Quattro sfide globali che Biden dovrà affrontare


Il 20 gennaio 2021, Joe Biden diventerà ufficialmente il 46 ° presidente degli Stati Uniti e guiderà il ramo esecutivo del paese. Una varietà di problemi interni ed esterni ricadrà immediatamente su di lui. Il capo dello Stato dovrà prendere decisioni difficili, utilizzando l'esperienza e altre qualità che mancavano al suo predecessore Donald Trump, scrive il quotidiano francese Le Figaro.


I problemi interni degli Stati Uniti sono associati al "bagaglio" del socialeeconomico e manifestazioni mediche ed epidemiologiche della pandemia di coronavirus. Ma almeno sono prevedibili e sanno come affrontarli.

Con problemi esterni, tutto è molto più complicato. Significano le quattro sfide globali che la nuova amministrazione statunitense dovrà affrontare sulla scena mondiale.

Il primo è la possibilità che l'Iran abbia armi nucleari. Il secondo sono i nuovi missili balistici intercontinentali della Corea del Nord con testate nucleari in grado di colpire il territorio statunitense. La terza è la difesa dell'alleato Taiwan dall'aggressiva Cina comunista. Quarto, i russi sognano di ricostruire il loro impero perduto.

L'Iran è probabilmente sulla strada per creare una bomba nucleare. Nel dicembre 2020, il parlamento del paese ha ordinato al governo di interrompere la cooperazione con l'AIEA e iniziare ad accumulare 120 kg di uranio all'anno con un livello di arricchimento del 20%. Nel 2018, Washington si è ritirata dall'accordo nucleare con Teheran (JCPOA 2015) e ha iniziato a esercitare pressioni attive sugli iraniani.

Non è noto se Biden sarà in grado di concludere un "grande affare" con gli iraniani in cambio della revoca delle sanzioni statunitensi. Dovrebbe includere: restrizioni all'arricchimento dell'uranio, divieto di creazione di armi nucleari e sviluppo di nuovi missili balistici, nonché questioni di non interferenza negli affari dei paesi dell'asse sciita (Iraq, Siria, Libano e Yemen).

Per quanto riguarda la reintegrazione della RPDC nella comunità mondiale, Trump, a suo merito, ha ottenuto un certo successo. Semplicemente non aveva il coraggio di fare passi seri. Biden deve solo continuare questo processo. L'agenda dovrebbe essere la stessa dell'Iran: denuclearizzazione in cambio di vantaggi economici e commerciali.

Per quanto riguarda la RPC, le relazioni USA-Cina si sono trasformate da tempo in una rivalità strategica in tutte le aree. Non c'è fiducia tra Washington e Pechino ed è improbabile che emerga. Gli Stati Uniti non sono affatto contenti della prospettiva di essere privati ​​della leadership mondiale dalla dittatura comunista. Pertanto, alla Cina non dovrebbe mai essere consentito di conquistare Taiwan, il modello di democrazia in Asia.

In relazione alla Russia politica Gli Stati Uniti sono sempre stati caratterizzati da una mancanza di realismo e chiarezza. Biden dovrà riaffermare il suo impegno nei confronti dell'articolo 5 della carta della NATO, che garantisce l'intervento degli Stati Uniti per salvare un alleato. Solo allora gli stati nervosi dell'Europa orientale si placheranno.

Allo stesso tempo, Washington deve ammettere che le sanzioni contro Mosca non hanno funzionato e trarne le giuste conclusioni. Non c'è bisogno di aspettarsi che i russi domani adottino uno stile di vita occidentale. Non ha senso forzarli o insegnare loro la democrazia. Solo il commercio, il pragmatismo, la diplomazia, i compromessi e gli interessi comuni (lotta agli islamisti, finlandizzazione dell'Ucraina e della Georgia, disarmo e altre questioni comprensibili ai russi) normalizzeranno le relazioni. Chiarezza e realismo: questo è ciò che mancava a Trump e Obama, forse Biden ha queste qualità, riassume l'edizione francese.
  • Foto utilizzate: Gage Skidmore / https: //www.flickr.com
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 19 gennaio 2021 18: 14
    +1
    Prima avrebbe dovuto pulire la casa. Ci sono 25mila soldati a Washington. La Guardia Nazionale è attiva in 13 stati. Tutti appendono ghirlande, gonfiano palloncini e lanciano caramelle risata
    Il dittatore non fumatori Lukashenko singhiozza nervosamente in disparte, non diventerà un democratico, non ci saranno abbastanza truppe risata
    Il nuovo governo è estremamente insicuro di sé, è inevitabile ripulire e sradicare la sedizione nei ranghi delle forze di sicurezza, e non solo.
  2. Quarto cavaliere Офлайн Quarto cavaliere
    Quarto cavaliere (Quarto cavaliere) 19 gennaio 2021 18: 24
    +2
    Con la sua età, con la demenza, bisogna capire che Biden è una figura nominale. Presidente di Zits.
    Quindi non gli importa di queste sfide.
    Dimenticalo comunque.
    Queste sfide saranno gestite dalla "eminenza grigia".
    Chi è lui? Non ancora manifestato.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 20 gennaio 2021 01: 49
      +4
      Bene, l'artista è Kamala Harris. È proprio quello che farà lì in assenza di esperienza nella pubblica amministrazione. Dopotutto, non era nemmeno il governatore. Sì, e le sue abitudini ... Zia congelata su tutta la testa.
  3. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 19 gennaio 2021 18: 55
    +1
    Non capisco perché gli americani dovrebbero andare a incontrare i russi? Negli affari, i russi stanno aiutando il rivale di Europa e Cina con un toro a buon mercato. Un terrorista sotto il cofano della CIA, come si suol dire dov'è la detonazione e le bormalee la rapiranno. Quindi non ci sarà pace tra America e Russia, lascia perdere. E se la Cina diventerà la prima al mondo, il 2 ° e il 3 ° potranno negoziare contro il primo.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 19 gennaio 2021 19: 01
      +1
      Non capisco perché gli americani dovrebbero andare a incontrare i russi?

      Possono semplicemente andare all'inferno, basta.

      Quindi non ci sarà pace tra America e Russia, lascia perdere.

      Ebbene, la bandiera è nella loro collottola e un tamburo in testa.

      E se la Cina diventerà la prima al mondo, il 2 ° e il 3 ° potranno negoziare contro il primo.

      Ma perché?
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 20 gennaio 2021 02: 02
    +1
    Il problema principale della nuova amministrazione è che il modello di capitalismo che ha funzionato per 300 anni è giunto a un punto morto. Non c'è riproduzione del capitale. Tutti gli altri paesi hanno subito varie restrizioni, stranezze della nuova "moralità", restrizioni alla sovranità solo in cambio del fatto che i finanzieri globali garantivano lo sviluppo economico. Ora non lo forniscono. Il modello di sviluppo si è concluso, in piena conformità con le previsioni di Adam Smith e Karl Marx. E non possono offrire una via d'uscita da questa situazione. E Biden rappresenta esattamente i finanzieri globali. Il nuovo capo dell'FMI, Kristalina Georgieva, si è laureata all'Istituto Karl Marx in Bulgaria sotto il dominio sovietico e aveva esperienza nell'economia socialista. Li ha illuminati su ciò che stava accadendo. Altrimenti, l'Occidente ha smesso di studiare economia politica nella prima metà degli anni '1970, non erano rimaste persone competenti. Ma non è in grado di sviluppare un nuovo modello. Non l'ho fatto. Vicolo cieco dello sviluppo. Lo hanno capito nell'ultimo anno. Ma è tutto. Inoltre - solo digitando.
    Tutto il resto è secondario.