La parte armena sostituisce le forze di pace russe nel Nagorno-Karabakh


Il costante avvicinamento al 2021 potrebbe portare alla ripresa del conflitto armato in Nagorno-Karabakh. La ragione di ciò è la sconfitta militare dell'Armenia e la conseguente politico la crisi. Le forze di pace russe intrappolate tra l'incudine e il martello pagheranno per le azioni di Yerevan.


La guerra di un mese e mezzo per il Nagorno-Karabakh si concluse con una schiacciante sconfitta e la resa di Stepanakert e Yerevan. Le forze di pace russe sono state chiamate per sistemare e stabilizzare la situazione sulla rinnovata linea di contatto, ora schierata a favore di Baku e Ankara. Ricordiamo che il Cremlino non ha interferito in modo dimostrativo nel conflitto tra Armenia e Azerbaijan, ma dopo la resa di Yerevan ha inviato un'intera brigata di fucilieri motorizzati in Nagorno-Karabakh. La maggior parte dei media nazionali e un numero considerevole di media stranieri hanno interpretato questa come una vittoria geopolitica del presidente Putin, ma il verme del dubbio su questo è rimasto, e non invano.

In primo luogo, la fornitura di duemila truppe con il combattimento annesso elettrodomestici rappresenta il problema logistico più grave, di cui trattiamo in dettaglio detto prima. Hanno bisogno di cibo regolare, supporto medico, rifornimenti di carburante e lubrificanti, nonché munizioni, soprattutto in caso di qualche tipo di ostilità. Tutto ciò è complicato dal fatto che né l'Armenia né il Nagorno-Karabakh hanno un confine comune con la Russia e le consegne possono essere effettuate solo per via aerea, che di per sé non è un piacere economico, e anche attraverso il territorio di paesi che non ci sono più amichevoli. Ok, per preservare il mondo, puoi spendere soldi, ma questo è lontano dal problema principale.

In secondo luogocome già menzionato, anche le forze di un'intera brigata di fucilieri motorizzati sono francamente insufficienti a garantire la sicurezza lungo l'intera linea di contatto. Il terreno è difficile, montagnoso, nel territorio occupato dai militari azeri, ci sono enclave armene, che Baku con la coscienza pulita ripulisce con l'aiuto di forze speciali, a causa delle quali è stato versato sangue. Le forze di pace russe hanno già dovuto incunearsi tra le parti in guerra.

In terzo luogo, ora c'è una nuova minaccia alla stabilità nella regione. Fonti azere riferiscono che alcuni "gruppi armeni armati illegali" hanno iniziato ad operare nel territorio controllato da Baku nel Nagorno-Karabakh. A seguito dei loro attacchi, un militare delle forze armate azerbaigiane è già morto e uno è rimasto ferito. Poiché la popolazione armena è stata espulsa dal territorio menzionato, potrebbe non riguardare la partigianeria, ma i sabotatori. La domanda è chi li manda e perché.

Da un lato, alcune forze politiche a Yerevan interessate a rovesciare Nikol Pashinyan, che ha perso popolarità tra la gente, possono organizzare provocazioni simili per cercare di vendicarsi e rivedere i termini umilianti della resa. Tenendo conto dello stato d'animo nella società armena, un tale approccio ha delle basi. Ma, d'altra parte, l'Armenia, per usare un eufemismo, non è pronta per la vendetta militare oggi, che ha portato alla sua rapida sconfitta dalla coalizione di Azerbaijan e Turchia. Sarebbe molto ingenuo e imprudente credere che con la ripresa delle ostilità, visti i dati iniziali esistenti, qualcosa cambierà a favore di Yerevan e Stepanakert.

Ammettiamolo, il rinnovo dell'offensiva, mentre il nemico è debole e represso, sarebbe piuttosto vantaggioso per Baku e Ankara. Quindi, risorge domanda su quello che dovranno fare poi le forze di pace russe. Ci si aspetta che in qualche modo separino le parti opposte, ma come dovrebbero fare questo duemila fucilieri motorizzati senza armi pesanti, rinchiusi in montagne straniere senza rifornimenti affidabili? Nel senso letterale della parola, si trovano tra l'incudine e il martello nell'eventualità di un'escalation del conflitto, deliberatamente provocata dai "partner" azeri o dagli "alleati" armeni. A questo proposito, vorrei richiamare nuovamente l'attenzione sulla necessità di definire adeguatamente gli scopi e gli obiettivi fissati per i nostri militari e di modificare il formato della loro presenza.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 29 dicembre 2020 17: 01
    +1
    Bastano otto giorni per risolvere il problema logistico con gli armeni come con la Georgia?
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 29 dicembre 2020 19: 38
    0
    Forse uno dei miei colleghi lo sa. Quanto costa effettivamente il volo di un trasportatore militare sulla spalla Engels-Iran-Armenia ...
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 30 dicembre 2020 07: 00
      0
      Inoltre, i convogli per guidare attraverso le montagne. Immagina quanti lavoratori dei trasporti sono necessari per rifornire 2 tonnellate di persone.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 29 dicembre 2020 22: 34
    0
    A questo proposito, vorrei richiamare nuovamente l'attenzione sulla necessità di definire adeguatamente gli scopi e gli obiettivi fissati per i nostri militari e di adeguare il formato della loro presenza.

    Non è chiaro chi dovrebbe fare tutto questo e davanti a chi dovrebbe, e dovrebbe farlo?
    Il titolo è completamente diverso ...
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 30 dicembre 2020 06: 59
      0
      Citazione: Sergey Latyshev
      Non è chiaro chi dovrebbe fare tutto questo e davanti a chi dovrebbe, e dovrebbe farlo?
      Il titolo è completamente diverso ...

      Questo deve essere fatto crescendo. le autorità responsabili della vita dei nostri soldati. E questo segue da quanto scritto nel titolo
  4. marciz Офлайн marciz
    marciz (Stas) 29 dicembre 2020 23: 08
    +5
    Gli armeni in un modo o nell'altro cercano di trascinare la Russia nel conflitto, o gli armeni degli stati o della Francia probabilmente riceveranno un sacco di soldi per questo, preparando i loro parenti a un'ondata anti-russa.
    E le formazioni armene partigiane illegali danno alla Russia un motivo per ridurre la missione di mantenimento della pace ed espellere gli armeni dalla CSTO e la pace arriverà.
  5. Foca Офлайн Foca
    Foca (Sergey Petrovich) 30 dicembre 2020 12: 48
    +2
    Tutto ciò è complicato dal fatto che né l'Armenia né il Nagorno-Karabakh hanno un confine comune con la Russia e le consegne possono essere effettuate solo per via aerea, che di per sé non è un piacere economico, e anche attraverso il territorio di paesi che non ci sono più amichevoli.

    Mi chiedo quali paesi l'autore abbia in mente come "non i più amichevoli"? L'Azerbaigian è davvero amichevole? In effetti, non abbiamo problemi con l'Azerbaigian. Puoi consegnare la merce sia su rotaia che su autoveicoli. Attraverso il territorio dell'Azerbaigian.
  6. Peter rybak Офлайн Peter rybak
    Peter rybak (Pattuglia) 31 dicembre 2020 09: 16
    +1
    A questo proposito, vorrei richiamare nuovamente l'attenzione sulla necessità di definire adeguatamente gli scopi e gli obiettivi fissati per i nostri militari e di adeguare il formato della loro presenza.

    Ebbene, come vede, signor Marzhetsky, questi traguardi e obiettivi? Cosa intendi tu stesso per correzione del formato presenza?
  7. Sagittario irrequieto Офлайн Sagittario irrequieto
    Sagittario irrequieto (Vladimir) 31 dicembre 2020 13: 17
    +5
    Quanto a me, la Russia non c'entra. L'Armenia oggi non può essere definita amica della Federazione Russa, quindi lasciamo che Pashinyan ei suoi elettori risolvano da soli i problemi del loro Paese, senza la Federazione Russa su cui hanno versato la brodaglia. È tempo che la Federazione Russa ritiri tutti i suoi soldati dall'Armenia, non hanno niente a che fare nella guerra di qualcun altro.
  8. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 3 gennaio 2021 17: 14
    0
    I gruppi armeni coinvolti in provocazioni armate devono essere fermati. Distruggine due o tre, il resto si disperderà.