Russia sotto tiro: cosa si sa del nuovo direttore della CIA


Non avendo tempo per completare la procedura di inaugurazione, il presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden è già di fretta con le nomine chiave dei membri della sua futura amministrazione e dei capi dei principali organi statali. Uno di questi può essere giustamente definito un punto di riferimento, ma non tanto per gli Stati Uniti quanto per la Russia. La candidatura del nuovo capo di stato americano alla carica di direttore della Central Intelligence Agency è più che eloquente.


È molto probabile che nel prossimo futuro le previsioni più pessimistiche sulle relazioni Usa-Russia siano destinate a avverarsi.

Chi sei, signor Burns?


Quindi, secondo Biden, William Burns, uno dei più famosi diplomatici di carriera degli Stati Uniti e, compreso l'ex ambasciatore di questo paese in Russia, dovrebbe guidare i "cavalieri del mantello e del pugnale" oltreoceano. Allo stesso tempo, il presidente eletto afferma che per la prima volta ci sarà un diplomatico "al timone" della principale agenzia di intelligence del Paese, che porterà nel suo lavoro "la sua profonda conoscenza di stranieri politica"E aggiungerà anche" un elemento di giustizia alla gestione della CIA ". Presumibilmente, vi è un accenno qui che nulla del genere è stato osservato nelle attività di questo "ufficio" sotto Trump. In breve, Biden crede fermamente che "con un tale direttore della CIA, gli americani possano dormire sonni tranquilli".

Tutte queste lodi suonano, ovviamente, lusinghiere, ma alcuni momenti in esse sollevano alcuni dubbi. Innanzitutto, un tentativo di presentare Burns come un diplomatico "puro" che non aveva mai avuto alcun rapporto con l'intelligence. Innanzitutto, la carriera del candidato stesso fa sì che non si creda alla verità di questo. E non si tratta solo del fatto che gli è capitato di essere il capo della missione degli Stati Uniti a Mosca, in cui, come è noto da tempo e in modo affidabile, è la CIA a governare lo spettacolo. Una parte ancora più grande, forse, della carriera di Burns è associata al Medio Oriente, e qui si dovrebbe prestare attenzione non solo alla sua permanenza in Giordania come ambasciatore, ma piuttosto alle sue attività come direttore senior del Bureau for Near East Affairs nel Consiglio di sicurezza nazionale. Gli Stati Uniti e l'assistente del capo del Dipartimento di Stato nella stessa direzione. In effetti, il fatto che dietro le spalle di Burns non ci sia solo l'attività di politica estera risulta evidente già dalla sua presentazione di Biden, il quale afferma che "questa persona messa alla prova in varie crisi ha lavorato per molti anni per garantire che gli americani siano al sicuro".

E il candidato alla carica di capo dei servizi segreti del paese, dopo il ritiro dal servizio diplomatico, come la maggior parte dei suoi colleghi che hanno reso omaggio alla creatività letteraria, il suo libro dedicato al "potere invisibile della diplomazia americana" menziona tali eventi come i momenti salienti della sua carriera come " la spartizione della Jugoslavia, la guerra con l'Iraq e l'espansione della NATO ". Un elenco piuttosto caratteristico, non credi? Quale "messaggio" porta questo scopo al nostro Paese? Innanzitutto una chiara indicazione che è proprio questo che il dipartimento di Burns, considerato un ottimo esperto di Russia e Medio Oriente a Washington, sarà il primo ad occuparsene dopo la sua nomina. Non la Cina, non il sud-est asiatico, in cui questo personaggio, mi dispiace, non capisce nessun orecchio o muso, ma noi. Tuttavia, molti analisti presumevano che Biden e il suo team avrebbero cercato di appianare il più possibile il confronto con Pechino, ma è improbabile che pianifichino qualcosa del genere per quanto riguarda Mosca. Significativamente, William Burns non è affatto un oltraggioso russofobo. Tuttavia, non ha senso costruirsi illusioni su di lui su questa base: qui non è "l'arrivo dei russi", ecco qualcos'altro: una sottovalutazione globale del nostro paese e del suo leader, un atteggiamento condiscendente e quasi sprezzante nei loro confronti.

Giudicate voi stessi: nei suoi scritti, Burns caratterizza il personaggio di Vladimir Putin come una "combinazione infiammabile di ambizione, rimprovero e vulnerabilità". È categoricamente convinto che il leader nazionale "non abbia un pensiero strategico" e, in generale, il suo passatempo preferito è "far arrabbiare e umiliare l'Occidente". Burns vede quasi come il "leader ideale dello stato post-sovietico" ... Mikhail Saakashvili, solo perché "ha mostrato un esempio di disobbedienza a Putin". La posizione si vede abbastanza definitivamente, non è vero? Questo non è sicuramente un amico del nostro paese. Nel suo libro, sottolinea direttamente che gli Stati Uniti possono avere rapporti normali con lei solo finché lei "non è diventata forte".

C'è un desiderio, ma ci sono ragioni


Un altro dettaglio molto caratteristico. Se credi ai materiali del noto WikiLeaks, William Burns nel 2008 ha chiaramente previsto e previsto gli eventi del 2014 in Ucraina. Nel suo rapporto a Washington, ha richiamato l'attenzione sul fatto che la "spaccatura" di questo Paese sulla questione della sua politica estera (in particolare, l'adesione alla NATO) "porterà alla violenza e, nel peggiore dei casi, alla guerra civile". Ha anche affermato che "in Russia hanno paura di questo" e "non vogliono prendere una decisione riguardo al loro intervento nella situazione". Come puoi vedere, gli Stati Uniti hanno capito perfettamente a cosa stavano spingendo Kiev e hanno continuato le loro azioni con persistenza ancora maggiore. Fino a che punto Burns abbia avuto personalmente una mano in tutto ciò è una questione discutibile, ma in seguito ha valutato il "Maidan" ucraino e il conflitto nell'est del paese che ha generato, come eventi "che mostrano agli ucraini che devono mantenere la loro indipendenza e non dipendere in alcun modo dalla Russia". ... Mosca, alla luce di tutto ciò, dovrebbe aspettarsi nuovi problemi con il "non tax", ispirato dall'estero? La domanda, credo, è retorica.

In generale, la posizione di Burns si adatterà perfettamente al contesto generale di politica estera che si sta formando oggi da Washington nei confronti del nostro Paese. Per avere un quadro più completo di questo, citerò solo alcune dichiarazioni ed eventi piuttosto vividi di quest'area, relativi alla fine dello scorso anno. Nei suoi ultimi giorni, dai documenti ufficiali relativi al finanziamento del governo americano, approvati da Donald Trump, si è saputo dello stanziamento dei 290 milioni di dollari al solo scopo di "contrastare la Russia nei suoi tentativi di seminare sfiducia nelle istituzioni democratiche in tutto il mondo". Possiamo essere orgogliosi: solo 10 milioni in più sono stati stanziati a livello globale per “combattere l'influenza della Cina e del suo Partito Comunista”.

In precedenza, il 25 dicembre, il senatore democratico Ben Cardin ha rilasciato una dichiarazione categorica secondo cui il recente attacco di hacker contro agenzie governative americane e società private "è stato indubbiamente effettuato dalla Russia". Cardin esorta a considerare questo evento "come un atto di guerra" e, a tal proposito, ad adottare immediatamente, già preparato dai suoi colleghi (tra l'altro, sia democratici che repubblicani), "La legge sulla protezione della sicurezza americana dall'aggressione del Cremlino". A proposito, esattamente lo stesso tipo di accuse infondate è stato mosso non solo dal legislatore a Washington, ma anche dal rappresentante ufficiale degli Stati Uniti nel nostro paese, il loro ambasciatore a Mosca John Sullivan. Lui, completamente indifferente alla complessità dell'etica diplomatica, ha detto in un'intervista a Radio Liberty che "persone del governo e dei servizi speciali della Russia sono state coinvolte in attacchi informatici alle istituzioni americane". Lo sa per certo ...

In generale, il dipartimento di politica estera degli Stati Uniti non è affatto timido nelle espressioni e non limita il "volo dell'immaginazione" dei suoi stessi oratori quando si tratta di "orribili crimini del Cremlino". Così, il 23 dicembre, i rappresentanti del Dipartimento di Stato, rispondendo a un'inchiesta ufficiale dell'edizione locale di The Hill sulla loro versione dei potenziali colpevoli dell '"avvelenamento del secolo" con la vittima nella persona di Navalny, hanno affermato che "non vedono spiegazioni plausibili" oltre al "coinvolgimento delle autorità russe" in come. Inoltre, il Dipartimento di Stato ha anche specificato:

Crediamo che gli ufficiali del servizio di sicurezza federale russo abbiano usato l'agente nervino Novichok per avvelenare il signor Navalny.

Più o meno negli stessi giorni, il capo del comando spaziale statunitense, il generale dell'esercito americano James Dickinson, accusò il nostro paese di "prepararsi a condurre ostilità" nello spazio vicino alla Terra e le sue assurde invenzioni furono immediatamente raccolte da tutta una schiera di "esperti" e replicate da Voice of America. Doveva esserci qualcos'altro che mi mancava ...

Quale immagine della Russia si sta creando con l'aiuto della suddetta calunnia e di una moltitudine di simili "ripieni" di informazioni, che ultimamente sono state innumerevoli? Siamo solo un classico "Impero del male" con il "Signore Oscuro" in testa! Cosa resta di Joe Biden, che è salito al potere nel suo stesso paese con tanta difficoltà, se non la nomina di uno “specialista della Russia” a direttore della Central Intelligence Agency? Tutto è logico ...

Anche i cinesi scrivono già sul fatto che gli Stati Uniti hanno lanciato una naturale "guerra diplomatica" contro il nostro Paese, ad un ritmo accelerato riducendo al minimo i rapporti con esso, il che permette solo di mantenere la propria presenza ufficiale sul territorio russo. Il People's Daily locale, in un editoriale fondamentale (pubblicato, ancora, negli ultimi giorni del 2020), ha fatto una previsione abbastanza inequivocabile che “con l'avvento al potere della nuova amministrazione americana, i rapporti tra Washington e Mosca non solo non miglioreranno, ma si deteriorerà ancora di più ", mentre osservava:" Il Dipartimento di Stato americano ei servizi di intelligence sono e continueranno a effettuare più attacchi contro la Russia ". Vorrei discutere, ma non funziona. Il 26 dicembre dello scorso anno, i rappresentanti della nostra ambasciata negli Stati Uniti hanno annunciato ufficialmente che le autorità locali avevano lanciato contro di loro una vera e propria “guerra dei visti”, di fatto “spremendo” i nostri diplomatici fuori dal Paese.

Se il presidente eletto volesse spostare le relazioni russo-americane anche di un solo centimetro dal "punto morto" in cui si trovano ora, un "brillante asso della diplomazia" come immagina Burns, sarebbe molto più logico usarlo in questa direzione. Tuttavia, Biden ritiene che i suoi talenti e le sue conoscenze specifiche sulla Russia siano maggiormente necessari al dipartimento, con l'aiuto dei quali "valori democratici" vengono impiantati con la forza in tutto il mondo e governi e leader sgraditi a Washington vengono sostituiti. Le conclusioni si suggeriscono ...
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 12 gennaio 2021 10: 47
    +2
    Anche a questo piace torturare le persone?
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 12 gennaio 2021 11: 02
    +1
    Il nuovo presidente del comitato regionale sposta l'attenzione sulla Russia, ci sono già manifestazioni esterne.
    E sceglie la squadra appropriata, non sarà noioso.

    YouTube rimuove automaticamente i commenti che criticano le autorità cinesi

    https://ria.ru/20200527/1572038517.html
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 gennaio 2021 13: 17
    +3
    Se tutto va così male, perché la Russia sta investendo negli Stati Uniti per sostenere la sua economia? - Secondo i materiali del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, nel novembre 2019 Mosca ha aumentato i suoi investimenti in titoli di stato statunitensi di 794 milioni di dollari.
    1. lavoratore dell'acciaio 12 gennaio 2021 15: 06
      -1
      Perché Putin è un presidente senza valore !!!
    2. Kostyara Офлайн Kostyara
      Kostyara 12 gennaio 2021 20: 03
      +1
      Non è la Russia che sta investendo, ma un mucchio di traditori ...