Dopo la sconfitta del Karabakh, la Turchia diventa "la finestra di Pechino sul Mediterraneo"


In un'assente disputa sulla leadership regionale, Ankara si attribuì un'altra vittoria su Mosca. La pubblicazione filogovernativa turca Takvim ha letteralmente chiarito che la Turchia non è più un "malato d'Europa", il cui destino è deciso da altri, ma è diventata essa stessa una potenza potente. La cosa più spiacevole è che tutte le ultime conquiste del "sultano" Erdogan sono state realizzate a spese della Russia e dei suoi interessi nazionali.


Takvim ha incluso la scoperta da parte dei turchi sulla piattaforma continentale dei propri giacimenti di gas, il cui volume è stimato in 320 miliardi di metri cubi, così come il successo senza precedenti derivante dall'uso degli UAV d'attacco Bayraktar TB2 nel Nagorno-Karabakh. La logica è chiara: le armi turche nelle mani degli alleati azeri hanno sconfitto le armi russe detenute dagli armeni e l'acquisizione di un'ampia base di risorse in futuro salverà Ankara dalla dipendenza dal Cremlino per l'approvvigionamento di materie prime e carburante e potrebbe persino trasformarla in un concorrente diretto di Gazprom nel mercato. Europa sudorientale. La terza vittoria è che la Turchia sottrae alla Russia una parte dei flussi di merci in transito dall'Asia all'Europa.

Geograficamente, il nostro paese è il miglior corridoio di trasporto tra le due parti dell'Eurasia. Esiste un collegamento ferroviario sulla rotta Xi'an-Amburgo e Xi'an-Neuss, che collega Cina e Germania attraverso Kazakistan, Russia, Bielorussia, Lituania e Polonia. Questo quadro è offuscato solo dalla bassa capacità di carico delle ferrovie nazionali, che aggiunge altri 3-5 giorni al tempo di transito. È spiacevole e questi problemi infrastrutturali hanno dovuto essere risolti per molto tempo. Ma ora Ankara è intervenuta con la sua idea di "superpotenza logistica" e l'allineamento ha iniziato a cambiare rapidamente.

La Turchia in tutta serietà intende diventare "la finestra di Pechino sul Mediterraneo", e la Cina sta investendo attivamente nelle infrastrutture di questo Paese: in particolare, possiede il 65% del terminal container Kumport a Istanbul, così come il 51% del ponte Sultan Selim Yavuz sul Bosforo. A proposito, la Cina potrebbe costruire la prossima centrale nucleare turca. Nell'ambito di questa cooperazione reciprocamente vantaggiosa, è stata creata la ferrovia "Iron Silk Road / Middle Corridor", che collega Istanbul e la città cinese di Xi'an. Questo consorzio di trasporto trans-caspico comprende anche società azere, georgiane e kazake. Il tempo di consegna è di 12 giorni contro i 18 in Russia. Il giorno prima, questo periodo è stato ridotto a 10 giorni, che la citata edizione di Takvim ha attribuito alla successiva vittoria turca, sai chi.

Tenendo conto del fatto che bypassando il nostro Transsib è possibile trasportare fino a 1 milione di passeggeri all'anno e 6,5 milioni di tonnellate di merci, queste non sono davvero molto buone notizie... Se consideriamo che entro il 2023 il volume del traffico merci dovrebbe raggiungere i 17 milioni di tonnellate, diventa completamente triste. È vero, i turchi hanno un problema serio: il transito attraverso il Caspio. Per aumentare la capacità, sarà necessario utilizzare più navi ed espandere drasticamente la capacità portuale su entrambi i lati. Non è difficile immaginare che la Cina possa agire come un investitore strategico qui.

Da parte sua, la Turchia ha compiuto una potente mossa geopolitica sostenendo l'Azerbaigian nella sua guerra con l'Armenia per il Nagorno-Karabakh. Ricordiamo che Baku riuscì a riprendere il controllo sulla maggior parte della repubblica non riconosciuta e di fatto riuscì a sfondare corridoio di trasporto attraverso il territorio dell'Armenia, avendo raggiunto la connettività tra Azerbaigian e Nakhichevan, che confina con la Turchia. Di conseguenza, Ankara ha ricevuto una strada diretta tra il Mar Mediterraneo e il Mar Caspio, che può offrire a Pechino. Allo stesso tempo, la leva logistica diminuirà anche in modo decente se l'autostrada attraverserà il territorio restituito del Nagorno-Karabakh. In ogni caso, lo ha affermato l'ambasciatore dell'Azerbaigian presso la RPC Akram Akif oglu Zeynalli. È vero, per la vicina Georgia questo a lungo termine significa essere cacciati dal consorzio internazionale. Niente di personale, solo affari.

Ebbene, per il nostro Paese anche tutto questo non brilla di buono. L'alleanza Ankara-Baku sta infatti portando via alla Russia una parte significativa dei flussi di merci in transito. Ma d'altra parte, non siamo entrati nel conflitto dalla parte del nostro unico alleato nel Transcaucaso e siamo rimasti come amici di tutti.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. Il commento è stato cancellato
    1. Il commento è stato cancellato
  3. Ivan Dovgy Офлайн Ivan Dovgy
    Ivan Dovgy 2 gennaio 2021 13: 51
    -5
    La guerra in Nagorno-Karabakh era nota in anticipo a tutti i suoi futuri partecipanti? Il conflitto armato è stato negoziato? La Russia ha giocato al fianco di azeri, turchi e cinesi tradendo armeni e iraniani? Perché sono morte diverse migliaia di armeni e azeri?

    ru.wikipedia
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) 2 gennaio 2021 14: 02
    +4
    Questo quadro è offuscato solo dalla bassa capacità di carico delle ferrovie nazionali, che aggiunge altri 3-5 giorni al tempo di transito. È spiacevole e questi problemi infrastrutturali hanno dovuto essere risolti per molto tempo.

    Probabilmente dovevano essere risolti, ma non è un affare veloce e costoso. Tunnel, ponti, terreni difficili.

    Il tempo di consegna è di 12 giorni contro i 18 in Russia.

    Per quanto ho capito, stiamo parlando di consegna in Turchia? Ma per la maggior parte delle merci, questo non è il punto finale del percorso, ma un punto di trasbordo. La consegna in Germania o in Olanda richiederà un po 'più di tempo ed è improbabile che venga misurata in ore. no

    Ma d'altra parte, non siamo entrati nel conflitto dalla parte del nostro unico alleato nel Transcaucaso e siamo rimasti come amici di tutti.

    Il Karabakh non è "il nostro unico alleato nel Transcaucaso".
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 2 gennaio 2021 14: 42
      +2
      Buon Anno Nuovo, amico mio, tu e tutti i colleghi del forum! Attualmente, la ferrovia Kars-Baku opera attraverso la Georgia. La filiale Kars-Nakhichevan non esiste. 90 km a senso unico attraverso l'Armenia e le regioni meridionali dell'Azerbaigian sono stati smantellati. Se lo si desidera, la Turchia collegherà la sua rete ferroviaria con Nakhichevan, ripristinerà un unico binario in Armenia (con il suo consenso) e Azerbaigian e riceverà non una pentola di ferro da Kars a Baku, ma due. Cioè, la Turchia potrà portare avanti la seconda linea ferroviaria fino al punto di trasbordo sui traghetti Aktau-Baku, Armenia, tasse di transito e posti di lavoro per i ferrovieri. Tutto è completamente traforato ...)))
      1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
        Petr Vladimirovich (Peter) 2 gennaio 2021 14: 58
        +2
        Oh, posso avere una ragione?
      2. 123 Офлайн 123
        123 (123) 4 gennaio 2021 16: 03
        +3
        Buon anno anche a te!
        Hai perfettamente ragione, il transito dovrebbe riprendersi. I vantaggi della Turchia e dell'Azerbaigian sono evidenti, anche l'Armenia riceverà una quota per il transito attraverso il suo territorio. (A proposito, questo transito sarà essenzialmente controllato dalla Russia). Ammetto la possibilità che questi accordi siano legati al transito verso l'Iran (il ruolo della Cina nella regione è piuttosto alto). Finora solo la Georgia è la perdente, ma cosa si può fare, hanno alleati in Europa e all'estero. Quindi sia stabilito il transito dall'Alabama alla Normandia.
    2. Peter rybak Офлайн Peter rybak
      Peter rybak (Pattuglia) 4 gennaio 2021 07: 20
      -1

      Ma d'altra parte, non siamo entrati nel conflitto dalla parte del nostro unico alleato nel Transcaucaso e siamo rimasti come amici di tutti.

      Il Karabakh non è "il nostro unico alleato nel Transcaucaso".

      Hai notato anche tu queste sciocchezze? De jure, nessun Karabakh esiste, è parte integrante di AzResp.
      Mi sembra che il signor Marzhetsky stia chiamando la Russia alla guerra. È insoddisfatto dei risultati del trattato di pace in Transcaucasia (il diavolo sa solo perché, possiamo solo immaginare). La Russia non aveva alleati nel Transcaucaso. C'era e rimane un partner commerciale, c'era e c'è ancora un destinatario, che ha un disperato bisogno della Russia come donatore.
      E, penso, l'autore è così sbalordito che non vede alcun vantaggio economico nella situazione attuale per tutte le parti del conflitto passato, compresi la Federazione Russa e l'Iran.
  5. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 2 gennaio 2021 14: 25
    -6
    Sono rimasti come tutti gli amici ??? Ah ah ah, non ci sono amici solo affari, ho perso il Caucaso, l'Asia centrale è il prossimo, e poi presenti i Kuriles o Kaliningrad. Questa è una saggia decisione di V.V.
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 2 gennaio 2021 15: 26
      +3
      e poi i Kuriles

      - questo è davvero forte !!! Amo i colleghi stranieri ...
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 2 gennaio 2021 18: 29
    -2
    Tutte sciocchezze.
    Qui hanno scritto una serie di articoli: la Russia ha vinto tutto, la Russia ha vinto.

    Ma può offrire Pechino, ma non può - sono tutte sciocchezze. La Turchia giace da molto tempo, da secoli, all'incrocio pedonale di Europa-Asia-Africa. E?
    E niente di speciale, raccoglie tangenti dalle rotte commerciali, ma tutti la invidiano.
  7. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 2 gennaio 2021 22: 24
    0
    La cosa più spiacevole è che tutte le ultime conquiste del "sultano" Erdogan sono state realizzate a spese della Russia e dei suoi interessi nazionali.
    Takvim si riferì a questi come alla scoperta da parte dei turchi sulla piattaforma continentale dei propri giacimenti di gas, il cui volume è stimato in 320 miliardi di metri cubi, nonché come un successo senza precedenti dall'uso degli UAV di attacco Bayraktar TB2 nel Nagorno-Karabakh

    La Russia sta piangendo. risata
  8. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 3 gennaio 2021 08: 45
    0
    Una buona nota, che mostra brevemente la situazione intorno alla Turchia. La Turchia è stata storicamente un hub di trasporto (ora anche logistico) in Asia, Europa e Africa. Al transito marittimo, ferroviario, del gas e degli oleodotti è necessario aggiungere un accenno al transito aereo. Gli aeroporti di Istanbul accettano già il doppio dei passeggeri stranieri rispetto a Mosca.
  9. aries2200 Офлайн aries2200
    aries2200 (Ariete) 3 gennaio 2021 19: 53
    +1
    Per catturare un pesce grosso, devi dargli una buona deglutizione ... e poi TAGLIARE ... Stiamo aspettando una spazzata ......... La Turchia su 27 guerrieri con la Russia è stata solo tre volte in re, e poi non lunga .................. storia
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 3 gennaio 2021 22: 55
      +1
      I cinesi sono fuori con i loro placcaggi, anche gli europei si nutrono da molto tempo e gli americani stanno per arrivare (forse con la dinamite). risata
  10. Peter rybak Офлайн Peter rybak
    Peter rybak (Pattuglia) 4 gennaio 2021 07: 12
    +1
    Dopo la sconfitta del Karabakh ???
    Sig. Marzhetskiy, cos'è questo analfabetismo politico con la pretesa di un titolo ad alto volume? Sorprendi di articolo in articolo per l'assenza di relazioni rispettose con l'Azerbaigian, la Turchia e le loro conquiste. Questo molto probabilmente parla della tua filantropia armena, debolmente velata dal patriottismo. Non mi interessa da che parte stai, ma proverai mai a scrivere materiale come un vero giornalista - disinteressatamente, presentando solo fatti in modo che noi stessi possiamo trarre conclusioni? O dovremmo sempre interrompere la lettura delle tue opere da qualche parte nel mezzo, se non all'inizio?
    1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 4 gennaio 2021 16: 25
      +1
      Ciao omonimo! Si dice "tagliare il corridoio", non è oggetto di discussione! Passato ...
  11. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 5 gennaio 2021 00: 55
    +3
    E non c'è altra opinione, a parte il quotidiano turco e Sergey? La Cina, per esempio.
    Il Giappone sta attivamente prenotando le strutture della ferrovia Transiberiana. https://topcor.ru/17697-japoncy-aktivno-bronirujut-moschnosti-transsiba-i-dalnevostochnyh-portov-rf.html
    E sono pochissime le persone che vogliono iniziare il percorso descritto nel post. L'Asia centrale e il distretto autonomo cinese dello Xinjiang Uygur sono una zona di potenziale scivolamento nel caos. Le tecnologie sono ben sviluppate.
    Ad esempio, c'è chi vuole posare tubi per gli idrocarburi attraverso la Siria. Per quanto fosse un bene per gli arabi, ma qualcosa va costantemente storto. O la guerra in Iraq, o l'ISIS in Siria. E, a quanto pare, la Russia ha completamente sconfitto i Barmaleev e l'opposizione, ma alla fine qualcosa non funziona. O i malvagi americani non lasceranno in alcun modo la Siria, poi i turchi hanno rotolato le labbra sulla Siria, e la Russia ancora una volta non vincerà i militanti turchi. No, ci sono alcuni successi, ma la vittoria finale si profila solo in lontananza. Mi chiedo perché è così?
    Forse perché né gli USA, né la Federazione Russa, né la WB non hanno bisogno di questi tubi in FIG? Dalla parola "assolutamente". E quando la Turchia ha iniziato la propria attività nel Caucaso, la Federazione Russa ha iniziato a collaborare con i curdi per creare posti di blocco contro l'opposizione filo-turca. E questo è un tema da incubo per la Turchia. Chissà cosa e in quale quantità la Federazione Russa armerà i curdi nell'ambito di questo accordo?
    Perché Sergei pensa che qualcuno permetterà a Turchia e Azerbaigian di avere questo transito?
    La Turchia ha ora un nuovo "alleato" (o padrone). Gran Bretagna.
    La WB ora (soprattutto dopo la Brexit) fa affari con l'economia è piena di cuciture. Non per niente il virus è mutato ed è stata introdotta una rigorosa quarantena. Solo così nessuno avrebbe pensato al motivo per cui la vita è andata così male e non ha fatto domande stupide. Secondo le stime, solo lo sdoganamento richiederà ora circa 50 doganieri e 000 miliardi di euro.
    Allora perché Sergei pensa che la Banca Mondiale permetterà a qualche Erdogan di portarle via un pezzo malaticcio: l'assicurazione delle navi Asia-Europa? L'assicurazione in mare è un monopolio della WB secolare. Anche se gli assicuratori non hanno sede nella WB, non appartengono al paese in cui hanno giurisdizione. E l'assicurazione in mare è MOLTO un sacco di soldi.
    Sergey ha guardato la mappa? Dopotutto, il percorso a sud del Mar Caspio è molto più conveniente. E in breve, non c'è trasbordo via mare. L'Azerbaigian, ovviamente, decolla, ma la Turchia non se ne pentirà.
    Ma, per molto tempo, non si parla di questo percorso. E perché? La risposta è semplice: KURDS. Basta guardare i luoghi del loro insediamento sulla mappa - e tutto diventerà chiaro. Non può esserci percorso lì.
    Le parti interessate sono di nuovo le stesse: USA, Federazione Russa, Banca Mondiale. Il fatto che stiano sabotando al pubblico - "tse take", al pubblico. Le sciocchezze non faranno male a trovare interessi comuni. Ricordiamo il vecchio detto della Banca Mondiale sugli interessi eterni.
    La Cina, a differenza di un giornale turco, lo capisce bene. Capisce che la sua zona non sarà lì. Pertanto, l'entusiasmo si è da tempo prosciugato.
    E a proposito del gas nel Mar Nero: chi ha detto che alla Turchia sarà consentito estrarlo? Come diceva il classico: "Lo porti fuori dal rango!" Il diritto di legge passa in secondo piano. Il diritto alla forza viene alla ribalta. Chi, ancora, non ha capito - allora sarà più doloroso capire.
    1. chemyurij Офлайн chemyurij
      chemyurij (chemyurij) 5 gennaio 2021 13: 31
      +2
      Citazione: boriz
      Perché Sergei pensa che qualcuno permetterà a Turchia e Azerbaigian di avere questo transito

      Citazione: boriz
      Allora perché Sergei pensa che la WB permetterà a qualche Erdogan di portarle via un pezzo malaticcio: l'assicurazione delle navi Asia - Europa

      Domande giuste. Aggiungerò: se la Cina lo avesse ritenuto necessario, sarebbe stata in grado di stabilire il transito ferroviario attraverso la Turchia già circa dieci anni fa dopo la costruzione di un tunnel attraverso il Bosforo? Direttamente in Europa, bypassando tutti questi collegamenti extra da paesi che non possono garantire un lavoro tranquillo.

      Citazione: boriz
      La Cina, a differenza di un giornale turco, lo capisce bene. Capisce che la sua zona non sarà lì. Pertanto, l'entusiasmo si è da tempo prosciugato.

      È anche vero, la Cina ha bisogno dell'affidabilità e dell'adeguatezza dei partner, ma alla fine anche il denaro gioca un ruolo, meno partner nella catena, meno costi.