Quali "insidie" nascondono il progetto sui trasporti nel Caucaso


Mosca, Baku e Yerevan stanno discutendo attivamente tra di loro l'apertura di un nuovo corridoio di trasporto, che dovrebbe collegare Russia, Armenia, Azerbaigian, Turchia e Iran per ferrovia. Senza perdere tempo, la parte azera ha già iniziato la costruzione della sua sezione e intende ottenere l'autorizzazione dai partner nel processo di negoziazione per un'autostrada per la Turchia attraverso il territorio armeno. Quali sono le allettanti prospettive e le "insidie" di questo progetto infrastrutturale?


La domanda non è del tutto inequivocabile e ci sono due punti di vista opposti su di essa. Consideriamoli più in dettaglio e proviamo a "conciliare". Secondo un punto di vista ottimistico, questo progetto infrastrutturale porterà grandi benefici solo a tutti gli stati del Caucaso meridionale e alla Russia. La linea ferroviaria andrà dal Daghestan a Baku, poi alla Meghri armena, da lì alla Julfa azera, dove esiste già una diramazione per l'Iran, quindi all'exclave territoriale azera di Nakhichevan, al confine con la Turchia, e alla capitale dell'Armenia , Yerevan. Pertanto, il nostro paese rompe effettivamente il blocco dei trasporti in Transcaucasia da parte della Georgia ostile e riceve un corridoio di trasporto terrestre verso l'Armenia e la Turchia alleate, che è un partner commerciale russo abbastanza grande, nonché verso l'Iran. Mosca sta anche semplificando l'approvvigionamento della sua base militare a Gyumri e, di conseguenza, delle forze di pace nel Nagorno-Karabakh.

Tbilisi, d'altra parte, perderà molto dall'attuazione di questo progetto. La Turchia e l'Azerbaigian, che si sono dichiarati con aria di sfida due stati e un popolo, ricevono un collegamento di trasporto comune tra di loro, Ankara ottiene l'accesso attraverso un alleato al Mar Caspio e in seguito all'Asia centrale. Gli ottimisti considerano la minaccia "pan-turca" alla Russia un po 'esagerata, dicono che la presenza dei turchi nella regione sarà puramente simbolica e l'Azerbaigian non permetterà l'apertura di basi militari straniere.

Ma c'è anche una visione più pessimistica di questo problema:

In primo luogoLe ambizioni pan-turche del presidente Erdogan non dovrebbero essere prese così alla leggera. Il desiderio della Russia, dove vivono 11 milioni di cittadini del gruppo turco, di aderire al Consiglio turco, espresso dal ministro Lavrov, non ha suscitato molto entusiasmo tra il "promotore del progetto" Ankara, spiega il politologo turco Engin Ozer:

La verità è che la Turchia è cambiata oggi, è diventata uno stato forte e indipendente, è un fiore all'occhiello, che è uguale agli stati di lingua turca, occupa una posizione dominante nello spazio asiatico. La Russia, tuttavia, ritiene che se non partecipa a questa organizzazione, potrebbe trovarsi nella posizione di un osservatore esterno.

L'accesso della Turchia al Mar Caspio apre la strada alla creazione di una "superpotenza logistica" che unirà economico spazio in tutta l'Asia centrale. Sotto gli auspici di Ankara, ovviamente, che porterà via da Mosca una parte significativa dei flussi di merci dalla Cina all'Europa e diventerà "la finestra di Pechino sul Mar Mediterraneo". Si può dare una bella faccia a un brutto gioco, ma la verità è che gli interessi dei nostri paesi si contraddicono oggettivamente. Una certa alleanza militare dei paesi turchi sarà una naturale conseguenza della necessità di difendere questo progetto infrastrutturale dal "vicino nord".

In secondo luogo, il corridoio di trasporto attraverso l'Azerbaigian verso l'Armenia può essere bloccato in qualsiasi momento da Baku. Il conflitto nel Nagorno-Karabakh non è stato risolto e può essere sbloccato in qualsiasi momento dopo il ritiro delle forze di pace russe da lì. Come promemoria, il termine per il loro soggiorno è di 5 anni. La "minaccia armena" permanente è la base per trovare e rafforzare la presenza militare turca in Azerbaigian. È ovvio che questa volta sarà utilizzato dai presidenti Aliyev ed Erdogan per la costruzione di ferrovie e autostrade. Diciamo francamente: "va tutto bene solo finché va tutto bene".

Allora come dovrebbe comportarsi il nostro Paese nei confronti dell'apertura dei corridoi di trasporto? Con tutte le insidie ​​disponibili, forniscono alcune opportunità che sarebbe sciocco perdere. L'unica domanda è in quale formato la Russia dovrebbe parteciparvi. Finora, ci è stato gentilmente assegnato il ruolo onorevole di "guardie" che presumibilmente possono influenzare qualcosa lì. Che gioia.

Probabilmente sarebbe corretto creare un consorzio internazionale per la costruzione e la gestione delle infrastrutture di trasporto nel Transcaucasus, di cui anche il nostro Paese dovrebbe diventare un partner a pieno titolo. Quindi un'altra conversazione andrà, se qualcuno cerca di bloccare qualcosa unilateralmente. Nel frattempo, la Russia è lì per i diritti degli uccelli.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Online 123
    123 (123) 29 gennaio 2021 12: 29
    +3
    il corridoio di trasporto attraverso l'Azerbaigian verso l'Armenia può essere bloccato in qualsiasi momento dal lato di Baku

    1) Perché il corridoio attraverso l'Azerbaigian può essere bloccato, ma il corridoio attraverso l'Armenia no? Quali sono le differenze?

    La "minaccia armena" permanente è la base per trovare e rafforzare la presenza militare turca in Azerbaigian.

    2) O, diciamo, la "minaccia azera" permanente è la base per trovare e rafforzare la presenza militare russa in Armenia.

    È ovvio che questa volta sarà utilizzato dai presidenti Aliyev ed Erdogan per la costruzione di ferrovie e autostrade.

    3) E saranno ancora in territorio armeno. Guardiamo il punto 1.

    Finora, ci è stato gentilmente assegnato il ruolo onorevole di "guardie" che presumibilmente possono influenzare qualcosa lì. Che gioia.

    O diciamo che abbiamo generosamente accettato di controllare il processo.

    Probabilmente sarebbe corretto creare un consorzio internazionale per la costruzione e la gestione delle infrastrutture di trasporto nel Transcaucasus, di cui anche il nostro Paese dovrebbe diventare un partner a pieno titolo. Quindi un'altra conversazione andrà, se qualcuno cerca di bloccare qualcosa unilateralmente. Nel frattempo, la Russia è lì per i diritti degli uccelli.

    Quale altro consorzio? In caso di blocco del percorso, suggerite di scuotere la carta con il contratto e di pompare i diritti? risata Il miglior controllore è la coscienza delle ... petroliere russe. strizzò l'occhio
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 29 gennaio 2021 14: 17
      -2
      Perché il corridoio attraverso l'Azerbaigian può essere bloccato, ma il corridoio attraverso l'Armenia no? Quali sono le differenze?

      Quindi chi ha bisogno di questo corridoio? La Russia e l'Armenia ne hanno bisogno.

      Quale altro consorzio? In caso di blocco del percorso, suggerite di scuotere la carta con il contratto e di pompare i diritti? risata Il miglior controllore è la coscienza delle ... petroliere russe.

      Puoi prima e scuotere, e quando non aiuta, chiamare le petroliere. Altrimenti, che pretese può avere la Russia contro Baku? Affari interni dell'Azerbaigian e litigi personali con l'Armenia.

      E se parliamo di un consorzio, allora il partner avrà diritto a una parte dei proventi delle sue attività, no?
      1. 123 Online 123
        123 (123) 29 gennaio 2021 14: 52
        +1
        Quindi chi ha bisogno di questo corridoio? La Russia e l'Armenia ne hanno bisogno.

        Di quale corridoio parli? Azerbaigian-Turchia?

        Puoi prima e scuotere, e quando non aiuta, chiamare le petroliere. Altrimenti, che pretese può avere la Russia contro Baku? Affari interni dell'Azerbaigian e litigi personali con l'Armenia.

        Perché scuotere e chiamare? Sono già lì. Quindi è più sicuro e non è necessario scuotere nulla. Nessun reclamo di sorta. Alla Russia viene negato l'accesso in Armenia, l'Azerbaigian perde automaticamente l'accesso a Nakhichevan e successivamente alla Turchia.

        E se parliamo di un consorzio, allora il partner avrà diritto a una parte dei proventi delle sue attività, no?

        Penso che il profitto non sia primario qui, in qualche modo saranno d'accordo con esso. In ogni caso, gli accordi non saranno solo parole. Il consorzio implica la partecipazione della Russia alla costruzione e al funzionamento della rotta. Se questo sarà coinvolto non lo so.
        1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 29 gennaio 2021 17: 01
          -1
          Citazione: 123
          Alla Russia viene negato l'accesso in Armenia, l'Azerbaigian perde automaticamente l'accesso a Nakhichevan e successivamente alla Turchia.

          In che modo l'Azerbaigian perde l'accesso?
          1. 123 Online 123
            123 (123) 29 gennaio 2021 17: 49
            +4
            In che modo l'Azerbaigian perde l'accesso?

            Elementare. Bloccano la strada e basta. O è solo l'Azerbaigian che può bloccare il nostro accesso all'Armenia, e l'Armenia non immaginerà di agire in questo modo?
            1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
              Marzhetsky (Sergey) 29 gennaio 2021 18: 01
              0
              Gli azeri hanno appena ridotto in frantumi l'Armenia nell'NKR, il che ha reso possibile l'apertura di un corridoio di trasporto nel sud, non per volontà di Yerevan. La sovrapposizione dei corridoi da parte delle parti è possibile in caso di ripresa della guerra in Karabakh.
              Non ammette che possano ripetere, risolvendo allo stesso tempo con la forza la questione della sicurezza del corridoio tra Nakhichevan e Azerbaigian? Questa è una questione fondamentale ora, verrà introdotto un contingente limitato per garantire la sicurezza della linea ferroviaria e dell'autostrada. Pensi davvero che inizieremo a combattere con loro per questo?
              1. 123 Online 123
                123 (123) 29 gennaio 2021 19: 26
                +3
                Non ammette che possano ripetere, risolvendo allo stesso tempo con la forza la questione della sicurezza del corridoio tra Nakhichevan e Azerbaigian?

                Ammettere sì La domanda è: possono? Succede che è difficile tirare due volte lo stesso trucco, le vertigini del successo fanno male. Ci è voluto molto tempo per prepararsi alla compagnia, non ci vorrà meno tempo per ripetere, non rimarrà inosservato. E senza preparazione ... Inoltre, ci sono truppe russe lì, e l'Azerbaigian in questo caso non sarà una pecora innocente, perché provocherà la situazione violando per primo l'accordo. E non libererà il suo territorio, ma conquisterà quello di qualcun altro. E questo rientra nel trattato CSTO.

                Questa è una questione fondamentale ora, verrà introdotto un contingente limitato per garantire la sicurezza della linea ferroviaria e dell'autostrada. Pensi davvero che inizieremo a combattere con loro per questo?

                Cosa sei, non inizieremo, ma nemmeno l'Azerbaigian.
      2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
        Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 29 gennaio 2021 16: 57
        0
        In generale, dal diritto romano: divide et impera, tali corridoi descritti non sono necessari per la Federazione Russa. Il corridoio RF-Azerbaigian-Iran con accesso al porto dell'Oceano Indiano è della massima importanza, questo dovrebbe prevalere come vantaggio diretto per Russia e Iran. Tutto il resto nelle rotte proposte, solo un mal di testa e problemi per la Russia (il progetto Turanian e altri modi musulmani nell'ambiente turkmeno della Federazione Russa e dell'Asia centrale) ...
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 29 gennaio 2021 21: 07
    +1
    Primo treno merci lanciato dalla Turchia alla Russia tramite BTK
    https://ru.oxu.az/economy/462500
    1. oderih Офлайн oderih
      oderih (Alex) 30 gennaio 2021 10: 24
      +1
      Quindi questo è un corridoio "georgiano". E stiamo parlando di un corridoio attraverso Meghri. Cioè, l'Armenia
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 30 gennaio 2021 10: 39
        +2
        In questo caso si tratta, ovviamente, del "corridoio georgiano". Il percorso attraverso Meghri non è stato ancora costruito. La domanda è diversa. "Quali sono le insidie ​​dei nuovi progetti di trasporto nel Transcaucasus"?
        Probabilmente una riduzione dei tempi di trasporto e una diminuzione dei prezzi per l'esclusione dei costi per i paesi di transito.
        1. Petr Vladimirovich (Peter) 31 gennaio 2021 14: 51
          +1
          Hey! Le pietre in qualche modo non sono visibili. Il principale beneficiario di questa ferrovia, che deve ancora essere ripristinata, è l'Armenia, che ha il principale partner commerciale della Federazione Russa ed esporta via camion attraverso la Georgia e il tunnel del Lars inferiore. Il secondo è l'Azerbaigian, che riceverà un messaggio ferroviario dalla Repubblica Autonoma di Nakhichevan. Attualmente, solo i camion attraversano il territorio iraniano.
          Tacchino. Il traffico merci con l'Azerbaigian e più avanti con i traghetti per Aktau e Turkmen Bashi viene effettuato sulla spalla di Kars-Tbilisi-Baku, la ferrovia sta andando abbastanza bene.
          Russia. Non c'è alcun interesse. Il gas scorre attraverso il tubo, prodotti petroliferi,
          TVEL, ecc. trasbordato a Batumi, base di consegna FOB.
          Iran. Perderà solo alla fine del transito su strada tra Nakhichevan e la Repubblica dell'Azerbaigian.