L'Ucraina nucleare è uno scenario terribile che potrebbe verificarsi negli anni '90


Il crollo dell'Unione Sovietica ha dato origine a un numero enorme di problemi geopolitici, strategico-militari ed economici. Molti di loro si fanno sentire ancora oggi e avranno un impatto sia sugli stessi paesi dello “spazio post-sovietico” sia sul loro rapporto per un tempo molto lungo.


Tuttavia, se alcuni dei processi per la "divisione della proprietà" tra le ex repubbliche sovietiche fossero andati secondo uno scenario diverso da quello che è successo nella realtà, tutto avrebbe potuto essere molto più deplorevole. Immagina, ad esempio (adattato alla realtà odierna), l'Ucraina, che ha un potenziale nucleare. Ma tutto sarebbe potuto andare in quel modo ...

Freno atomico per Washington


Pochissime persone lo sanno, ma il più potente "scudo" nucleare non solo proteggeva l'Unione Sovietica ei paesi che erano membri del Patto di Varsavia per decenni da qualsiasi invasione aggressiva dei nostri nemici dalla NATO. È diventato anche un ostacolo sulla strada di quei rappresentanti dell'Occidente che volevano avviare il processo di disgregazione del nostro Paese secondo lo scenario peggiore, caotico e del tutto incontrollabile. Il fatto è che nel 1991, tra i veri "architetti della perestrojka", per la maggior parte localizzati all'estero, due tendenze non solo diverse, ma, si potrebbe dire, antagoniste hanno cominciato a prendere forma più che distintamente. I rappresentanti della prima credevano che l'URSS fosse già condannata (e lo erano, ahimè, proprio in questo) - gli eventi negli stessi stati baltici e in altre repubbliche sindacali hanno dimostrato che estremamente indebolito, disorientato e annegato nella sua stessa verbosità, il Centro aveva già deciso di non fare nulla per salvare il paese. non essere in grado di. La "parata delle sovranità" era in pieno svolgimento ed era chiaramente oltre il potere di Gorbaciov e del suo entourage fermarla. Quindi, come hanno insistito coloro di cui parliamo, l'Occidente dovrebbe agire secondo il principio di Nietzsche: "spingere chi cade".

L'URSS e il suo aspirante leader dovrebbero semplicemente essere privati ​​di qualsiasi forma di sostegno e, mentre bevono whisky accanto al caminetto, aspettare che il paese crolli da solo. E poi - anche un diluvio su 1/6 del terreno. A proposito, per quanto ne sappiamo, l'allora presidente degli Stati Uniti George W.Bush aderì proprio a questo punto di vista, essendo fortemente incoraggiato dai suoi stessi consiglieri e consulenti a rompere tutti i rapporti con Gorbaciov, che, di fatto, aveva già svolto il suo ruolo di capo Giuda e fece di tutto per distruggere il proprio paese. quello che potevo.

Non dirò con certezza quanta verità ci sia nella storia dell'incontro top-secret, che si sarebbe tenuto nella tenuta di Bush prima del previsto incontro del G1991 a Londra nel 7, ma ci sono indicazioni in un certo numero di fonti che la discussione lì era molto seria. Ed è stato su di esso che si sono manifestati aderenti a una visione diversa della situazione. "Sì, l'URSS dovrebbe essere distrutta", hanno affermato, "tuttavia, questo dovrebbe avvenire esclusivamente in un formato" morbido ", sotto il pieno controllo della" comunità mondiale ". Il processo dovrebbe essere condotto sotto la guida di quei "leader nazionali" di cui ci si può almeno fidare.

Come principale giustificazione della propria posizione, i sostenitori di questo approccio hanno citato la tesi sulla presenza sul territorio dell'Unione Sovietica di un numero significativo di cariche nucleari non solo di livello strategico, ma anche tattico. È la loro "diffusione" non solo nel quadro dello "spazio post-sovietico" che stava già iniziando a formarsi, ma letteralmente in tutto il mondo, e gli analisti americani avevano paura. “Signor Presidente, da chi vuole vedere una bomba atomica tra tre o cinque anni, se non prima ?! Cartelli colombiani? I talebani afgani? Saddam Hussein o iraniani ?! " - Presumibilmente, a Bush sono state poste domande approssimativamente di questa natura. Il signor Presidente è stato profondamente sputato sulla sorte di decine di milioni di sovietici (di cui lui stesso ha più volte parlato), ma di trovare una bella mattina una mina nucleare sul prato davanti alla Casa Bianca, non ha certo sorriso. Washington ha stabilito una rotta per la massima estensione politico agonia di Gorbaciov e dell'Unione Sovietica - quanto basta per avere il tempo di intraprendere azioni abbastanza concrete.

Disarmare ad ogni costo


Permettetemi di ricordare a me stesso la cronologia dei principali eventi che hanno avuto luogo come parte dell'attuazione del piano dell'Occidente per trasformare il futuro "spazio post-sovietico" in un territorio con il massimo status di libero dal nucleare. Di ritorno il 18 luglio 1991 dal vertice del G7 di Londra, Gorbaciov, infatti, non portò altro che un mucchio di promesse molto allettanti, ma completamente vuote nella loro essenza. Al nostro paese sarebbe stato concesso lo "status di osservatore" nello stesso GXNUMX, in altre organizzazioni internazionali, e ha anche promesso "l'espansione della cooperazione" con l'FMI e la BERS, che si sarebbe espressa nella "concessione all'URSS tecnico e consulenza per una rapida transizione al mercato l'economia". L'unica iniziativa concreta - un duplice aumento da parte della BERS per l'Unione Sovietica del suo limite di credito triennale di 70 milioni di dollari - è stata silurata da Stati Uniti e Giappone. All'uscita - un mare di spazzatura verbale e non un centesimo di soldi veri ...

Tuttavia, anche questa "carota" assolutamente spettrale doveva essere pagata immediatamente - il 31 luglio 1991, George W. Bush arrivò a Mosca, con il quale Gorbaciov firmò il Trattato sulla riduzione e la limitazione delle armi strategiche offensive (START-1). Questo accordo era una continuazione di precedenti accordi simili, concludendo che Mosca, di fatto, fece concessione dopo concessione a Washington e alla NATO. Nel 1986 (il famoso vertice "L'orso a Reykjavik") Gorbaciov accettò di ridurre i nostri missili, non tenendo conto degli arsenali degli alleati degli Stati Uniti nell'Alleanza del Nord Atlantico, ma stava ancora cercando di collegare questo accordo con il Trattato ABM. Nel 1989, la parte sovietica abbandonò questa condizione e accettò anche di "chiudere gli occhi" sullo spiegamento degli Stati Uniti di nuovi missili da crociera marittimi. In una parola, hanno accettato tutto tranne il matrimonio ...

START-1 è stato firmato pochi mesi prima del crollo dell'URSS e della cospirazione traditrice a Belovezhskaya Pushcha. Dopo la sua implementazione, il mondo ha visto con orrore che d'ora in poi il terzo e il quarto posto nell'elenco dei paesi con il più grande arsenale nucleare del pianeta erano occupati (anche se puramente ipoteticamente) da Ucraina e Kazakistan! Kiev ha ricevuto più di 1200 testate guidate individualmente e Alma-Ata più di mille. Il numero che a quel tempo superava il potenziale nucleare non solo della Cina, ma della Gran Bretagna e della Francia, e prese insieme. Sì, alla fine del 1991, le suddette repubbliche, così come la Bielorussia, sul cui territorio disponevano anche di armi atomiche, hanno firmato un accordo per il controllo congiunto su di esse. All'inizio del 1992, nel quadro della CSI, furono persino annunciate le intenzioni di creare un comando congiunto delle forze strategiche.

Tuttavia, in realtà, a quel punto, la "valigia nucleare" era già nelle mani di Boris Eltsin. Quest'ultimo, ovviamente, ha dichiarato una promessa che "la decisione di utilizzare armi nucleari può essere presa solo previo accordo con Ucraina, Kazakistan e Bielorussia", ma il vero costo di tali promesse era chiaro a tutti ... Allo stesso tempo, i missili strategici hanno causato l'Occidente ha la minima preoccupazione: l'assicurazione contro il fatto che verranno lasciati negli affari dei "quadri locali" era abbastanza affidabile. Per non parlare dei codici di lancio, che avrebbero impiegato un numero imprecisato di anni per "bypassare", le testate venivano tenute allo sbando, e per portarle in uno stato idoneo all'uso non serviva solo attrezzature speciali, ma anche il lavoro dei corrispondenti specialisti di altissima categoria. Con le accuse tattiche, la cui decisione sul cui utilizzo poteva essere presa a livello del comandante distrettuale, la situazione era molto più complicata. In ogni caso, questo è ciò che pensavano Washington e Bruxelles.

Come Kiev è diventata ricca con una bomba


Tra i documenti recentemente declassificati da Langley, c'è un messaggio che cita l'ex direttore della CIA William Webster su un tentativo da parte di estremisti locali in Azerbaigian nel febbraio 1990 di sequestrare un deposito di tali munizioni alla periferia di Baku. La cosa più interessante è che in alcune fonti nazionali questa storia è confermata, e anche con dettagli molto spiacevoli - come la tortura, con l'aiuto della quale i terroristi hanno cercato di ottenere i "codici di attivazione" dal comandante dell'unità catturato. Fortunatamente, le forze speciali sono arrivate in tempo ei proprietari falliti della bomba atomica hanno ricevuto un proiettile alla testa invece dei codici. Comunque sia, ma i conflitti armati che hanno iniziato a divampare già alla fine degli anni '80 del XX secolo alla periferia del paese hanno spinto la 12a Direzione principale del Ministero della Difesa dell'URSS, responsabile per lo stoccaggio e la conservazione delle armi nucleari, ad avviare operazioni su larga scala per rimuovere i tipi più pericolosi di armi. dai territori delle "repubbliche fraterne".

Il primo della lista era (abbastanza naturalmente) il Caucaso, poi i Paesi Baltici, la Moldova e l'Asia centrale. Non avevano fretta con l'Ucraina e, come si è scoperto, invano. È stata Kiev che in seguito ha agito come principale fonte di nervi nel processo del "divorzio nucleare" che si trascinava da molti anni. Gli Stati Uniti non avevano assolutamente bisogno di scarsamente prevedibili e non sotto il loro pieno controllo "non stranieri" con una bomba atomica. Una condizione assolutamente inequivocabile è stata posta alla leadership di Ucraina, Bielorussia e Kazakistan: entrare a far parte di START-1. Altrimenti - nessun aiuto, né politico, né, soprattutto, materiale. Allo stesso tempo, c'erano due opzioni: le armi nucleari potevano rimanere nelle loro basi attuali, ma si sarebbero trasformate automaticamente in basi militari russe. Oppure - viene esportato nel territorio del nostro paese. In ogni caso, i nuovi stati avrebbero dovuto accettare START-1 come non nucleare.

Il protocollo corrispondente è stato firmato con le dimissioni dai rappresentanti di Kiev, Minsk e Alma-Ata a Lisbona il 23 maggio 1992. Lì, hanno anche assunto l'obbligo di aderire al Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, in quanto paesi che vi hanno rinunciato per sempre. Dobbiamo rendere omaggio ai bielorussi e ai kazaki: hanno rispettato i loro obblighi in modo rigoroso, senza organizzare isterismi e ricatti a buon mercato. Bene, e l'Ucraina non sarebbe Ucraina se facesse lo stesso. Allo stesso tempo, nel "documento fondamentale" relativo alla propria "non-redditività", la Dichiarazione di sovranità statale, adottata nel 1990, i politici locali hanno prescritto in modo chiaro e inequivocabile lo status di non nucleare, non allineato e neutrale del paese. Nuova leggenda ... 176 missili balistici intercontinentali con 1240 testate nucleari e quattro dozzine di bombardieri strategici con un migliaio di missili da crociera in grado di trasportarli, sembravano a Kiev un boccone troppo gustoso, che è semplicemente stupido dare "per così".

All'inizio l'allora presidente Leonid Kravchuk (quello che ora sta negoziando sul Donbass) ha esitato, improvvisamente "preoccupato" che i missili inviati in Russia "cadessero nelle mani sbagliate". In effetti, era una scusa per iniziare a proporre sia alla Russia che agli Stati Uniti tutte le nuove assurde richieste generate dal gracidante "animale nazionale" verde. Nazalezhnaya iniziò a estorcere una sorta di "garanzie di sicurezza", concessioni su tutti i punti controversi delle relazioni con Mosca, e prima di tutto - denaro, denaro e ancora denaro. La locale Verkhovna Rada, nel frattempo, ha cominciato a "modificare" il testo di START-1, affermando che lo avrebbe ratificato solo nella versione che avrebbe lasciato all'Ucraina il diritto di rinnovare la sua adesione al "club nucleare". Kravchuk è stato sostituito alla presidenza dal suo omonimo Leonid Kuchma, e il grado di insolenza delle rivendicazioni ucraine non solo aumentava, ma non diminuiva. Alla fine, l'importo del "risarcimento" dichiarato da Kiev è aumentato a quasi 3 miliardi di dollari. Altrimenti non rinunceremo alle bombe!

Bandera con una bomba ?! Improbabile, ma ...


Il problema in questo caso è sorto non solo con Kiev, ma anche con Washington. Ad un certo punto, si sono resi conto che se i missili portati fuori dal "nazalezhnoy" e distrutti in Russia gli fossero stati "accreditati" nell'ambito dell'attuazione dello START-1, allora la "parità" alla fine avrebbe potuto essere completamente non a favore degli Stati Uniti. Gli americani categoricamente non volevano smaltirli sul proprio territorio: il costo di un simile evento sarebbe stato semplicemente esorbitante. Di conseguenza, hanno iniziato a fare pressione su Mosca per prendere e distruggere le testate, ma ... come quelle ucraine! Il Cremlino si arrese, rendendosi conto che trascinare il processo avrebbe potuto portare a risultati molto peggiori: a quel punto, i "nezalezhnoy" avevano iniziato a bloccare e sequestrare insolentemente i treni delle lettere che stavano estraendo armi nucleari. Secondo l'intelligence, l'esercito locale stava seriamente tentando di "risolvere" la possibilità di stabilire il controllo su queste munizioni e sui loro vettori. Affari impossibili? Beh, non dirlo ...

Non dimenticare che il famoso ufficio di progettazione Yuzhnoye e le imprese corrispondenti per la produzione di apparecchiature per fumetti a razzo lavoravano solo in Ucraina. Nei primi anni di "nezalezhnost" scientifico, personale, potenziale industriale non era ancora stato distrutto a terra. Sono bastati sia i militari che gli specialisti del complesso militare-industriale, che avevano una "scuola" sovietica, che sapeva e sapevano fare molto ... Quindi poteva andare diversamente. I dipendenti della 12a Direzione Principale del Ministero della Difesa, di cui ho parlato prima, hanno dovuto fare incredibili trucchi e combinazioni operative per "grattare" le rimanenti testate dal territorio ucraino. È arrivato al punto che sono stati portati fuori di notte su camion in panne, sotto uno strato di immondizia e sorvegliati da forze speciali travestiti da caricatori ubriachi ... Kuchma, che oggi alcune persone cercano di rappresentare quasi come "il migliore amico della Russia" ha continuato a cercare di "attorcigliare le corde" sia russi che americani, minacciando, esigendo e implorando sempre più sussidi e benefici.

Alla fine, lo hanno colpito solo le promesse del completo isolamento internazionale dell'Ucraina e l'imposizione delle più severe sanzioni economiche su di essa. Kiev ha ricevuto denaro - è chiaro che non 3 miliardi di dollari, ma 500 milioni di dollari dagli Stati Uniti nell'ambito del famoso programma di utilizzo di Nunn-Lugar e combustibile nucleare per centrali nucleari del nostro paese per altri 150 milioni di dollari. Il TNP e lo START I dovevano essere firmati, confermando e sottolineando lo stato di uno stato libero dal nucleare. L'apice dei "successi diplomatici" di Leonid Kuchma è stato il famoso Memorandum di Budapest, firmato anche da rappresentanti di Russia, Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. Questo documento è stato inizialmente concepito da coloro che il presidente ucraino è riuscito a trascinare al tavolo dei negoziati, come un pezzo di carta vuoto e non vincolante - e alla fine si è rivelato essere. Non ha valore legale e non obbliga nessuno a nulla. Allo stesso tempo, secondo le memorie liberamente disponibili dei diplomatici americani, il Dipartimento di Stato americano non ha voluto dare alcun "carattere vincolante" al memorandum. Anche l'Ucraina a quel tempo "prese" tutti con i suoi piagnistei, avidità, sfacciataggine e tentativi di superare in astuzia tutti e tutto.

Inoltre, nel 1994 - ed è stato allora che le firme dei suoi rappresentanti sono finalmente apparse sotto tutti i documenti e gli accordi necessari, tutti sapevano già perfettamente che le armi della "non vendita" venivano vendute (sia legalmente che, per la maggior parte, contrabbandate) in tutti i "punti caldi" del pianeta. Per non includere una bomba atomica in qualche "listino prezzi", Kiev era pronta a promettere qualsiasi cosa. Ma solo promessa. Oggi possiamo solo rallegrarci che il terrificante spettro di un selvaggio Neo-Bander con una "mazza" nucleare tra le mani non potrà mai diventare realtà.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Офлайн pischak
    pischak 9 gennaio 2021 12: 35
    +3
    "Memorandum di Budapest" (intorno alle "garanzie" di cui gli individui più densi e senza cervello del branco di Maidanopithecus stanno ora "gemendo" in modo così risentito) non come gli altri paesi firmatari, ma anche le stesse autorità NON hanno ratificato la "piazza" (e allora cosa chiedere agli altri ?! strizzò l'occhio )! wassat
    1. irregolare Офлайн irregolare
      irregolare (VADIM STOLBOV) 9 gennaio 2021 12: 54
      -9
      1) Il Memorandum, secondo il suo testo, entra in vigore dal momento della firma. Quelli. "ratifica" non è richiesta.
      2) Adempite personalmente solo a quelle promesse certificate da un notaio?
      1. sgrabik Офлайн sgrabik
        sgrabik (Sergey) 9 gennaio 2021 13: 19
        +8
        Un memorandum è un documento di intenzioni specifiche, non un accordo con clausole specifiche che tutti i firmatari devono rispettare, quindi non scrivere queste assurdità ridicole !!!
        1. irregolare Офлайн irregolare
          irregolare (VADIM STOLBOV) 9 gennaio 2021 13: 22
          -4
          Il presente memorandum sarà applicabile dal momento della firma.
          Firmato in quattro copie con la stessa forza in inglese, russo e ucraino.
          Per l'Ucraina: (firmato) Leonid Kuchma
          Per la Federazione Russa: (firmato) Boris Eltsin
          Per il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord: (firmato) John Major
          Per gli Stati Uniti d'America: (firmato) Bill Clinton

          Cosa significa (dal tuo punto di vista) la frase "sarà applicabile"?
      2. pischak Офлайн pischak
        pischak 9 gennaio 2021 13: 28
        +1
        Citazione: irregolare
        1) Il Memorandum, secondo il suo testo, entra in vigore dal momento della firma. Quelli. "ratifica" non è richiesta.
        2) Adempite personalmente solo a quelle promesse certificate da un notaio?

        Irregolare, ti rispondo personalmente, senza notaio!
        Se volessi "discutere", anche del "Memorandum di Budapest" e del suo testo (un documento dichiarativo, appunto, che si occupa dell'uso e della minaccia dell'uso contro l'ex SSR ucraino, che è diventata una "Ucraina libera dal nucleare", armi nucleari di USA, Gran Bretagna e la Federazione Russa, e consultazioni su questo tema con il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite), con densi maydopithek e altri Goebbelsuchs, allora andrei dal Censore, e non dal Reporter! sì
        1. irregolare Офлайн irregolare
          irregolare (VADIM STOLBOV) 9 gennaio 2021 13: 34
          -5
          Hai detto anche più del necessario. Ma leggono un po 'meno. Aggiorna il testo e sii sano!
  2. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 9 gennaio 2021 14: 52
    -1
    L'articolo serve solo per classificare. La storia non accetta "e se". Tutti sanno come scuotere l'aria. L'autore, scrivi con un occhio a Marzhetsky - usa il congiuntivo meno spesso di te. Non devi scrivere per scrivere. Sciocco e controproducente.
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 9 gennaio 2021 15: 58
    +4
    Un memorandum (lat. Memorandum - quello che devi ricordare) è un documento informativo e di riferimento che espone le opinioni su qualsiasi problema.

    Inoltre, l'Occidente ha fatto pressione sull'Ucraina, minacciando l'isolamento, ha detto Kravchuk. Secondo lui, ciò era dovuto al fatto che i missili dispiegati sul territorio ucraino erano diretti verso gli Stati Uniti. Pertanto, la rinuncia alle armi nucleari era "l'unica soluzione possibile", ha assicurato l'ex presidente. I missili ucraini furono portati in Russia o distrutti. Kiev ha ricevuto assistenza finanziaria dagli Stati Uniti come compensazione, forniture preferenziali di risorse energetiche dalla Russia, compreso il carburante per le sue centrali nucleari, nonché garanzie di sicurezza sancite nel Memorandum di Budapest. Tuttavia, queste garanzie, come ha notato Leonid Kravchuk, erano formali: "Il meccanismo (sanzioni in caso di violazione. - Ndr) non era prescritto".

    Anche esperti come Gerhard Simon dell'Università di Colonia lo sottolineano. "Non è scritto da nessuna parte che in caso di violazione di questo memorandum da parte di uno stato, il resto utilizzerà la forza militare", ha detto Simon in un'intervista a DW. Il pubblicista tedesco ed esperto di Ucraina Winfried Schneider-Deters valuta la situazione in modo simile: "L'accordo non vale la carta su cui è scritto". A suo avviso, nel caso della Crimea, il memorandum è stato violato non solo dalla Russia, ma anche dai paesi occidentali..

    L'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina Stephen Pifer, che ha partecipato alla sua firma.

    “Il testo inglese del memorandum contiene la parola" assicurazioni ", cioè" assicurazioni di sostegno ", ma non" garanzie ". Questa è una differenza importante. Ad esempio, i nostri alleati della NATO hanno garanzie di sicurezza. La Corea del Sud e il Giappone, con cui gli Stati Uniti hanno trattati di difesa congiunta, hanno garanzie. Nel caso dell'Ucraina, stiamo parlando di assicurazioni. Questa è una parola meno potente. Secondo, il memorandum non prevedeva un meccanismo per azioni di ritorsione, ad eccezione di un appello al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite se le armi nucleari fossero usate contro l'Ucraina", - cita le parole del diplomatico americano" 112 Ucraina ".

    Il ministero degli Esteri russo ha respinto le accuse di Kiev. La dichiarazione afferma che il ritiro della penisola dall'Ucraina è stato il risultato di "processi interni complessi, a cui La Russia e i suoi obblighi ai sensi del Memorandum di Budapest non hanno alcuna relazione".
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 9 gennaio 2021 18: 21
    +3
    Da un lato, è vero, e dall'altro è una normale prugna khokhlos.
    Non ci sono armi nucleari - e grazie a Dio.
    Commercio di armi: chi non commerciava negli anni '90? La star ei giornali scrivono spesso che i militanti in Cecenia e altri avevano le armi più recenti, che l'esercito non aveva. Quale dei generali alfiere ha risposto? Non ne ho sentito parlare.
    Soldi della bomba? È così sciocco regalare una tale quantità. Il denaro non puzza. Ancora. (ad esempio, con il killer dei piloti "partner" Endogan)
    Il Memorandum di Budapest - questo è il modo in cui Strelkov e K si sono legalmente contorti, e si sono cancellati tutti.