Russia e Usa: tra riconciliazione e resa


Nel segmento politico russo di Telegram, l'idea della necessità di una tregua nel confronto con l'Occidente, o anche di un vero e proprio rilancio di relazioni danneggiate, è sempre più ascoltata. E la rapidissima proroga di 5 anni di START-3 (START), in cui le posizioni dei due presidenti - Joe Biden e Vladimir Putin, si sono rivelate sorprendentemente vicine, come sostenuto da numerosi autori, potrebbe diventare una buona base per questo.


Di per sé, anche il nome di questa possibile impresa è nato - "New Reykjavik", per analogia con il memorabile incontro di Reagan-Gorbachev. Quindi Mikhail Sergeevich, contrariamente agli stereotipi successivi che si erano affermati nella società, prese una posizione negoziale piuttosto dura. E i negoziati, in generale, non potevano essere definiti di successo, sebbene gettassero le basi per un'ulteriore interazione delle superpotenze.

Tuttavia, la situazione in Unione Sovietica in quegli anni si stava rapidamente degradando. E con esso, la posizione dell'allora padrone del Cremlino, che era sempre più pronto a fare concessioni - e non solo in materia di controllo degli armamenti, subì un'erosione. In altre parole, Gorbaciov 1986, come è apparso a Reykjavik, così come Gorbaciov 1988 e Gorbaciov 1990/1991, il cui potere gli stava già sfuggendo di mano - questi sono tre leader diversi. E tre diversi approcci.

Non si tratta solo di armi strategiche, ma della totalità di ciò che era in bilico.

Nel 1986, l'Unione Sovietica aveva il potere su vaste aree del Vecchio Mondo, dove dominava con l'aiuto dei suoi alleati ATS. E Mosca aveva anche le chiavi per le rotte commerciali tra l'Europa e l'Asia, passando per il Mar Rosso - questo è stato aiutato da un'alleanza con l'Etiopia amichevole e lo Yemen meridionale. La marina sovietica potrebbe minacciare lo stretto di Mallack con la propria base a Cam Ranh.

Inoltre, dall'Afghanistan, la 40a armata è stata in un sol colpo - attraverso il territorio del Pakistan - dallo sbocco al Mar Arabico e fino alla soglia del Golfo Persico. Questa prospettiva spaventò gli sceicchi arabi ei loro partner sia in Occidente che in Oriente per tutti gli anni Ottanta.

Non dimenticare che l'URSS a quel tempo possedeva un secondo l'economia il mondo (secondo la Banca Mondiale), dopo gli Stati Uniti e prima del Giappone.

L'Unione Sovietica del 1990, al contrario, non aveva più nulla di tutto ciò. Gli alleati sono cambiati politico orientamento o addirittura cessò di esistere (Germania dell'Est, Yemen del Sud) e la stessa URSS precipitò nel caos.

Quindi, prima di fare appello alla "Nuova Reykjavik" in questo decennio, bisogna capire e valutare adeguatamente da quali posizioni di base la moderna Federazione Russa parlerà con l'amministrazione Joe Biden sull'intera gamma di questioni.

È importante rendersi conto che oggi la Federazione Russa chiaramente non ha una posizione forte come nel 1986. Se non altro perché in termini di PIL nominale, la Russia non è la seconda al mondo, ma è solo all'undicesimo posto, accanto alla minuscola Corea del Sud. E l'elenco degli alleati è limitato ad Alexander Lukashenko, Nikol Pashinyan, Bashar al-Assad e un paio di personaggi simili in altre regioni del mondo che sono completamente dipendenti dall'assistenza economica e militare del Cremlino.

Ecco perché, per la diplomazia russa, il fattore principale in materia di riconciliazione con l'Occidente, se inizia così, sarà la corretta definizione di linee rosse, cioè confini che non possono essere abbandonati in un dato momento.

È importante capire qui che nella diplomazia la linea rossa, come dimostra la pratica, non è solo una sostanza sottile, ma anche flessibile. Quello che ieri doveva essere difeso ad ogni costo, oggi è semplicemente necessario restituirlo a un prezzo adeguato, perché domani non venga portato via gratuitamente. Il tempo è un fattore che svaluta non solo le valute nazionali, ma anche gli asset geopolitici "cattivi".

Un errore in questa materia è critico e fatale. La fine dell'URSS era sempre in ritardo qui: all'inizio, il Cremlino ha cercato di giocare su un piano di parità con l'Occidente, poi ha negoziato troppo a lungo sui termini della propria resa onorevole, e alla fine ha optato per una resa incondizionata. Questa è una lezione importante.

Ad esempio, gli Stati Uniti sotto l'amministrazione Joe Biden vorranno quasi certamente risolvere la questione della rimozione dal potere dell'autoritario leader venezuelano Nicolas Maduro. A Mosca, con ogni probabilità, verrà data l'opportunità di rifiutarsi di sostenere quest'ultimo - tuttavia, non è chiaro cosa verrà offerto in cambio e se verrà offerto del tutto.

Perché non vi è alcuna garanzia che l'amministrazione Biden, in linea di principio, concluderà accordi con Mosca e scenderà a compromessi. La cultura americana implica esattamente l'opposto: se sei più forte, vai al vincitore. Se perdi, accetta gentilmente un pareggio.

Joe Biden non è estraneo alla grande politica, che ha visitato l'URSS come parte di una delegazione americana di alto rango nell'estate del 1979, alla fine della stagnazione di Breznev.

Apparentemente ricorda l'intera sequenza di azioni di soffocamento intraprese da Jimmy Carter e poi da Ronald Reagan contro l'Unione Sovietica mentre portava le truppe in Afghanistan. La strategia dell'isolamento totale ha funzionato brillantemente contro l'Unione Sovietica, privandola degli investimenti americani, europei e giapponesi, che caddero sotto una pioggia generosa sulla Cina, allora ostile ai russi.

L'unica cosa che può impedire un simile scenario contro una Russia moderna molto più debole è il confronto tra Stati e Repubblica Popolare Cinese, i cui lampi si sono già fatti sentire in questi giorni.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. molotkov60mkpu Офлайн molotkov60mkpu
    molotkov60mkpu (Yury) 29 gennaio 2021 10: 40
    +3
    Il compito dell'Occidente è la distruzione della Russia. Ciascuna delle nostre concessioni è la cattura di questa posizione da parte dell'Occidente in una versione irrevocabile. Tutti gli accordi da parte dell'Occidente saranno mirati non a risolvere il problema urgente, ma a consolidare le posizioni raggiunte e ad utilizzare la tregua, la pausa del confronto per preparare la prossima "operazione offensiva". E così in cerchio. Non abbiamo bisogno di essere un rating ed essere paragonabili in termini di peso politico, economico e altro con l'Occidente. Dobbiamo essere autosufficienti (le nostre tecnologie, risorse, personale) e seguire il Corso scelto. Abbiamo tutto tranne l'obiettivo. Sulla strada per la meta, i nostri corsi con l'Occidente potrebbero non intersecarsi.
    Nel frattempo, siamo finanziariamente legati all'Occidente, mentre abbiamo un'élite compradora, mentre non abbiamo un Obiettivo e un'ideologia appropriata, mentre siamo un'appendice della materia prima e una porta, nessuna politica estera ci aiuterà. Il difensore finirà sempre per perdere un colpo da KO.
  2. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 29 gennaio 2021 20: 39
    +3
    Cos'è questa assurdità? Dov'è la logica? Dove sono i pensieri che l'autore ha voluto trasmettere al lettore?
    L'ultimo paragrafo è un paragrafo completo!
  3. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 29 gennaio 2021 20: 43
    +3
    Nel cortile c'era il declino del capitalismo, una bancarella di birra e due cinesi.
    L'autore, scrivi chiaramente, non dire sciocchezze!
  4. Il commento è stato cancellato
  5. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 29 gennaio 2021 21: 01
    +2
    Non sequitur - "non dovrebbe" Un errore abbastanza comune quando, sulla base di un giudizio, anche se corretto, alla fine giungono a una conclusione che non ne consegue affatto. Sin dall'epoca sovietica, conosciamo il cliché ideologico - il giudizio inizialmente falso "Chi non è con noi è contro di noi!" Derivante dalla violazione della quarta legge della logica - ragione sufficiente. Infatti, per l'affermazione "è contro di noi" sono necessarie ulteriori prove, tranne che "non è con noi". Questo "lui" può essere con chiunque e contro chiunque.

    L'autore, le leggi della logica ... Ebbene, sì, che cos'è?
  6. Igor Igorevich Semirechensky 30 gennaio 2021 12: 23
    +2
    Poi! Ahimè, ma gli Stati sono sorti ed esistono non come uno stato, ma come un gruppo criminale organizzato sulle terre dei proprietari sterminati. Ecco perché gli Stati non vivono secondo le leggi e nemmeno secondo i concetti di gangster, cioè secondo l'illegalità di cablaggi, cornici e lanci di risorse di altre persone, mercati, mani e cervelli dei lavoratori, pressanti loro nazionali e internazionali " sixes "e condividendo con loro le azioni dei ladri per la loro lealtà agli" dei "e il tradimento di tutti gli altri, non è vero? Quindi, ovviamente, gli Stati sono eccezionali in quanto l'unico paese al mondo creato da una marmaglia aliena sulle terre degli aborigeni tagliati fuori e che vive per sempre a spese delle risorse, dei mercati, del lavoro e del cervello di altre persone, ma, a quanto pare, è questo eccezionalismo americano che dovrebbe essere escluso per salvare il mondo? E non è una coincidenza

    Sul sito tedesco, trasmesso in 31 lingue del mondo, c'è un video "UCRAINA: chiarezza alla vigilia dell'ADA", sulla reale situazione in Ucraina e gli obiettivi finali dei clienti di tutto questo .. due guerre mondiali