AGM-69 contro S-300: come gli USA pianificarono di distruggere la nostra difesa aerea


Durante la Guerra Fredda, gli Stati Uniti ei loro alleati della NATO affrontarono il problema di superare il sistema di difesa aerea profondamente scaglionato dell'Organizzazione del Patto di Varsavia, che era il più efficace al mondo sul territorio dell'URSS, scrive l'edizione americana di Military Watch.


Le forze armate statunitensi hanno speso molti soldi nello sviluppo di mezzi per penetrare e fornire attacchi nucleari tattici e strategici sul territorio sovietico. Allo stesso tempo, l'URSS ha investito molto nella costante modernizzazione della sua difesa.

Alla fine degli anni '1970, l'URSS ha acquisito sistemi di difesa aerea S-300 mobili a lungo raggio (portata fino a 200 km), che hanno integrato l'S-200 stazionario (portata fino a 300 km) in servizio. Negli anni '1980 furono aggiunti i sistemi di difesa aerea mobile "Tor-M1" (tattico) e "Buk-M1" a medio raggio.

All'inizio della Guerra Fredda, gli Stati Uniti si concentrarono sullo schieramento di un gran numero di bombardieri B-70 molto costosi, che ad alta quota a Mach 3 avevano la possibilità di penetrare nel sistema di difesa aerea sovietico. Tuttavia, l'URSS ha sviluppato sistemi di difesa aerea ottimizzati per la guida ad alta quota.

Verso la fine della Guerra Fredda, gli Stati Uniti hanno cambiato strategia. Decisero di creare un gran numero di bombardieri supersonici B-1B Lancer, che avrebbero realizzato i loro piani a basse altitudini, dove il tracciamento e la neutralizzazione è difficile. Ma l'ulteriore rafforzamento della difesa aerea sovietica, compresa l'introduzione di sistemi di difesa aerea mobile e il dispiegamento di un gran numero di MANPADS, ha reso difficile l'attuazione di questi piani.

L'uso di velivoli stealth era un'altra opportunità di nicchia negli Stati Uniti che aveva un potenziale. Tuttavia, la strategia americana più cruda per neutralizzare le difese aeree sovietiche, ma potenzialmente la più efficace, era l'uso di vecchi B-52 armati di armi nucleari tattiche. Dovevano distruggere il sistema di difesa aerea del nemico con attacchi massicci e sproporzionati.

Il B-52 non era né supersonico né poco appariscente e non poteva volare ad altitudini ultra basse e ultra alte. Durante la guerra del Vietnam, un numero enorme di B-52 fu distrutto. Va tenuto presente che il sistema di difesa aerea non era denso e non assomigliava nemmeno approssimativamente alla protezione dell'OVD, e ancor di più all'URSS.

Il B-52 era equipaggiato con un missile nucleare tattico AGM-69 Short Range Attack Missile (SRAM). È un missile aeroballistico aria-superficie, entrato in servizio nel 1972. All'epoca valeva più di 0,5 milioni di dollari. Il raggio della sua azione era di 160 km, trasportava una testata con una resa da 17 a 210 chilotoni. Il peso del razzo era di 1010 kg e la velocità era di Mach 3,5. Pertanto, non è corretto chiamare queste munizioni tattiche, poiché la bomba Malysh sganciata su Hiroshima nel 1945 era di 13-18 chilotoni e la bomba Fat Man sganciata su Nagasaki era di 21-25 chilotoni.

La mancanza di precisione dell'AGM-69 (entro 450 m) è stata più che compensata dalla sua potenza. Si prevedeva di schierare una flotta aerea di B-52 migliorati. Inoltre, ciascuno dei bombardieri trasporterebbe 20 di tali missili. Un colpo di forza inimmaginabile sarebbe caduto sulla difesa aerea sovietica. I bombardieri B-52G e B-52H avrebbero dovuto sfondare la difesa aerea, nonostante le perdite. Dopo la distruzione della difesa aerea, dovettero andare alla distruzione delle città sovietiche. I centri industriali erano il loro principale obiettivo.


Nel 1993, il missile fu ritirato dal servizio, in parte a causa di preoccupazioni per una dubbia fattura. Sorgevano i sospetti che le testate potessero diventare instabili. Sono state trovate crepe in varie parti dei razzi e dei loro motori. Quindi è molto positivo che nessuno abbia osato usarli.

Negli anni '1980, le capacità della difesa aerea dell'URSS aumentarono e divenne molto rischioso attaccare da qualsiasi distanza inferiore a 500 km. La minaccia principale era ora rappresentata dagli intercettori MiG-31 e dai loro missili. Allo stesso tempo, la Russia post-sovietica, nonostante un forte e ampio declino, ha mantenuto il suo settore della difesa. Ha modernizzato l'S-300 e rafforzato ulteriormente il sistema di difesa aerea.
  • Foto utilizzate: USAF Technical Sgt. Kit thompson
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Barmaley_2 Офлайн Barmaley_2
    Barmaley_2 (Barmale) 3 gennaio 2021 20: 45
    +1
    Quindi è molto positivo che nessuno abbia deciso di usarli.

    - sarebbe quindi completo e universale ... tutto
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Winnie Офлайн Winnie
    Winnie (Vinnie) 6 gennaio 2021 01: 36
    -1
    E qual è il problema con il superamento della difesa aerea russa? Ci sono tante opzioni. Eccone uno.