"Green Deal": Biden ha iniziato a fermare i progetti statunitensi di petrolio e gas


Il famoso presidente Joe Biden ha dato il via alla sua presidenza girando una valvola sul gasdotto Keystone XL dal Canada agli Stati Uniti sin dal primo giorno. Se Washington non si è pentita dei suoi alleati più stretti e fedeli a Ottawa, cosa aspettarsi dal Partito Democratico Americano della Russia?


La rete Keystone Pipeline collega la raffineria con le province petrolifere in Canada e negli Stati Uniti e ha accesso anche ai porti del Golfo del Messico. La sua quarta fase prevedeva la costruzione di un oleodotto dall'Alberta, Canada al Nebraska, a una raffineria a Steel City. La lunghezza del tubo doveva essere di 1,9 mila chilometri con una capacità di pompaggio giornaliera di 800 mila barili. Questo progetto semplificherebbe seriamente la consegna delle materie prime a Ottawa, oltre a ridurre i costi per le raffinerie americane. L'eccedenza di petrolio canadese potrebbe essere esportata dagli Stati Uniti. Si stima che la costruzione di un oleodotto di così grande portata possa creare altri 28mila nuovi posti di lavoro.

Nonostante l'ovvio economico vantaggio, il presidente democratico Barack Obama nel 2012 ha respinto la domanda per motivi ambientali. L '"imperiale" Donald Trump, invece, ha rilanciato il progetto nel 2017. Allo stesso tempo, sotto di lui iniziò la costruzione dell'oleodotto Dakota Access negli Stati Uniti settentrionali. Tuttavia, nell'estate del 2020, quando il presidente Trump stava già cedendo il seggio, il progetto Dakota Access è stato interrotto a causa delle proteste dei nativi americani. Non appena il democratico Biden è entrato ufficialmente alla Casa Bianca, ha chiuso il gasdotto Keystone XL. Ma perché Washington ora si sta sparando ai piedi e complicando i rapporti con il suo vicino amico?

Per comprendere le sue motivazioni, è necessario tenere conto del contesto generale. I principali concorrenti di Stati Uniti, Cina e Unione Europea, oltre a paesi sviluppati come Corea del Sud e Giappone, si sono posti l'ambizioso obiettivo di raggiungere zero emissioni di anidride carbonica nella produzione entro il 2050. Pechino, è vero, parla del volgere del 2060, ma questo non cambia l'essenza della questione. Fondamentalmente, la struttura stessa dell'economia mondiale cambierà irreversibilmente. Le potenze leader oggi stanno attivamente investendo enormi quantità di denaro per garantire che i loro prodotti soddisfino i più recenti standard ambientali. Ovviamente in questo caso il costo di produzione aumenterà notevolmente, e per restare competitivi nel mercato mondiale, i maggiori player introdurranno le cosiddette "carbon tax" per chi non le rispetta.

Sotto il Partito Democratico, gli Stati Uniti stanno indubbiamente cercando di anticipare la curva per fissare essi stessi questi standard ambientali, che dovrebbero poi diventare obbligatori per tutti gli altri. Nei prossimi 10 anni, Washington prevede di investire della tecnologiaCiò porterà il consumo di combustibili fossili a zero, un enorme $ 5 trilioni. È chiaro che gli oleodotti su larga scala, nonostante la loro redditività a medio termine, non si adattano bene a questo concetto di "coraggioso nuovo mondo".

A proposito, il nostro paese con i suoi oleodotti e gasdotti non si adatterà troppo bene. Gli europei hanno già avvertito direttamente Mosca che il consumo di materie prime di idrocarburi diminuirà costantemente. Ciò suggerisce l'idea di costruire rapidamente più turbine eoliche e pannelli solari al fine di aumentare la quota di "energia verde" in Russia, che può essere utilizzata nella produzione di "idrogeno verde" e quindi mantenere la nostra quota nel mercato dell'UE. È chiaro che si tratta di un investimento enorme che solo lo Stato, rappresentato dalle corporazioni, può fare. Logicamente, anche il bilancio federale dovrebbe ricevere l'utile finale, giusto?

E non è un dato di fatto. Al Gaidar Forum, svoltosi pochi giorni fa, Anatoly Chubais, il principale ideologo della "precipitosa" privatizzazione degli anni '90 e della "rispettabile" privatizzazione degli anni XNUMX, si è lamentato della scarsa efficienza delle autorità statali:

A quanto mi risulta, le autorità hanno mostrato impotenza, debolezza e hanno commesso un grave errore. Di conseguenza, non è stato fatto nulla. Di conseguenza, l'UE introduce una tassa sul carbonio transfrontaliera e le imprese russe la pagheranno. Pagherò. Solo loro non pagheranno il proprio governo, ma quello di qualcun altro. L'errore del governo, quando ciò che avrebbe potuto e dovuto essere commercializzato, il governo non poteva commercializzarlo.

Vorrei sottolineare che Anatoly Borisovich, che ora è nello status di "negoziatore internazionale", è stato a capo di una società statale, poi di un'altra, per tutti gli anni passati, e quindi è in qualche modo coinvolto in un risultato così deplorevole. E la sua ricetta è sempre la stessa, provata: "commercializzare". Se qualcuno non capisce, stiamo parlando della prossima privatizzazione della proprietà statale in mani private "terribilmente efficaci". È così che possiamo avere una risposta alle iniziative energetiche globali di USA, UE e Cina.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
19 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 22 gennaio 2021 12: 47
    -5
    Sergei, hai notato il pensiero corretto nel tuo articolo: gli Stati Uniti non stanno tanto cercando di imporre standard energetici verdi al resto del mondo per "rovinare i paesi in via di sviluppo ei principali fornitori di idrocarburi" e "stabilire un totalitarismo ecologico" (come Necropny cerca di dimostrare nel suo articolo), ma piuttosto cercando di mettersi al passo con la tendenza globale verso l '"energia pulita". Perché l'America è ormai molto indietro rispetto a Europa, Giappone, Corea del Sud e Singapore nell'implementazione di energia e produzione pulite, e se non aumenta l'attività in quest'area rischia di non essere in tempo.
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 22 gennaio 2021 13: 27
      +2
      Ciò significa che avranno il tempo di chiudere tutta la metallurgia a causa della non redditività risata
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 22 gennaio 2021 15: 44
        +2
        Ciò significa che avranno il tempo di chiudere tutta la metallurgia a causa della non redditività

        Spero che questa non sia la fine risata
      2. Cyril Офлайн Cyril
        Cyril (Cyril) 22 gennaio 2021 16: 44
        -4
        Sognare non è male
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 22 gennaio 2021 14: 44
      0
      Citazione: Cirillo
      Sergey, hai notato il pensiero corretto nel tuo articolo: gli Stati Uniti non stanno tanto cercando di imporre standard energetici verdi al resto del mondo per "rovinare i paesi in via di sviluppo ei principali fornitori di idrocarburi" e "stabilire un totalitarismo ecologico" (come Necropny sta cercando di dimostrare nel suo articolo)

      Ognuno ha la propria visione dei processi.
      1. Cyril Офлайн Cyril
        Cyril (Cyril) 22 gennaio 2021 16: 45
        -5
        Questo è certamente vero.
    3. Vladest Офлайн Vladest
      Vladest (Vladimir) 23 gennaio 2021 12: 15
      -4
      Citazione: Cirillo
      rovinare i paesi in via di sviluppo

      L'India è uno dei leader in Green Energy. Lo hai classificato tra i paesi sviluppati?

      Citazione: Cirillo
      Poiché l'America è ora molto indietro rispetto a Europa, Giappone, Corea del Sud e Singapore nell'adozione e nella produzione di energia pulita,

      Il leader è tutta la Cina, probabilmente. Ma in realtà qualcuno è leggermente più avanti, qualcuno è leggermente indietro. Ma la tendenza è già stata fissata. Certo, è meglio confermare le tue conclusioni con i numeri. Molto tempo per cercarli Ma negli States, ad esempio, al Sud, sono già necessarie nuove case con pannelli solari.
      Si sta leggendo anche una nuova fase nello sviluppo dell'energia: l'energia dispersa, quando ogni casa avrà un mini elettrico. stazione. Elon Musk ha installato 100 sistemi Powerwall
      Green Energy Business Growth oltre il 10% all'anno
    4. 123 Офлайн 123
      123 (123) 23 gennaio 2021 21: 22
      +1
      una tendenza globale verso l '"energia pulita"

      Dove e quando ha preso forma questa tendenza e quando è diventata globale?
      La "città-stato" Singapore è ovviamente potente, probabilmente anche il Giappone e la Corea del Sud, ma ancora non abbastanza per la globalizzazione. La Cina sta costruendo centinaia di centrali elettriche a carbone, ei sauditi hanno seguito l'esempio. La quota di elettricità generata dai mulini a vento e dalle centrali solari è sull'orlo dell'errore statistico.
      https://www.iea.org/data-and-statistics?country=WEOEUR&fuel=Energy%20supply&indicator=TPESbySource
      1. Cyril Офлайн Cyril
        Cyril (Cyril) 23 gennaio 2021 23: 55
        -2
        La Cina sta costruendo centinaia di centrali elettriche a carbone, ei sauditi hanno seguito l'esempio.

        https://oilcapital.ru/news/markets/06-02-2019/373-mlrd-investiruet-kitay-v-vozobnovlyaemuyu-energetiku

        Il Brasile è ora il leader mondiale nell'uso di energia verde, dove le fonti rinnovabili rappresentano circa il 45% del consumo finale di energia, al secondo posto - l'Unione europea con una quota nel 17%... La Cina è in ritardo di 5 volte rispetto al Brasile e ha solo una quota 8,9%tuttavia è il mercato in più rapida crescita al mondo per la messa in servizio di nuove capacità "verdi" e rimarrà tale almeno fino al 2023, prevede l'Agenzia internazionale dell'energia.

        Nei prossimi 5 anni, secondo le previsioni dell'AIE, il volume di produzione di energia eolica quasi raddoppierà, passando da 21,9 a 39,8 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio all'anno. La capacità delle stazioni solari triplicherà, fino a 33 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio.

        In Cina, l'introduzione dell'energia verde è un programma governativo

        https://rg.ru/2020/10/05/kitaj-perejdet-na-zelenuiu-energetiku.html

        Quasi immediatamente dopo il discorso del leader cinese, l'Istituto di energia, ambiente ed economia dell'Università Tsinghua ha svelato un piano per raggiungere questo obiettivo, ha riferito Bloomberg. L'ammodernamento si basa, secondo il piano, abbandono quasi totale del carbone (una diminuzione del 96% entro il 2060 rispetto al 2025), del gas (meno 75%) e del petrolio (meno 65%) e una transizione verso l'energia nucleare e rinnovabile. Allo stesso tempo, la Cina prevede di passare gradualmente ad altre fonti di energia.

        https://iz.ru/1072108/dmitrii-migunov/vsegda-budet-solntce-kak-kitai-otkazhetsia-ot-nefti-i-gaza

        Finora, naturalmente, costruiranno anche centrali elettriche a combustibile, perché l'economia si sta sviluppando a un ritmo frenetico, per il quale l'introduzione di energia verde semplicemente non tiene il passo. Nessuno dice che in questo momento smetteranno di costruire centrali termiche e passeranno a pannelli solari e turbine eoliche.

        La quota di elettricità generata dai mulini a vento e dalle centrali solari è sull'orlo dell'errore statistico.

        In primo luogo, l'ultima data in programma è il 2018; da allora sono passati 3 anni.

        In secondo luogo, il grafico analizza l'energia del mondo INTERO. Naturalmente, i paesi del secondo o terzo mondo non possono permettersi l'introduzione di fonti ad alta tecnologia di "energia verde". Pertanto, è necessario cercare per paese. In Germania, ad esempio, la quota di energie rinnovabili nel 1 ° trimestre del 2020 ha superato il 50% dell'energia totale generata nel paese.

        Ecco un altro grafico. https://yearbook.enerdata.ru/renewables/renewable-in-electricity-production-share.html

        Il diagramma mostra che la quota di fonti energetiche rinnovabili nel mondo è già del 27%. Non malaticcio un tale "errore statistico".
        1. 123 Офлайн 123
          123 (123) 24 gennaio 2021 01: 11
          +2
          In Cina, la situazione si presenta così:

          Nel 2020, il consumo di elettricità dell'intera società sarà 7511 miliardi di kWh, che è del 3,1% in più rispetto all'anno precedente.

          Secondo fonti di nuova costruzione, come questa:

          Nel 2020, la nuova capacità installata di fonti energetiche nel Paese ammonterà a 190,87 milioni di kilowatt, di cui 13,23 milioni di kilowatt di energia idroelettrica, 71,67 milioni di kilowatt di energia eolica e 48,2 milioni di kilowatt di energia solare.

          http://www.nea.gov.cn/2021-01/20/c_139682386.htm

          Il paese ha bisogno di elettricità e cerca di ottenerla da tutte le fonti disponibili. Considerando la quantità totale di energia consumata, "energia verde" è una priorità piuttosto decorativa. Se le centrali elettriche vengono costruite a carbone, allora il desiderio di abbandonare l'uso del carbone è solo una bella parola, non credi?

          In primo luogo, l'ultima data in programma è il 2018; da allora sono passati 3 anni.

          Credi che la situazione sia cambiata molto?

          In secondo luogo, il grafico analizza l'energia del mondo INTERO. Naturalmente i paesi del secondo o terzo mondo non possono permettersi l'introduzione di fonti ad alta tecnologia di "energia verde"

          in altre parole, il trend non è per tutti, ma solo per chi può permetterselo per ragioni economiche. Successivamente, i paesi ricchi introdurranno una tassa sulla "carbonizzazione" che metterà un peso insopportabile sui paesi del terzo mondo. quindi schiacceranno la concorrenza, tutto qui. tutto il resto è una bella favola per gli ingenui.

          Pertanto, è necessario cercare per paese. In Germania, ad esempio, la quota di energie rinnovabili nel 1 ° trimestre del 2020 ha superato il 50% dell'energia totale generata nel paese.

          FER - a quanto ho capito, sono fonti di energia rinnovabile?
          Questi includono, ad esempio, l'energia idroelettrica, in Norvegia, se non sbaglio, circa il 98% e questa non è una novità, questa è una fonte tradizionale. di che tendenza stiamo parlando?
          Le fonti rinnovabili includono anche la combustione del legno e così via, che in qualche modo non si adatta perfettamente alla tendenza. La Germania non ha fretta di abbandonare il nucleare. certo, stanno chiudendo i reattori sul loro territorio, ma non hanno in programma di chiudere quelli svedesi di società tedesche. E da lì ricevono abbastanza elettricità.

          Il diagramma mostra che la quota di fonti energetiche rinnovabili nel mondo è già del 27%. Non malaticcio un tale "errore statistico".

          Se togliamo da questo la quota di energia idroelettrica, circa il 15% della generazione mondiale, e quindi anche tutti i tipi di industrie "sporche" che inquinano l'aria durante la combustione, è più probabile che la quota di elettricità "pulita" sia più vicina all'errore statistico.
          Energia "pulita" e fonti energetiche rinnovabili non sono esattamente la stessa cosa.
          1. Cyril Офлайн Cyril
            Cyril (Cyril) 24 gennaio 2021 01: 54
            -2
            Il paese ha bisogno di elettricità e cerca di ottenerla da tutte le fonti disponibili. Considerando la quantità totale di energia consumata, "energia verde" è una priorità piuttosto decorativa.

            Cito la tua citazione:

            Nel 2020, la nuova capacità installata delle fonti energetiche nel paese sarà 190,87 milioni di kilowatt, compresi 13,23 milioni di chilowatt di energia idroelettrica, 71,67 milioni di kilowatt di energia eolica и 48,2 milioni di kilowatt di energia solare.


            Aggiungi 71 e 28: otteniamo (arrotondati) 100 milioni di kilowatt per vento e sole. E ora contiamo. quanti 100 milioni di kilowatt sono da 190 milioni di kilowatt. Suggerimento: più del 50% delle sorgenti di nuova costruzione sono vento e sole.

            Considerando la quantità totale di energia consumata, "energia verde" è una priorità piuttosto decorativa. Se le centrali elettriche vengono costruite a carbone, allora il desiderio di abbandonare l'uso del carbone è solo una bella parola, non credi?

            No, non lo sono. Ancora una volta, la Cina è un paese industriale estremamente sviluppato in termini di popolazione con enormi bisogni energetici, che, per di più, stanno crescendo a un ritmo tremendo. oggi soddisfare queste esigenze solo a causa del vento e del sole impossibile, quindi sì, anche nuove centrali termiche a carbone / petrolio / gas vengono messe in servizio. I mulini a vento e le stazioni solari sono una tecnologia relativamente nuova che deve ancora essere sviluppata e implementata, il che naturalmente richiede tempo.

            Il governo cinese non ha mai detto che in questo momento rinuncerà al carbone e al petrolio e sostituirà tutte le fonti di energia rinnovabile, ma ha adottato un programma graduale una diminuzione della quota di carbone, gas e petrolio nel settore energetico, con l'aspettativa che entro il 2060 la loro quota scenderà ad un minimo irrilevante.

            Il desiderio della Cina di abbandonare il carbone e gli idrocarburi nel settore energetico in futuro è chiaramente illustrato dalla quota in costante diminuzione di queste fonti energetiche. Confronta quante turbine eoliche e centrali solari hanno messo in servizio 10 anni fa e quante ne stanno mettendo in servizio ora.

            Credi che la situazione sia cambiata molto?

            Abbastanza forte. In Germania, ad esempio, le energie rinnovabili nel 2018 ammontavano a circa il 40%, nel 2020 - già più di 50. Totale per 3 anni, con un aumento del 10%. Cifre piuttosto impressionanti.

            in altre parole, il trend non è per tutti, ma solo per chi può permetterselo per ragioni economiche.

            Perché?

            Diamo un'occhiata al grafico che ho inviato in precedenza:

            La quota di fonti energetiche rinnovabili nel settore energetico nazionale del Venezuela è del 73%, la Colombia ha il 72% e la Nigeria il 20%.

            In Colombia, il 70% di tutte le fonti di energia rinnovabile sono energia idroelettrica, solare ed eolica rappresentavano poco nel 2019, ma il governo prevede di aumentare la loro quota al 9% entro il 2022 - in soli 3 anni.

            Come puoi vedere, non è necessario essere un paese super ricco per utilizzare e sviluppare le FER.

            Successivamente, i paesi ricchi introdurranno una tassa sulla "carbonizzazione" che metterà un peso insopportabile sui paesi del terzo mondo. quindi schiacceranno la concorrenza, tutto qui. tutto il resto è una bella favola per gli ingenui.

            Questa è speculazione.

            FER - a quanto ho capito, sono fonti di energia rinnovabile?
            Questi includono, ad esempio, l'energia idroelettrica, in Norvegia, se non sbaglio, circa il 98% e questa non è una novità, questa è una fonte tradizionale. di che tendenza stiamo parlando?

            Allora cosa c'è di sbagliato nell'idroelettrico e perché non dovremmo considerarlo come una fonte di energia relativamente verde? Può e deve anche essere sviluppato.

            A proposito, nella stessa Russia, nonostante l'abbondanza di fiumi, l'energia idroelettrica rappresenta solo il 20% della produzione di elettricità. c'è.

            Le fonti rinnovabili includono anche la combustione del legno e così via, che in qualche modo non si adatta perfettamente alla tendenza.

            Nessuno usa il legno nell'ingegneria energetica industriale da molto tempo. Viene utilizzato principalmente per il riscaldamento di abitazioni private. Anche i biocarburanti provenienti dagli impianti servono principalmente ad alimentare automobili e veicoli.

            La Germania non ha fretta di abbandonare il nucleare. certo, stanno chiudendo i reattori sul loro territorio, ma non hanno in programma di chiudere quelli svedesi di società tedesche. E da lì ricevono abbastanza elettricità.

            La situazione è la stessa della Cina. La velocità di introduzione delle tecnologie "verdi" non tiene il passo con la domanda, quindi si utilizzano ancora sia l'energia nucleare che quella combustibile.

            Tuttavia, come ho accennato nel link, la quota di fonti energetiche rinnovabili in Germania nel 2020 ha superato il 50%

            La quota di sola energia eolica e solare (escluso l'idroelettrico) in Germania già nel 2019 rappresentavano 28%.
            1. 123 Офлайн 123
              123 (123) 24 gennaio 2021 02: 30
              0
              Aggiungi 71 e 28: otteniamo (arrotondati) 100 milioni di kilowatt per vento e sole. E ora contiamo. quanti 100 milioni di kilowatt sono da 190 milioni di kilowatt. Suggerimento: più del 50% delle sorgenti di nuova costruzione sono vento e sole.

              Esatto, ora guarda cosa rappresenta il restante 50% e confrontalo con la quantità totale di energia generata: 100 milioni e 7511 miliardi di kWh. Sì, questa è una goccia nell'oceano.

              Il governo cinese non ha mai detto che in questo momento rinuncerà al carbone e al petrolio e sostituirà tutte le fonti di energia rinnovabile, ma ha adottato un programma per ridurre gradualmente la quota di carbone, gas e petrolio nel settore energetico, con l'aspettativa che entro il 2060 la loro quota scenderà a un minimo insignificante.

              E quanto sarà questo "minimo insignificante"? Calcola quale sarà la quota di energia "verde" se introdotta a tale ritmo. Queste sono solo belle parole, almeno per ora.

              Abbastanza forte. In Germania, ad esempio, le energie rinnovabili nel 2018 ammontavano a circa il 40%, nel 2020 - già più di 50. Totale per 3 anni, con un aumento del 10%. Cifre piuttosto impressionanti.

              Sì, + 10% di generazione, ma quanto si consuma? Comprano ancora l'elettricità e non è affatto verde.

              Perché?
              Diamo un'occhiata al grafico che ho inviato in precedenza:
              La quota di fonti energetiche rinnovabili nel settore energetico nazionale del Venezuela è del 73%, la Colombia ha il 72% e la Nigeria il 20%.
              In Colombia, il 70% di tutte le fonti di energia rinnovabile sono energia idroelettrica, solare ed eolica rappresentavano poco nel 2019, ma il governo prevede di aumentare la loro quota al 9% entro il 2022 - in soli 3 anni.
              Come puoi vedere, non è necessario essere un paese super ricco per utilizzare e sviluppare le FER.

              Perché ho bisogno del tuo programma? Ti dirò, senza guardare nei libri di riferimento, "La quota di fonti energetiche rinnovabili nel settore energetico nazionale del Venezuela è del 73%" è l'unica centrale idroelettrica. Uno per tutto il paese. E non ha nulla a che fare con le tendenze della moda. È stato costruito molto prima che fosse chiamato alla moda e non ci sono praticamente alternative. Lo stesso si può dire per Colombia e Nigeria. Queste non sono turbine eoliche di fantasia o pannelli solari.

              Allora cosa c'è di sbagliato nell'idroelettrico e perché non dovremmo considerarlo come una fonte di energia relativamente verde? Può e deve anche essere sviluppato.

              Sono contrario? È possibile tenerne conto, ma dire che ciò è dovuto alla "tendenza" è fondamentalmente sbagliato.

              A proposito, nella stessa Russia, nonostante l'abbondanza di fiumi, l'energia idroelettrica rappresenta solo il 20% della produzione di elettricità. c'è.

              Ci sono riserve per la crescita della generazione e non solo per l'energia idroelettrica. Tutto ha un business case. Una centrale nucleare galleggiante per sostituire Bilibino è stata costruita perché redditizia. Ci sono anche fiumi lì, ma sai che gelano e costruire una diga senza strade di accesso non è un piacere economico. Non è economicamente fattibile convertire tutto ciò che è presente in energia "pulita". La costruzione di dighe ha anche un impatto negativo sull'ambiente. Ad esempio, la Mongolia avrà una generazione a gas, ma non costruirà una diga e il flusso d'acqua nel Baikal non cambierà.

              Questa è speculazione.

              Questa è la conclusione basata sull'analisi. Con cosa puoi discutere? Non ci credo? Perché sono buoni borghesi e pensano non al profitto ma alla natura? Non farmi ridere risata

              Nessuno usa il legno nell'ingegneria energetica industriale da molto tempo. Viene utilizzato principalmente per il riscaldamento di abitazioni private.

              Sei sicuro? Vengono prodotti come souvenir? Questo è solo un esempio.
              http://kibor.ru/biopower

              La situazione è la stessa della Cina. La velocità di introduzione delle tecnologie "verdi" non tiene il passo con la domanda, quindi si utilizzano ancora sia l'energia nucleare che quella combustibile.

              Continuerà a non riuscire a tenere il passo e questo "mentre" è odiato per tanti anni e rimarranno belle parole.

              Tuttavia, come ho accennato nel link, la quota di fonti energetiche rinnovabili in Germania nel 2020 ha superato il 50%

              Quanto puoi parlare della stessa cosa? Sì, ha superato, ma continuano a comprare da altri e non producono affatto energia verde all'estero. Perché non hanno il principio di rinunciarvi?

              La quota di sola energia eolica e solare (escluso l'idroelettrico) in Germania rappresentava il 2019% già nel 28.

              Generazione del 28%? E nel consumo? Questa è solo una bella figura, e la borghesia usa ancora le centrali nucleari in Svezia.
              1. Cyril Офлайн Cyril
                Cyril (Cyril) 24 gennaio 2021 03: 13
                -2
                Esatto, ora guarda cosa rappresenta il restante 50% e confrontalo con la quantità totale di energia generata: 100 milioni e 7511 miliardi di kWh. Sì, questa è una goccia nell'oceano.

                Noi guardiamo. La quota di vento e sole nel settore energetico cinese nel 2019 (2 anni fa) è dell'8,7%. Non più una goccia nell'oceano.

                https://plus-one.ru/news/2021/01/21/kitay-v-2020-godu-udvoil-stroitelstvo-solnechnyh-i-vetryanyh-elektrostanciy

                La Cina ha più che raddoppiato la sua costruzione di centrali eoliche e solari nel 2020. Segnalato da Reuters.

                Secondo la National Energy Administration (NEA), La Cina ha aggiunto 71,67 GW di energia eolica nell'ultimo anno, quasi tre volte il livello del 2019. L'impennata nella crescita delle energie rinnovabili è arrivata dopo che Pechino ha annunciato che avrebbe sospeso i sussidi per i nuovi progetti eolici onshore nel 2021.

                Ecco la prova che l'input di energia solare ed eolica in Cina è in aumento.

                E quanto sarà questo "minimo insignificante"?

                Sopra ho già citato i piani del governo cinese, leggi lì.

                Oltre il 50% di elettricità, Usato in Germania nella prima metà del 2020, ottenuto da fonti rinnovabili. Il record è in parte dovuto al calo complessivo del consumo di energia in mezzo alla pandemia.

                Lo stesso si può dire per Colombia e Nigeria. Queste non sono turbine eoliche di fantasia o pannelli solari.

                Il governo colombiano prevede di aumentare la quota di vento e sole al 2022% entro il 3 (in 9 anni).

                I piani, ovviamente, possono cambiare, ma non vengono calcolati da zero.

                Sono contrario? È possibile tenerne conto, ma dire che ciò è dovuto alla "tendenza" è fondamentalmente sbagliato.

                Perché è sbagliato? Quando le maggiori economie mondiali affermano (e, per di più, lo fanno) che entro la metà del secolo la stragrande maggioranza sarà prodotta da fonti energetiche rinnovabili, questa è ancora una tendenza.

                Questa è la conclusione basata sull'analisi.

                Il fatto che i paesi sviluppati "spargeranno marciume" contro quelli sottosviluppati a causa di tasse energetiche più elevate non è una conclusione basata sull'analisi, è solo speculazione.

                Sulla base dell'analisi, sarebbe se si citasse l'evidenza che con un aumento della quota di energia verde nei paesi sviluppati, quelli sottosviluppati guariscono. Poi ci sarebbe un'analisi. Nel frattempo - speculazione.

                Non è economicamente fattibile convertire tutto ciò che c'è in energia "pulita".

                E nessuno parla di un rifiuto totale dell'energia nucleare e persino del carburante. Parlano della loro forte riduzione.

                Sei sicuro? Vengono prodotti come souvenir? Questo è solo un esempio.
                http://kibor.ru/biopower

                Ebbene, alcune singole imprese possono utilizzare tali installazioni come fonti di energia di riserva. O, diciamo, in aree remote dove non c'è alimentazione centrale o è poco sviluppata.

                Continuerà a non riuscire a tenere il passo e questo "mentre" è odiato per tanti anni e rimarranno belle parole.

                Sopra, ho già citato un collegamento che nel 2020 la Cina ha commissionato 3 volte più stazioni solari rispetto al 2029. E questa cifra cresce di anno in anno.

                già nel 2019 la quota di vento e sole in Cina era dell'8,7%, puoi calcolare tu stesso quanto sarà nel 2021.

                Quanto puoi parlare della stessa cosa? Sì, ha superato, ma continuano a comprare da altri e non producono affatto energia verde all'estero. Perché non hanno il principio di rinunciarvi?

                Quanto ti serve finché non arriva a te.

                Generazione del 28%? E nel consumo? Questa è solo una bella figura, e la borghesia usa ancora le centrali nucleari in Svezia.

                È proprio nel consumo.
                1. 123 Офлайн 123
                  123 (123) 24 gennaio 2021 04: 11
                  0
                  Noi guardiamo. La quota di vento e sole nel settore energetico cinese nel 2019 (2 anni fa) è dell'8,7%. Non più una goccia nell'oceano.

                  più saggio vedere l'articolo originale e non la sua rivisitazione sullo Zen. Lì, oltre a quello da te indicato, c'è scritto

                  La crescita è avvenuta dopo Pechino annuncia la fine dei sussidi per i nuovi progetti di energia eolica onshoreA partire dal 2021 anno.

                  Decisione piuttosto strana se stanno cercando di svilupparla.

                  Secondo i dati, nel 2020 La Cina continua la costruzione di nuovi impianti termali, pari a 56,37 GW - livello più alto dal 2015... NEA non ha suddiviso questo indicatore in progetti di energia a gas e carbone.

                  La ricerca ha mostrato che la Cina ha completato 11 GW di nuove centrali elettriche a carbone nella prima metà del 2020 e aveva altri 53 GW nel suo portafoglio di progetti pianificato, che rappresentano 90% del totale mondiale.

                  Quindi è così. C'è un grafico interessante sotto il link. L'energia eolica sta crescendo a un ritmo più elevato rispetto ad altre fonti, ma considerando il volume, questo è ancora un calo del prezzo.

                  https://www.reuters.com/article/us-china-energy-climatechange/china-doubles-new-renewable-capacity-in-2020-still-builds-thermal-plants-idUSKBN29Q0JT

                  Noi guardiamo. La quota di vento e sole nel settore energetico cinese nel 2019 (2 anni fa) è dell'8,7%. Non più una goccia nell'oceano.

                  Cerchi dove? Non ho trovato nulla di simile sul link. L'8,7% dei 2020 gigawatt prodotti nel 7 è di 411 gigawatt.
                  Secondo il tuo link, è scritto che nel 2020, 281,5 GW sono stati prodotti da turbine eoliche e 253,4 GW da centrali solari. Totale 531,9 GW. Questo è inferiore all'8,7%

                  Ecco la prova che l'input di energia solare ed eolica in Cina è in aumento.

                  In Cina la produzione di elettricità da tutte le fonti è in aumento, vista la fine dei sussidi all'eolico, resta da vedere come si svilupperà ulteriormente. Tu speri ottimisticamente per il meglio, la realtà spesso non giustifica le aspettative.

                  Sopra, ho già citato un collegamento che nel 2020 la Cina ha commissionato 3 volte più stazioni solari rispetto al 2029. E questa cifra cresce di anno in anno.

                  L'anno 2029 non è ancora arrivato. Dovrei prendere in giro la tua competenza? strizzò l'occhio

                  già nel 2019 la quota di vento e sole in Cina era dell'8,7%, puoi calcolare tu stesso quanto sarà nel 2021.

                  Anche l'anno 2021 non è ancora arrivato e nel 2020 è inferiore all'8,7%.

                  Quanto ti serve finché non arriva a te.
                  Generazione del 28%? E nel consumo? Questa è solo una bella figura, e la borghesia usa ancora le centrali nucleari in Svezia.
                  È proprio nel consumo.

                  Ho qualche dubbio su questo tema. Sono entrato nelle fonti primarie. Elettricità totale prodotta - 386 810, compreso il combustibile biogenico e altre fonti di energia rinnovabile - 12 478, energia idroelettrica - 16 950. Questa è inferiore alla centrale nucleare - 75 071. Come si può contare il 28% è ancora un mistero per me. Se riesci a risolverlo, scrivi hi
                  https://www.destatis.de/DE/Themen/Branchen-Unternehmen/Energie/Erzeugung/Tabellen/kw-insgesamt.html
                  1. Cyril Офлайн Cyril
                    Cyril (Cyril) 24 gennaio 2021 04: 40
                    -2
                    più saggio vedere l'articolo originale e non la sua rivisitazione sullo Zen. Lì, oltre a quello da te indicato, c'è scritto

                    E non ho guardato lo Zen. Ho esaminato le metriche nel grafico che ho fornito in precedenza. Lì puoi vedere per ogni paese.

                    Decisione piuttosto strana se stanno cercando di svilupparla.

                    Le ragioni possono essere varie, tra cui il fatto che il ritmo dell'introduzione dell'energia eolica ha raggiunto un livello tale da non aver più bisogno di sovvenzioni e sosterrà il suo stesso sviluppo. O che in Cina hanno fatto affidamento più sul sole e non sul vento.

                    Quindi è così. C'è un grafico interessante sotto il link. L'energia eolica sta crescendo a un ritmo più elevato rispetto ad altre fonti, ma considerando il volume, questo è ancora un calo del prezzo.

                    Quindi, oltre alla generazione eolica, c'è anche l'energia solare.

                    Cerchi dove? Non ho trovato nulla di simile sul link. L'8,7% dei 2020 gigawatt prodotti nel 7 è di 411 gigawatt.

                    Guarda qui: https: //yearbook.enerdata.ru/renewables/wind-solar-share-electricity-production.html

                    Questi sono i dati per l'anno 2019.

                    In Cina la produzione di elettricità da tutte le fonti è in aumento, vista la fine dei sussidi all'eolico, resta da vedere come si svilupperà ulteriormente. Tu speri ottimisticamente per il meglio, la realtà spesso non giustifica le aspettative.

                    Non mi auguro il meglio, mi affido ai dati già disponibili e al parere del governo cinese.

                    L'anno 2029 non è ancora arrivato. Dovrei prendere in giro la tua competenza? ammiccò

                    Ho solo un errore di battitura, hai un articolo selezionato in modo errato. Che non ti sei nemmeno preso la briga di leggere prima di inserirlo nel commento.

                    Queste sono cose un po 'diverse, non credi?

                    Anche l'anno 2021 non è ancora arrivato e nel 2020 è inferiore all'8,7%.

                    Perché l'8,7% sono dati per il 2019, non per il 2020.

                    Ho qualche dubbio su questo tema. Sono entrato nelle fonti primarie. L'elettricità è stata prodotta in totale - 386 810, inclusi combustibili biogenici e altre fonti di energia rinnovabile - 12 478, energia idroelettrica - 16 950. Questo è meno della centrale nucleare - 75 071. Come si possa contare il 28% c'è ancora un mistero da me. Se riesci a risolverlo, scrivi

                    È così semplice. Segui il link che hai fornito. i dati sono per il 2019.

                    E il superamento della soglia del 50 per cento per le energie rinnovabili in Germania è stato registrato già nel 2020.

                    Per la prima volta, le energie rinnovabili hanno prodotto più elettricità in Germania rispetto all'energia convenzionale. Nel 1 ° trimestre del 2020, le fonti di energia rinnovabile (FER) hanno fornito oltre la metà di tutta l'elettricità generata nel paese: 51,2%. Segnalato il 28 maggio Ufficio federale di statistica della Repubblica federale di Germania (Destatis).

                    Ha sottolineato che nei primi tre mesi di quest'anno, la pandemia di coronavirus non ha ancora avuto il tempo di "influenzare in modo tangibile" l'industria elettrica tedesca, la diminuzione del 6,6% della produzione totale "rientra nelle normali fluttuazioni".

                    Secondo i dati preliminari, la produzione di elettricità attraverso eolico, biogas, sole e altre fonti di energia rinnovabile è aumentata del 2019% rispetto al primo trimestre del 14,9, continuando così la rapida crescita degli ultimi anni. Allo stesso tempo, l'energia eolica ha mostrato la crescita maggiore. In appena un anno ha aumentato la produzione del 21,4%. Gli esperti di Destatis attribuiscono questo al fatto che i primi tre mesi di quest'anno in Germania sono stati soprattutto molti giorni ventosi. Dopotutto, l'installazione di nuovi generatori eolici è stata recentemente bloccata.

                    Di conseguenza, il vento è diventato per la prima volta il principale vettore energetico in Germania e ha rappresentato oltre un terzo di tutta la generazione di elettricità: il 34,9%. La quota di biogas è stata del 5,5%, nel fotovoltaico (energia solare) è aumentata dal 4% al 4,8%.

                    Allo stesso tempo, c'è stata una riduzione frana della quota di carbone nell'industria elettrica tedesca. Complessivamente, nel corso dell'anno questa quota è diminuita di un terzo e, secondo i risultati del primo trimestre, è stata del 22,3%.
                    1. 123 Офлайн 123
                      123 (123) 24 gennaio 2021 16: 43
                      +2
                      Le ragioni possono essere varie, tra cui il fatto che il ritmo dell'introduzione dell'energia eolica ha raggiunto un livello tale da non aver più bisogno di sovvenzioni e sosterrà il suo stesso sviluppo. O che in Cina hanno fatto affidamento più sul sole e non sul vento.

                      Stai scherzando risata La generazione eolica è più costosa, come i pannelli solari, non sopravviveranno senza sussidi. In poche parole, la situazione è simile a questa (il video è uscito molto puntuale, ha eliminato la necessità di cercare buono ).



                      Ho solo un errore di battitura, hai un articolo selezionato in modo errato. Che non ti sei nemmeno preso la briga di leggere prima di inserirlo nel commento.
                      Queste sono cose un po 'diverse, non credi?

                      Ho inserito il link sbagliato, hai scritto la data sbagliata. Secondo me la differenza non è grande. anche tu non ti sei preso la briga di rileggere quanto scritto. Non vedo alcun motivo per discutere ulteriormente questo argomento, intasa solo la chat.
                      1. Cyril Офлайн Cyril
                        Cyril (Cyril) 24 gennaio 2021 17: 02
                        -3
                        Ho inserito il link sbagliato, hai scritto la data sbagliata. Secondo me la differenza non è grande

                        Secondo te, può essere qualsiasi cosa. In realtà, c'è anche una differenza significativa.
                  2. Il commento è stato cancellato
  2. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 23 gennaio 2021 12: 05
    -4
    Ottimo articolo. Onestamente sulla Green Energy e sul posto della Federazione Russa nel mondo Rispetto all'autore.
  3. Sergey_6 Офлайн Sergey_6
    Sergey_6 (Sergey Bayankov) 26 gennaio 2021 12: 44
    +1
    La Russia è la principale fonte di silicio per le celle solari. In ogni caso, dovrai negoziare con noi.