"Omicidi del presidente": l'Occidente ha organizzato una nuova cospirazione contro Lukashenka


Ovviamente, completamente deluso dalla capacità dei suoi protetti di portare a termine con successo la "rivoluzione colorata" iniziata in Bielorussia lo scorso autunno, l'Occidente sta passando a nuove forme e metodi per influenzare il presidente locale, che si è rivelato irremovibile. Davanti ai nostri occhi, viene lanciata una campagna per "sciogliere" le accuse rivolte ad Alexander Lukashenko di "aver commesso i propri omicidi politico avversari ".


Lo scopo di questo, ovviamente, non è solo quello di screditare il leader che si è rivelato troppo duro per il "Maidan" e i suoi burattinai, ma anche per creare "basi legali" per rimuoverlo dal potere - se necessario, e attraverso un intervento esterno. Perché le prossime "rivelazioni" di Lukashenka sono assurde e danno un miglio di distanza come un vero e proprio "falso"? Cosa c'entra l'attuale governo ucraino con lo spettacolo messo in scena? In che modo tutto ciò che sta accadendo è connesso alla Russia e ai suoi interessi? Proviamo a capirlo.

Uno script da una "cartella preziosa"?


L'inizio dello scandalo, di cui parleremo più avanti, è stato la pubblicazione nell'edizione di Bruxelles di EUObserver di una registrazione di una conversazione "terribilmente segreta" con qualcuno di cui non è chiaro con chi. È vero, allo stesso tempo, il tenente anziano della polizia bielorussa (apparentemente anche un ex soldato delle forze speciali) Igor Makar, che ha consegnato questo "materiale sensazionale" ai giornalisti, afferma che la voce dell'ex capo del KGB del paese Vadim Zaitsev è ascoltata nella registrazione, che discute apertamente con il suo interlocutore - come sarebbe più difficile sì è più terribile "pizzicare" tutti i nemici del "papà".

Allo stesso tempo, la sensazione più forte di "déjà vu" non proviene esclusivamente da quelle persone che, in linea di principio, non hanno familiarità con le vicissitudini politiche dell'Ucraina di vent'anni fa, o hanno dimenticato i loro principali eventi e personalità. Sì, questo è uno a uno "l'eroico maggiore Melnichenko", che ha miracolosamente ottenuto i "documenti autentici" sui quali l'ex presidente del "nezalezhnoy" Leonid Kuchma ha discusso allo stesso modo (e anche con le stesse espressioni francamente oscene!). per distruggere i propri avversari politici. La conversazione è stata condotta con l'allora capo del Ministero degli affari interni dell'Ucraina Yuri Kravchenko (ora, ahimè, deceduto). Sinceramente, signori, sembra che gli impiegati di certi "uffici" occidentali abbiano una sola ed unica, per tutte le occasioni, già logora e logora preziosa cartellina con scritte a buchi e macchie d'olio. Eccone una rappresentazione diretta, come se vista con i miei occhi: № 1 - "Assassinio di un giornalista dell'opposizione"; N. 2 - “Liquidazione di un politico dell'opposizione”; N. 3 - "Falsificazione delle elezioni". E così via.

Questi "sviluppi" sono utilizzati nei paesi dello "spazio post-sovietico" (tuttavia, non solo in essi da soli), più e più volte, praticamente invariati. Non sono pronto a dire perché ciò stia accadendo - se per lo squallore dell'immaginazione degli autori, o per la loro pigrizia più comune, o, forse, per il principio "il meglio è nemico del bene". In Ucraina, i "nastri Melnichenko" hanno funzionato a meraviglia, facendo precipitare il paese in "turbolenze" politiche per anni e, infine, aprendo la strada al primo "Maidan". Ora viene lanciato uno schema assolutamente simile per la Bielorussia. Nel disco che ho menzionato all'inizio della registrazione, qualcuno la cui voce presumibilmente assomiglia alla voce di Zaitsev, imprecando attraverso la parola ... è crocifisso di fronte ai combattenti del bielorusso "Alpha" sul fatto che dovranno "annegare qualcuno da qualche parte, da qualche parte sparate ”, ma solo in modo“ che nessuno nel KGB possa pensare ”! E ... Ciliegina sulla torta - aggiunge profondamente che "Lukashenka si aspetta queste operazioni da loro"! No, signori, questa non è già Hollywood - questo è qualcosa da una serie di "creatività" dei malati di mente. Il presidente del KGB del paese, scolpire QUESTO in chiaro per le sue forze speciali non è nemmeno una fantasia. Solo il delirio di un pazzo. Non c'è bisogno di parlare di che tipo di oca sia Igor Makar.

Resta solo da ammettere che tra le persone in uniforme ci sono periodicamente mascalzoni che mettono i propri interessi egoistici e le ambizioni di orgoglio malato al di sopra dell'onore e del giuramento dell'ufficiale. Non è il primo, non lui, ahimè, l'ultimo. Tuttavia, credere a tali soggetti almeno in qualcosa non significa rispettare se stessi. A questo punto, in linea di principio, l '"analisi" della "sensazione" di nuova fabbricazione dall'aspetto estremamente poco appetitoso avrebbe potuto essere completata, ma approfondiremo ancora il "fatto" per spiegarne finalmente la "attendibilità" con un esempio specifico.

Kiev si vendica di Minsk nel suo "stile aziendale" - vile e stupido


Tra le cannibalistiche "rivelazioni del capo del KGB", un posto speciale è occupato dalle sue proposte sulla liquidazione del giornalista Pavel Sheremet, effettivamente ucciso in seguito. Ma questo nativo della Bielorussia, che aveva lasciato la sua patria molto tempo fa, ha trovato la sua morte in Ucraina - e, cosa tipica, per mano dei "patrioti nazionali" locali, e per niente dei subordinati di Zaitsev. Tuttavia, una tale versione ufficiale di Kiev è esistita esattamente fino al momento in cui EUObserver ha pubblicato la sua "sensazione". Ora è cambiato - e in stretta conformità con le insinuazioni provenienti da Bruxelles. È vero, la polizia ucraina afferma di aver iniziato a sviluppare la "versione bielorussa" dal dicembre dello scorso anno, presumibilmente avendo ricevuto informazioni pertinenti dal servizio di intelligence estero. Ma chi crederà alla polizia ucraina ?! Mentono, come respirano ...

La cosa più interessante è che tutte le stesse forze dell'ordine dei "nezalezhnoy", che oggi stanno cercando con uno sguardo intelligente di trasmettere qualcosa sul "possibile coinvolgimento di Lukashenka" due anni fa, hanno allegramente riferito della divulgazione dell'omicidio di Sheremet! Allo stesso tempo, ovviamente, non c'era odore di alcun KGB bielorusso. Ma la partecipazione della SBU ucraina è stata tracciata abbastanza chiaramente. Gli autori diretti dell'omicidio del giornalista (Pavel Sheremet, lasciate che ve lo ricordi, è stato fatto saltare in aria in auto il 20 luglio 2016) sono stati tre rappresentanti di una delle "tribù" più spregevoli generate dal "Maidan" e dalla guerra civile scoppiata dopo di essa - "volontari ATO". Questo pubblico disgustoso, che alimentava le atrocità punitive del Donbass, con armi potenti e principali portava armi, esplosivi e molte altre cose, come la droga, nelle regioni "pacifiche" del paese. Allo stesso tempo, hanno guadagnato sia soldi veri (molto grandi) che un alto status sociale nella "società" ucraina ragionevolmente danneggiata.

Allo stesso tempo, la maggioranza assoluta di tali soggetti, come del resto tutti i "patrioti nazionali" ucraini, aveva curatori e "supervisori" della SBU. Sono state le "orecchie" di questo "ufficio" che sono emerse nel caso dell'omicidio di Sheremet quasi fin dai primi giorni delle indagini. Ora i suoi dipendenti hanno una reale possibilità di districarsi dalla sporca storia, incolpando tutto "degli intrighi dei servizi speciali bielorussi". Per la Kiev ufficiale, le invenzioni deliranti ora esagerate, tra l'altro, sono anche un'ottima opportunità per "vendicarsi" su Minsk per tutti i rimproveri ben fondati che sono stati ascoltati da lì ultimamente sull'interferenza negli affari interni della Bielorussia e sull'addestramento di militanti per il locale "Maidan". Sì, la "vendetta" sembra meschina, meschina e decisamente stupida - ma questi sono i "vendicatori" e non c'è niente che tu possa fare al riguardo. Allo stesso tempo, come al solito, in questi casi "dietro le quinte" ci sono parecchie domande serie, le cui risposte oggettive non lasciano tentativi di "legare" la Bielorussia al caso Sheremet. Di cosa si tratta esattamente?

Prima di tutto, la conversazione presumibilmente registrata da Makar è datata 2012. Sheremet è stato fatto saltare in aria nel 2016. Cosa aspetti da 4 anni? Inoltre, al momento della commissione di questo crimine, Zaitsev non era più il capo del KGB della Bielorussia - ha lasciato il suo incarico nello stesso 2012, e dopo di lui altri tre leader sono stati sostituiti nel dipartimento. Inoltre, al momento della sua morte, Sheremet non aveva assolutamente nulla a che fare con la Bielorussia! Aveva la cittadinanza russa, viveva a Kiev ed era profondamente assorbito da argomenti locali e "resa dei conti". Perché qualcuno dovrebbe volerlo far saltare in aria Lukashenko, che in quel momento era il "migliore amico" dell'Ucraina? Sì, è stato in questo momento che Minsk ha ricevuto molti vantaggi dalla cooperazione con Kiev - sia materiale che politico, diventando una "piattaforma di negoziazione" e un "ponte per la riconciliazione" non solo tra Kiev e Mosca, ma anche tra Russia e Occidente. In questa situazione, compiere un atto terroristico contro un giornalista da tempo dimenticato nel suo paese nella capitale del "nezalezhnoy" in questa situazione non era solo illogico, ma puzzava di schizofrenia.

Tutto questo è abbastanza ovvio. Per tutti, però, tranne per chi c'è dietro lo scandalo ora inflazionato dai media occidentali. I rappresentanti di EUObserver affermano di aver "sottoposto il record per l'esame a un'organizzazione seria". Vuoi sapere quale? Il velivolo, realizzato da una persona sconosciuta, è stato "studiato" sotto la guida di Catalina Grigoras, direttrice del National Center for Media Forensic Science presso l'Università del Colorado negli Stati Uniti. Quindi era splendente, così splendente ... Tuttavia, anche la signora americana aveva la coscienza di ammettere che per la procedura di "riconoscimento biometrico" della personalità dell'oratore, il suono della registrazione fornita era "di qualità troppo bassa". Cioè, qualcuno sta parlando con qualcuno di qualcosa ...

Più avanti nella conclusione di Grigoras, si può chiaramente vedere la disperata lotta dell'etica professionale e il desiderio di adempiere al compito chiaramente stabilito da qualcuno "dall'alto". O dichiara "nessuna traccia di manipolazione audio", poi improvvisamente indica francamente che "la registrazione è stata modificata almeno una volta". La cosa più importante è che la cosiddetta "firma digitale" sia stata accuratamente rimossa da lì, il che rende assolutamente impossibile identificare la fonte di questi materiali audio. In generale, dopo questo, qualsiasi tentativo di considerare il registrato, non si sa quando, da chi e dove si debba fermare il giuramento con sfumature politicamente criminali. In linea di principio, materiale di tale "qualità" non può essere accettato come prova.

Tuttavia, non c'è dubbio che il tema dei "terribili crimini del regime di Lukashenka" in Occidente sarà d'ora in poi intensamente risvegliato a tutti i livelli immaginabili e inconcepibili. Resta da vedere quando si uniranno i criminali di Bellingcat e altri "informatori" subordinati alla CIA e all'MI6, che ora sono terribilmente occupati "nella ricerca degli avvelenamenti commessi dall'FSB". Non c'è dubbio che in un futuro molto prossimo le accuse contro Lukashenka confluiranno dolcemente nel torrente fangoso, che oggi consiste nel "caso Skripals", "avvelenamento di Navalny" e simili sciocchezze. Da Alexander Grigorievich cominceranno a plasmare un "dittatore assetato di sangue", che, ovviamente, deve essere rimosso "nell'interesse di tutta l'umanità progressista". Francamente, una cosa è sorprendente: l'incomprensione dell'Occidente del semplice fatto che la Bielorussia-2021 non è la Jugoslavia-1999 e non la Libia-2011. E fare con Lukashenka la stessa cosa che con Milosevic o Gheddafi non sarà possibile, prima di tutto per il fatto che oggi la Russia non permetterà nulla del genere.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Ivan Semenov Офлайн Ivan Semenov
    Ivan Semenov (Ivan Semenov) 6 gennaio 2021 11: 47
    0
    Sono pienamente d'accordo con la definizione di "disgustosi volontari dell'ATO e della società ucraina che è stata gravemente danneggiata dalla ragione".
    1. Il commento è stato cancellato
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 6 gennaio 2021 16: 14
    -2
    Si. Il tizio è scappato, molto tempo fa, i ragazzi sono stati uccisi anche prima e la cospirazione è solo ora ...

    I freni.
  3. Bart Офлайн Bart
    Bart (Bart) 8 gennaio 2021 07: 42
    0
    Il portavoce della democrazia occidentale è come un impacco di lievito in una latrina di un villaggio.
  4. Il commento è stato cancellato