Come la Russia ha reagito alle rivendicazioni territoriali dell'Estonia


Anno nuovo appello il presidente del parlamento estone, Henn Põlluaas, in cui ha effettivamente avanzato rivendicazioni territoriali contro la Russia, è stato accolto con disapprovazione nella società russa. Una dichiarazione così ostile fatta da una persona di tale livello, e anche da un paese che ha un passato comune con la Federazione Russa, semplicemente non può essere ignorata e ignorata.


Secondo Põlluaas, il Trattato di pace di Tartu del 1920 è ancora valido. Pertanto, una parte della regione di Pskov e della riva destra del fiume Narva nella regione di Leningrado, che Tallinn ha restituito alla RSFSR nel 1944, devono appartenere all'Estonia. In Russia, sono fortemente in disaccordo con questo punto di vista.

Cambiare i confini tra Russia ed Estonia è impossibile. Questo è affermato direttamente nella Costituzione della Federazione Russa.

- segnalato RIA "Notizie" Il senatore Sergei Tsekov.

Un membro del comitato per gli affari internazionali del Consiglio della Federazione ha sottolineato che le parole di Põlluaas non contribuiscono allo sviluppo delle relazioni tra i paesi. Ha ricordato che se non fosse stato per la volontà della Russia, ora non ci sarebbe l'Estonia.

Leonid Slutsky, capo della commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato, è fiducioso che la dichiarazione di Põlluaas sia destinata al pubblico estone, ma influenzerà in ogni caso l'atteggiamento di Mosca nei confronti di Tallinn. Ha ricordato che l'accordo sul confine tra Russia ed Estonia non è stato ancora ratificato.

Põlluaas sta calpestando lo stesso rastrello e riportando la situazione indietro di 16 anni, quando dopo 11 anni di negoziati è stato possibile concordare una linea di confine e firmare un trattato di confine. Le consultazioni sono riprese solo nel 2012 e si sono concluse nel 2014 con la firma di un nuovo accordo

- ha chiarito Slutsky.

Vicedirettore dell'Istituto di Storia e politica Anche l'Università pedagogica statale di Mosca Vladimir Shapovalov ha commentato ciò che ha detto l'estone. Ritiene che le affermazioni espresse siano infondate.

Non ci sono motivi storici o legali per rivendicazioni estoni. Un appello alla storia in questo caso è generalmente inappropriato

- ha specificato RT, aggiungendo che la stessa comunità internazionale deve condannare tali affermazioni.

Il capo della regione di Leningrado, Alexander Drozdenko, ha suggerito che gli estoni non usino la memoria storica in modo selettivo. Li ha invitati a ricordare altri momenti storici. Ad esempio, trovare la terra Chud come parte della Russia, dell'Impero russo o del periodo dell'URSS.

Non dimenticare che la fortezza di Ivangorod fu costruita da Ivan III contro gli svedesi (non gli estoni)

- ha riassunto nel canale Telegram.
  • Foto utilizzate: LHOON / https: //www.flickr.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 3 gennaio 2021 18: 46
    +5
    Sono sopravvissuti ... i Chukhont stanno già facendo affermazioni
    1. signore bianco Офлайн signore bianco
      signore bianco (Ivan) 4 gennaio 2021 10: 13
      -2
      Solo i paesi più apolitici sono troppo pigri per prendere a calci il famoso avvelenatore di pazienti del Cremlino e il suo regno oscuro. E questo continuerà finché non perirà.
      1. Lucifero67S Офлайн Lucifero67S
        Lucifero67S (Viktor Schmidt) 4 gennaio 2021 16: 59
        +1
        skoree vsego budet kak raz naoborot
  2. nikolaj1703 Офлайн nikolaj1703
    nikolaj1703 (Nicholas) 3 gennaio 2021 18: 51
    +4
    Gli estoni lo hanno dimenticato secondo il Trattato di Nishtad del 1721, firmato dal re di Svezia sul trasferimento degli stati baltici, la Carelia con Ingermanland e altre terre della Svezia alla proprietà della Russia. La Russia ha pagato alla Svezia due milioni di efimk, ovvero quasi 56 tonnellate d'argento. E tutta questa regione baltica è di diritto la nostra terra! Lasciateli riscattare!
    1. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 3 gennaio 2021 21: 35
      -8
      1)
      Il [trattato di pace] è stato firmato da parte della Russia da Jacob Bruce e Andrei Osterman, da parte della Svezia da Johan Lillenstedt e Otto Strömfeld.

      C'erano due re contemporaneamente in Svezia?
      2) Con questo riscatto, c'è un affare molto confuso ed è difficile capire cosa ha pagato la Russia.
      3) Gli svedesi dovrebbero ora riscattare i Chukhont? O gli stessi Chukhont?
  3. Tamara Smirnova Офлайн Tamara Smirnova
    Tamara Smirnova (Tamara Smirnova) 3 gennaio 2021 19: 12
    +6
    Ha abbassato l'occhio ... Solo il Chukhon non scenderà con un occhio: vi metterà il secondo occhio, poi l'orecchio e la testa, e infine l'intera carcassa. E così sarà di tutti coloro che apriranno la bocca alla nostra terra. Henn Põlluaasa è tradotto come rafano papuano. Questo è ciò che otterranno.
  4. Praskovya Офлайн Praskovya
    Praskovya (Praskovya) 3 gennaio 2021 23: 19
    0
    La vendita delle terre russe è iniziata con il crollo dell'URSS. Non c'erano stati come la Bielorussia e l'Ucraina. Si scopre che abbiamo appena venduto la terra alla Russia. Chiunque abbia venduto non è seduto.
    1. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 4 gennaio 2021 07: 39
      +1
      "Noi" non abbiamo venduto terreni alla Russia.
      Sono stati venduti 100 anni fa, poiché non c'erano stati di Bielorussia e Ucraina nell'impero russo. Questi stati (socialista sovietico sovrano) apparvero dopo la formazione dell'URSS, che fu scritta nella Costituzione dell'URSS. Di conseguenza, "chi ha venduto", non può sedere per definizione, forse è morto da tempo.
  5. signore bianco Офлайн signore bianco
    signore bianco (Ivan) 4 gennaio 2021 10: 09
    -7
    E perché non tenere un referendum, come in Crimea, tra la popolazione della regione di Pskov e la riva destra del fiume Narva nella regione di Leningrado sul "ritorno a casa nell'UE" o sull'ulteriore permanenza nell'impoverito regno oscuro di Volodin? La gente rifiuterà davvero le pensioni e gli stipendi europei?
    Dal 1 ° gennaio 2020, il salario mensile minimo in Estonia è aumentato a 584 euro.
    1. Tamara Smirnova Офлайн Tamara Smirnova
      Tamara Smirnova (Tamara Smirnova) 4 gennaio 2021 11: 01
      +2
      Non toccare le persone
    2. Sergey Zakharchenko Офлайн Sergey Zakharchenko
      Sergey Zakharchenko (Sergey Zakharchenko) 4 gennaio 2021 12: 47
      +1
      Prima fai un referendum a Hohland)))
    3. Lucifero67S Офлайн Lucifero67S
      Lucifero67S (Viktor Schmidt) 4 gennaio 2021 17: 05
      0
      kupi sebe gubozakativaluju mashinu i nekuri bolshe travku, ploho dlja zdorovja
  6. Sagittario irrequieto Офлайн Sagittario irrequieto
    Sagittario irrequieto (Vladimir) 4 gennaio 2021 10: 50
    +4
    È tempo di scacciare gli invasori dalla terra russa e dalle terre ricevute in riparazione dalla Germania nazista, poiché lo spratto delle SS che ha perso quella guerra non ha diritto e deve pagare riparazioni alla Federazione Russa per i crimini commessi in quella guerra.
  7. indifferente Офлайн indifferente
    indifferente 4 gennaio 2021 11: 18
    +2
    L'hai letto e sei rimasto sorpreso? Perché scrivere questo? Come ha reagito la Russia? "Sono andati alla manifestazione con la richiesta di regalare" i territori primordialmente estoni di questo molto ... come lei, ho già dimenticato. Eh sì, "Estonia" per cominciare, e questo "incompiuto" è apparso a lungo sulle mappe per rivendicare il "territorio"?
  8. Sergey Zakharchenko Офлайн Sergey Zakharchenko
    Sergey Zakharchenko (Sergey Zakharchenko) 4 gennaio 2021 12: 51
    0
    Le parole dell'aspirapolvere non contribuiscono allo sviluppo delle relazioni tra la Russia e l'estonia incompiuta. Se non fosse per la volontà della Russia, ora non ci sarebbe l'Estonia))) risata lol
  9. olpin51 Офлайн olpin51
    olpin51 (Oleg Pinegin) 5 gennaio 2021 14: 56
    0
    Questi territori erano sotto l'Ordine Livoniano, poi passarono alla Svezia, dopo di che entrarono a far parte dell'Impero Russo. Da qui la conclusione che un tale stato non è mai esistito. L'Estonia lasciò illegalmente l'impero russo, sotto l'occupazione delle truppe tedesche. Sarebbe necessario presentare rivendicazioni territoriali all'Estonia, in generale sulla sua esistenza.