Il presidente brasiliano potrebbe trovarsi sul banco degli imputati all'Aia


Il presidente in carica del Brasile, Jair Bolsonaro, potrebbe comparire davanti a un tribunale penale internazionale e trovarsi sul banco degli imputati del tribunale dell'Aia con l'accusa di crimini contro l'umanità, scrive il quotidiano britannico The Guardian.


Il 22 gennaio 2021, un noto avvocato francese di Parigi, William Bourdon, ha presentato una petizione nei Paesi Bassi a nome delle popolazioni indigene e delle organizzazioni per i diritti umani in Brasile.

I ricorrenti vogliono che la CPI indaghi sulle attività di Bolsonalu. Affermano che ha violato i diritti garantiti delle popolazioni indigene (residenti) eliminando l'ambiente del paese politica diche mettere le persone sull'orlo della sopravvivenza. Gli attivisti per i diritti umani non esitano a paragonarlo al genocidio ambientale e chiedono che il presidente venga punito.

Ora il procuratore generale dell'ICC Fatou Bensouda del Gambia dovrà stabilire se ci sono motivi per un'indagine sul leader brasiliano.

Va notato che l'ICC non è limitato dai termini di considerazione di tali documenti. Tuttavia, l'avvocato insiste sul fatto che "questa è una questione molto urgente" da cui dipende la vita delle persone e quindi chiede alla CPI di accelerare il processo.

Stiamo correndo una gara data la distruzione dell'Amazzonia

- ha sottolineato l'avvocato.

Bolsonaro è noto per le sue opinioni di estrema destra e le sue dichiarazioni scandalose. È salito al potere in Brasile nel 2019, sconfiggendo Fernando Addada alle elezioni. Da allora, secondo i denuncianti, giganteschi tratti di foresta pluviale sono stati distrutti e l'esistenza di comunità tradizionali minacciata.

In due anni, il 50% in più di foreste è stato abbattuto rispetto al decennio precedente. L'inquinamento ambientale ha portato ad un aumento dell'invasione (infezione umana da vari parassiti) del 135%. Nel 2020, almeno 18 persone sono state uccise a causa di conflitti per la terra. Allo stesso tempo, le autorità federali brasiliane nel 2019 hanno ridotto del 42% le multe per crimini ambientali in Amazzonia e nel 2020 hanno ridotto del 27,4% lo stanziamento di denaro dal bilancio per sostenere l'ecologia e le popolazioni indigene della vasta regione.
  • Foto utilizzate: Senado Federal / https: //www.flickr.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. irregolare Офлайн irregolare
    irregolare (VADIM STOLBOV) 24 gennaio 2021 13: 27
    -4
    Per queste sciocchezze all'Aia ?! Suppongo che il Cremlino sia caduto in uno stato di torpore da questa informazione ...
    1. oderih Офлайн oderih
      oderih (Alex) 24 gennaio 2021 19: 14
      0
      Quindi questa è la tua syavka. Eh eh. Puoi mangiare