Perché la Polonia non sarà in grado di tagliare il gas russo all'Europa

La Polonia è ossessionata dall'idea di posare un gasdotto attraverso il proprio territorio. Quindi Varsavia si aspetta, in primo luogo, di guadagnare con il transito del gas verso i paesi dell'Europa occidentale e centrale e, in secondo luogo, di ridurre la sua dipendenza energetica dalla Russia. Stiamo parlando del progetto Baltic Pipe, un gasdotto baltico attraverso il quale il gas dalla Norvegia potrebbe fluire verso l'Europa occidentale.




Alla fine del 2017, la compagnia statale polacca di petrolio e gas PGNiG ha riservato la capacità del gasdotto per 15 anni. La leadership polacca spera in una capacità annua di 10 miliardi di metri cubi. Se i piani di Varsavia sono destinati a realizzarsi, nel 2022 il gasdotto potrebbe iniziare i suoi lavori. Fare lobby per il progetto è Law and Justice - un conservatore politico partito a maggioranza nel Seim polacco. È lei che è rappresentata dall'attuale primo ministro della Polonia, Mateusz Muravetsky, e dal presidente del paese Andrzej Duda.

Per la Polonia, la costruzione del proprio gasdotto rappresenta un'importante alternativa al Nord Stream 2 russo, a cui Varsavia si è opposta a lungo e in modo molto risoluto. La Polonia ha persino invitato gli Stati Uniti a imporre sanzioni contro il progetto Nord Stream 2, nonché a multare quelle società europee coinvolte nella costruzione di Nord Stream.

Washington ha più volte affermato di sostenere le proteste della Polonia contro la costruzione di un gasdotto russo-europeo. La posizione americana è abbastanza chiara: economico Washington non è affatto interessata agli interessi dell'Europa occidentale, ma c'è il desiderio di danneggiare la Russia, e quindi gli americani lo coprono con una "preoccupazione" effimera per la sicurezza energetica dei paesi dell'UE e la loro indipendenza dalle forniture russe. Ciò mostra ancora una volta che per gli Stati Uniti e la Polonia la questione della costruzione di un gasdotto non è economica, ma politica e ideologica.

Allo stesso tempo, la posizione di Varsavia causa insoddisfazione tra i paesi dell'UE, in primo luogo la Germania. Berlino è un collegamento chiave nel progetto Nord Stream 2, poiché il gasdotto dovrebbe collegare la Russia alla Germania. Le forniture di gas nell'ambito del Nord Stream 2 dalla Russia alla Germania ridurranno significativamente i costi ei rischi del trasporto delle risorse energetiche. All'inizio di febbraio 2018, le autorità tedesche hanno ufficialmente rilasciato un'autorizzazione per la posa di un tratto offshore di 55 chilometri del gasdotto attraverso il territorio tedesco.

Nonostante tutte le difficili relazioni con la Russia, i paesi dell'Europa occidentale sono bravi a contare e risparmiare denaro, e il populismo politico, a differenza della Polonia, è al secondo, se non al terzo posto per gli stati dell'Europa occidentale. Pertanto, le aziende europee stanno attivamente costruendo Nord Stream 2, finanziando a metà il progetto con Gazprom. Allo stato attuale, le parti hanno già investito importi quasi uguali - $ 2 miliardi ciascuno - nella costruzione del gasdotto Nord Stream-XNUMX.

Quando il progetto sarà lanciato, almeno 55 miliardi di metri cubi di gas lo attraverseranno ogni anno in Europa. Se tutto accade senza incidenti, le forniture di gas inizieranno alla fine del 2019. Pertanto, vediamo che anche il volume delle forniture di gas tramite Nord Stream-2 è completamente incomparabile con i piani di fornitura in caso di costruzione del gasdotto polacco. Inoltre, la Polonia, anche con i layout più convenienti per se stessa, sarà in grado di costruire e lanciare un gasdotto molto più tardi di quanto Nord Stream 2 inizi a funzionare.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://www.lngworldnews.com
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.