Notizie dal manicomio. Note coinvolte obbligate

Manca meno di un anno alle prossime elezioni presidenziali in Ucraina. Le parti che hanno richiesto questo posto si sono già messe in fila, facendo tintinnare le armi (chiunque abbia cosa). La cosa divertente è che nessuno dei partiti rivendicanti conosce ancora esattamente la data delle elezioni - né 31 marzo 2019, né giugno-luglio (le discrepanze sono causate dall'inesattezza della data da cui inizia il mandato presidenziale nella legge sulle elezioni presidenziali). È già chiaro che non ci saranno elezioni straordinarie e che i giocatori esterni preferiranno non interferire, ma lasciare che la situazione faccia il suo corso - non toccare questo mucchio di letame, per non confonderci, che tipo di humos ne uscirà, questo sarà (e dal mucchio di merda, loro stessi hai capito, i diamanti non compaiono). È il momento di valutare la disposizione e fare una previsione preliminare.




La cosa più offensiva è che noi, i cittadini ucraini, con tutta l'apparente ricchezza di scelta, essenzialmente non c'è scelta. Non voglio scegliere tra gradi di merda, ma non ci sono altre opzioni. Il mandato di 5 anni della cricca di Poroshenko e di altri come lui si è concluso con l'intera opposizione di sinistra che è stata ripulita e cacciata sotto il piedistallo, lasciando solo forze nazionaliste centriste, di centro destra e apertamente di destra. Tra di loro ci sarà una lotta per l'accesso a un abbeveratoio abbastanza superficiale.

Tra questa varietà, pseudo-politico fauna, solo Yulia Timoshenko, che rischia di realizzare finalmente il suo sogno ossessivo di lunga data della presidenza, e l'anatra storpia pilota abbattuta Direttore della Fabbrica di Cioccolato, per la quale il secondo mandato è forse l'unico modo per preservare la sua vita attuale, e non politica ( del resto anche lui capisce che questo tentativo sarà vano).

Il resto dei politici che fanno domanda per questo post si riferiscono a pesi medi o leggeri o, in generale, a spoiler-pad che si comportano in modo pulito tecnico funzione. Questi ultimi includono il cantante e, per di più, abbastanza bravo, Svyatoslav Vakarchuk e il clown televisivo Vladimir Zelensky. Il primo è il progetto Soros, progettato per sostenere l'idea scossa della nazione iniettando forze nella grande politica che non ne sono ancora state contaminate. Il secondo è il cucciolo di Beni Kolomoisky, gettato sotto il treno blindato Vakarchuk per screditare e profanare dal popolo l'idea stessa di un presidente. Inoltre, anche un anno prima delle elezioni, Zelenskyj aveva praticamente seppellito il suo avversario, prendendo i suoi voti, sia a ovest che a est, senza pretendere nulla in particolare (beh, quale clown è un presidente?

Francamente forze di destra, non prenderò in considerazione qui - sono irrimediabilmente non passabili (Biletsky è il comandante del battaglione Azov, il leader del partito del Corpo Nazionale, Tyagnibok è il leader di Svoboda, Kiva è il leader del Partito socialista e così via. Personaggi come loro, sognando sull'Ucraina da Xiang a Don). L'unico che può almeno affermare qualcosa è l'ex ministro della Difesa (sotto il presidente Yushchenko), il colonnello di ferro Anatoly Gritsenko, presidente del partito Posizione civile - è un ovvio peso medio su cui scommette l'ala democratica radicale dell'establishment americano (Gritsenko, che ha completato un corso di addestramento presso la US Air Force Academy nel 1993-94, dove è stato effettivamente reclutato, li paga reciprocità e lealtà). Un russofobo schietto (probabilmente pagato). Se entri al secondo turno, puoi davvero competere per la presidenza con Yulia Vladimirovna.

Pesi leggeri, come il leader del "Partito radicale" Oleg Lyashka, meglio conosciuto per il suo orientamento sessuale non tradizionale e la stessa onnivora politica, e altri partiti di spogliarello come "Our Land" e "Vidrodzhennya" ("Revival"), che possono anche nominare i loro candidati Non prenderò in considerazione qui, mi soffermerò solo sul "blocco dell'opposizione" centrista che va alle elezioni in più colonne contemporaneamente, il che riduce chiaramente le sue possibilità di successo a causa della diluizione del suo elettorato tra più candidati contemporaneamente. Non posso dire che Boyko, Novinsky, Vilkul, Rabinovich, Muraev, Dobkin, Shufrich non lo capiscano. Ciò significa che c'è un accordo tra uno di loro e le forze che ho riferito sopra ai pesi massimi della politica ucraina, per possibili preferenze in futuro. Tutti questi personaggi hanno un passato politico difficile (facevano parte del partito al governo di Yanukovich - PR), e avendo nominato un solo candidato, potrebbero davvero affermare di entrare nel secondo turno e persino di vincerlo. Ma uno per uno, hanno zero possibilità di arrivarci. È un peccato, perché ho collegato personalmente le mie scarse speranze con le figure di Boyko e Muraev per almeno qualche risultato positivo della nostra impresa senza speranza.

Se avete notato, non ci sono candidati del partito del Fronte popolare al governo nell'elenco dei candidati. Ciò è dovuto al fatto che questo partito è un fantasma, il suo appoggio tende asintoticamente allo zero, i suoi leader Yatsenyuk, Avakov e Turchinov hanno un tale anti-rating che non è che non ci sia nulla con cui intromettersi, ma in generale è pericoloso uscire in piazza. Questi individui sopravvivono in politica solo grazie all'equilibrio di interessi con l'altro partito al governo BPP (Petro Poroshenko Bloc), che insieme ad esso detiene la presunta maggioranza nella Rada (anche se tutti sanno che la maggioranza se n'è andata da tempo). Avakov e Turchinov non hanno ambizioni di diventare presidente, Yatsenyuk sì, ma chi lo lascerà andare lì. Il loro interesse risiede in un piano leggermente diverso - in economico, preservare l'accesso all'abbeveratoio e garantire l'inviolabilità personale (difetto di giurisdizione davanti alla legge). E questo è possibile sotto un presidente diverso (in determinate circostanze, che sono discusse di seguito).

L'esito delle prossime elezioni è in realtà una conclusione scontata. E tutte le parti coinvolte in essi lo capiscono molto bene. Per loro, anche adesso, non importa chi vince alla fine, è importante buttare via l'odiato Pasticcere. E questo compito ha unito quasi tutti i raggruppamenti oligarchici e i clan che non erano inclusi nel BPP. Un anno prima delle elezioni previste, la figura del Direttore della Fabbrica di Cioccolato aveva già acquisito una tale tossicità che solo un molto pigro non ha avuto il tempo di non sputarci dentro o pulirle i piedi. Sono sempre meno gli ottimisti pronti a scommettere su Pyotr Alekseevich nella corsa presidenziale. Anche nella sua cerchia ristretta, i disertori sono già stati visti, segretamente o apertamente, visitare la sala di ricevimento di Julia Vladimirovna, al fine di registrare personalmente il suo rispetto per lei e chiederle di tenerne conto nel suo testamento. E più si addentrerà nella foresta e più si avvicineranno le elezioni, tali topi diventeranno sempre di più, finché questo fenomeno non si diffonderà ei topi in mezzo alla folla non correranno dalla nave che affonda. Nessuno degli associati dell'attuale presidente si sdraierà con lui in una fossa politica comune. Non ci sono suicidi lì! Questo è il destino di tutti i governanti dell'Indipendenza, a cominciare da Khmelnytsky e Mazepa. Il gene del tradimento è nel loro sangue. Tradire in tempo non è tradire, ma prevedere. La mentalità, ahimè, associata alla cattiva eredità e alla selezione naturale e politica negativa.

Pertanto, scommetto su Tymoshenko, poiché questa candidatura non mi fa schifo. Non mi aspetto niente di buono dalla sua vittoria. Forse solo qualche miglioramento nelle relazioni russo-ucraine, che sono già scese sotto lo zoccolo. E poi solo sul piano politico, visto che sul piano economico e commerciale abbiamo già superato il punto di non ritorno. Ahimè e ah! Non si può tornare indietro. Accidenti a questa Maidan! L'unico problema è che Yulia Vladimirovna non ha una componente di potere. Non esiste un vero potere su cui può fare affidamento. E poi emerge la figura del cardinale grigio Avakov con il suo battaglione Azov e altre persone marginali al servizio della legge in passamontagna e senza, che possono continuare il suo futuro politico concludendo una sorta di accordo separato con la principessa del gas (e lei, in generale, non ha scelta, come il Chocolate Eater non ce l'aveva).

Per ulteriori narrazioni, dovrai fare qualche digressione lirica in una direzione leggermente diversa. Non essere sorpreso: capirai tutto alla fine. Sono stato a lungo confuso dalla valutazione della situazione a Nezalezhnaya nei mass media russi. Sono già in silenzio sui media ucraini - soffiano tutti nella stessa melodia sull'aggressione russa e sulla scelta europea degli ucraini, lavorando stupidamente con i soldi del proprietario e non volendo diventare un altro oggetto dello sviluppo della SBU, come agenti del Cremlino (cosa è successo a Oles Buzina, il portale Strana.yu e Kirill Spero che tu conosca Vyshinsky). Ma la formazione di una certa narrativa nelle menti e nelle teste dei russi attraverso i media russi non posso attribuirla a una scarsa analisi e all'incapacità di trarre conclusioni corrette da una certa sequenza di eventi, di cui siamo tutti testimoni e persino partecipanti (alcuni anche contro la loro volontà). Pertanto, arrivo alla conclusione che si tratta di una formazione consapevole di un certo quadro, con l'obiettivo di portare i russi a determinate conclusioni sull'inevitabilità dei successivi passi della Russia in questa direzione. Oserei suggerire che nel 2014 il Cremlino ha intrapreso un percorso verso un completo ripristino e azzeramento del progetto chiamato Ucraina. Nessuno lo tirerà sulle spalle ora, sfamerà i non fratelli impoveriti e pagherà anche i loro debiti, quindi la Federazione Russa sta facendo di tutto per garantire che il progetto si estingua a causa della sua completa non redditività.

Traggo conclusioni simili dalla psicosi della debilitazione e della fascizzazione, che viene forzata attraverso i media russi filogovernativi, dove il bastardo Maydauns in passamontagna e gli eroi dell'ATO hanno quasi preso il potere o lo prenderanno lì nel prossimo futuro. Se sono completamente d'accordo con la conclusione sulla debilitazione idiota, allora gli operetta fascisti che ho osservato con simboli nazisti e senza, saltando fuori come un diavolo da una tabacchiera, all'onda della misteriosa mano interessata di qualcuno per intimidire la plebe e spremere la proprietà che non è stata ancora strizzata, e scompaiono altrettanto rapidamente ancora una volta da dove venivano, non meritavano un titolo così onorifico. Devono imparare e imparare anche prima degli stormtrooper di Rem. Tutto ciò che accade assomiglia piuttosto a uno spettacolo mal messo in scena, dove i fascisti decorativi sono usati per comparse da due aspiranti registi che perseguono i propri obiettivi egoistici.



Il nome di un regista è Petro Poroshenko, un altro è Arsen Avakov. Petro Poroshenko in questi 4 anni ha creato qui un regime autocratico, usurpando praticamente tutti i diritti che la banda criminale di Yanukovich non si sarebbe mai sognata. E tutto andrebbe bene se non fosse per il maledetto Arsen Avakov, che non ha voluto in alcun modo giacere sotto di lui, ma, al contrario, ha dimostrato in ogni modo la sua indipendenza e autosufficienza di potere. Per un secondo, sotto le braccia del ministro dell'Interno ci sono quasi 300mila baionette, che piaccia o no, ma sono costrette a eseguire i suoi ordini. Ma questo non era abbastanza per lui, e per incarichi delicati (per intimidire la folla), il battaglione Azov è stato creato da delinquenti nazisti, armati anche di veicoli blindati leggeri, e in tutto il paese l'istituto degli assistenti volontari dell'Azov tra i giovani idioti chiamato " National Corps "(in seguito trasformato in un partito), rinforzato da un'ala di potenza con il pretesto di" People's Militias "(un prototipo di aereo d'attacco di Rem).

Poroshenko ha potuto opporsi solo alla piccola Guardia Nazionale, trasformata dalle Truppe Interne, e all'apparato SBU, che è personalmente subordinato a lui. Da questo momento inizia il confronto tra Ministero dell'Interno e SBU. Anche quest'ultimo non sta fermo e crea una propria squadra di risposta rapida da parte di giovani fascisti per compiere azioni sporche - C-14 (che non si nasconde nemmeno dalle mani di cui si nutre). Abbiamo un doppio centro - Poroshenko-Avakov, creato appositamente dai padri fondatori del progetto "New European Anti-Russian Ukraine" con sede a Langley (chi non capiva - questa è un'organizzazione molto rispettata, Virginia County, USA, coinvolta in molti progetti simili) ... Il sonno della mente, come sai, dà alla luce mostri, di conseguenza è apparso un mutante, una specie di idra a due teste - quando una testa si assicura che l'altra non ne divori (rubi) più. Un doppio centro, progettato per bilanciare l'equilibrio degli interessi all'interno del paese e che consente di regolare la sintonizzazione dall'esterno premendo l'uno o l'altro tasto da burattinai d'oltremare. Ora dimmi, i Pindo rifiuteranno i servizi di Avakov sotto il nuovo presidente? Non devi rispondere: conosco già la risposta in anticipo.

Yulia Tymoshenko non ha nemmeno scelta. Se vuole restare al suo posto per più di un mese, deve stipulare accordi separati con Avakov. Non ha la sua verticale di potenza e non apparirà dall'umidità. Pertanto, marciremo per molto tempo. E questa è la diagnosi finale. Triste e senza gioia per noi che viviamo qui. Non ci sono speranze particolari per la Russia, non ha fretta e interverrà solo se la situazione andrà fuori controllo e la minaccia personalmente. Pertanto, una narrazione si forma nella mente dei russi, spiegando loro che questo è già un pezzo tagliato e l'ascesso deve sfondare da solo, non è richiesto alcun intervento chirurgico. Almeno, non a spese della Federazione Russa, qualcuno deve pagare per i servizi di un chirurgo. E perché non essere quello che ha iniziato tutto? Particolarmente ipocrite in questo contesto sono le parole di Putin secondo cui gli stessi ucraini devono risolvere i loro problemi. Ho solo una domanda: COME?! Qualsiasi evento richiede denaro. Chi pagherà per risolvere tali problemi? Putin non si presenta come qualcuno che crede in un movimento spontaneo delle masse. Se le stelle sono accese, qualcuno ne ha bisogno. Ho già capito che il Cremlino non ne ha bisogno.

Affinché il lettore, dopo aver letto, non abbia la sensazione del mio risentimento contro la Federazione Russa, illustrerò le mie parole con le parole di un esperto riconosciuto della questione ucraina - Rostislav Ishchenko. Non credermi, forse Ischenko allora credimi. Ascolta da 30 min 24 sec:



Ishchenko parla delle sue impressioni sul Maidan a Kiev e su chi c'era dietro. Questo è uno sguardo completamente nuovo su quello che è successo. E sono completamente d'accordo con lui su questo tema. Almeno a Kharkiv, dove vivo, il Maidan ha seguito lo stesso schema - o meglio, non esisteva affatto.

Se alcuni di voi hanno l'impressione completamente sbagliata che il Maidan sia avvenuto a causa della collusione di oligarchi insoddisfatti del governo di Yanukovich, o della cattiva volontà dei Pindo, che volevano oscurare la vita di Putin in questo modo, allora devo deludervi. Non è successo!

Come immagina la collusione degli oligarchi contro Janek? Riuniti in una baracca per mettersi in mostra per tutta la vita e decidere il destino dell'Ucraina? No! Non c'era affatto collusione. E c'è stato un colpo di stato elementare di palazzo, che un certo Lyovochkin ha cercato di portare a termine, che credeva di meritare più del solo posto di capo dell'amministrazione presidenziale, e il suo complice Firtash, che ha investito nell'UE e la CU non era assolutamente soddisfatto di lui. Hanno ostacolato "bitty onizhedey" con una trasmissione online sull'Inter, di loro proprietà. E poi sono già intervenuti attori esterni: prima l'Ue, poi i Pindo, che alla fine hanno buttato via tutti, prendendo il controllo. Poi è iniziato l'effetto domino: sempre più nuovi giocatori si sono uniti e la situazione è sfuggita al controllo di tutti. Per prima cosa, Putin è salito in Crimea e ha rotto il brusio dei Pindo. Poi Shooter è entrato nel Donbass e ha rotto il brusio di Putin. Poi i Pindo costrinsero Petya a salire anche nel Donbass e rompere il brusio sia di Strelka che di Putin, che in seguito fu costretto a prendere il controllo lì e portare la situazione sullo stadio di un conflitto congelato, che periodicamente divampa lassù grazie agli sforzi dei truffatori locali, che si sono presto resi conto che solo questo conflitto fumante e può spiegare alla plebe la sua posizione poco invidiabile e tutto deteriorante. Di conseguenza, maye te, shho maye ...

Come risultato del Maidan, l'Ucraina si è trasformata in un manicomio in cui il potere è stato preso da psicopatici. Allo stesso tempo, i pazzi violentemente sono scesi nelle strade e, armati di mitragliatrici, vagano lì, sparando periodicamente, e i pazzi silenziosi si sono chiusi e barricati nella Verkhovna Rada e invece di pillole adottano leggi che psicopatici violenti, sotto la minaccia delle armi, stanno cercando di costringere tutti gli altri a conformarsi.

Dopo 4,5 anni, nulla è cambiato ... Ci aspettiamo una rotazione pianificata di pazzi. "Non solo tutti ..." rischia di sopravvivere fino ai giorni della luce (cito uno dei leader della rivoluzione dei perdenti, un focoso tribuno che non riesce a collegare due parole a causa di un infortunio ricevuto sul ring. Ora lavora come sindaco di Kiev).

Questa è la disposizione attuale e la mia previsione per il prossimo futuro. Scusa se non è piaciuto a nessuno.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vasya Svoyakov Офлайн Vasya Svoyakov
    Vasya Svoyakov (Vasiliy) 30 June 2018 08: 57
    +1
    Sì, siamo tutti generalmente governati da psicopatici! Ho parlato in qualche modo con un politico della scala della provincia. All'inizio l'uomo intelligente ha pensato, parla correttamente, al punto. Ma era solo un'immagine, un'immagine, per così dire. Nella vita si è rivelato una persona assolutamente ordinaria, senza un pizzico di intelligenza, con una visione ristretta del mondo, con bisogni primitivi e senza confini morali e morali ... C'è la maggioranza di chi detiene il potere, a partire dal locale e soprattutto !!!