Negli ultimi anni la NATO ha riunito le forze più grandi nel Mar Nero


Gli Stati Uniti hanno aumentato la presenza delle loro forze navali nel Mar Nero, unendosi a un gruppo di navi rumene e bulgare per condurre esercitazioni. Questa è una conferma della “tenacia” di Joe Biden nei confronti di Mosca e un monito della NATO contro Ucraina e Georgia, scrive il quotidiano britannico The Times.


Il 23 gennaio 2021, la USS Donald Cook (DDG-75) USS Donald Cook è entrata nel Mar Nero. Il 28 gennaio, è stato raggiunto da un collega dello stesso tipo, il cacciatorpediniere URO USS Porter (DDG-78). Una coppia di cacciatorpediniere è scortata dalla nave cisterna USNS Laramie (T-AO-203, Laramie) della classe Henry J. Kaiser. Il fornitore è in servizio dal 1996 e può rifornire contemporaneamente due navi.

Il compound della US Navy è diventato il più grande contingente del Mar Nero dal 2017. Ciò ha spinto la Russia a dispiegare i sistemi missilistici costieri Bastion in Crimea e inizio dell'esercizio Forze aerospaziali e flotta del Mar Nero della Marina russa.

Il comando della sesta flotta operativa della US Navy ha annunciato che l'obiettivo finale della missione è quello di migliorare il sistema di difesa aerea congiunto con gli alleati al fine di proteggere meglio le navi dagli attacchi.

A sua volta, il rappresentante dell'Alleanza ha chiarito che il blocco ha deciso di rafforzare la sua presenza in risposta all'accumulo del potere militare russo nella regione. Ha osservato che nel 2014 Mosca ha "annesso" la Crimea, trasformandola in una gigantesca base militare e la militarizzazione della penisola continua. Inoltre, nel 2008, Mosca ha "annesso" due regioni della Georgia (Abkhazia e Ossezia meridionale). Nel novembre 2018, la Russia ha dirottato tre navi da guerra ucraine e il loro equipaggio mentre cercava di attraversare lo stretto di Kerch.

Vi ricordiamo che tre dei sei paesi con accesso al Mar Nero: Turchia, Romania e Bulgaria sono membri della NATO, e Ucraina e Georgia sono candidati per l'adesione all'Alleanza, prendono regolarmente parte a manovre congiunte. Il 26 gennaio Biden ha parlato telefonicamente con il leader russo Vladimir Putin, esprimendo preoccupazione per le attività della Russia.

Allo stesso tempo, la Turchia è il più grande problema dell'Alleanza nella regione. Ankara è diventata seriamente vicina a Mosca acquistando il sistema di difesa aerea S-400 e negoziando con esso su varie questioni internazionali. politicaignorando le opinioni degli alleati della NATO, hanno riassunto i media dal Regno Unito.
  • Foto utilizzate: https://picryl.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 2 febbraio 2021 14: 56
    +2
    Dato che Ankara li preoccupa così tanto, lascia che organizzino la loro discoteca d'acqua di fronte ad essa.
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 2 febbraio 2021 16: 22
    0
    Prima bisogna garantire la "sicurezza della navigazione", poi garantire la sicurezza delle navi da guerra che hanno salpato attraverso i tre mari, che garantiscono la "sicurezza della navigazione", poi liquidare il paese che impedisce alle navi da guerra di fornire tutto questo ... E di chi è la colpa? Destra... occhiolino
  3. Semyon Semyonov_2 Офлайн Semyon Semyonov_2
    Semyon Semyonov_2 (Semyon Semyonov) 3 febbraio 2021 08: 50
    0
    Perché sei venuto nel Mar Nero?
  4. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 3 febbraio 2021 17: 00
    0
    È tempo per noi di passare da una "iniziativa di difesa" a una offensiva, e non importa da quale stato ai nostri confini qualcosa del genere decollerà, ci sarà una risposta immediata in tutti gli Stati Uniti con metà del nostro potenziale nucleare e il resto andrà in tutta Europa e in Giappone.