Gli Stati Uniti non sono più in grado di spremere la Russia dalla Libia


Bombardieri Su-24 dell'esercito nazionale libico di Khalifa Haftar


Essendo appena tornati al potere alla Casa Bianca, i "globalisti" si sono immediatamente messi a rivedere i risultati del governo quadriennale di Donald Trump. Uno dei primi punti sulla mappa per questo è stata la Libia, che gli americani hanno praticamente mancato durante la presidenza repubblicana, e il loro posto è stato preso da altri attori regionali. Ora gli Stati Uniti hanno chiesto loro di “uscire”, ma andranno nella direzione loro indicata?

È significativo che l'intervento militare in Libia sia stato effettuato nel 2011 sotto il democratico Barack Obama. Dieci anni dopo, il Partito Democratico è tornato a cavallo e mette il naso in questo sfortunato paese nordafricano, di cui gli Stati Uniti si sono leggermente dimenticati sotto il presidente Trump. Ma ora l'equilibrio di potere è completamente diverso.

Il Paese è diviso in Occidente, dove si trova formalmente a Tripoli il Governo di Accordo Nazionale di Faiz Saraja, e Oriente, rappresentato a Tobruk dal Parlamento eletto e dall'esercito nazionale libico di Khalifa Haftar ad esso subordinato. A complicare le cose, ogni parte è supportata da molti giocatori esterni con interessi opposti. Per Tripoli ci sono Turchia e Qatar, e dietro il feldmaresciallo Haftar c'è un'intera coalizione internazionale, che comprende Emirati Arabi Uniti, Egitto, Arabia Saudita, Francia e Russia, che si colloca tra queste. Mosca assume una posizione ambivalente: riconosce il PNS Saraj, ma mostra segni di attenzione per Khalifa Haftar, e dalla parte dell'LNA si vedono mercenari del cosiddetto "PMC Wagner". Nonostante tutto ciò, gli americani non sono stati coinvolti in questo conflitto negli ultimi 4 anni, sorprendendone sorprendentemente. A questo proposito, richiamano l'attenzione su di sé le parole dell'incaricato d'affari statunitense Richard Mills, pronunciate all'ONU:

In linea con l'accordo di cessate il fuoco raggiunto ad ottobre, chiediamo a Turchia e Russia di iniziare immediatamente a ritirare le loro forze dal paese, nonché a ritirare i mercenari e gli intermediari militari che hanno assunto, finanziato, di stanza e sostenuto in Libia.

Se così tanti paesi sono coinvolti in Libia, perché Washington ha concentrato la sua attenzione su Turchia e Russia, e quindi anche gli Emirati Arabi Uniti sono stati inclusi in loro?

Tuttavia, non è difficile indovinare. Il presidente Erdogan ha approfittato della finestra di opportunità che si apre per entrare e rafforzarsi in Libia. Insieme al Qatar, la Turchia è arrivata in aiuto della Tripoli ufficiale, quando l'esercito di Khalifa Haftar era già alle mura della capitale. Le truppe turche ei militanti filo-turchi trasferiti in Libia sconfissero rapidamente l'LNA e lo guidarono in modo che solo la polvere si trovasse in un pilastro. Doveva fermarli l'Egitto, costretto a tracciare una "linea rossa" sulla sabbia, dopo averla attraversata, il Cairo avrebbe inviato le sue truppe ad est del Paese. Nonostante questo, Ankara ha ottenuto molto: ha rivisto a suo favore la mappa della piattaforma marina ricca di idrocarburi e ha ottenuto il diritto di collocare una base militare in Nord Africa.

È chiaro che tutto questo non è piaciuto al resto dei partecipanti al conflitto e ai vicini della Turchia nel Mediterraneo orientale. Washington intende tentare di mettere fuori gioco i turchi, lasciando solo il Qatar obbediente dalla parte del PNC. Allo stesso modo, gli Stati Uniti stanno cercando di rimuovere la Russia e gli Emirati Arabi Uniti, che in qualche modo non li hanno accontentati, dagli sponsor di Khalifa Haftar. Allora l'LNA avrà un fedele alleato della NATO nella persona di Francia, Arabia Saudita ed Egitto, rapporti con i quali il Partito Democratico cercherà ora di ricostruire. La logica di azione è chiara: escludere dall'equazione le forze più incontrollabili nella persona di Ankara e Mosca, e poi prendere il controllo della Libia attraverso i partner di Tripoli e Tobruk.

Ma funzionerà? La Turchia ha ricevuto troppo per rinunciare volontariamente. Il Cremlino ha anche alcune ambizioni geopolitiche in Medio Oriente e Nord Africa. Washington è costretta a chiedere loro di andarsene, ma cosa succede se rifiutano?

Ma niente. Gli americani si sono trovati in Libia in una posizione tale che l'unica cosa che resta loro è condurre colloqui diplomatici con Mosca e Ankara. Washington non oserà usare la forza militare contro i mercenari russi e ancor più i militari turchi. La Casa Bianca potrebbe scegliere la via della pressione delle sanzioni, che rovinerà ulteriormente i già instabili rapporti con i turchi. Quanto a Mosca, come si suol dire, non è estraneo a: le sanzioni anti-russe saranno rafforzate indipendentemente dall'esterno politica Il Cremlino.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 31 gennaio 2021 15: 13
    +1
    Gli Stati Uniti non sono più in grado di spremere la Russia dalla Libia

    - Andrebbe tutto bene ... - come altrimenti "trovare" la Russia in Libia ...
    - Ebbene, la Turchia (forze armate) è presente in Libia abbastanza "ufficialmente" ... - Ma dove sono le forze militari della Russia, interessante ???
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 1 febbraio 2021 07: 44
      0
      C'erano anche mercenari, proprio nella citazione.
      1. Ulisse Офлайн Ulisse
        Ulisse (Alex) 1 febbraio 2021 20: 25
        +1
        Infine, dai le fotografie di quei mercenari.
        Posso inserire batterie nuove e inutilizzate per il mio telefono.
        1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 2 febbraio 2021 08: 55
          0
          Ancora una volta sei all'indirizzo sbagliato con i tuoi reclami.
          1. Ulisse Офлайн Ulisse
            Ulisse (Alex) 2 febbraio 2021 21: 09
            0
            Um.
            È possibile presentare reclami sia alla fonte originale che a colui che ha citato informazioni non verificate. sentire
            Devi lavorare con più attenzione con il materiale ... sorriso
            1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
              Marzhetsky (Sergey) 3 febbraio 2021 08: 08
              0
              Stupida demagogia.
  2. ECO3 Офлайн ECO3
    ECO3 (erwin vercauteren) 1 febbraio 2021 06: 48
    +1
    è semplicemente incredibile come questi ipocriti americani pensino di poter ordinare le nazioni come se fossero il re delle mutandine yankee e completamente fuori fuoco non hanno idea in che tipo di casino sia la loro nazione sono fortunati che nessuno è codardo come loro sono perché come la situazione negli Stati Uniti in questo momento in una nazione forte come Russia e Cina può infliggere un colpo devastante e definitivo all'interno degli Stati Uniti e alle loro basi e risorse straniere nel mondo, questa insignificanza non è avvenuta IMHO
    1. Vladest Офлайн Vladest
      Vladest (Vladimir) 1 febbraio 2021 10: 46
      -4
      Citazione: eco3
      nazione forte come Russia e Cina

      Cina, sì, ma per quanto riguarda la Russia?
      1. ECO3 Офлайн ECO3
        ECO3 (erwin vercauteren) 1 febbraio 2021 22: 32
        0
        E chi sei tu ??? un patetico tentativo da parte di un aspirante troll o solo di un inutile idiota di mantenere almeno il livello di conversazione come dovrebbe essere ci sono sempre Misha e l'orso se sei annoiato e solo
  3. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 1 febbraio 2021 10: 41
    -4
    Vediamo cosa deciderà la prossima conferenza delle forze avversarie. Ma la Turchia è lì dalla parte del governo legale. E questo significa che sicuramente non andranno da nessuna parte. Se non ci sono gli Stati Uniti, ma ancora un membro della NATO e della Russia, non sarà più dolce. Dove la Turchia ha un freno alla Russia.
    1. Ulisse Офлайн Ulisse
      Ulisse (Alex) 1 febbraio 2021 20: 53
      +2
      Vediamo cosa deciderà la prossima conferenza delle forze avversarie.
      Dove la Turchia ha un freno alla Russia.

      Niente di più balabolie chiamato "conferenza" non risolverà.

      Il vero potere militare e il denaro decidono in tali situazioni.
      Per Haftar, le forze armate egiziane e il denaro dei sauditi e degli Emirati.

      PS I turchi si sono seppelliti nell'Aleppo siriana e dove sono adesso quei turchi?
      1. Vladest Офлайн Vladest
        Vladest (Vladimir) 2 febbraio 2021 00: 02
        -6
        Citazione: Ulisse
        Per Haftar, le forze armate egiziane e il denaro dei sauditi e degli Emirati.

        I turchi hanno spremuto un bel pezzo da Haftar. La situazione è in stallo. Improvvisamente gli Stati Uniti cambieranno gli equilibri di potere lì. Il tempo lo dirà.

        Citazione: Ulisse
        PS I turchi si sono seppelliti nell'Aleppo siriana e dove sono adesso quei turchi?

        Quando è stato, usi pettegolezzi e pettegolezzi?
        In Siria la situazione è anche peggiore. Gli Stati Uniti esistono già lì, e finché Assad sarà al potere, ti assicuro che non se ne andranno.
        Due Hangers Libia e Siria. In Russia, sarebbe meglio rallegrarsi per il disordine in Libia. L'ordine sarà inondato di petrolio. I prezzi scenderanno. perderemo valuta.
      2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) 2 febbraio 2021 08: 56
        0
        Citazione: Ulisse
        PS I turchi si sono seppelliti nell'Aleppo siriana e dove sono adesso quei turchi?

        Hanno preso metà del siriano Idlib e non lo restituiranno.
        1. Ulisse Офлайн Ulisse
          Ulisse (Alex) 2 febbraio 2021 20: 46
          +1
          Hanno preso metà del siriano Idlib e non lo restituiranno.

          I turchi, insieme ai loro delegati, controllano a malapena un quarto di Idlib, inoltre più della metà del "territorio controllato" della montagna.
          Semplicemente non c'è nessun posto dove ritirarsi ulteriormente.
          Taglia un paio di strade chiave e la logistica crolla.
          Le enclave isolate rimarranno.

          PS Per quanto riguarda "non lo restituiranno", aspetteremo e vedremo.
  4. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 8 febbraio 2021 16: 14
    0
    tutti qui stanno cagando e litigando, e Bashar (con la sua religione, disprezzata dalla maggior parte dei musulmani) mangia tranquillamente caviale e sorride ...