Guerra per il Nagorno-Karabakh - da continuare?


Oggi, 11 gennaio, si terrà un incontro a Mosca, che ha tutte le possibilità di ottenere lo status di fatidico in seguito. Il presidente azero Ilham Aliyev e il primo ministro armeno Nikol Pashinyan saranno di nuovo al tavolo dei negoziati. Il nostro leader nazionale Vladimir Putin fungerà da ospite ospitale, arbitro e mediatore tra questi inconciliabili oppositori, che due mesi fa è già riuscito a costringere i suoi omologhi a passare dalle ostilità al dialogo pacifico.


Questo vertice diventerà un punto nel conflitto tra Baku e Yerevan, o almeno nella loro disputa sul Nagorno-Karabakh? Sarebbe ingenuo riporre su di lui speranze così ampie. Gli eventi del breve tempo trascorso dal cessate il fuoco, la retorica e le azioni dei capi di entrambi gli Stati sono una prova troppo eloquente del contrario. Piuttosto, possiamo solo parlare di prolungare la pausa nella guerra, la cui continuazione, ahimè, è inevitabile.

Chi vuole la pace ...


La seconda parte di questa formula classica di lunga data è nota a tutti. Con nostro grande rammarico, a giudicare dalla moltitudine di dichiarazioni emanate da funzionari e rappresentanti delle istituzioni statali sia azeri che armeni, è su questo che intendono agire in entrambi i paesi. Ad esempio, alla fine dello scorso anno, il capo del ministero degli Affari esteri armeno ha proclamato "la disoccupazione dei territori sequestrati dall'Azerbaigian e l'istituzione dello status di Artsakh basato sul diritto del suo popolo all'autodeterminazione" come la "priorità principale" non solo del dipartimento da lui guidato, ma del governo armeno in quanto tale. Il capo del ministero degli Esteri armeno Ara Ayvazyan ha rilasciato una dichiarazione così ambigua durante un incontro con i rappresentanti del Gruppo di Minsk dell'OSCE sulla soluzione del conflitto del Nagorno-Karabakh. Allo stesso tempo, il capo diplomatico di Yerevan ha sottolineato che avrebbe "lottato per i diritti degli abitanti dell'Artsakh" e restituito i territori persi a causa del recente conflitto militare esclusivamente "nel quadro del processo di pace", tuttavia, è improbabile che lui stesso o qualcuno dei suoi colleghi possa spiegare chiaramente come potrebbe accadere qualcosa di simile nella realtà.

C'è da meravigliarsi dopo che la visita di Ayvazyan nello stesso territorio che sta per "disoccupare" (in particolare, a Stepanakert) abbia causato a Baku non solo indignazione, ma una vera tempesta di indignazione. Si è arrivati ​​al punto che il presidente azero personalmente, irrompendo in insulti, ha minacciato Yerevan "se dovesse succedere di nuovo" con il "pugno di ferro" e, in generale, le conseguenze di cui "si pentiranno ancora di più". Il ministero degli Esteri armeno ha definito tutte le affermazioni del leader azero "prive di fondamento e vuote". Dicono che i viaggi del loro leader in Nagorno-Karabakh "non contraddicono minimamente gli accordi del 9 novembre". Vuole e andrà.

In generale, il tono di Baku è in equilibrio sull'orlo di un atteggiamento provocatorio e francamente rozzo e in comunicazione con altre parti nel processo di risoluzione del conflitto del Karabakh. In particolare, sono già riusciti a sporgere denuncia contro i nostri caschi blu, i quali, secondo la parte azera, "vanno oltre la propria missione" e "agiscono apertamente nell'interesse degli armeni". I rappresentanti di Baku si lasciano fare tali dichiarazioni sulla base del fatto che, come sostengono, Rustam Muradov, a capo del contingente militare russo, "prende parte attiva a eventi e incontri, durante i quali viene fotografato sullo sfondo della bandiera del regime separatista" ... Il livello di assurdità dei dati Le "accuse" sono così alte che le porta automaticamente fuori dai confini del buon senso e fa sorgere il timore che in questo modo cerchino solo una ragione formale del conflitto. Allo stesso tempo, Yerevan rimprovera i suoi avversari per cose molto più specifiche e serie.

Così, secondo la dichiarazione della segretaria stampa del ministero degli Esteri armeno Anna Naghdalyan, un mese dopo la conclusione dell'accordo di pace, l'esercito azero ha effettuato un attacco contro la parte armena nell'area degli insediamenti di Stary Tager e Khtsaberd della regione di Hadrut del Karabakh, che ha portato a vittime e alla cattura di prigionieri. In generale, a Yerevan sono estremamente insoddisfatti dell'adempimento da parte degli azeri della clausola 8 degli accordi di Mosca sullo scambio di prigionieri di guerra, ostaggi e altri detenuti. Ci sono anche domande sulle azioni dei militari dell'esercito di Baku nei confronti della pacifica popolazione del Karabakh. Secondo le informazioni disponibili, questi temi saranno certamente discussi durante il nuovo incontro di Mosca tra Aliyev e Pashinyan. Tuttavia, ovviamente, non solo loro. Ci sono molti problemi ed è difficile dire che si stanno muovendo verso la loro risoluzione.

Fattore di Ankara


Tuttavia, non importa quanti "momenti acuti" ci siano nelle relazioni tra Azerbaigian e Armenia, si potrebbe contare con più o meno fiducia sul loro accordo con l'aiuto della "diplomazia del Cremlino", se non per la presenza invisibile di un altro potente e ambizioso " giocatore ". In nessun caso dobbiamo dimenticare il ruolo di Ankara in tutto ciò che sta accadendo, che si ritrova “oltre la soglia” del processo negoziale e cercherà certamente di esprimere la sua “fede” su questo argomento nel modo più acuto e intelligibile possibile per tutti i suoi partecipanti. La Turchia è incline a considerare la vittoria dell'Azerbaigian nella battaglia per il Karabakh come forse il più significativo dei suoi successi politico-militari negli ultimi tempi e difficilmente permetterà a Mosca di livellarlo ulteriormente. Ad esempio, a Istanbul nei primi giorni di quest'anno, si è tenuto un simposio dal titolo significativo: "L'equilibrio delle forze nel Caucaso meridionale e la questione del Karabakh". A questo evento, il presidente del parlamento turco, Mustafa заявлениеentop, ha rilasciato una dichiarazione dando un'idea completa di quanto "vertigini per il successo" ci sia ad Ankara. Secondo il relatore, “le battaglie per il Karabakh non solo hanno dimostrato l'incredibile efficacia delle armi e delle capacità fornite dalla Turchia”, ma “ci fanno anche parlare di una potenziale revisione dell'intero concetto di fare guerre nel mondo”! Eka ha portato un cittadino turco ... Con tali "colpi di scena", resta mezzo passo fino all'annuncio del proprio paese "il più forte del mondo" e rivendica il dominio del mondo.

I turchi, infatti, possedevano queste cose - e fin dai primi tempi. Tuttavia, per noi un'altra citazione dal discorso di Shentop è molto più interessante - quella in cui dice che nel mondo moderno "i conflitti non sono risolti, ma solo congelati, formando così nuovi punti di confronto". Queste parole, molto probabilmente, contengono la "chiave" della visione di Ankara di ulteriori prospettive per la situazione intorno al Nagorno-Karabakh.

Alcuni esperti oggi sono seriamente preoccupati per la possibilità che la Turchia utilizzi questo conflitto per creare un nuovo focolaio di instabilità nell'intera regione del Caucaso. In particolare, si esprimono opinioni che invece di fare ritorno agli azeri vissuti prima, nei territori “liberati” dalla popolazione armena verranno create enclavi di persone completamente controllate da Ankara, capaci di trasformarsi in cellule terroristiche da un momento all'altro. Ad esempio, i turkmeni o altri rappresentanti di vari gruppi etnici e religiosi sfollati dalla Siria, i cui servizi la parte turca oggi ricorre più che attivamente nel contesto dei conflitti regionali che sta alimentando.

A questo proposito, le recenti dichiarazioni del presidente azerbaigiano Ilham Aliyev sulle ferme intenzioni di Baku di costruire in Nagorno-Karabakh in un futuro molto prossimo ... un "aeroporto internazionale" acquistano un significato completamente diverso! Inoltre, non uno, ma due: nelle regioni di Lachin o Kelbajar, così come nella città di Fizuli. Allo stesso tempo, lo stesso Aliyev ha ammesso che il terreno da lui progettato ha "un terreno molto difficile", ma, tuttavia, ha sottolineato che questo progetto sarà comunque implementato. Secondo il leader azero, investimenti colossali nella costruzione di infrastrutture così costose sono necessari per lo "sviluppo del turismo" - sia internazionale che nazionale. Tuttavia, tali spiegazioni causano, per usare un eufemismo, sconcerto. Su che tipo di turismo conta Aliyev in questa regione ?! L'Azerbaigian non ha nessun altro posto dove spendere soldi enormi? Resta solo da supporre che in realtà gli aeroporti saranno costruiti con finanziaria e tecnico sostegno dalla Turchia. E il loro scopo non sarà turistico ... D'altra parte, se vogliono trasformare il Nagorno-Karabakh in un punto chiave per il trasferimento delle forze militari, allora dove intendono lanciare un'offensiva dal suo territorio?

Nei colloqui che si terranno oggi a Mosca, molto probabilmente, verrà presa in considerazione una gamma molto ristretta di questioni, principalmente di natura umanitaria ed economica. In ogni caso, il comunicato ufficiale del servizio stampa del Cremlino è più che scarno e laconico: "Si prevede di discutere lo stato di avanzamento dell'attuazione degli accordi del 9 novembre e le modalità per risolvere i problemi che esistono nella regione". Indica anche che l'iniziatore dell'incontro è Vladimir Putin. Presumibilmente, il nostro presidente difficilmente avrebbe invitato Aliyev e Pashinyan a visitare solo per il gusto di parlare dello sblocco del traffico stradale regionale e della normalizzazione del traffico internazionale attraverso la regione contesa. Razionalizzare la logistica dall'Armenia alla Russia e all'Iran, e persino lo scambio di prigionieri e lo svolgimento di operazioni di ricerca e soccorso in Karabakh - questo è tutto, ovviamente, importante, ma in qualche modo non attira personalmente il livello di Vladimir Vladimirovich. Dopo tutto, ci sono i capi dei dipartimenti competenti.

Non meno interessante è il fatto che letteralmente alla vigilia dell'incontro con Aliyev e Pashinyan, il nostro leader ha avuto una conversazione confidenziale con il presidente francese Emmanuel Macron, il cui argomento principale, secondo i dati ufficiali, erano i prossimi negoziati. Questo è collegato al fatto che ora è Macron l'avversario più coerente e duro di Erdogan in Europa? Probabilmente sì.

Ankara e Baku non nascondono le loro intenzioni di continuare il conflitto nel Nagorno-Karabakh, mentre perseguono obiettivi strategici-militari su scala molto più ampia rispetto alla cattura di Stepanakert e alla completa eliminazione di Artsakh. Cosa hanno detto Erdogan e Aliyev di Erevan come territorio "storicamente appartenente agli azeri" in questo senso ... Allo stesso tempo, entrambi questi leader sono ben consapevoli che nel prossimo futuro l'Armenia dovrà affrontare non solo un cambio di potere e un serio aggiustamento delle posizioni di politica estera (il Paese sta già parlando con forza e con forza della creazione di uno Stato dell'Unione con la Russia), ma, soprattutto, una riforma e una modernizzazione su vasta scala dell'esercito e dell'intero complesso della difesa. Con un tale sviluppo della situazione, non sarà più possibile ripetere il blitzkrieg del 2020.

Tali considerazioni possono spingere alcuni, sia ad Ankara che a Baku, a compiere passi molto pericolosi e sconsiderati volti ad “accelerare” il processo di “soluzione finale della questione del Karabakh”. Presumibilmente, l'obiettivo principale di questo incontro a Mosca è escludere anche la possibilità stessa di qualcosa del genere.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 gennaio 2021 12: 25
    0
    Guerra per il Nagorno-Karabakh - da continuare?

    I leader verranno a Mosca per negoziare, ma a qualcuno manca davvero il sangue ...
  2. Hayer31 Online Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 11 gennaio 2021 13: 59
    -1
    Vediamo ora quanti passi farà Putin in ritirata a favore di perdogan?
  3. Dimy4 Офлайн Dimy4
    Dimy4 (Dmitry) 11 gennaio 2021 14: 04
    0
    C'è una bombola del gas vicino al serbatoio? Così. per ardere più forte.
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) 11 gennaio 2021 16: 06
    0
    Dicono che Pashinyan sia volato a Mosca per i negoziati. L'articolo crea per loro uno sfondo informativo?
  5. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 11 gennaio 2021 19: 48
    0
    Presumibilmente, il nostro presidente difficilmente avrebbe invitato Aliyev e Pashinyan a visitare solo per il gusto di parlare dello sblocco del traffico stradale regionale e della normalizzazione del traffico internazionale attraverso la regione contesa.

    A giudicare dalla dichiarazione pubblicata, solo questo è stato discusso.
  6. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 17 gennaio 2021 18: 38
    0
    , prima di tutto, una riforma e un ammodernamento su vasta scala dell'esercito e dell'intero complesso della difesa. Con un tale sviluppo della situazione, non sarà più possibile ripetere la blitzkrieg del 2020.

    Sì, stamattina abbiamo preso una decisione, e la sera ci eravamo già riformati e riarmati ... E chiederemo soldi, lo stamperemo ... all'estero ci aiuterà ... sì, come con l'armeno volontari da tutto il mondo e soprattutto dalla Russia