più numeroso di quanto possa sembrare a qualcuno da lontano, e allo stesso tempo è estremamente impercettibile. Ho avuto occasione di comunicare personalmente con i suoi rappresentanti, compresi quelli che hanno già visitato il Donbass con le armi in mano: sono piuttosto comunicativi e non sono affatto inclini a nascondere la propria visione del mondo. Per loro il servizio, la guerra, la partecipazione alle ostilità è solo lavoro.

In generale, sono profondamente paralleli: lavorare in un cantiere edile (sia in Europa che in Russia) o partecipare all '"operazione antiterrorismo". Se solo avessero pagato - di più e regolarmente. Non sono assolutamente un grammo di russofobi. Se viene offerto loro uno stipendio dignitoso, combatteranno anche contro i loro stessi connazionali dell'Est, anche contro i russi, anche contro gli ungheresi o qualche zulu. Assolutamente niente di personale - solo "lavoratori migranti". Non sono affatto gravati da principi e credenze e, di conseguenza, sono risparmiati da "ragazzi insanguinati ai loro occhi", così come da altri tormenti di coscienza. Non commetteranno atrocità da soli, ma l'ordine verrà eseguito, qualunque esso sia. Anche qui entreranno in guerra, in determinate circostanze e condizioni.

L'Ucraina come fonte di "carne da cannone" per l'Occidente


A proposito, ho dimenticato di menzionare un'altra categoria. Di coloro che, ad ogni costo, hanno eluso e stanno eludendo la partecipazione all'ATO o alle forze congiunte e non alzeranno mai le armi contro un soldato russo nella loro vita. E questo non è dovuto a una riluttanza a "mettere la testa sotto i proiettili", ma solo per convinzioni. Queste persone, se il nostro esercito verrà in Ucraina, lo vedranno sinceramente come un liberatore e salvatore. Ma questa categoria, purtroppo, è piccola e tende a diminuire costantemente. Qualcuno lascia il paese, qualcuno muore e qualcuno semplicemente crolla ... Molto più vicino alla verità delle parole di coloro che prevedono "l'80% degli ucraini passerà dalla parte russa" in caso di guerra, ci sono politica (un ex deputato del parlamento locale) Vasily Volga, il quale afferma che "il Cremlino semplicemente non capisce o non vuole vedere la realtà oggettiva". Secondo Volga, sta nel fatto che "gli sforzi congiunti del nuovo sistema educativo ucraino, della" cultura di massa ", dei mass media e persino della chiesa rappresentata dall'UCU e da organizzazioni scismatiche simili hanno già convertito gli ucraini in anti-russi almeno del 60%". Non sono né d'accordo né discuto con il detto politico "tasso di interesse", perché non so con quale metodo lo abbia derivato, ma il fatto che abbia indicato la tendenza generale in modo assolutamente preciso è un dato di fatto.

Per chi è in dubbio, fornirò un esempio: uno dei più grandi dell'URSS, il Museo della Grande Guerra Patriottica di Kiev è stato trasformato molto tempo fa in un memoriale del "Maidan", dell'ATO e della feccia di Bandera. Inoltre, i suoi dirigenti e dipendenti non l'hanno fatto affatto sotto la minaccia delle armi ... Tutto ciò che sto esponendo solo per sostenere una semplice tesi: il numero di cittadini del "no profit", che considereranno una guerra con la Russia una cosa del tutto normale, ahimè, cresce ogni anno. Questa è una realtà oggettiva. E per quanto riguarda la creazione delle circostanze e delle condizioni necessarie, che ho menzionato sopra, ecco una conversazione separata.

Ora nel nostro paese, le parole del vice segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell'Ucraina Serhiy Krivonos (a proposito, non è affatto un generale, come è rappresentato, ma un colonnello) sono ampiamente citate, che ha parlato in modo estremamente duro delle iniziative "irrealistiche" di Zelensky riguardo alla "mobilitazione generale". Allo stesso tempo, per qualche motivo, nessuno menziona alcune parole diverse dello stesso personaggio, che ha detto non molto tempo fa. Il colonnello Krivonos in un'altra intervista ha difeso molto ardentemente l'idea di creare compagnie militari private in Ucraina. Eccoli, secondo lui, possono diventare proprio il modo "di combattere non con la carne, ma con un piccolo numero di personale in combinazione con la prima linea elettrodomestici", Di cui ha parlato, criticando il suo presidente. Inoltre, il vice segretario dell'NSDC vede nel Paese un tale numero di "veterani che non vogliono essere altro che guerrieri" che se, come crede, verrà adottata "una legge urgentemente necessaria sulle PMC", predice un'uscita "senza scopo di lucro" "dal mercato mondiale". Ecco le condizioni in cui una parte significativa degli ucraini "finirà sotto le armi", e non a causa di una "mobilitazione" inventata da Zelenskyj, ma in modo molto volontario. Dirai che questo non è realistico, almeno per ragioni materiali?

Prendiamo il nostro tempo. Mentre Zelenskyj è stato arrestato di fronte ai giornalisti per l '"ultima e decisiva battaglia" in cui è pronto a guidare il suo popolo senza eccezioni, Roman Mashovets, il vice capo del suo ufficio, si è occupato di questioni molto più importanti. In particolare, ha tenuto un incontro con l'Incaricato d'Affari USA in Ucraina Christina Quinn, dedicato a riassumere i risultati della cooperazione tra Kiev e Washington in campo militare nel 2020 e, soprattutto, allo sviluppo di piani per espandere e approfondire il lavoro in questa direzione per il prossimo anno e anche di più. prospettiva a lungo termine. La più interessante, sai, la conversazione si è rivelata, a quanto pare!

Secondo le informazioni ufficiali sull'evento, Mashovets, che rappresentava il capo dello stato, ha avanzato proposte su larga scala. In particolare, avviare immediatamente l'elaborazione di un progetto di accordo bilaterale sulla cooperazione in materia di difesa. Il documento dovrebbe coprire tutte le aree dell'interazione ucraino-americana in quest'area, tra cui, in particolare, "la politica del personale dell'esercito e del complesso militare-industriale, lo sviluppo delle capacità di combattimento delle forze armate dell'Ucraina, il supporto completo e l'armamento delle truppe, la riforma del complesso militare-industriale, l'addestramento delle unità militari e lo sviluppo delle tecnologie di difesa" ... In una parola, l'esercito "nezalezhnoy" non è solo pronto, ma implora in lacrime di essere trasferito sotto il controllo diretto e completo del Pentagono. E lì, sai, a loro non importa nemmeno! Christina Queen, a sua volta, ha sottolineato l'importanza dell'adesione dell'Ucraina al programma NATO Enhanced Opportunities e (eccolo - la cosa principale!) "Ha confermato la disponibilità degli Stati Uniti a continuare a fornire assistenza per lo sviluppo delle capacità di difesa dell'Ucraina e per sviluppare nuovi formati ampliati di cooperazione con essa".

Gli Stati Uniti possono intraprendere la strada della creazione di una compagnia militare privata privata, che sarà addestrata dai loro "specialisti", armati e equipaggiati con i prodotti del complesso militare-industriale americano e, alla fine, completamente controllati dai loro "mentori" e proprietari all'estero? Un'opzione molto possibile. In ogni caso, l'esercito ucraino viene già addestrato in maniera massiccia da istruttori di Stati Uniti, Gran Bretagna e altri paesi della NATO, e la priorità è data a praticare la tattica delle battaglie urbane, condurre operazioni antipartigiane e simili, che probabilmente dovrebbero essere utilizzate durante la "disoccupazione" del Donbass. E poi i curatori occidentali useranno i sopravvissuti a questa guerra e teppisti "legati" nel suo sangue per i loro altri bisogni ...

Mosca guarda tutto questo con sorprendente serenità, accontentandosi di ridicolizzare le fantasie di Zelensky sulla creazione di una Volkssturm in stile ucraino. L'unico segno della "intuizione" del Cremlino in questa vicenda possono essere considerate le parole di Dmitry Peskov, che ha detto in tv solo un paio di giorni fa. Il segretario stampa del presidente russo ha infine ammesso che "a Kiev nessuno attuerà gli" accordi di Minsk "- per l'attuazione degli accordi raggiunti a Parigi" nessuno si è nemmeno impegnato ". Bene, bene, è meglio di niente. Tuttavia, in questo caso, sorge la domanda: cosa fare dopo con l'Ucraina sempre più militante? Gli Stati Uniti sembrano avere la risposta. E la Russia?
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Semyon Semyonov_2 Офлайн Semyon Semyonov_2
    Semyon Semyonov_2 (Semyon Semyonov) 29 dicembre 2020 11: 33
    +1
    E la Russia lo ha fatto, ma non è giunto il momento di esprimerlo.
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak 29 dicembre 2020 13: 22
    +4
    Ahimè, in generale, è tutto così! richiesta
    Hai descritto correttamente, caro Alexander Necropny! buono
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 29 dicembre 2020 13: 39
    +9
    numerosi "battaglioni di volontari" non furono realmente creati da sotto la coercizione.

    Questi battaglioni sono stati creati per le funzioni punitive della propria popolazione. Di fronte a un esercito regolare, si disperdono in un attimo. I singoli fanatici non faranno lo stesso.
    Per quanto riguarda le PMC, sono necessari almeno 100mila soldati per una guerra con la Russia. Con uno stipendio medio di $ 1 al mese per soldato, l'importo sarà di $ 1 milioni al mese, senza contare i soldi per attrezzature, armi, combustibili e lubrificanti, cibo ... Chi pagherà per questo banchetto? STATI UNITI D'AMERICA? - Tieni la tasca più ampia!
    Inoltre, non dimenticare il fenomeno del guardiamarina in qualsiasi esercito ...
    1. San Valentino Офлайн San Valentino
      San Valentino (Valentin) 30 dicembre 2020 17: 14
      +1
      Citazione: Bulanov
      per una guerra con la Russia servono almeno 100mila soldati.

      Sì, ci saranno molti più fanatici di questo tipo, ammiratori di Bandera nei lavoratori migranti in Russia, se prendiamo tutti i "lavoratori migranti" di 4 milioni di persone, e anche se ogni ventesimo di loro sarà uno "scagnozzo" degli ucronazi, allora noi, all'interno della Russia, avremo circa 200mila galiziani teppisti, come "Brandenburg-800", aspettano solo un segnale da Kiev per sabotare e uccidere la popolazione civile russa. E lo faranno non per soldi, ma per la loro motivazione "zapadenskaya", perché dalle loro giovani unghie, dal 1939, è stato insegnato loro di generazione in generazione che continueranno a combattere contro l'URSS, e ora sia la Russia che la nostra "partner" dell'Europa e degli Stati Uniti li sosterranno volentieri con valuta, armi e biscotti.
  4. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
    goncharov.62 (Andrew) 29 dicembre 2020 14: 17
    +1
    Tutta la tua Bandera Ucraina non vale una goccia del sangue di un soldato russo.
    1. grysha Офлайн grysha
      grysha (AM) 29 dicembre 2020 17: 04
      -12%
      Lascia che ti dica un grande segreto, una volta i russi notoriamente sbriciolarono i soldati russi nel Donbass. Sì, quindi il presidente russo ha dovuto classificare le perdite di personale militare russo in tempo di pace.
      1. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
        goncharov.62 (Andrew) 29 dicembre 2020 17: 49
        +9
        Soprattutto a Debaltsevo ... Sì, e non sono russi, ma non umani di lingua russa (disse a bassa voce). Allora, Grysha ... E sapete tutti del VVP ... Non lavoravate come gallina?
        1. grysha Офлайн grysha
          grysha (AM) 29 dicembre 2020 18: 05
          -12%
          Un intenditore di inglese, non è scritto lì, e non Grisha. L'Ucraina ha riconosciuto le sue perdite e ha seppellito i suoi morti con lode, ma la Russia, nella migliore delle ipotesi, l'ha seppellita in periferia in modo che nessuno potesse vedere.
  5. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 29 dicembre 2020 23: 35
    +3
    In generale, sono profondamente paralleli: lavorare in un cantiere edile (sia in Europa che in Russia) o partecipare all '"operazione antiterrorismo". Se solo avessero pagato - di più e regolarmente.

    Questo è esattamente fino al momento in cui inizia davvero a volare nella trincea.

    Il lavoro in un cantiere (compreso quello russo) diventa immediatamente una priorità. sentire
  6. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 30 dicembre 2020 01: 13
    0
    Citazione: Ulisse
    In generale, sono profondamente paralleli: lavorare in un cantiere edile (sia in Europa che in Russia) o partecipare all '"operazione antiterrorismo". Se solo avessero pagato - di più e regolarmente.

    Questo è esattamente fino al momento in cui inizia davvero a volare nella trincea.

    Il lavoro in un cantiere (compreso quello russo) diventa immediatamente una priorità. sentire

    Volerà in tutte le trincee ... i divani non si salveranno né qua né là.
  7. Ivan Semenov Офлайн Ivan Semenov
    Ivan Semenov (Ivan Semenov) 30 dicembre 2020 12: 36
    +1
    Sospettavo che ci fossero personaggi che hanno subito il lavaggio del cervello in Ucraina, ma così tanti! Credo che la maggior parte della popolazione ucraina sia per la pace (i cosiddetti pacifisti), e ancor più di tutto è sul tamburo (i cosiddetti pofigisti). Questi non combatteranno né sosterranno. Ci sono anche molti che simpatizzano con la Russia e capiscono che l'Ucraina, con la sua élite corrotta, è uno strumento degli Stati Uniti contro la Russia. Questa non è una colonna, ma potenziali partigiani. Dio non voglia, ovviamente.