Perché la luna è la chiave per la superiorità militare nello spazio vicino


Ormai da due anni si sentono accuse regolari dagli Stati Uniti contro i concorrenti sulla militarizzazione dello spazio, all'incirca con la stessa frequenza con cui erano state avanzate accuse precedenti sul Trattato sui missili a corto e medio raggio (Trattato INF). Le motivazioni di Washington sono abbastanza trasparenti. La storia più breve dell'adempimento degli Stati Uniti ai propri obblighi internazionali è simile a questa.


SDI è stata ufficialmente chiusa nel 1993. Praticamente lo stesso programma laser spaziale continua ancora oggi. Allo stesso tempo, già nel 1998, apparve un documento dell'Air Force degno di nota: "Operazioni spaziali". Nel 2005 è stata adottata una strategia spaziale militare completamente "offensiva".

Anche a parte gli sforzi dell'ABM, i documenti non si sono discostati dagli atti. Nel 1999 è iniziato lo sviluppo del mini-shuttle X-37V. Nel 2005 sono stati lanciati in orbita due ispettori-satelliti americani nell'ambito del programma MITEx A. Nel 2009 è stato lanciato il velivolo da ricognizione elettronica di manovra USA-207. Nel 2014-16. quattro nell'ambito del programma GSSAP, che "hanno condotto centinaia di manovre dal 2014 e avvicinamenti ravvicinati o operazioni di rendezvous con più di una dozzina di satelliti operativi in ​​orbita geostazionaria".

Nel luglio 2018 è stato adottato il budget della difesa degli Stati Uniti per il 2019, che prevede ufficialmente la creazione di uno scaglione spaziale per la difesa missilistica. Allo stesso tempo, l'implementazione della componente sensore entro il 2022 dovrebbe essere solo la prima fase del programma.

Il 17 giugno dello scorso anno è stata pubblicata la nuova dottrina spaziale statunitense. Nel documento, Mosca e Pechino sono state accusate di creare minacce al gruppo spaziale statunitense. Come misura di risposta, si propone di trasformare lo spazio da un "rifornimento" in un vero e proprio "dominio di combattimento". In altre parole, stiamo parlando di dispiegare lì - naturalmente, "per scopi di difesa" - armi da attacco.

Allo stesso tempo, il concetto di un divieto totale del posizionamento di armi nello spazio, promosso dalla Federazione Russa e dalla Cina, è accolto con ostilità.

Quindi, pur insistendo sul dispiegamento di armi nello spazio, Washington accusa contemporaneamente Mosca di militarizzarle. La situazione riproduce idealmente lo scenario del ritiro dal Trattato INF, non solo in termini retorici. Il vero "motivo" dell'annullamento di quest'ultimo si è rivelato essere il successo dei test della testata ipersonica AHW. Il preludio al bilancio 2018 è stata l'intercettazione riuscita di un missile balistico intercontinentale (ICBM) a tutti gli effetti il ​​30 maggio 2017.

La sfumatura è che l'orbitale è il livello principale di un sistema di difesa missilistico costruito razionalmente. La parte terrestre della difesa missilistica è costretta a interagire con un "bersaglio balistico complesso" - un enorme insieme di testate e di esche stesse, protette da inceppamenti attivi e passivi. Ciò significa problemi nel trovare obiettivi reali, per non parlare del fatto che le testate devono essere abbattute separatamente.

La distruzione di un missile in una fase iniziale, prima del dispiegamento di testate e la creazione di una nuvola di esche è più di un ordine di grandezza più efficace.

Tuttavia, i tentativi di spostare gli intercettori più vicini ai siti di lancio nel caso di Russia e Cina sono irti di difficoltà puramente geografiche e pongono il rischio di un attacco completamente operativo sull'infrastruttura avanzata di difesa missilistica.

La creazione di un sistema basato sullo spazio elimina questo problema. Parallelamente, il problema "ipersonico", che è servito come motivo ufficiale per il dispiegamento del sistema orbitale, viene anche ampiamente risolto.

Nella versione ottimistica per i proprietari della difesa missilistica, le testate ipersoniche muoiono nella fase iniziale e su base generale. Sul lato pessimista, tali dispositivi perderanno una delle loro opzioni chiave. A causa della loro altitudine di volo relativamente bassa, sono in ritardo nel campo visivo di un sistema di difesa missilistico a terra, lasciandogli poco tempo per reagire, ma questo non importa per i sistemi spaziali.

Nella prima fase, possiamo parlare della reincarnazione del concetto "Diamond Pebble" dei tempi dell'SDI, cioè del posizionamento di intercettori cinetici già pronti nello spazio.

Negli anni '1980, il "ciottolo" era stato progettato come 4000 intercettori orbitali del peso di 14 kg. Allo stesso tempo, il Pentagono non ha nascosto che il gruppo aveva lo scopo di ripulire ciò che poteva decollare dopo un attacco preventivo. Un'opzione alternativa era quella di posizionare 100 satelliti in orbita, rendendolo inaccettabilmente costoso.

Nel frattempo, l'arsenale nucleare dell'URSS includeva 1406 missili balistici intercontinentali. L'arsenale moderno della Russia è 302, mentre l'efficacia di un attacco disarmante potrebbe essere potenzialmente molto più alta, per una lunga serie di ragioni, dallo sviluppo di armi antiaeree all'aumento della precisione delle testate Trident. Di conseguenza, la dimensione del gruppo orbitale può essere radicalmente inferiore.

Allo stesso tempo, i piani per il dispiegamento di un sistema di difesa missilistica spaziale, come negli anni ottanta, apparvero sullo sfondo dell '"arrivo" di missili a medio raggio, sia allora che oggi come mezzo principalmente di un attacco disarmante e decapitante . Questa "coincidenza" non è una coincidenza.

Tuttavia, anche al di fuori del contesto ipersonico, il dispiegamento di un vero e proprio sistema di difesa missilistica spaziale è un cambiamento strategico estremamente pericoloso, a cui dovranno rispondere sia Russia che Cina. Le prospettive sono chiare. Ministero degli Esteri russo: "Uno scontro armato nello spazio non può avere effetti meno dannosi della corsa agli armamenti nucleari scatenata da Washington a metà del secolo scorso, le cui conseguenze non sono ancora in grado di sopportare il mondo intero".

Allo stesso tempo, in un futuro molto prevedibile, ci saranno prerequisiti tecnici per "ammassare" le armi spaziali.

Portare il carico in orbita dalla Terra è ora estremamente dispendioso in termini di energia. Quindi, "Proton" con una massa di lancio di 705 tonnellate trasporta 23,7 tonnellate in orbita bassa (3,6% a terra). In orbita geostazionaria, ci sono 3,7 tonnellate dal lancio 711,6 (con lo stadio superiore) - l '"efficienza" è ridotta allo 0,5%. In questo caso, il carico principale dei razzi non è un carburante, ma un ossidante. Ad esempio, per bruciare una tonnellata di cherosene, è necessario utilizzare 3,5 tonnellate di ossigeno.

Tuttavia, la rivoluzione ipersonica ha anche un aspetto spaziale, risolvendo quest'ultimo problema. I motori a reazione ipersonici (motori scramjet), utilizzando l'ossigeno atmosferico, sono potenzialmente in grado di accelerare il veicolo a una velocità praticamente corrispondente alla prima velocità spaziale. Indubbiamente il raggiungimento dei parametri richiesti dai motori scramjet "di serie" è questione di decenni, ma già velocità molto più basse danno un enorme guadagno.

Il carburante viene consumato più attivamente all'inizio dell'accelerazione, quando la massa del razzo è al suo massimo. Di conseguenza, il dispositivo, precedentemente accelerato a 2 km / s (7200 km / h, meno di 6 oscillazioni "standard" al suolo), farà risparmiare il 50% del carburante in modalità razzo. 4 km / s risparmieranno fino all'80%.

Una prospettiva molto più tangibile è l'uso di rimorchiatori nucleari sviluppati attivamente nel settore spaziale, riducendo il consumo di massa molte volte (quando si utilizzano i motori al plasma sviluppati di 7-8 volte). In altre parole, solo questo технология aumenta l'area dello spazio praticamente utilizzato di quasi un ordine di grandezza. Le conclusioni che ne derivano sono peculiari.

A dicembre, il vicedirettore generale per la cooperazione internazionale di Roscosmos, Sergei Savelyev, ha richiamato l'attenzione sul fatto che l'accordo sul programma Artemis non contiene una tradizionale clausola di "antimilitarizzazione" e ha ammesso che gli Stati Uniti intendono attuare programmi militari sulla Luna. La stessa conclusione può essere tratta da altri documenti americani.

Quindi, dal punto di vista della DARPA, riflesso nella fondatezza del progetto del rimorchiatore spaziale nucleare DRACO, "nel prossimo futuro, l'intero spazio all'interno dell'orbita lunare diventerà di grande importanza scientifica, ingegneristica e militare".

Qual è l'interesse della Luna stessa? Ha due ovvie opzioni come potenziale rampa di lancio: gravità sei volte inferiore e nessuna atmosfera. Il secondo significa ulteriore risparmio e disponibilità di energia solare.

Inoltre, la differenza nella profondità del "pozzo gravitazionale" ha un carattere "qualitativo". La prima velocità spaziale per la Luna, richiesta per entrare in orbita, è di soli 1,68 km / s, inferiore a quella di un proiettile di un moderno cannone da carro armato; il secondo spazio - 2,4 km / s. Abbastanza realizzabile per sistemi di accelerazione elettromagnetica. Nel frattempo, l'uso di "catapulte" significa il costo del ritiro dell'ordine di 0,5-1 dollari al chilogrammo - 10-20 mila volte inferiore al minimo massimo per i missili chimici lanciati dalla Terra. Allo stesso tempo, un lancio completamente elettromagnetico dalla Terra non è realistico: a una velocità di 8 km / s nell'atmosfera, qualsiasi veicolo si brucerà. Sulla Luna, il problema della resistenza dell'aria, in linea di principio, non esiste.

In altre parole, la Luna è teoricamente la chiave dell'egemonia nello spazio vicino. Di conseguenza, l'uso delle risorse lunari è stato considerato nel framework SDI.

Negli anni Ottanta la creazione di infrastrutture adeguate era una prospettiva molto lontana. Quindi, i voli nell'ambito del programma Apollo sembravano molto particolari. Un razzo con la massa di un cacciatorpediniere della Seconda Guerra Mondiale (Saturn-5, 2965 tonnellate) ha trasportato il modulo lunare, la cui massa, escluso il carburante, era poco più di due tonnellate - 0,07% del modulo di lancio. Allo stesso tempo, un volo ordinario costava 2 miliardi degli allora dollari, circa la metà della portaerei.

Nel frattempo, le idee di allora sulla Luna presumevano, ad esempio, che per la sintesi del carburante per missili (coppia ossigeno-idrogeno) avrebbero dovuto essere elaborati enormi volumi di roccia con un contenuto di acqua dello 0,1%. Ciò richiedeva già la consegna di migliaia di tonnellate di merci, il che significava trilioni di costi. Questo è stato seguito da "piccole cose" - per esempio, allora l'efficienza delle celle solari era inferiore al 10%, il che implicava una grande quantità di "consegna", e il costo - circa 100 mila dollari per chilowatt di potenza. Il livello rudimentale di robotizzazione presupponeva che l'infrastruttura creata dovesse essere servita da un team significativo.

Nel frattempo, la produzione doveva ancora essere consegnata sulla Terra e quando si utilizzavano motori a razzo con carburante chimico, il guadagno si è rivelato non così grande.

Tuttavia, nel 2009, i crescenti sospetti sulla presenza di ghiaccio d'acqua nei crateri del polo sud della Luna si sono trasformati in fiducia. Il "fattore ghiaccio" indica la compressione dei costi di produzione e della scala delle infrastrutture di almeno cinquanta volte e al massimo centinaia di volte. Allo stesso tempo, ad esempio, l'efficienza delle moderne celle solari nello spazio è superiore al 40%, con un corrispondente risparmio nel peso consegnato. Infine, la robotizzazione dell'estrazione delle risorse sta diventando un luogo comune.

Di conseguenza, l'epica "costruzione del secolo" si è ridotta a una "stazione di servizio spaziale" relativamente compatta, gestita principalmente da remoto. È ancora molto costoso, ma non più proibitivo.

Allo stesso tempo, i bonus principali saranno ricevuti da coloro che possono stabilire il controllo sulle regioni polari, l'analogo lunare del Golfo Persico.

Finora, questa è una prospettiva molto lontana. Tuttavia, se non accade nulla di straordinario, i primi passi per militarizzare lo spazio saranno fatti abbastanza rapidamente.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. cmonman Офлайн cmonman
    cmonman (Garik Mokin) 24 gennaio 2021 22: 28
    -3
    Non è troppo tardi per la Russia per dire SI agli americani e con loro “conquistare” le regioni polari nel programma Artemis. Per lo meno, tutti i partecipanti si qualificheranno ugualmente per la sezione della Luna e potranno lanciare i loro astronauti in questo programma. Fino a quando non è troppo tardi !!! (o il treno è partito?)
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 25 gennaio 2021 02: 21
      0
      Non è troppo tardi per la Russia per dire SI agli americani e con loro “conquistare” le regioni polari nel programma Artemis. Per lo meno, tutti i partecipanti si qualificheranno ugualmente per la sezione della Luna e potranno lanciare i loro astronauti in questo programma. Fino a quando non è troppo tardi !!! (o il treno è partito?)

      Oh questi americani risata Non c'è bisogno di mendicare, non essere umiliato. Te l'hanno detto chiaramente - è morta così è morta pianto vai nelle regioni polari per conquistare compagno A proposito, il vecchio Joe ha già chiuso il programma? I razzi ovviamente non soddisfano gli standard di decarbonizzazione alla moda sentire
    2. cmonman Офлайн cmonman
      cmonman (Garik Mokin) 25 gennaio 2021 05: 44
      -2
      Quindi sì, è troppo tardi!
      https://www.mk.ru/science/2021/01/25/istochnik-rossiya-isklyuchena-iz-ekspertnoy-gruppy-po-lunnoy-programme.html

      Una fonte nell'industria missilistica e spaziale ha detto ai giornalisti che i rappresentanti della Russia sono stati esclusi dal gruppo di esperti coinvolti nel progetto per creare una stazione circumlunare Gateway.
      "La Russia è stata esclusa dall'invio di lettere, discussioni, accesso ai materiali", ha detto la fonte.
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 25 gennaio 2021 15: 00
        -1
        "La Russia è stata esclusa dall'invio di lettere, discussioni, accesso ai materiali", ha detto la fonte.

        La Russia ha rifiutato di partecipare al programma. E poi è stata esclusa ... dicono che non è stata lei a rifiutare, noi lo abbiamo escluso .. Com'è infantile risata
        Le colombe volano compagno
        Spero che tu possa risolvere i problemi da solo, compresi quelli con i motori. Finora, ci sono alcuni problemi con questo. I test di sparo dell'SR-25 sono falliti. I test sono stati interrotti nel secondo minuto, se ho ben capito, ci sono problemi con la protezione termica.
        https://www.space.com/nasa-sls-megarocket-artemis-1-engine-test-fire
        https://www.washingtonpost.com/technology/2021/01/19/nasa-sls-hotfire-test-artemis/

        Questi sono gli stessi motori che sono stati installati sullo Shuttle. Sviluppo del 1974, se non sbaglio. La NASA sta cercando di ricreare la tecnologia di una civiltà passata altamente sviluppata? Trump non è riuscito a rendere di nuovo grande l'America? richiesta Abbiamo avuto almeno gli anni '90, ma cosa ti è successo? strizzò l'occhio
    3. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 25 gennaio 2021 06: 27
      +1
      Il treno di Artemide se ne andò con l'ascesa al potere di Biden. I democratici non hanno bisogno della luna
      1. cmonman Офлайн cmonman
        cmonman (Garik Mokin) 25 gennaio 2021 06: 59
        -1
        Citazione: Marzhetsky
        Il treno di Artemide se ne andò con l'ascesa al potere di Biden. I democratici non hanno bisogno della luna

        Proprio così! Trovato un articolo interessante pubblicato un paio di giorni fa su SpaceNews:
        https://spacenews.com/space-challenges-for-president-biden-four-issues-for-the-next-four-years/
        (tradotto da Google)

        È improbabile che il programma Artemis della NASA raggiunga il suo obiettivo di atterraggio umano per il 2024, dando all'amministrazione l'opportunità di rivedere il programma migliorando al contempo il lavoro dell'agenzia sulle scienze della terra. Il numero crescente di satelliti e detriti potrebbe costringere l'amministrazione a ripensare l'approccio dell'amministrazione Trump alla gestione del traffico spaziale civile.

        Da quando Biden ha vinto le elezioni presidenziali a novembre, l'industria spaziale ha speculato su cosa significherebbe la sua amministrazione per il programma Artemis della NASA per riportare gli esseri umani sulla luna nel 2024. La piattaforma del Partito Democratico ad agosto ha ampiamente approvato "il lavoro della NASA per riportare gli americani sulla luna", ma non ha menzionato né la conservazione né il cambiamento dell'obiettivo per il 2024

        Il nuovo approccio potrebbe assomigliare a quello che la NASA ha adottato nella prima metà del regno di Trump, quando si è concentrata sulla prima costruzione di un cancello lunare e poi sullo sbarco di persone sulla luna intorno al 2028. La NASA ha continuato a negoziare accordi con il Canada e l'Europa. e il Giappone sugli elementi del Gateway, cambiamenti così più ampi ai piani di viaggi spaziali con equipaggio che eliminano il Gateway potrebbero rivelarsi geopoliticamente costosi per l'amministrazione Biden.

        Allo stesso tempo, si prevede che l'amministrazione Biden investirà più risorse nei programmi di scienze della Terra della NASA come parte di una più ampia attenzione al cambiamento climatico. La piattaforma del partito ha chiesto di "rafforzare" le missioni di osservazione della Terra della NASA e del NOAA "per capire meglio come il cambiamento climatico sta influenzando il nostro pianeta natale".

        Quest'ultimo paragrafo è allarmante: "guardare il pianeta natale" può portare alla radicalizzazione (aumento) delle tasse su gas / benzina, come in Europa, spingerà verso l'energia "verde". Una speranza è per il buon senso della minoranza repubblicana e democratica che si è unita a loro.
      2. Cyril Online Cyril
        Cyril (Cyril) 25 gennaio 2021 08: 36
        -1
        Il treno di Artemide se ne andò con l'ascesa al potere di Biden. I democratici non hanno bisogno della luna

        Il programma non è stato chiuso.