L'inaugurazione di Biden: gli Stati Uniti stanno facendo un passo avanti o stanno precipitando nell'abisso?


Oggi a Washington, molto probabilmente, si svolgerà la procedura per il giuramento nel 46 ° presidente degli Stati Uniti d'America Joseph Biden. Bisogna ammettere che il nuovo leader sta affrontando il Paese con un tale carico di problemi, sia esterni che interni, che non conosceva artisti del calibro, non solo nel presente, ma anche in un secolo scorso molto più turbolento.


Tuttavia, in Occidente, l'arrivo di un nuovo maestro alla Casa Bianca è considerato di buon auspicio, che promette cambiamenti positivi e nuove prospettive. L'ottimismo è, ovviamente, meraviglioso. Tuttavia, vale la pena cercare di capire quanto sia giustificato in questo caso particolare e se Biden e la sua amministrazione hanno reali possibilità di giustificare le speranze riposte su di loro.

"Quando Biden verrà, Biden ci giudicherà ..."


Cosa ci si aspetta da Biden in casa e nel mondo? In effetti, l'intera vasta gamma di speranze nel nuovo presidente può essere ridotta a una, la cosa principale: "aggiusterà", "aggiusterà", "guarirà" tutto ciò che ha rovinato, rotto, volgarizzato e corrotto dal suo odioso predecessore con la sua brutta "America sopra tutto! ", quattro anni fa, tanto apprezzato dalla maggioranza dei suoi connazionali ... In generale, quasi secondo Nekrasov:" Quando Biden verrà, Biden ci giudicherà ". E molti dovranno giudicare - forse nessun presidente negli ultimi 200 anni ha ottenuto gli Stati Uniti così divisi da "spaccature" razziali e politiche, così torturati. economico e disordini sociali. E la pandemia di coronavirus, a proposito, non è andata da nessuna parte, nonostante la presenza del proprio vaccino negli Stati Uniti, che sembra essere riconosciuto adatto all'uso di massa. È con lei che inizierà il nuovo "padre della nazione", per quanto ne sappiamo. O meglio, ovviamente, con la lotta contro la malattia e le sue conseguenze - dopotutto, più di 19 milioni di americani sono infettati da COVID-23 e il numero di morti da esso si avvicina a 390mila.

E qui, letteralmente subito, appare un "punto debole" molto significativo del nuovo governo. Sembra che il problema di Biden sia che raggiungerà simultaneamente obiettivi che non solo sono mal combinati, ma che si escludono a vicenda. Come si è saputo il giorno prima, Biden ha promesso che (a differenza di Trump) "sarà guidato nelle sue decisioni dai dati della scienza e dai consigli degli scienziati". Nel campo della salute, la "priorità incondizionata" riceverà, ovviamente, le raccomandazioni di esperti dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), del National Institutes of Health (NIH) e di organizzazioni simili. Ma ci sono tutte le ragioni per credere che il primo e principale consiglio che i medici daranno al presidente sarà l'inasprimento delle misure di quarantena nel Paese a causa della continua diffusione del COVID-19.

Allo stesso tempo, Biden, con la stessa espressione sincera sul volto, promette agli americani anche di "salvare l'economia nazionale", che ha subito enormi danni proprio dalla "coronacrisi". Per questo intende stanziare (soggetto al sostegno del Congresso) l'importo di 1.9 trilioni di dollari. Oltre a 400 milioni per "accelerare il ritmo di vaccinazione della popolazione", questo include 350 miliardi per "aiutare i cittadini più colpiti". In una parola, la successiva "distribuzione di elefanti" è simile a quelle che venivano regolarmente praticate sotto Trump ormai spietatamente criticato e non risparmiava molto. Ma l'inasprimento della quarantena colpirà immediatamente e nel modo più negativo l'economia - secondo il Dipartimento del Lavoro americano, la disoccupazione nel Paese è tornata a crescere rapidamente, e prima di tutto è collegata proprio alle misure prese dalle autorità locali "per contenere la malattia" che colpisce la ristorazione pubblica , commercio e industria dell'intrattenimento. Anche alcuni degli altri progetti di Biden che promettono un "riavvio" dell'economia, la creazione di nuovi posti di lavoro e simili sollevano notevoli dubbi.

Molto probabilmente, intende accontentare i suoi compagni di partito che, in termini di "estremismo ambientale", sputano su Greta Thunberg e sognano di rendere di nuovo l'America non grande, ma completamente "verde". In questo caso, l'intero complesso dell'industria statunitense di produzione e raffinazione del petrolio non dovrebbe aspettarsi nulla di buono. Un tempo, Donald Trump ha revocato molti divieti sull'estrazione di minerali e la costruzione di infrastrutture per il loro trasporto. Biden, a quanto pare, è determinato a restituire tutte queste restrizioni introdotte sotto Barack Obama, e persino ad aggiungerne di nuove. Un esempio è il gasdotto Keystone USA-Canada. La sua costruzione, stimata in decine di miliardi di dollari, è stata “congelata” da Obama e ripresa da Trump. L'attuale presidente intende porre di nuovo "stop" a questo progetto. A proposito, ha anche parlato di un divieto totale della produzione di gas di scisto ... Come questo si combina con il "rilancio dell'economia", solo Biden lo sa.

L'egemone sta tornando?


Per la peggiore ironia del destino, l'evento programmato nella capitale degli Stati Uniti in troppi dettagli ricorda dolorosamente eventi simili che hanno avuto luogo lo scorso anno a Minsk. Come si è scoperto, è stato invano che Washington ha emanato bile e veleno per l '"inaugurazione con le baionette" tenuta da Alexander Lukashenko nel mezzo delle rivolte organizzate dall'Occidente. Il Sig. Biden ha dato al "papà" bielorusso dichiarato dai suoi compatrioti "dittatore" e "presidente illegittimo" un giusto vantaggio in termini di militarizzazione e chiusura della cerimonia di salita al potere. Come già calcolato, il gruppo dell'esercito attualmente schierato a Washington è molto più numeroso del contingente dell'esercito americano in Afghanistan. Tuttavia, il punto non è nel numero delle "baionette", ma nel fatto che gli Stati Uniti hanno finalmente e irrevocabilmente perso l'alone della "cittadella mondiale dei valori democratici". La democrazia è buona se la sua testa è costretta a nascondersi ai concittadini dietro una recinzione di due metri, strade strettamente bloccate e quasi una divisione della Guardia Nazionale ... Da Biden e la sua squadra, "alleati e partner" gli Stati Uniti non si aspettano di meno, ma, per così dire, non più degli stessi americani ... Credono che la nuova amministrazione americana farà miracoli: la NATO, che sta cadendo a pezzi sotto i nostri occhi, si riconcilierà e si riunirà di nuovo, tornerà all'accordo sul clima di Parigi, negozierà un nuovo accordo con l'Iran e calmerà la Corea del Nord ...

Questo, tuttavia, non è l'intero elenco. Biden dovrebbe anche porre fine alla "guerra commerciale" con la Cina e alle "azioni decisive" contro il nostro Paese. Ad esempio, Bloomberg scrive solo: "Biden si assumerà la punizione della Russia subito dopo l'inaugurazione". Vedete, metterà da parte i fogli di carta con il suo discorso solenne, prenderà un mucchio di bacchette più grandi e lascerà che il Cremlino organizzi una frustata dimostrativa! Allo stesso tempo, tutti i sognatori occidentali ignorano ostinatamente i fatti ovvi. Ad esempio, quello che Kim Jong-un, a quanto pare, si stava solo divertendo con gli incontri con Trump, non pensa seriamente a nessuna "denuclearizzazione" della RPDC. Non mi stupirò se all'inaugurazione di Biden lanceranno qualcosa di festoso e balistico - per non rilassarsi!

Teheran, durante il governo di Trump, sembra aver compiuto progressi significativi nel proprio programma nucleare e, cosa più importante, si è assicurata che gli Stati Uniti con tutte le sue portaerei non intraprendessero alcun passo "energico", tranne forse per singoli attacchi che sembrano più atti terroristici. rispetto alle azioni di una potenza mondiale, è anche improbabile che sia accomodante come prima. Dovremo fare delle concessioni serie, e per Biden significherà “perdere la faccia”. Per quanto riguarda la Cina, anche l'opposizione non è contraria a porre fine alle perdite economiche protratte e già costose. Ma - solo ed esclusivamente alle loro condizioni. Per quanto ne sappiamo, nel novembre 2020 Pechino ha adempiuto al proprio impegno annuale di esportare dagli Stati Uniti (che prevedeva l'acquisto di beni e servizi aggiuntivi per 200 miliardi di dollari nel periodo 2020-2021) di meno del 60%. Durante il conflitto, Washington ha condotto 11 cicli di sanzioni e restrizioni contro beni, società e individui cinesi, portando il loro numero a 350 in totale - un record assoluto per gli Stati Uniti. Il Celeste Impero fu costretto a prendere le misure più decisive per proteggere i propri interessi - e le prese.

L'anno scorso ha visto la conclusione dell'accordo globale di investimento tra la Cina e l'Unione europea, nonché l'istituzione da parte dei paesi dell'ASEAN del partenariato economico globale regionale (RCEP). Ecco un altro esempio, non così ampio, ma molto tipico: Pechino ha adottato una "strategia 3-5-2", nell'ambito della quale, entro il 2022, in tutte le strutture governative locali, una sostituzione completa del computer americano attrezzatura e software per uso domestico. Per quanto è noto, il ritmo della sua attuazione è completamente mantenuto. Dopodiché, sperare che i compagni cinesi spalancino le braccia per Biden solo perché ha nominato Catherine Tai, che parla correntemente il cinese, come rappresentante commerciale degli Stati Uniti, è a dir poco ingenuo.

Ciò è particolarmente evidente alla luce dei recenti rapporti secondo cui Janet Yellen, candidata al Tesoro di Biden, ha già dichiarato che intende "utilizzare tutti gli strumenti disponibili per combattere gli abusi e le azioni illegali di Pechino", che deliberatamente "mina l'economia americana". In qualche modo non molto simile alla fine del conflitto, vero? Piuttosto, sembra un tentativo da parte degli Stati Uniti di tornare sull'arena mondiale nello stesso ruolo di "egemone". Se parliamo della Russia, anche le iniziative sanzionatorie nettamente inasprite da Washington, che ha già iniziato a "colpire" direttamente il Nord Stream 2, non lasciano spazio alle illusioni. Tuttavia, la reazione, ad esempio, del ministero degli Esteri russo alle urla sull'arresto di Navalny, che si riduceva al consiglio di "tacere e affrontare i tuoi problemi", suggerisce che qui c'è completa reciprocità ...

La principale sfortuna della squadra di Joe Biden, che sta arrivando al potere oggi, può molto probabilmente diventare un tentativo da parte del suo capo e dei suoi membri di risolvere tutti i problemi con un semplice ritorno ai giorni di Barack Obama. Non per niente, dopo le primissime nomine, ampiamente annunciate dal presidente eletto, la sua futura amministrazione negli stessi Stati Uniti ha cominciato a chiamarsi "Obama-3". Nuland da solo vale qualcosa ... È piuttosto strano che persone così esperte in politica, rifiuta ostinatamente di capire la cosa assolutamente ovvia: il mondo non è una pellicola o un file di computer, che può essere facilmente "riavvolto" e ricominciato da dove ti piace. Negli anni è cambiato e in modo irreversibile. Gli sforzi per ripristinare lo "status quo" in questa materia sono semplicemente destinati al fallimento. Donald Trump, con tutto il suo volontarismo, isolazionismo e altri "peccati", potrebbe essersi reso conto che gli Stati Uniti non possono più tentare di svolgere il ruolo di forza assolutamente dominante nel mondo unipolare da loro guidato. Se non altro perché un mondo del genere non esiste più ...

I democratici-globalisti che hanno portato Biden al potere rifiutano questa "sedizione", come si suol dire, dalla soglia. Apparentemente, non intendono sforzarsi di "rendere di nuovo grande l'America", ma di provare di nuovo a rimodellare l'Universo per questo. Questo può rivelarsi molto negativo e, prima di tutto, per se stessi.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Cheburashk Офлайн Cheburashk
    Cheburashk (Vladimir) 20 gennaio 2021 11: 52
    +3
    Gli Stati Uniti ora assomigliano a una locomotiva a vapore oa un treno, che si precipita in avanti per inerzia, e non ci sono binari avanti o il ponte è distrutto.
    1. Quarto cavaliere Офлайн Quarto cavaliere
      Quarto cavaliere (Quarto cavaliere) 20 gennaio 2021 12: 49
      +4
      Dobbiamo sventolare loro un fazzoletto.
  2. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 20 gennaio 2021 12: 20
    0
    In URSS, ci è stato insegnato che il mondo si sta sviluppando in una spirale e verso l'alto. Quindi andrà tutto bene. Ma V. Vysotsky non era d'accordo:

    Penso che gli scienziati abbiano mentito
    hanno una foratura in teoria, un taglio:
    lo sviluppo non segue una spirale,
    ea caso, pedalando, su tutta la linea ..
    1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
      Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 20 gennaio 2021 14: 02
      +3
      In URSS, le teorie del complotto non venivano insegnate, ma insegnavano che tutte le formazioni sociali sono allineate in una catena sequenziale e riflettono una progressiva ascesa dagli stadi di sviluppo più bassi a quelli più alti, e se le forze esterne non interferiscono nella vita del paese, quindi deve attraversare tutte le fasi senza saltare o perdere una sola formazione.
  3. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 20 gennaio 2021 12: 58
    +4
    Guardando Biden, mi viene in mente un vecchio aneddoto su K.Chernenko:

    Ha guidato il paese senza riprendere conoscenza ...

    Wangyu 2021: Camilla + Hillary è la nuova "dolce coppia"
    1. Ulisse Online Ulisse
      Ulisse (Alex) 20 gennaio 2021 21: 14
      +4


      Le mie congratulazioni a tutti coloro che credono che gli Stati Uniti continuino a prosperare con un'andatura ferma e una mente sana. lol
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 20 gennaio 2021 13: 56
    +1
    il nuovo proprietario è considerato di buon auspicio, promette cambiamenti positivi e nuove prospettive

    La divisione della classe dirigente statunitense offre all'UE la possibilità di rafforzare la sua indipendenza, indipendenza, per cercare di costruire relazioni paritarie con gli Stati Uniti, perché l'UE ha tutti i prerequisiti per questo: la banca centrale, le borse, le agenzie di rating, forze: il mercato interno degli Stati Uniti che supera gli Stati Uniti, il territorio, i minerali, le tecnologie, i settori della produzione e dei servizi high-tech sviluppati, la propria agitprom e, in futuro, il suo esercito europeo. Tutto ciò offre all'UE la possibilità di diventare uno dei tre centri mondiali e perseguire una politica senza guardare indietro alle urla degli Stati Uniti.
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 20 gennaio 2021 16: 11
    -1
    Tutti i precedenti "eksperdy" con le previsioni su YUS sono già volati ...
    I negri e la loro "disintegrazione degli stati" non vengono più ricordati, tutto si è ridotto a zero.
    Dobbiamo spaventare ora con il Campidoglio
  6. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 20 gennaio 2021 18: 31
    -4
    Gli USA morenti sono ascoltati tutto il tempo in cui esistono gli USA. A loro piacevano particolarmente scrivere necrologi in URSS. Ora vengono scritti nella Federazione Russa. Durante questo periodo, l'URSS è riuscita a morire da sola e la Federazione Russa è in arrivo.
    Ma il 46esimo! il presidente suona ancora. Poi ci saranno 47 e 48. E questo piccolo articolo andrà all'archivio dei capolavori della stupidità.
  7. cmonman Офлайн cmonman
    cmonman (Garik Mokin) 20 gennaio 2021 23: 35
    -2
    Gli Stati Uniti stanno facendo un passo avanti o nell'abisso?

    Una domanda retorica - ovviamente nell'abisso! Là, in fondo, la Russia è stanca di aspettare, si sfrega le mani ...
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 21 gennaio 2021 19: 31
      0
      Una domanda retorica - ovviamente nell'abisso! Là, in fondo, la Russia è stanca di aspettare, si sfrega le mani ...

      Ti aspettiamo per bussare dal basso risata
      Secondo me, i democratici hanno paura di fidarsi di una granata strizzò l'occhio

      Secondo i nuovi dettagli forniti dal periodo di transizione e dalla difesa, il Pentagono ha impedito ai membri della nuova amministrazione del presidente Joe Biden di accedere a informazioni critiche sulle operazioni in corso, tra cui la riduzione delle truppe in Afghanistan, le prossime missioni di operazioni speciali in Africa e il programma di vaccinazione Covid-19. funzionari.

      La mossa per contrastare la squadra di Biden, guidata da alti funzionari della Casa Bianca al Pentagono, non ha precedenti in un moderno cambiamento presidenziale e ostacolerà la nuova amministrazione su questioni chiave di sicurezza nazionale mentre assumerà posizioni presso il Dipartimento della Difesa mercoledì, hanno detto i funzionari . ...

      Biden ha apertamente condannato il trattamento riservato ai suoi collaboratori al Pentagono a dicembre, definendolo "nient'altro, secondo me, irresponsabilità" dopo che gli incontri sono stati annullati prima di Natale. Ha detto che alla sua gente sono state negate informazioni sull'hack di SolarWinds e ha detto che il suo team "ha bisogno di un quadro chiaro della posizione delle nostre forze nel mondo e delle nostre operazioni per contenere i nostri nemici".

      https://www.politico.com/news/2021/01/20/biden-pentagon-transition-460768

      Dicono che Donnie abbia lasciato un biglietto al vecchio Joe? "Joe, sai che ho vinto" Il tuo re è reale o cosa? sorriso
  8. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 21 gennaio 2021 10: 34
    0
    Molto spesso, un passo avanti è un passo nell'abisso.