Media: il Giappone ha perso diverse opportunità per restituire le Isole Curili


Il problema dei "territori del nord" è sempre stato importante per il Giappone e molti dei leader del paese intendevano restituire le Isole Curili alla giurisdizione di Tokyo. Secondo gli esperti dell'edizione cinese di Sohu, i giapponesi hanno avuto almeno tre casi di rimpatrio delle Isole Curili.


La prima opportunità si presentò nel 1956, quando l'Unione Sovietica e il Giappone firmarono una dichiarazione congiunta per porre fine alla guerra. Il documento prevedeva il trasferimento delle isole di Shikotan e Habomai a Tokyo, ma Kunashir e Iturup rimasero territorio dell'Unione Sovietica. Tuttavia, la parte giapponese ha chiesto che tutte e quattro le isole fossero cedute. Gli Stati Uniti hanno minacciato di non cedere Okinawa al Giappone se la dichiarazione nippo-sovietica fosse stata firmata, e successivamente Washington ha firmato un accordo di cooperazione con Tokyo, secondo il quale gli americani hanno ricevuto il diritto di dispiegare le loro basi militari sul territorio giapponese per dieci anni. In risposta, i sovietici si rifiutarono di firmare la dichiarazione.

Il Giappone ha avuto una seconda possibilità di restituire le isole durante la guida di Gorbaciov. Secondo alcune indiscrezioni, l'ultimo segretario generale sovietico si sarebbe offerto di cedere le isole di Tokyo per 200 miliardi di dollari, ma il Giappone ha accettato di pagare solo 28 miliardi di dollari e "l'accordo" non si è concretizzato. Successivamente, Mikhail Sergeevich ha affermato che i negoziati non hanno comportato la vendita del territorio.

Il terzo caso di presa delle Isole Curili è stato presentato ai giapponesi durante la presidenza di Boris Eltsin. Il leader russo offrì al Giappone di tornare all'accordo del 1956 e trasferire Tokyo Habomai e Shikotan sotto la giurisdizione di Tokyo, ma i giapponesi volevano restituire tutte e quattro le isole e le parti ancora una volta non arrivarono a un accordo.

Dopo che Vladimir Putin è salito al potere, è diventato chiaro che è improbabile che la Terra del Sol Levante abbia mai a disposizione le Isole Curili. Dopo che il primo ministro giapponese Yoshihide Suga ha annunciato la necessità di restituire le isole, i russi hanno schierato i sistemi S-300 lì. Il principale ostacolo alla risoluzione della questione è la presenza delle truppe americane in Giappone. Il Cremlino è fiducioso che dopo il trasferimento delle isole ai giapponesi, Washington vi collocherà le sue basi militari.

Il Giappone ha perso tre rare occasioni per impossessarsi delle isole. Non hanno più possibilità

- crede a Sohu.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Denis ravanello Офлайн Denis ravanello
    Denis ravanello (Denis Moroz) 20 gennaio 2021 12: 30
    +1
    Navalny ci rinuncerebbe. Con un selfie, come previsto)))
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 21 gennaio 2021 22: 04
    -1
    C'è davvero solo un'opportunità. Entrare a far parte del Distretto Federale dell'Estremo Oriente della Repubblica Autonoma del Giappone.