Quanto pagherà l'Ucraina per il divario energetico con la Russia


L'Ucraina continua a seguire la china scivolosa dei Paesi Baltici ed entro il 2023 intende disconnettersi dal sistema energetico unificato con Russia e Bielorussia, entrando a far parte del sistema di approvvigionamento comune con l'UE. Quale potrebbe essere il prezzo di una simile "europeizzazione" per Independent, che per qualche motivo non è stata discussa al Maidan nel 2014?


La parte documentaria dell '"integrazione europea" del sistema energetico ucraino è stata firmata nel 2019. Ora la serietà delle intenzioni di Kiev è stata confermata dal capo del ministero degli Esteri Dmitry Kuleba:

L'obiettivo dell'Ucraina è entrare a far parte del sistema di fornitura di elettricità dell'UE nel 2023. Ciò significa che dobbiamo tagliarci fuori dai sistemi bielorusso e russo e integrarci pienamente nell'UE.

Tutto questo viene presentato alla popolazione come un'ulteriore "de-russificazione" e l'opportunità di guadagnare di più sulla fornitura di elettricità dalle centrali nucleari ucraine all'Europa. Kiev è infatti costretta ad acquistare elettricità russa e bielorussa, che costa meno dell'elettricità europea, mentre essa stessa esporta kilowatt verso le vicine Polonia, Ungheria e Romania. Tecnicamente, è possibile rompere e lasciare la piazza dal sistema energetico generale dell'ex Unione Sovietica, ma costerà caro.

In primo luogo, il paese continuerà costantemente a far crescere le tariffe, il cui aumento è dettato dalle norme dell'Unione Europea. Funzionari di Bruxelles chiedono a Kiev di abolire le tariffe feed-in per l'elettricità, che si formano attraverso sovvenzioni incrociate. Ora parte dell'onere finanziario della popolazione è trasferito all'industria, ma questa pratica verrà presto annullata. L'UE ritiene che il contenimento artificiale della crescita tariffaria limiti lo "sviluppo della concorrenza di mercato". I comuni ucraini hanno già reagito ai prossimi cambiamenti negativi con massicce proteste, chiamate "tariffa Maidan". Tuttavia, questo difficilmente li aiuterà. Vorrei ricordarvi che il presidente Volodymyr Zelensky si è recato alle urne con la promessa di ridurre le tariffe, ma non l'ha rispettata. E non è in grado di farlo nell'ambito del percorso verso “l'europeizzazione”: l'Ucraina è tutta indebitata e dipende totalmente dalle quote regolari del FMI.

In secondo luogo, Independent cadde saldamente nella "trappola del carbonio". La produzione di carbone, non troppo rispettosa dell'ambiente, è ancora abbastanza forte, quindi quasi tutti i beni ucraini esportati nell'Unione europea saranno soggetti alla nuova "tassa sul carbonio". "Non solo tutte" le imprese industriali potranno adattarsi a tariffe più alte e oneri fiscali aggiuntivi, che porteranno a un'ulteriore deindustrializzazione del Paese e ad un aumento della disoccupazione.

In teoria, le energie alternative aiuterebbero a far fronte a questo compito, la cui quota è cresciuta di 3,5 volte negli ultimi anni grazie al coinvolgimento di partner stranieri. La sua capacità totale oggi è di 7,2 mila MW, ma c'è una sfumatura importante. L'elettricità generata da “fonti verdi” viene acquistata dallo Stato stesso a tariffe maggiorate, il che pone un onere aggiuntivo sul bilancio emaciato. Sul perché l'introduzione diffusa di fonti energetiche rinnovabili non è altrettanto vantaggiosa per tutti, noi in dettaglio detto in precedenza.

In terzo luogo, Le centrali nucleari ucraine, che rappresentano una quota significativa della generazione totale, stanno gradualmente esaurendo le loro risorse. Kiev ha interrotto la cooperazione con Rosatom e semplicemente non ha le risorse finanziarie per pagare i servizi di altri partner stranieri che potrebbero aiutare con la costruzione di nuove unità di potenza.

Alla fine, si sviluppa una brutta situazione, in cui, sullo sfondo della disconnessione dal sistema energetico unificato con Russia e Bielorussia e dell'integrazione con quello europeo, si verifica un'accelerata deindustrializzazione di Nezalezhnaya, un aumento nell'esportazione dei volumi di elettricità rilasciati verso Paesi UE, aumento delle tariffe per la popolazione e economico La "schiavitù" da parte di Bruxelles della repubblica sovietica un tempo avanzata. Per qualche ragione, agli ucraini non è stato detto nulla di simile nel 2014, quando distribuivano i cookie.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 gennaio 2021 15: 06
    +3
    Negli anni '1990, abbiamo sentito che l'Occidente aveva programmato di lasciare 28 milioni di persone per vivere in Ucraina invece di 52 milioni, cioè per ridurre la popolazione di quasi la metà rispetto al passato sovietico. Si scopre che i nazionalisti ucraini stanno affrontando con successo questo compito.
    1. Boriz Online Boriz
      Boriz (borizia) 27 gennaio 2021 15: 36
      +2
      Se contiamo sulla produzione di farina, 23 milioni di persone vivono fisicamente in Ucraina. Hanno paura di fare il censimento.
  2. Boriz Online Boriz
    Boriz (borizia) 27 gennaio 2021 16: 14
    +3
    Ho già scritto che sia Vitrenko che, inoltre, Kuleba, a causa della loro incompetenza, non capiscono il problema principale di lasciare il sistema unito alla Russia.
    Il punto non è nella mancanza di elettricità e, nemmeno, nel suo prezzo. La rete elettrica di qualsiasi paese non può immagazzinare elettricità. Se si forma il suo eccesso, è consigliabile inviarlo da qualche parte ai vicini.
    In generale, il consumo di energia varia durante il giorno e in base alla stagione. Partendo da questo, gli ingegneri di potenza pianificano la generazione. Ma possono verificarsi deviazioni in entrambe le direzioni. Ad esempio, un incidente in qualche centrale elettrica o, al contrario, un grande consumatore non sceglie i volumi ordinati. Ad esempio, un forno per la produzione di acciaio è fuori servizio. L'eccesso deve essere messo da qualche parte; nemmeno la carenza può essere colmata rapidamente. E tirare l'attrezzatura in modalità on / off è molto indesiderabile, all'apparecchiatura non piace questo. Pertanto, la via d'uscita ideale è entrare in un'altra rete. E più grande è la rete, migliore è, più facile è scambiare energia se necessario.
    Il punto è che non esiste un'unica rete europea. Esistono 6 o 7 reti regionali in Europa.
    Anche se la tensione e la frequenza della corrente alternata coincidono, ciò non significa che le reti possano essere semplicemente collegate tra loro. Ci sono molti altri parametri che differiscono da rete a rete. E una semplice connessione porterà a un grave incidente, che lascerà molti insediamenti senza elettricità e abbandonerà molte attrezzature. E ci vorrà molto tempo per eliminarlo. Pertanto, reti diverse sono collegate tramite inserti di corrente continua (VFP), che convertono la corrente alternata di una rete in corrente continua e quindi la corrente continua in corrente alternata con i parametri di un'altra rete.
    Le piste sono costose. Quelli piccoli non sono redditizi. Costo redditizio da centinaia di milioni di euro. E nessuno si aspettava di collegare una rete così grande come l'Ucraina. Una piccola rete non digerirà quei cali di energia che possono verificarsi nella rete ucraina. Pertanto, dovrai costruire piste aggiuntive per i flussi verso le seguenti reti. E chi lo pagherà?
    Inoltre, i Balts si stanno ora scollegando dalla rete russa e si connettono alla rete di cui fa parte la Polonia. Tutti i costi in questo senso saranno coperti dall'UE. E Dio non voglia che questa rete digerisca le differenze nelle reti degli Stati baltici. Questa rete sicuramente non attirerà l'Ucraina. E l'UE non sosterrà i costi, perché l'Ucraina non è un membro dell'UE.
    E il fatto che l'elettricità sia più costosa in Europa non è estraneo agli ucraini. Pagano per il gas, che presumibilmente ha raggiunto l'Europa ed è tornato indietro. E tutti fingono che sia così. Anche se questo è fisicamente impossibile.
    Ebbene, costringeranno anche l'Ucraina a pagare multe per il fatto che la loro elettricità è "sporca".
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 27 gennaio 2021 17: 03
    0
    Sembra che il divario fosse già ieri.
    Va paragonato all'Hondyras, come sono le tariffe, non crescono anche loro?
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 27 gennaio 2021 18: 15
      0
      Va paragonato all'Hondyras, come sono le tariffe, non crescono anche loro?

      Fino all'Honduras, hanno ancora molto da crescere, quelli sono più o meno gli stessi con l'Estonia. I prezzi ucraini sono più probabilmente più vicini al Bahrein e all'Afghanistan (a proposito, in dollari risulta più economico che in Russia risata ). La cosa divertente è il confronto con la Germania, dove si trova l'elettricità più verde.
      https://ru.globalpetrolprices.com/electricity_prices/
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 27 gennaio 2021 23: 02
        0
        Grazie Dio. L'Honduras non è il nostro rivale.
        Ma poiché i vicini hanno l'elettricità più economica, la esporteranno. Contrabbando.
        1. 123 Офлайн 123
          123 (123) 27 gennaio 2021 23: 05
          0
          Sono calmo per l'Honduras (per il sud), vedremo il nord risata
          Per quanto riguarda il contrabbando e l'esportazione, non è così semplice, a patto che mandino in quella direzione e, a quanto pare, continueranno così.
          1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
            Sergey Latyshev (Serge) 27 gennaio 2021 23: 07
            0
            ehm ... Peremoga?
            Li mandiamo e il loro è più economico?
            1. 123 Офлайн 123
              123 (123) 27 gennaio 2021 23: 13
              0
              ehm ... Peremoga?

              Dichiarazione di fatto. Prendono da noi e da Lukashenka.

              Li mandiamo e il loro è più economico?

              Succede, mandano eccedenze per l'esportazione, secondo me la stessa situazione è con i cinesi o con i mongoli. I dettagli devono essere scavati, ma c'è una giustificazione per un simile incidente. Per quanto riguarda l'Ucraina, tutto questo si traduce in dollari. È necessario approfondire i prezzi, i contratti. Quanto pagano, in quale valuta e così via.