La "scimitarra" nucleare ha portato sulla Russia: la militarizzazione della Turchia è in pieno svolgimento


L'argomento delle affermazioni di Ankara di padroneggiare le armi atomiche eccita le menti sempre più spesso. La ragione di ciò sono sia le dichiarazioni abbastanza inequivocabili dello stesso Recep Erdogan su questo argomento, sia le azioni specifiche intraprese dalla parte turca in questa direzione. Non molto tempo fa, i media nazionali e la comunità di esperti hanno discusso ancora una volta sia del realismo delle affermazioni dei discendenti dei giannizzeri di ricevere l'arma più letale del mondo, sia del loro potenziale pericolo.


La maggioranza assoluta dei partecipanti alla discussione è giunta alla conclusione: la situazione è abbastanza allarmante, ma i turchi non ci riusciranno. Almeno - nel prossimo prevedibile futuro. È molto probabile che conclusioni così ottimistiche siano state affrettate.

Possono o non possono, ma lo vogliono decisamente


Le ragioni per preoccuparsi dei piani atomici della Turchia sono fornite, in particolare, dalle parole del suo presidente che è "inaccettabile" per lui proibire il possesso di tali armi (ha firmato un accordo sulla sua non proliferazione nel 1980). Soprattutto in un momento in cui i suoi vicini hanno lo stesso Israele, che ha sicuramente armi nucleari nei suoi arsenali. L'ardente discorso di Erdogan su questo argomento, pronunciato da lui a Sivas nel settembre dello scorso anno, la dice lunga. Questa è una posizione chiara e inequivocabile, e se è espressa così ad alta voce, non è senza motivo. All'inizio di quest'anno, le informazioni sull'incontro dei rappresentanti delle forze armate turche e pakistane che si è svolto nell'ambito del programma HLMDG (dialogo militare di alto livello) ci hanno costretti a tornare su questo argomento.

Questo vertice ha davvero riunito funzionari non di basso rango - la delegazione di Ankara era guidata dal vice capo di stato maggiore, il generale Seljuk Bayraktaroglu e la delegazione pakistana - dal Segretario di Stato alla Difesa, il generale Mian Muhammad Hilal Hussain. Secondo i dati disponibili, una delle questioni prioritarie attualmente in corso tra i rappresentanti dei generali dei due paesi di negoziazione è la questione del trasferimento del Pakistan esattamente tecnologia e componenti necessari per costruire armi nucleari. Erogan avrebbe discusso personalmente di tale possibilità con il capo di stato maggiore delle forze di terra pakistane, Kamar Javed Bajwa. In tutta onestà, va notato che tali versioni sono espresse principalmente da rappresentanti dell'India, che è molto ostile a Islamabad, ma, come sapete, non c'è fumo senza fuoco. Le ambizioni neo-ottomane di Ankara e del suo sovrano sono già visibili, come si suol dire, ad occhio nudo. Inoltre, la loro attuazione è andata da tempo oltre l'ambito della propaganda e politica... Proprio di recente, ha portato a una vera espansione militare della Turchia in un certo numero di regioni del mondo.

Tuttavia, la maggior parte degli esperti è incline a credere che anche con il più ardente desiderio di armi nucleari, i militaristi turchi categoricamente non le vedranno. I loro argomenti possono essere facilmente ridotti a tre gruppi principali: "non potranno", "non daranno" e "non è necessario". Bene, diamo un'occhiata a tutti in ordine. Coloro che sono fermamente convinti che Ankara "non abbia un potenziale sufficiente per creare armi nucleari - scientifiche, di personale, tecniche, di produzione e, in ultima analisi, finanziarie", vorrei ricordarvi alcune cose che non rientrano in questo concetto. Innanzitutto, secondo il ministero dell'Energia turco, il paese ha una propria riserva di minerale di uranio di almeno diecimila tonnellate. Più minerali di torio in quantità molto maggiori. E, a proposito, gli americani, che avevano i diritti per sviluppare i campi pertinenti, sono stati invitati da lì nel 2018. La centrale nucleare di Akkuyu è in costruzione, a proposito, in collaborazione con Rosatom.

Il primo reattore nucleare turco iniziò a funzionare presso il Centro di ricerca Chekmece nel 1958. Da allora, tali centri sono aumentati - si sa, almeno, circa uno a Istanbul e una coppia ad Ankara. Quindi c'è una base di ricerca lì. Per quanto riguarda il potenziale del personale, gli specialisti del profilo corrispondente vengono formati, in particolare, nel nostro MEPhI. Presumibilmente, i futuri fisici nucleari di Ankara hanno studiato e stanno studiando in altri paesi. C'è anche una domanda sui mezzi di consegna. Qualcuno si impegna a sostenere che non avendo abbastanza missili balistici "a lungo raggio" Ankara con testate nucleari non dovrebbe partire. L'affermazione è piuttosto controversa, ma siamo obiettivi: i turchi non hanno ancora questi missili. E "ciao" è la parola chiave qui. Per capire di cosa sia capace il loro complesso militare-industriale, nonché per rispondere alle accuse di "mancanza di fondi per il programma atomico", occorre familiarizzare con alcune nuove cifre.

Militarizzazione in pieno svolgimento


Lo stesso Recep Erdogan proprio l'altro giorno ha annunciato che negli ultimi cinque anni il suo paese ha aumentato 11 volte i finanziamenti per i progetti militari! Pensa a questa cifra. Secondo il presidente turco, avendo lanciato circa 350 nuovi progetti nel complesso militare-industriale in un periodo di cinque anni, Ankara ha investito in essi non 5.5 miliardi di dollari, come inizialmente previsto, ma circa 60 miliardi di dollari! Senza soldi?! Inoltre, in accordo con i piani espressi, ancora una volta, abbastanza recentemente, dal capo della direzione dell'industria della difesa turca Ismail Demir, entro il 2023 il suo dipartimento è determinato ad aumentare le proprie esportazioni di armi e attrezzature militari a $ 10 miliardi all'anno. Allo stesso tempo, l'alto funzionario ha sottolineato che il primo posto per la struttura che dirige e per il paese in generale oggi è la questione della completa, se possibile, sostituzione delle importazioni in tutti i progetti militari. Secondo lui, dal 2002, "si è lavorato attivamente per eliminare la dipendenza del settore della difesa dai componenti importati", che "deve essere completamente eliminata". Gli impressionanti tassi di crescita del complesso militare-industriale turco testimoniano il suo potenziale.

Molto probabilmente, se Ankara si propone di creare i propri missili balistici, li creerà. Qui, a proposito, non bisogna dimenticare la sua netta cooperazione nel campo tecnico-militare con Kiev. Dove sono “emerse” recentemente le tecnologie missilistiche ucraine? In Corea del Nord, se non sbaglio? Bene, sarà molto più facile per Erdogan ottenerli di Kim Jong-un. Cos'altro abbiamo per discutere? "Non daranno ?!" Ebbene sì, certo - dopotutto la Turchia è un membro della NATO, aspira all'Unione Europea e di certo non vuole rovinare i rapporti con loro, violando il TNP e creando armi nucleari ... Per valutare il grado di validità Di tali dichiarazioni, propongo di passare ad un'intervista molto interessante, che è stata recentemente rilasciata ad Ahval dall'ex ambasciatore Ue ad Ankara, Mark Pierini.

Questo diplomatico è convinto che Ankara "abbia abbandonato l'architettura di difesa della NATO molti anni fa" e "alla fine l'abbia abbandonata con l'acquisto di S-400 russi". Pierini chiarisce che fino a quando Erdogan sarà al potere in Turchia, che l'anno scorso ha onorato Macron come un "debole di mente", non si tratta solo di attuare la domanda di adesione di questo paese all'UE, ma di qualsiasi relazione di normalizzazione significativa con lei. In effetti, per l'Europa e la NATO, Ankara oggi è una "tagliata fuori" a causa del suo "sistema di governo completamente autocratico" e della sua politica estera aggressiva. Credi che Erdogan non ne sia consapevole? La storia dell'acquisizione dei nostri sistemi di difesa aerea Triumph dimostra perfettamente come questo leader sia soggetto ad angosce mentali e dubbi in relazione alle critiche, minacce e persino sanzioni abbastanza reali che gli sono scoppiate. Nessuna pressione da Washington ha spostato l'ostinato turco dalla sua posizione nemmeno di una virgola. È chiaro che un programma nucleare non è un sistema di difesa aerea “scorretto”. Qui la reazione sarà molto più acuta e amichevole. E anche Ankara lo capisce molto bene.

Se credi ancora che le ambizioni nucleari lì siano più che reali, allora diventa molto più chiaro il motivo dell'acquisto dell'S-400, su cui, ricordo, molti hanno preso in giro. Dopotutto, si diceva che in questo modo Erdogan stesse "buttando via i soldi per assecondare il suo orgoglio e aumentare il suo status nella regione"? Permettetemi di suggerire che i nostri sistemi di difesa aerea dovrebbero diventare uno scudo contro l'aviazione dell'IDF, che non esiterà a visitare la Turchia con una visita tutt'altro che amichevole, non appena il suo programma atomico diventerà realtà. Così è stato con l'Iran, quindi Ankara è assicurata. Dovrebbe essere chiaro che lì, molto probabilmente, intendono acquisire uno "yatagan nucleare" partendo dal presupposto che in un futuro molto prossimo l'intero sistema di sicurezza mondiale e deterrenza nel campo degli armamenti, che è già basato sulla parola, sarà finalmente e irrevocabilmente crolla completamente.

Erdogan ei suoi seguaci si stanno preparando ad agire in un mondo in cui non ci saranno più trattati che proibiscono nulla e non si presterà più attenzione all'ONU e all'AIEA anche per pura decenza. È in questo mondo che intendono costruire un nuovo porto ottomano o il Grande Turan. E qui non possiamo fare a meno delle armi nucleari (ed è assolutamente superfluo che siano dotate di missili balistici che colpiscono migliaia di chilometri). Questo alla domanda che "la Turchia non ha compiti strategici-militari che devono essere risolti con l'uso di armi nucleari". Inoltre, Erdogan non è Gheddafi o Hussein. Se ha una bomba, non la darà all'Occidente in cambio di alcuna promessa, nemmeno montagne d'oro.

Contro chi Ankara punterà le armi nucleari, se le possiede? Bene, non c'è nemmeno nulla da indovinare. Certamente non contro le formazioni ribelli curde ... La Russia è l'eterno principale nemico geopolitico della Turchia, il principale ostacolo all'instaurazione del suo dominio assoluto, almeno nelle regioni adiacenti. È chiaro che i turchi non porteranno il loro potenziale nucleare a indicatori di dimensione e qualità, anche lontanamente paragonabili al nostro anche per cento anni. E tuttavia ... Oggi sanno molto bene che un colpo di missili russi può affondare tutta la loro ottima marina. Ma cosa succederà se, in una situazione di crisi, la risposta a un tale avvertimento è la minaccia di un'esplosione di una miniera nucleare da qualche parte a Sebastopoli? O nella regione di Rostov (non dimenticare l'amicizia ucraino-turca)?

Le più realistiche, secondo me, sono le parole di Yakov Kedmi, che ha predetto che Ankara acquisirà sicuramente armi atomiche nei prossimi 10 o 20 anni. Secondo altre previsioni, fatte anche prima, ciò potrebbe avvenire già nel 2023. In un modo o nell'altro, la Russia non dovrebbe in ogni caso permettere la comparsa di uno "yataghan nucleare" nelle mani dei nuovi giannizzeri.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Türk Silahlı Kuvvetleri Genelkurmay Başkanlığı