"Gennaio nero" Baku. Come non era necessario salvare l'URSS


Parlando dei processi globali che non solo hanno preceduto il crollo dell'Unione Sovietica, ma sono diventati pietre miliari importanti nel percorso verso questa tragedia, non si possono non menzionare le proteste nelle sue "periferie nazionali" che sono durate dal momento in cui Mikhail Gorbaciov è salito al potere nel 1986 fino al crollo del paese ... Prima di tutto, il discorso qui deve essere su questo, davvero, incredibilmente mediocre politica, che è stato effettuato dal "centro", le allora autorità dell'URSS per il loro "appeasement" e portando risultati, direttamente opposti a quelli che avrebbero dovuto essere ottenuti.


Oggi, analizzando e confrontando quanto accaduto nelle diverse repubbliche dell'URSS, è difficile liquidare le azioni dei suoi leader come "miopia", incapacità di calcolare possibili conseguenze o semplice incompetenza. Qui, come in molte altre questioni, molto probabilmente abbiamo a che fare con l'attuazione di un piano ben congegnato, un'intera strategia per distruggere un grande potere dall'interno.

"Crudele accelerazione" o tardiva punizione?


In uno di questi tentativi completamente falliti di "ristabilire l'ordine" nella SSR lituana nel 1991, io già scritto un po 'prima. Allo stesso tempo, non dobbiamo dimenticare che i sanguinosi eventi di Vilnius sono stati preceduti da processi e incidenti praticamente simili che hanno avuto luogo ad Almaty nel 1986, a Tbilisi nel 1989 e le rivolte a Dushanbe nel 1990. E, tra gli altri, forse l'anello più sanguinoso e terrificante di questa catena sono gli eventi del 1990, che vengono ancora chiamati "gennaio nero" a Baku. Ne parleremo oggi. È chiaro che nell'Azerbaigian di oggi per il "gennaio nero" non c'è solo un'interpretazione ufficiale, ma "canonica", che non ammette discrepanze o dubbi.

Le vittime durante gli scontri con le truppe dell'esercito sovietico introdotte a Baku nell'ambito della dichiarazione dello stato di emergenza nella città sono state dichiarate "martiri innocenti per la fede e l'indipendenza del Paese". Le loro tombe costituiscono l'elemento principale del complesso commemorativo "Alley of Martyrs", che ora si trova nella capitale dell'Azerbaigian sul sito del Parco Kirov ed è uno dei principali santuari nazionali. Gli eventi commemorativi che si tengono ogni anno in questo luogo sono molto simili nel loro grado di estasi ai rituali organizzati a Kiev in occasione del mai esistito in realtà "Celeste Cento" ... Infatti, secondo i dati ufficiali pubblicati nel 1990, nei due giorni di gennaio sono morti da 130 a 170 abitanti di Baku e circa 740 sono rimasti feriti e feriti. Queste cifre (di regola, sono anche piuttosto esagerate) vengono spesso menzionate. Allo stesso tempo, la morte negli stessi giorni di almeno due dozzine di militari dell'esercito sovietico e di un numero imprecisato di agenti di polizia viene invariabilmente passata sotto silenzio.

Ciò non sorprende: in tal caso, si dovrebbe ammettere che nella notte tra il 19 e il 20 gennaio 1990 non si è parlato di "brutale dispersione di manifestanti pacifici". Nella città e nei suoi dintorni si svolgevano vere e proprie battaglie di strada, durante le quali venivano utilizzate le stesse armi da fuoco da entrambe le parti. Di conseguenza, su entrambi i lati delle barricate (in questo caso, questa non è un'espressione figurativa, ma letterale) c'erano uccisi e feriti. Il numero reale delle perdite dell'esercito e delle forze dell'ordine fu strenuamente messo a tacere allora, e anche adesso non è affatto possibile stabilirlo. Quindi con la prima parte del mito - su "martiri innocenti", tutto è già chiaro. Tuttavia, questo è lontano dal punto principale. Se vogliamo condurre una conversazione franca sul "gennaio nero", allora dovrebbe partire dalla situazione che si sviluppò in quel momento in Azerbaigian. Può essere riassunto in tre parole: "Il potere sovietico è crollato". In realtà, la repubblica era "governata" da nazionalisti estremi ed estremisti del Fronte popolare dell'Azerbaigian.

Questa organizzazione è nata come una cerchia di intellettuali liberali segretamente dissidenti - storici, scrittori, fisici, ma si è trasformata molto rapidamente in un raduno di russofobi e nemici degli armeni estremamente aggressivi e fanatici. Una delle sue figure chiave sarebbe Abulfaz Elchibey, che alcuni consideravano un eroe della nazione, altri un agente del KGB, altri un uomo del clan Aliyev e il quarto considerato una spia turca. Avevano ragione, forse tutti - tranne il primo ... A proposito, l'attuale presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev una volta ha chiamato questa figura, che è riuscita anche a guidare il paese per un anno intero, la sua "vergogna". Tuttavia, siamo un po 'distratti, quindi torniamo al 1990 e alla sua tragedia.

La vera forza del "Fronte popolare" azero è stata, ovviamente, la crisi del Nagorno-Karabakh. Mosca l'ha "sistemata" in modo così "straordinario" che si sa che il sangue su questa terra è stato versato ancora oggi. La piena impressione è che il problema della regione sia stato deliberatamente utilizzato per ravvivare l'ostilità di lunga data tra azeri e armeni e per fomentare il conflitto nel Caucaso. Parlano spesso di "gennaio nero" a Baku ... Ma allo stesso tempo, in qualche modo non amano ricordare altri eventi - per esempio, il massacro armeno a Sumgait nel febbraio 1988 o i pogrom nella stessa capitale azera, immediatamente precedente l'entrata delle truppe ... Vale la pena menzionare in particolare la distruzione del confine di stato con l'Iran, avvenuta negli stessi all'inizio del 1990. Questo palese attacco ha avuto luogo, accompagnato dalla demolizione di strutture di ingegneria di frontiera, dall'uso di bombe molotov e armi da fuoco sotto la guida diretta dell'APF, il cui tono è stato finalmente fissato non da "fisici e parolieri" ma da estremisti rabbiosi, che riconosciuto il terrore come l'unico metodo degno di "lotta politica". Jalilabad, Lankaran e altri insediamenti della repubblica - dalla fine del 1989, gli attivisti di questa banda iniziarono a sequestrare e incendiare completamente apertamente gli edifici del partito e degli organi statali lì, "rovesciare" la leadership locale, infatti, prendere il potere .

Il 13 gennaio 1990, in una grandiosa manifestazione nella piazza principale di Baku, gli attivisti della PFA annunciarono la creazione di un "Consiglio di difesa nazionale". Per una strana "coincidenza", lo stesso giorno scoppiarono i pogrom armeni nella città, che si distingueva non solo per la brutale crudeltà e le proporzioni grandiose, ma anche, soprattutto, per l'eccellente preparazione. Nella grande città, assassini e stupratori si sono recati a indirizzi ben precisi, conoscendo in anticipo il luogo di residenza delle loro future vittime. Per diversi giorni a Baku si è aperto un vero inferno: le persone sono state gettate dai balconi nel fuoco fatto di mobili fatti sotto le finestre, le ragazze sono state violentate proprio per le strade tra gli applausi della folla. Il numero esatto delle vittime di quegli eventi in Azerbaijan, ovviamente, "non lo so" ...

Combattere un incendio con la benzina: una guida rapida


Lo stato di emergenza è stato introdotto nella repubblica da una decisione di Mosca solo il 15 gennaio. Allo stesso tempo, per qualche motivo, non si è esteso al principale focolaio di tumulto: Baku. In generale, stava accadendo qualcosa di completamente paradossale e inimmaginabile: le unità delle truppe interne del Ministero degli affari interni dell'URSS che erano state portate in città ricevettero l'ordine ... di non interferire in ciò che stava accadendo, ma solo di " proteggere gli edifici amministrativi. Così, il VV in pochi giorni ha respinto ben tre tentativi di impadronirsi del Comitato Centrale del Partito Comunista dell'Azerbaigian. Dobbiamo rendere omaggio alla leadership delle unità in città: l'evacuazione della popolazione armena e russa tramite traghetti attraverso il Mar Caspio è stata avviata dai suoi rappresentanti di propria iniziativa. Allo stesso tempo, i militari stessi si sono trovati in una situazione estremamente difficile: entro il 19 gennaio, su 60 unità militari dispiegate in città, 34 sono state strettamente bloccate dal PFA per ordine di Elchibey. attrezzaturae inoltre sono stati collocati camion di rifornimento pieni fino in cima, che i terroristi hanno promesso di dare alle fiamme al primo tentativo di sbloccare.

Si trattava di casi del tutto oltraggiosi: un gruppo di membri del "fronte popolare" che avevano finalmente perso le loro "spiagge" pensavano di rilevare un asilo, la maggior parte dei cui alunni erano figli di ufficiali. Secondo le loro confessioni successive, volevano "scambiare i bambini con armi". I militari che sono arrivati ​​in tempo (una delle maestre è riuscita a scappare dall'asilo, che ha dato l'allarme, accorrendo alle prime persone in divisa che ha visto), ha contorto i mascalzoni senza un solo colpo e ha liberato i bambini. Sullo sfondo di tutto ciò, la leadership alleata sembrava essere caduta in uno stato di torpore, o non osando, o non volendo dare l'ordine di usare la forza per fermare il caos totale.

Tuttavia, è necessario parlare non solo di quei giorni orribili in cui non solo gli armeni, ma anche i russi, gli abitanti di Baku iniziarono a gettare apertamente in faccia: "Fuori o morirai!" La spirale della follia nazionalista, come già accennato, si sta svolgendo in Azerbaigian da diversi anni - davanti agli occhi di Mosca. Ci sono prove assolutamente attendibili che gli ufficiali del KGB della repubblica abbiano letteralmente bombardato sia la propria leadership nell'apparato centrale che le autorità locali avvertendo che tutto sarebbe finito non solo a sangue freddo, ma in un completo disastro. Fino all'ultimo, nessuno ha pensato di ascoltarli. Durante i pogrom a Stepanakert, ai militari e ai militari è stato anche proibito di usare la forza contro i militanti brutalizzati. Poi, quando hanno cominciato ad attaccare i soldati e il numero dei militari feriti è salito a centinaia, il divieto è stato revocato, dopodiché l'ordine in città è stato ristabilito in poche ore.

Tuttavia, si crea la piena impressione che con il loro mancato intervento, Gorbaciov e altri rappresentanti dell'élite partito-stato dell'URSS stessero deliberatamente "liquidando" la situazione al limite. Allo stesso tempo, i militari, le forze dell'ordine e molti civili, tenuti in ostaggio dai nazionalisti infuriati che hanno acquisito forza e hanno avuto fiducia nella propria impunità, sono stati regolarmente esposti ad attacchi. Tutti loro erano per Mikhail Sergeevich e le sue cricche solo un piccolo cambiamento in un grande gioco ... Anche l'ormai defunto maresciallo dell'URSS Dmitry Yazov, in quei giorni l'ex ministro della Difesa del paese e che era stato a Baku da allora la mattina del 19 gennaio, successivamente ammesso: Gorbaciov ha dato l'ordine sull'introduzione delle truppe non per salvare la vita della popolazione armena o dei soldati bloccati nelle caserme, ma per impedire la presa definitiva del potere da parte del “Fronte popolare ”E la separazione dell'Azerbaigian dal Paese.

Nella notte tra il 19 e il 20 gennaio, un gruppo militare appositamente creato con un numero totale di 50 membri del personale, con il supporto di veicoli blindati e navi della Flottiglia del Caspio, bloccando Baku dal mare, ha lanciato l'Operazione Strike. La città comprendeva soldati della 106a e 76a divisione aviotrasportata, la 56a e 21a brigata d'assalto aviotrasportata, distaccamenti consolidati di cadetti degli istituti di istruzione superiore del sistema del Ministero della Difesa e del Ministero degli affari interni dell'URSS. A partire da mezzanotte in città sono stati imposti lo stato di emergenza e il coprifuoco. Tuttavia, a causa del fatto che il giorno prima che il centro televisivo locale fosse sequestrato dai militanti PFA, è stato fatto saltare in aria un blocco trasformatore, che ha fornito la sua alimentazione, dopodiché i televisori nelle case dei residenti di Baku sono rimasti in silenzio. Tuttavia, l'annuncio dello stato di emergenza e l'introduzione delle truppe è stato fatto tramite la radio locale, ed è stato anche duplicato con volantini lanciati dagli elicotteri.

Inoltre, più tardi, dall'Azerbaigian lancerò accuse che l'inizio di un'operazione militare senza accordo con la leadership della repubblica fosse “incostituzionale” e “criminale”. E con chi potreste mettervi d'accordo su qualcosa in quei giorni ?! Come accennato in precedenza, sia il ministro della Difesa dell'URSS che altri rappresentanti del partito e della leadership statale del paese erano a Baku. Tuttavia, secondo la loro conclusione (assolutamente coerente con la realtà), il primo segretario del Comitato centrale del Partito comunista dell'Azerbaigian, Abdurakhman Vezirov, che nominalmente era a capo della repubblica, non controllava minimamente la situazione, come qualsiasi altro i "leader" locali. Allo stesso tempo, hanno cercato di negoziare con il Fronte Popolare. I suoi leader furono letteralmente implorati di smantellare le barricate e di non opporre resistenza alle truppe che entravano in città - quindi tutto sarebbe stato fatto senza sangue. Tuttavia, il vicepresidente della PFA, Etibar Mammadov, ha dichiarato con orgoglio in risposta che "gli invasori riceveranno un adeguato rifiuto".

Fu dato un rifiuto ... O meglio, fu resa una feroce resistenza, perfettamente preparata e organizzata. È stato aperto il fuoco sulle truppe che cercavano di demolire barricate molto solide all'ingresso di Baku. Inoltre, la sparatoria non è stata effettuata con "fucili da caccia e cannoni semoventi autocostruiti", come stanno ora cercando di raccontare gli azeri. Chiaramente cecchini ben addestrati stavano mirando alle colonne militari. Lungo la strada, sono stati schizzati interi "sacchetti" di benzina, che sono stati immediatamente incendiati: soldati e ufficiali hanno dovuto sfondare un mare di fuoco impetuoso. Ci sono ricordi meravigliosi del generale Alexander Lebed, che in quel momento comandava la 106a forza d'assalto aviotrasportata, su come furono colpiti dai mitraglieri della nave Neftegazflot appositamente avvicinata alla riva. Il trogolo pieno di militanti è stato calato fino in fondo con il fuoco mirato della BMD ... Questo è alla domanda che "i militari si sono permessi di sparare da veicoli blindati nei limiti della città" e accuse simili che suonano ancora oggi . Sì, stavano sparando. Ma è stato il fuoco di ritorno. Un'altra cosa è che i proiettili, specialmente in condizioni di combattimento urbano, non sempre vanno a coloro a cui erano destinati. Cosa fare: questa è la guerra. In questo caso, è stato avviato da persone in uniforme che non sono entrate a Baku la mattina del 20 gennaio 1990.

Secondo me, sarebbe sbagliato attribuire tutta la colpa di quella tragedia anche ai leader della PFA e alle forze che effettivamente stavano dietro di loro. Il sangue principale è su Gorbaciov e altri, che si sbagliano, i "capisquadra della perestrojka", che ha permesso all'abominio nazionalista di fiorire nell'Unione Sovietica, e nelle sue forme più estremiste. Fu con la loro sottomissione che non furono prese misure per ristabilire l'ordine in un certo numero di repubbliche fino a quando non raggiunse il punto dello spargimento di sangue. Significativamente, la Turchia si è assolutamente astenuta dal condannare gli eventi di Baku, e gli Stati Uniti, rappresentati dal proprio presidente George W. Bush, hanno persino espresso sostegno alle azioni di Mikhail Gorbachev, riconoscendole come "una necessità giustificata". Questo da solo è naturale nel contesto di tutti gli eventi successivi, rende chiaro chi era esattamente nelle mani del "gennaio nero" del 1990.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 30 gennaio 2021 10: 42
    0
    Ci sono molte inesattezze e miti nell'articolo. Non vedo il punto di smontare tutto.
    1. Il commento è stato cancellato
    2. Barmaley_2 Офлайн Barmaley_2
      Barmaley_2 (Barmale) 30 gennaio 2021 12: 53
      0
      per esempio cosa?
  2. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 30 gennaio 2021 11: 04
    -1
    L'articolo è molto corretto, ma una domanda a V.V. se hai così apprezzato il crollo dell'URSS come una tragedia, perché il principale colpevole è in libertà ?????? Se tutto quello che hai detto sono solo parole, allora sei anche per uno o ???
  3. lavoratore dell'acciaio 30 gennaio 2021 12: 36
    +2
    Tutto questo terrore non potrebbe aver luogo senza la conoscenza dei massimi vertici del paese. Ho già detto che se i militari e il KGB fossero stati fedeli ai loro giuramenti e non si fossero tirati indietro, allora tutto questo terrore avrebbe potuto essere schiacciato sul nascere. Tutto era pianificato per il crollo dell'URSS. E i fatti riportati nell'articolo lo confermano solo.
  4. Petr Vladimirovich (Peter) 31 gennaio 2021 17: 21
    0
    Mi chiedo cosa sia successo alla "caserma Salyan" adesso?
    1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
      Pete Mitchell (Pete Mitchell) 1 febbraio 2021 01: 43
      0
      Probabilmente restaurato ... a proposito di cosa Caserma Salyan? Di Baku o di Salyan?
      1. Petr Vladimirovich (Peter) 1 febbraio 2021 13: 52
        +1
        Ha parlato un compagno di Baku. Pronunciate questo nome ...
        1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
          Pete Mitchell (Pete Mitchell) 1 febbraio 2021 14: 36
          +1
          La caserma Salyan è un quartiere di Baku, il nome è apparso nelle notizie quando hanno parlato dei pogrom. Ho anche dovuto rassicurare mia madre: le baracche di Salyan sono lontane dalla scena.
  5. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 31 gennaio 2021 19: 57
    0
    Ho già scritto di uno di questi tentativi completamente falliti di "ristabilire l'ordine" nella SSR lituana nel 1991 un po 'prima.

    Ricordo Nevzorov e i suoi 600 secondi. Scruta nell'oscurità e "Ecco, eccoli!" Quindi non sono mai venuti. E a Tallinn in quel momento stavano costruendo barricate ...
    1. Petr Vladimirovich (Peter) 1 febbraio 2021 14: 14
      +1
      Non ho visto Tallinn, ma l'ho visto dal vivo a Mosca. Notte dal 20 al 21 agosto 1991. Un thermos di caffè con te, sull'argine BMP con la botte verso l'edificio, intorno alle barricate cinque cisterne con le loro botti in tutte le direzioni. Entrambi sui cappucci, gee-gee, panini, cola, sigarette. Falò, chitarre, ricevitori che si avvolgono. Le persone provengono principalmente da istituti di ricerca e istituti dell'Accademia, che poco dopo, nessuno escluso, sono diventati disoccupati ... Romance ... C'è qualcosa di carino da ricordare ...