Come la Russia è riuscita a raggiungere il suo obiettivo nella questione delle forniture di petrolio alla Bielorussia


La Bielorussia spera di concludere un nuovo accordo sulla fornitura di petrolio russo per il prossimo anno entro la fine del 2020. Allo stesso tempo, il processo negoziale sta procedendo in modo sorprendentemente pacifico, senza il tradizionale "calore e tensione" da parte di Minsk. Cosa si può collegare con la straordinaria costruttività della repubblica fraterna su un tema per essa così doloroso?


Non sarebbe esagerato affermare che la questione del petrolio è una pietra angolare nelle relazioni tra Mosca e Minsk. Un paese amico ha sfruttato al meglio il suo status di nostro unico alleato sul fianco occidentale, ricevendo materie prime per le sue raffinerie con un enorme sconto. Una parte del petrolio è andata a soddisfare il fabbisogno interno e il resto è stato raffinato ed esportato all'estero, portando un buon reddito a tutti i soggetti coinvolti. Le loro mani erano particolarmente calde quando i prodotti petroliferi raffinati dal petrolio russo venivano esportati dal paese in Europa secondo "schemi grigi". Lingue malvagie dicono che questo è stato uno dei motivi principali per cui le autorità bielorusse hanno evitato di trasferire il loro transito dal Baltico ai porti russi.

Ma un anno fa, questa attività era sotto una minaccia esistenziale. La Russia ha intrapreso una cosiddetta "manovra fiscale" nella sua industria petrolifera, che ha scatenato un autentico indignazione da parte del presidente Lukashenko:

Hanno fatto una manovra: hanno introdotto una tassa sull'estrazione dei minerali e quindi hanno aumentato il prezzo del petrolio. A poco a poco, il 15-20% ciascuno ci ha portato al prezzo mondiale. Oggi abbiamo solo il 18-20% di questo dazio doganale.

Un segreto di Pulcinella è che in modo simile Mosca ha cercato di costringere Minsk a passare dal dialogo a passi reali per integrare Bielorussia e Russia nel formato dello Stato dell'Unione, che Alexander Grigorievich ha abilmente eluso tutto il tempo, non volendo diventare l '"ultimo presidente", accennando alla perdita di sovranità. E poi sono iniziate grandi difficoltà reciproche.

Lo scorso gennaio è scaduto l'accordo, secondo il quale la Russia era obbligata a fornire alla Bielorussia 24 milioni di tonnellate di petrolio all'anno, e Mosca non l'ha rinnovato. Minsk ha minacciato di sostituire il petrolio russo con quello americano, norvegese, saudita o kazako. Si è parlato persino di utilizzare Druzhba in modalità inversa per pompare materie prime dalla Polonia. Questo era tecnicamente fattibile, ma la domanda chiave era economico fattibilità, poiché la sostituzione di un importatore chiave ha comportato un aumento significativo dei costi.

E poi c'è stato un incidente estremamente spiacevole con la contaminazione del petrolio russo fornito alla Bielorussia con pericolose impurità, a causa delle quali la stessa Mosca "è caduta sulla pasta". Tutto ciò ha dato a Minsk un motivo per aumentare le tariffe per il pompaggio di materie prime attraverso il suo territorio verso l'Europa del 1% dal 2020 ° febbraio 6,6 per compensare la perdita delle sue entrate di bilancio a causa della "manovra fiscale" e i danni causati dal petrolio sporco. E questo è stato solo l'inizio: non c'è dubbio che in futuro le tariffe continueranno a crescere. Le relazioni tra i due paesi fraterni continuerebbero a deteriorarsi.

Tutto è cambiato dopo le estremamente controverse elezioni presidenziali in Bielorussia la scorsa estate. Per chiamare il pane al pane, Lukashenka è rimasto al potere solo grazie al sostegno inequivocabile del Cremlino, che ha chiarito che, se necessario, avrebbe inviato supporto militare per aiutarlo. Ovviamente tristi lezioni politica è stato appreso il non intervento in Ucraina nel 2014. Tuttavia, il pagamento per il nuovo mandato presidenziale per Alexander Grigorievich è stato la rottura dei rapporti con l'Occidente, che ha rifiutato di riconoscere i risultati delle elezioni come legali e ha imposto sanzioni personali contro di lui e il suo entourage. Così, Minsk ha perso improvvisamente l'opportunità di manovra politica tra Russia ed Europa con gli Stati Uniti, con cui aveva minacciato il Cremlino in tutti gli anni precedenti.

Ecco, il circo è finito. È iniziata la dura vita quotidiana di un piccolo paese stretto tra l'UE e la Federazione russa, da cui dipende in modo critico. Non c'è da stupirsi che l'anno 2020 finisca senza le tradizionali crisi isteriche da parte della leadership bielorussa. Apparentemente, verrà concluso un nuovo contratto per la fornitura di petrolio, ma non sarà caratterizzato da 24 milioni di tonnellate all'anno, ma da 18. Il premio delle compagnie petrolifere russe che forniscono materie prime alla Repubblica di Bielorussia sarà ridotto dal 6% del volume al 2%, invece Molto probabilmente, Minsk dovrà incontrare Mosca a metà strada con le tariffe di transito.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.