Potrebbe essere peggio: quello che per fortuna non è successo nel 2020


Se parliamo di passato relativamente recente, allora dovremo ammetterlo: quasi nessuno di loro, alla fine, ha "ricevuto" almeno un decimo di quegli epiteti negativi che terminano oggi nel 2020. "Nightmare", "terribile", "omicida", "il peggiore della storia" ... Anche la sempre memorabile crisi del 2008 non è stata liquidata con queste parole. Tutto questo è così - siamo franchi: quest'anno ha portato prove, perdite e delusioni a quasi tutte le persone sulla Terra. E per alcuni è diventato anche l'ultimo ...


Tuttavia, proviamo a mostrare una certa obiettività e ammettiamo: molte cose che sono successe nel 2020 e che oggi ricordiamo con brivido non sono accadute secondo lo scenario peggiore possibile. La consolazione, ovviamente, è debole, ma alla vigilia del prossimo anno nuovo, forse non dovresti concentrarti solo sul negativo. Separandoci dall'anno sicuramente non migliore della nostra vita, è meglio rallegrarsi. Almeno quello non era nemmeno peggio. Parliamo degli eventi che fortunatamente siamo riusciti a evitare:

1. Una pandemia davvero mortale


Il fatto che la pandemia COVID-19 abbia inferto un duro colpo al nostro mondo, strappando senza pietà più di un milione e mezzo di vite umane e incatenando decine di milioni a letti e letti d'ospedale per più o meno a lungo, nessuno, ovviamente, sostiene. Fortunatamente, tuttavia, il coronavirus si è rivelato tutt'altro che la malattia più mortale conosciuta oggi dall'umanità. Non c'è paragone che con quasi tutti i nostri antenati che hanno quasi ucciso tutti i nostri antenati e non hanno interrotto lo sviluppo della civiltà sulla Terra con il vaiolo e la peste, ma anche con l'influenza "spagnola", da cui abbiamo "solo" cento anni. Quindi il numero di morti è stato molte volte maggiore. "La medicina moderna è migliorata molto", dici? Certamente. Tuttavia, insieme ad esso, qualcos'altro è migliorato. Vale a dire: la capacità della persona media di spostarsi rapidamente in tutto il pianeta. Di conseguenza, il tasso di diffusione di qualsiasi malattia infettiva è aumentato rispetto all'inizio del ventesimo secolo, quando gli aeroplani erano ancora esotici, incredibilmente.

La buona notizia è che, nonostante ci siano state dozzine (sebbene alcuni scienziati medici dicano circa un centinaio) di mutazioni, il virus dannoso non è "rinato" in qualcosa di molto più pericoloso. Voglio davvero credere che nulla di simile accadrà in futuro. Allo stesso tempo, a proposito, per gli abitanti della Russia, in generale, gli eventi della pandemia non si sono rivelati nel peggiore dei modi. Oggi c'è qualcosa con cui confrontarsi e con chi, quindi siamo obiettivi, indipendentemente dalle nostre simpatie e antipatie per le autorità - i suoi rappresentanti sono riusciti a ridurre al minimo i possibili problemi. Hanno giocato un ruolo anche la sollecita (anche prima della registrazione dei primi casi di malattia) la creazione di una sede operativa per combatterla, la chiusura rapida e dura delle frontiere e altre misure simili. La leadership russa ha agito rapidamente e con decisione, il che ha portato i suoi risultati positivi. Un'altra variante? Bene, dai un'occhiata agli Stati Uniti: le statistiche sono disponibili pubblicamente. E, a proposito, il vaccino domestico contro COVID-19 non è senza ragione chiamato "Sputnik" - dopotutto, questo è il primo farmaco del suo genere registrato nel mondo. Si scopre che non è tutto così male con la scienza e la medicina?

2. Guerra civile negli Stati Uniti e loro disintegrazione


È qui che alcuni potrebbero essere sorpresi. Forse sei anche in disaccordo con me ed esprimi la tua indignazione. "Sì, lascia che siano lì ... Stanchi delle loro sanzioni e di altri sporchi trucchi!" Sono d'accordo, sono stanco. Tuttavia, l'inizio di una guerra civile su vasta scala negli Stati Uniti, il crollo della statualità lì, il tuffo di questo paese nel caos finale, almeno a breve termine, non farebbe bene a nessuno in questo mondo. È vero il contrario. Sì, in una società "pompata" fino all'orlo di odio, disperazione e, in aggiunta, armi da fuoco, la violenza avrebbe sicuramente prima investito le città e le regioni degli stessi Stati Uniti. Tuttavia, non bisogna dimenticare che questo paese, dopo tutto, possiede uno degli arsenali di armi nucleari più impressionanti del mondo. Nelle mani di chi finirebbe il controllo su una persona del genere? Dopotutto, non è necessario accedere alla "valigia nucleare" presidenziale per lanciare missili balistici - al fine di organizzare l'Apocalisse, anche se il volume locale di una bomba atomica "obsoleta" (e ancor di più - parecchie) sarà sufficiente per gli occhi. No, è meglio che se ne occupino tra di loro!

Il fatto che tra gli americani ci siano un sacco di persone con una psiche squilibrata che considerano un'esplosione organizzata in un luogo affollato un modo normale di "autoespressione" è stato dimostrato dagli ultimi eventi di Nashville, accaduti letteralmente a Natale lì, il 25 dicembre. Sarebbe meglio, naturalmente, che ciò non accadesse affatto, ma se si dedicano a queste cose, lascia che lo facciano a casa e nella scala più limitata. Per quanto riguarda l'indesiderabilità di un crollo improvviso e totale degli Stati Uniti, c'è un altro punto che non riguarda i militari, ma attraverso e attraverso questioni pacifiche. Cosa ne pensi, cosa porterebbe alla scomparsa istantanea di uno stato dalla mappa del mondo, la cui moneta è di riserva e universale per quasi tutto il mondo economia? Non parliamo ora se questo è buono o cattivo, ma è così. Puoi lottare per la de-dollarizzazione quanto vuoi, ma l'improvvisa trasformazione dei dollari che travolgono il nostro mondo in un mucchio di carta tagliata senza valore farebbe crollare tutto ciò che contiene: finanza, commercio, l'economia in quanto tale. E, di conseguenza, porterebbe alla distruzione di molti stati diversi dagli Stati Uniti. Onestamente, in questa versione, ci incontreremmo tutti questo nuovo anno sulle macerie del nostro universo familiare. No, è meglio senza!

3. Vittoria del "Maidan" in Bielorussia


Oggi è praticamente ovvio che il tentativo di organizzare un'altra "rivoluzione dei colori" a Minsk è destinato al fallimento. Tuttavia, il precedente evento assolutamente simile in Ucraina nel 2014, purtroppo, ha avuto più che successo. Non si tratta delle ragioni, ma del fatto che il successo del "Maidan" bielorusso "si ritorcerebbe contro" sulla Russia nel modo più doloroso e spiacevole. Il nostro Paese non solo sarebbe privato dell'ultimo, anzi, un vero e proprio alleato strategico (e situato nella più importante - la direzione occidentale), ma si troverebbe semplicemente in un ambiente estremamente ostile da tutte le parti. Il cerchio dei "non fratelli" intorno a noi sarebbe chiuso e, facendo affidamento sulle "teste di ponte" acquisite, l'Occidente accelererebbe inevitabilmente la sua offensiva contro Mosca, come è già successo più di una volta nella nostra storia. La perdita del mercato bielorusso, il transito (lo stesso oleodotto Druzhba), il mancato rimborso dei considerevoli fondi di credito che il nostro paese ha investito per anni nell'economia bielorussa, tutto ciò causerebbe danni davvero colossali. Le più importanti strutture militari delle nostre forze armate situate sul territorio bielorusso sarebbero andate perdute e il loro raggruppamento a Kaliningrad, di fondamentale importanza strategica in direzione occidentale, si sarebbe finalmente trovato nella posizione di una fortezza assediata.

Tuttavia, le perdite finanziarie, forse, sarebbero svanite prima della sconfitta geopolitica: il denaro può ancora essere tentato in qualche modo di restituire o compensare, ma sarebbe sicuramente completo, definitivo e irrevocabile. Lo scontro in Bielorussia in realtà, come molti inizialmente lo avevano stimato, è diventato “Stalingrado” nella battaglia per lo “spazio post-sovietico”, che da un certo momento si è combattuta tra Occidente e Russia. Circondarlo di paesi estremamente ostili, in cui si stanno trasformando una dopo l'altra le ex repubbliche dell'URSS, diventerà lo stadio finale di un'altra fase del piano per distruggere il nostro paese come stato indipendente e sovrano. Ulteriori "lavori" proseguiranno sullo smembramento dello stesso territorio russo, dove "specialisti del profilo appropriato" cercheranno di accendere il fuoco di una nuova guerra civile. Fortunatamente, la Bielorussia ha resistito e, si spera, continuerà a resistere.

4. Completa sconfitta dell'Armenia


Il secondo colpo più duro che la Russia potrebbe ricevere nello "spazio post-sovietico" sarebbe senza dubbio la completa sconfitta dell'Armenia nel conflitto militare che ha intrapreso con l'Azerbaigian e la Turchia sul Nagorno-Karabakh. Sì, Yerevan ha subito una grave e vergognosa sconfitta militare, NKR ha perso una parte enorme del suo già piccolo territorio, tuttavia ... Tutto potrebbe rivelarsi molto, molto più triste. Ciò è dimostrato in modo più convincente dalle dichiarazioni dei presidenti azero e turco, che, durante la parata a Baku, hanno iniziato a lanciare rivendicazioni territoriali contro i paesi vicini e hanno specificamente affermato che quasi il 90% dell'attuale territorio dell'Armenia, risulta, è "terre primordiali azere". Se non fosse stato per l'intervento di Mosca, e per l'intervento diplomatico piuttosto che militare, chissà, l'esercito azero avrebbe fermato la sua offensiva dopo la cattura di Shushi e Stepanakert, che nella situazione strategico-militare esistente erano già del tutto inevitabili? E poi cosa? L'entrata in guerra del nostro Paese in conformità ai suoi obblighi nell'ambito della CSTO porterebbe inevitabilmente ad azioni del tutto simili da parte di Ankara. Quello sarebbe il nostro capodanno in trincea ...

Il rifiuto della Russia di sostenere Yerevan in una situazione in cui il suo territorio sovrano sarebbe stato attaccato avrebbe portato a conseguenze non meno gravi, anche se di tipo diverso. La perdita (come nel caso bielorusso) della base militare nel Caucaso è ancora metà del problema. Il nostro paese dovrebbe rinunciare a tutte le speranze di qualsiasi influenza in questa regione e la Turchia prenderebbe immediatamente il suo posto. La cosa più pericolosa è che l'espansione dei "discendenti dei giannizzeri" non finirà affatto qui - e molto presto dovremmo incontrare i militanti controllati da Ankara già ai nostri confini meridionali. E lì, vedete, non solo formazioni irregolari di banditi, ma anche l'esercito turco, rinforzato da "volontari" di vari stati del Medio Oriente, del Caucaso e dell'Asia centrale, da cui Recep Erdogan e simili aderenti al neo-ottomanismo oggi stanno cercando di mettere insieme un nuovo impero. Una prospettiva spiacevole, non è vero? Sono molto contento che ai nostri "amici" non sia stato permesso di rendersene conto.

Molto di più può essere aggiunto a questo elenco: la guerra con l'Iran che non è stata ancora iniziata dagli Stati Uniti, i disastri causati dall'uomo e gli atti terroristici evitati e, dopo tutto, quelle cose che semplicemente non sappiamo. Semplicemente non sono accaduti, e grazie a Dio! In ogni caso, il fatto che ora ci stiamo preparando per le vacanze significa già che quest'anno non è stato così male per te e per me.

A tutti i lettori di "Reporter" - felicità, salute, fortuna e amore nel nuovo anno! E lascia che sia migliore del precedente.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 2 gennaio 2021 08: 37
    0
    Il fatto che la pandemia COVID-19 abbia inferto un duro colpo al nostro mondo, strappando senza pietà più di un milione e mezzo di vite umane e incatenando decine di milioni a letti e letti d'ospedale per più o meno a lungo, nessuno, ovviamente, sostiene.

    L'umanità ha scoperto i coronavirus nel 1965. Da allora sono state studiate circa 1200 specie. Posso presumere che appaiano sulla Terra ogni giorno. E ogni giorno qualcuno muore per malattie complicate da questi virus.
    Il mio defunto padre morì nel 1982 di polmonite virale. Immagino fosse "lui è il più coronavirus". Ma nessuno di questi fatti si adattava all'isteria globale.
    Anche se prendiamo la cifra di un milione e mezzo di morti da covid-19, allora questo è lo 0.002% (due millesimi di percento) della popolazione mondiale totale di 7.5 miliardi di persone. Allo stesso tempo, molto spesso ci sono prove che molte altre malattie sono "guidate" dal Covid-19. Ad esempio, il "re delle torte di formaggio" B.Yu. Aleksandrov è morto di oncologia, ma in alcuni luoghi è stato riferito che è morto di covid. E una cosa strana! Non è chiaro da dove sia fuggita la solita influenza stagionale, quasi certamente etichettata come covid-19, l'anno scorso.
    La stessa umanità "colpita ai piedi", seguendo l'esempio dell'impuro OMS, aziende farmaceutiche che producono maschere-guanti-farmaci-vaccini, vari negozi online, servizi di consegna tramite corrieri, che sono diventati favolosamente ricchi durante il periodo della psicosi di massa abilmente riscaldata.
    PS Io stesso ero ammalato di covid-19 all'inizio di maggio. Il medico "cosmonauta" è venuto, ha ascoltato con un tubo, ha preso uno striscio, prescritto due tipi di pillole, ha scritto la diagnosi: "ARVI". Ho bevuto le pillole per 7-10 giorni, e alla fine di maggio è arrivato un altro "cosmonauta", ha preso una seconda macchia, che si è rivelata negativa, e ha detto che ero stato malato di un covid "mortale".
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 2 gennaio 2021 10: 51
    0
    Un insieme casuale di fatti inventati.
    Si può anche aggiungere l'estinzione dell'Ucraina dalla corona, tubercolosi, Chernobyl, schiocco freddo, promessa dai media, cosa che non è avvenuta.
    E che nessuna "meteora neo-Chelyabinsk" ha colpito la Federazione Russa nel 2020. È davvero fortunato. (nel 2019, al largo delle coste dell'Estremo Oriente, una meteora è esplosa a 6 Hiroshima)