350 Tomahawk sono pronti a partire: un pericoloso allineamento attorno all'Iran


Il Pentagono sta trascinando le sue forze navali verso le coste iraniane, trasferendo un gruppo di portaerei, due sottomarini, nonché cacciatorpediniere e incrociatori armati di 240 missili da crociera Tomahawk nel Golfo Persico. Gli iraniani dicono di essere pronti a respingere qualsiasi aggressione del nemico.


La portaerei americana a propulsione nucleare USS Nimitz (CVN-68) è entrata nel Mar Arabico, accompagnata da tre cacciatorpediniere che trasportavano almeno 90 missili da crociera. Inoltre, il sottomarino atomico USS Georgia con 154 Tomahawk e gli incrociatori USS Port Royal (CG-73) e USS Philippine Sea (CG-58) con più di cento missili di questo tipo si trovano nel Golfo Persico. Anche un sottomarino israeliano che attraversa il Canale di Suez si sta muovendo in direzione del Golfo Persico.

L'IDF non ha confermato ufficialmente il rapporto sul sottomarino israeliano, ma il capo di stato maggiore, Aviv Kohavi, ha espresso timori di "minacce crescenti" da Teheran e dai suoi partner radicali siriani e palestinesi, così come dal gruppo libanese Hezbola.

Siamo pronti a difendere noi stessi, i nostri amici e partner nella regione, siamo pronti a rispondere se necessario

- ha sottolineato Kohavi.

In Iran, tali azioni di un sottomarino israeliano sono considerate un atto aggressivo, ma dicono che diventerà un buon bersaglio per le difese iraniane. Teheran teme un inasprimento della situazione dagli Stati Uniti in connessione con le imminenti dimissioni di Donald Trump dalla presidenza. Secondo un certo numero di personale militare americano di alto rango, l'operazione militare può essere sia aperta che segreta, come è successo il 3 gennaio 2020 durante la distruzione del capo del corpo dell'IRGC Qasem Soleimani da parte di un attacco missilistico vicino all'aeroporto di Baghdad.

Secondo Al Qabas, gli iraniani stanno rapidamente dispiegando sistemi di difesa aerea realizzati da Russia e Iran attorno ai loro impianti nucleari a Fordo e Natanz, temendo attacchi a sorpresa da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati.

Veicoli aerei senza pilota e missili a corto raggio vengono dispiegati nel sud dell'Iraq verso i luoghi di concentrazione dei gruppi armati filo-iraniani.

Una nuova escalation del conflitto nella regione è stata provocata dall'assassinio del fisico iraniano e sviluppatore di armi nucleari Mohsen Fahridzadeh - Teheran ha accusato i servizi speciali di Israele di eliminarlo. Un mese dopo, l'Iran ha attaccato l'ambasciata americana a Baghdad.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Kostyara Офлайн Kostyara
    Kostyara 29 dicembre 2020 11: 03
    + 10
    Quando questo paese parassita scompare dalla faccia della terra, quanto dolore l'America ha portato a tanti paesi del pianeta, in un breve periodo della sua esistenza ...
  2. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 29 dicembre 2020 11: 04
    +1
    350 tomogavks non risolveranno alcun problema serio.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 29 dicembre 2020 12: 14
      +5
      Perchè no. Un compito è sufficiente.
      Intendo la grave destabilizzazione della situazione nella regione.
      Non importa quanto speri per gli Stati Uniti e la tua freddezza, e non importa quanto pensi che l'Iran non oserà dare una risposta efficace, ci sarà una risposta.
      Le azioni degli Stati Uniti non lasceranno semplicemente all'Iran scelta. La leadership iraniana semplicemente non capirà il proprio popolo, puoi immediatamente dimettersi, ma lo faranno anche loro. Pertanto, ci sarà un flusso di ritorno.
      Se presti attenzione, l'Iran ha già introdotto missili e droni a corto e medio raggio in Iraq. Prepararsi a moltiplicare la base statunitense per zero. Ebbene, gli Stati Uniti potrebbero rompere gli alleati arabi, a seconda di come si comportano. E Israele è lo stesso.
  3. lavoratore dell'acciaio 29 dicembre 2020 11: 15
    -5
    350 Tomahawk nemmeno la Russia riuscirà a dominare. Non avranno tempo per ricaricarsi. A meno che, ovviamente, non colpiscano i vettori. E gli Stati Uniti e Israele prima distruggeranno l'economia. Agiranno come con l'Iraq.
  4. Hai provato ad annegare?
  5. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 29 dicembre 2020 14: 11
    0
    Citazione: boriz
    Perchè no. Un compito è sufficiente.
    Intendo la grave destabilizzazione della situazione nella regione.
    Non importa quanto speri per gli Stati Uniti e la tua freddezza, e non importa quanto pensi che l'Iran non oserà dare una risposta efficace, ci sarà una risposta.
    Le azioni degli Stati Uniti non lasceranno semplicemente all'Iran scelta. La leadership iraniana semplicemente non capirà il proprio popolo, puoi immediatamente dimettersi, ma lo faranno anche loro. Pertanto, ci sarà un flusso di ritorno.
    Se presti attenzione, l'Iran ha già introdotto missili e droni a corto e medio raggio in Iraq. Prepararsi a moltiplicare la base statunitense per zero. Ebbene, gli Stati Uniti potrebbero rompere gli alleati arabi, a seconda di come si comportano. E Israele è lo stesso.

    La destabilizzazione non è inclusa nei piani statunitensi, dovrebbe anche essere per qualcosa, e non fine a se stessa.
    Per eliminare gli impianti nucleari servono aerei d'attacco e bombe anti-bunker, in questo caso 350 tomahawk hanno senso sopprimere parzialmente i sistemi di difesa aerea, ma poi, per sopprimere l'opposizione, servono navi di difesa aerea e 2-3 AUG con successivo aumento dei parametri quantitativi. Finora non vediamo prospettive per raggiungere dimensioni così impressionanti.
    Sembra una pressione.
    In caso di una grave escalation delle ostilità, l'Occidente collettivo sarà coinvolto nel conflitto, e questa è la sconfitta dell'Iran al livello dell'Iraq.
  6. PRAVDORUB_2 Офлайн PRAVDORUB_2
    PRAVDORUB_2 (المسلما المحب في الله) 30 dicembre 2020 02: 47
    +2
    Citazione: AlexZN
    Citazione: boriz
    Perchè no. Un compito è sufficiente.
    Intendo la grave destabilizzazione della situazione nella regione.
    Non importa quanto speri per gli Stati Uniti e la tua freddezza, e non importa quanto pensi che l'Iran non oserà dare una risposta efficace, ci sarà una risposta.
    Le azioni degli Stati Uniti non lasceranno semplicemente all'Iran scelta. La leadership iraniana semplicemente non capirà il proprio popolo, puoi immediatamente dimettersi, ma lo faranno anche loro. Pertanto, ci sarà un flusso di ritorno.
    Se presti attenzione, l'Iran ha già introdotto missili e droni a corto e medio raggio in Iraq. Prepararsi a moltiplicare la base statunitense per zero. Ebbene, gli Stati Uniti potrebbero rompere gli alleati arabi, a seconda di come si comportano. E Israele è lo stesso.

    La destabilizzazione non è inclusa nei piani statunitensi, dovrebbe anche essere per qualcosa, e non fine a se stessa.
    Per eliminare gli impianti nucleari servono aerei d'attacco e bombe anti-bunker, in questo caso 350 tomahawk hanno senso sopprimere parzialmente i sistemi di difesa aerea, ma poi, per sopprimere l'opposizione, servono navi di difesa aerea e 2-3 AUG con successivo aumento dei parametri quantitativi. Finora non vediamo prospettive per raggiungere dimensioni così impressionanti.
    Sembra una pressione.
    In caso di una grave escalation delle ostilità, l'Occidente collettivo sarà coinvolto nel conflitto, e questa è la sconfitta dell'Iran al livello dell'Iraq.

    E l'Est collettivo si schiererà dalla parte dell'Iran: Russia, Cina, Pakistan, Libano, Siria, Iraq, Afghanistan, ecc.
    1. marciz Online marciz
      marciz (Stas) 2 gennaio 2021 00: 51
      -2
      La vostra Federazione Russa ha dato ai nazisti 4 centrali nucleari vicino ai suoi confini, e voi dite dove si schiererà !!!!! Hahaha !!!!!
      Era legata mani e piedi, nonostante i Vanguard e gli altri petardi !!!
  7. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 30 dicembre 2020 09: 20
    0
    Citazione: PRAVDORUB_2
    Citazione: AlexZN
    Citazione: boriz
    Perchè no. Un compito è sufficiente.
    Intendo la grave destabilizzazione della situazione nella regione.
    Non importa quanto speri per gli Stati Uniti e la tua freddezza, e non importa quanto pensi che l'Iran non oserà dare una risposta efficace, ci sarà una risposta.
    Le azioni degli Stati Uniti non lasceranno semplicemente all'Iran scelta. La leadership iraniana semplicemente non capirà il proprio popolo, puoi immediatamente dimettersi, ma lo faranno anche loro. Pertanto, ci sarà un flusso di ritorno.
    Se presti attenzione, l'Iran ha già introdotto missili e droni a corto e medio raggio in Iraq. Prepararsi a moltiplicare la base statunitense per zero. Ebbene, gli Stati Uniti potrebbero rompere gli alleati arabi, a seconda di come si comportano. E Israele è lo stesso.

    La destabilizzazione non è inclusa nei piani statunitensi, dovrebbe anche essere per qualcosa, e non fine a se stessa.
    Per eliminare gli impianti nucleari servono aerei d'attacco e bombe anti-bunker, in questo caso 350 tomahawk hanno senso sopprimere parzialmente i sistemi di difesa aerea, ma poi, per sopprimere l'opposizione, servono navi di difesa aerea e 2-3 AUG con successivo aumento dei parametri quantitativi. Finora non vediamo prospettive per raggiungere dimensioni così impressionanti.
    Sembra una pressione.
    In caso di una grave escalation delle ostilità, l'Occidente collettivo sarà coinvolto nel conflitto, e questa è la sconfitta dell'Iran al livello dell'Iraq.

    E l'Est collettivo si schiererà dalla parte dell'Iran: Russia, Cina, Pakistan, Libano, Siria, Iraq, Afghanistan, ecc.

    L'est collettivo lo sa?
  8. Igor Antonov Офлайн Igor Antonov
    Igor Antonov 30 dicembre 2020 17: 22
    +2
    La situazione potrebbe rivelarsi non favorevole all'Iran, sono d'accordo, nella prima fase del conflitto, se un tale conflitto dovesse scoppiare, molto probabilmente si batterà, date le armi russe nuove e non troppo nuove. Non dobbiamo dimenticare che l'Iran è un paese montuoso, e tutti o quasi tutti gli stabilimenti del complesso militare-industriale sono situati in aree montuose, e ricordiamo l'Afghanistan, perché stanno ancora combattendo. Il fattore russo, noi, cittadini comuni, non possiamo conoscere tutti gli accordi della nostra massima leadership e della leadership dell'Iran. E se, tuttavia, gli Stati intraprendono questa avventura, non dobbiamo dimenticare Israele, perché nella situazione attuale è il partecipante più interessato all'escalation, tutto può succedere, la provocazione non è esclusa. Coinvolti nel conflitto, questa volta gli Stati Uniti affronteranno un'operazione di terra, e nel fatto che seguirà le perdite nell'aviazione, le truppe iraniane si ritireranno sulle montagne e potrebbe esserci uno scontro con la Russia. E Israele, non abituato a combattere in territorio straniero, così lontano dalla metropoli, quando le bare saranno rimandate in massa a casa, molto probabilmente si ritirerà dall'operazione di terra. E come andrà a finire, nessuno lo sa, aspettiamo, non resta molto tempo!
  9. Sergey Freeman Офлайн Sergey Freeman
    Sergey Freeman (Sergey Freeman) 30 dicembre 2020 19: 57
    +1
    La Russia non perderà l'occasione di piantare gli Stati nella trappola orientale. Né la Russia né la Cina si faranno da parte. È improbabile che questi paesi perdano l'occasione di "mettere giù" l'America di un ordine di grandezza. Un nuovo ordine mondiale ci attende se gli Stati scuotono la barca contro l'Iran. Le conseguenze per Israele sono generalmente imprevedibili.