L'estensione di START III non è pace, ma preparazione alla guerra


La proroga fino al 5 febbraio 2026 del Trattato sulla riduzione e limitazione delle armi strategiche offensive (START-3), riportato ieri da tutti i media mondiali, è senza dubbio un evento positivo. Allo stesso tempo, tuttavia, non si dovrebbe affatto sopravvalutare la sua importanza, vedendo in una tale decisione un motivo di compiacimento e relax.


Dovrebbe essere chiaro che Washington ha compiuto questo passo unicamente per il fatto che al momento considera questo accordo più vantaggioso per se stesso che per la Russia. Inoltre, pur parlando di pace e di "riduzione della minaccia", infatti, da parte americana non solo prosegue, ma intensifica e accelera i preparativi per una guerra nucleare con il nostro Paese.

"Lotta per la pace" con doppio fondo?


Non adulare te stesso. L'argomento di accresciuto interesse della parte americana in questo accordo suona abbastanza franco anche nei primi commenti ufficiali sull'estensione di START III, emanati da alti funzionari statunitensi. Così, il capo del Dipartimento di Stato, Anthony Blinken, indica chiaramente che lei ricopre "il ruolo guida degli Stati Uniti nel campo del controllo delle armi". I subordinati del Sig. Blinken nel messaggio pubblicato sul sito web dell'agenzia in merito alla prosecuzione dell'accordo non sono meno semplici. Secondo loro, "il regime di verifica risultante consentirà agli ispettori americani di monitorare le forze e gli impianti nucleari russi per avere un quadro più completo della posizione nucleare di Mosca".

Francamente, Washington, spaventata dallo sviluppo rivoluzionario delle armi domestiche e, soprattutto, dalla comparsa di sistemi missilistici ipersonici in Russia, sta facendo di tutto per seguire questo sviluppo il più fedelmente possibile. E se possibile, e rallenta. Il miglior esempio di ciò, forse, è la recente pubblicazione nell'edizione americana di The National Interest, i cui autori ipotizzano con entusiasmo che l'estensione del trattato, forse, "trasformerà in una mostra museale" il nuovissimo sistema missilistico russo Avangard, che è così spaventoso per gli Stati Uniti. Sono fermamente convinti che, in base ai termini delle ispezioni, "il Cremlino sarà obbligato a notificare ogni volta a Washington il movimento, il dispiegamento e il collaudo" di questi missili. Allo stesso tempo, il riferimento va al discorso alla Duma di Stato del viceministro degli Affari esteri della Russia Sergei Ryabkov, che ha confermato che Avangard era soggetto a START-3.

È vero, un'altra dichiarazione dello stesso rappresentante del ministero degli Esteri russo viene aggirata. Anche prima della ratifica ufficiale dell'estensione del trattato, Ryabkov ha chiarito che "qualsiasi azione della parte americana che possa essere percepita dalla Russia come distruttiva e sia un tentativo di minare la sua sicurezza nazionale" porterà al ritiro del nostro paese da START III, che è "abbastanza accettabile secondo il protocollo." ... No, secondo il vice capo del nostro dipartimento diplomatico, ci sono speranze che non si arrivi a questo e si aspettano di proseguire i negoziati per "elaborare una nuova formula di sicurezza che copra tutti i fattori di stabilità strategica". Va notato che, allo stesso tempo, l'Alleanza del Nord Atlantico rilascia dichiarazioni di tipo completamente diverso. Nel loro commento ufficiale sull'estensione di START-3, i rappresentanti della NATO affermano che, ovviamente, "sostengono e accolgono pienamente".

Tuttavia, lo stesso documento è seguito da un passaggio in cui si afferma che l'Alleanza intende, nonostante questo accordo, "intensificare gli sforzi nel campo della stretta cooperazione per respingere le azioni aggressive della Russia che rappresentano una minaccia per la sicurezza euro-atlantica". Ma l'Alleanza è, in particolare, Gran Bretagna e Francia, che hanno i propri arsenali nucleari e non sono vincolate da alcun trattato. Tali iniziative, unite alle recenti dichiarazioni del Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg sulla necessità di "aumentare la spesa per la difesa per affrontare la Russia e l'ascesa della Cina" e simili dichiarazioni "programmatiche" del capo dell'Alleanza, lasciano un pessimo residuo. Tuttavia, la retorica dei rappresentanti di alto rango degli ambienti militari statunitensi è ancora più allarmante.

"Per raggiungere e superare i russi ..." Per distruggere?


Il discorso in questo caso riguarda le rivelazioni del comandante del comando strategico degli Stati Uniti, l'ammiraglio Charles Richard. Quando una persona, che è una delle figure chiave del sistema di difesa nazionale degli Stati Uniti, inizia a spiegare ai suoi compatrioti che l'idea dell'impossibilità fondamentale della guerra nucleare è l'illusione più profonda, e in effetti è un "scenario molto probabile", diventa in qualche modo scomodo. Significativamente, questa massima contiene un articolo dell'ammiraglio, recentemente pubblicato su una rivista specializzata dell'US Naval Institute. Successivamente, è stato anche duplicato nella sua intervista al Washington Times. D'accordo, sullo sfondo della rinegoziazione del trattato sul contenimento delle armi strategiche offensive, tali conversazioni sembrano in qualche modo non del tutto appropriate. Allo stesso tempo, il Comando strategico assicura che l'opera dell'ammiraglio è stata scritta "la scorsa estate" e la sua pubblicazione "è stata impedita da una pandemia".

La connessione, in verità, è piuttosto dubbia, anzi, il discorso di uno dei più alti funzionari del Pentagono sembra esattamente un contrappeso alle azioni della Casa Bianca che firma lo START-3. Torniamo, tuttavia, all'essenza e al significato delle affermazioni di Richard. A suo parere, il "conflitto regionale" degli Stati Uniti o della NATO con questi paesi può facilmente trasformarsi in una guerra nucleare con la Russia o la Cina. Allo stesso tempo, l'ammiraglio, nel solito modo per gli americani, "passa da una testa dolorante a una sana" e dichiara che, ovviamente, Mosca o Pechino useranno armi atomiche - "se sentono che stanno perdendo e questo minaccia il loro regime o stato. "... Formulazione interessante, non è vero? Come se fosse incomprensibile che la guerra tra il nostro Paese e l'Occidente, se comincia, ci mancherebbe, sarà comunque condotta dai nostri nemici per la completa distruzione ...

Tuttavia, il capo del Comando strategico sta cercando di assicurare che l'ultimo passo dalle operazioni militari con armi convenzionali ad un'apocalisse nucleare sarà sicuramente fatto dai russi o dai cinesi. Allo stesso tempo, fa una conclusione molto intrigante: le forze armate statunitensi devono, prima di tutto, "abbandonare l'atteggiamento sbagliato verso l'impossibilità di usare armi nucleari oggi" e, soprattutto, "agire in conformità con la mutata realtà. . " Considerando che la base della dottrina militare americana è la scommessa sugli scioperi "preventivi" e "preventivi", tutto ciò appare come una guida d'azione molto pericolosa per i suoi subordinati, che risuona dalle labbra del capo stratega del Pentagono. Va detto che la propaganda della rinuncia all'inammissibilità dell'uso delle armi atomiche in quanto tali si coniuga nei discorsi di Charles Richard con un altro motivo ben tracciato. L'ammiraglio non si stanca di ribadire: Mosca e Pechino "hanno recentemente investito troppo nel loro potenziale nucleare", che ha permesso loro di "aggirare gli Stati Uniti". Crede che entro la fine del decennio gli americani "dovranno affrontare due delle loro controparti atomiche". Per quanto riguarda il "contenimento strategico", quindi, secondo Richard, "potrebbe non essere in un mondo con un mutato ambiente di minacce".

Si dice troppo astruso (soprattutto per un uomo in uniforme), ma il significato è chiaro: gli Stati Uniti aderiranno a qualsiasi accordo solo fintanto che lo riterranno vantaggioso e necessario per se stessi. In generale, l'idea del "ritardo" degli Stati Uniti in campo militare da parte dei "più probabili avversari" nella persona di Russia e Cina è recentemente diventata troppo popolare in alcuni circoli di questo paese. L'idea della necessità di un'azione radicale e immediata per cambiare la situazione così inaccettabile per l'egemone mondiale viene trasmessa dai media vicini alle autorità con spiacevole regolarità. Per che cosa?

Ad esempio, il Washington Post, nella sua recente pubblicazione, afferma che "l'esercito americano ha quasi perso la sua leadership mondiale" (sei sicuro?! - autore), e per "competere con successo per l'influenza globale" devono prendere immediatamente delle misure aumentare "la propria disponibilità alla battaglia". Più avanti nell'editoriale, infatti, segue una serie di tutti i cliché standard che sono diventati piuttosto noiosi durante la presidenza Trump: più stanziamenti per il Pentagono, più "sviluppi all'avanguardia" e "investimenti nella ricerca" invece di "mantenere obsoleti e sistemi d'arma eccessivamente costosi. " Invita nuovamente a "rendere l'America ipersonica" e dotare l'Air Force locale di caccia senza pilota con intelligenza artificiale. Il tutto si conclude con un ragionamento piuttosto vago su una sorta di "finestra di opportunità unica, ma limitata" che gli Stati Uniti hanno ricevuto in questo momento e che dovrebbe certamente essere utilizzata. Si ha la sensazione che si tratti proprio dell'estensione di START III, sotto la copertura del quale gli Stati Uniti intendono migliorare le proprie armi, frenando al massimo lo sviluppo di quelle russe.

Nel frattempo il Pentagono, nonostante eventuali accordi e colloqui tra i leader dei due stati per ridurre le tensioni, continua ad attaccare la Russia. Sì, sì, esattamente un'offensiva, fare la massima avanzata ai confini del nostro paese e prendere posizioni per attacchi nucleari sul suo territorio. Così, alla vigilia si è saputo del trasferimento dell'aeronautica militare statunitense dei suoi bombardieri strategici Rockwell B-1 Lancer in Norvegia presso la base aerea di Erland. Secondo la dichiarazione del comandante della US Air Force in Europa e Africa, Jeffy Harrigian, ciò viene fatto "per supportare gli alleati della NATO" e come parte delle missioni della Task Force Bomber. Allo stesso tempo, nessuno, infatti, pensa nemmeno di nascondere che questi "strateghi" saranno mirati specificamente alla Russia e all'Artico russo - la base aerea, che diventerà il loro luogo di schieramento, si trova a 480 chilometri dal Circolo Polare Artico .

L'estensione di START-3 è, ovviamente, meravigliosa. Tuttavia, gli scopi e gli obiettivi di questa azione su diverse sponde dell'oceano sono ovviamente compresi in modi completamente diversi. Qualcuno vuole la pace. E qualcuno si sta preparando per la guerra ...
29 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dimy4 Офлайн Dimy4
    Dimy4 (Dmitry) 4 febbraio 2021 09: 25
    0
    "Lotta per la pace" con doppio fondo?

    Combatteremo per la pace in modo tale che non ci sarà nulla di intentato in questo mondo!
  2. lavoratore dell'acciaio 4 febbraio 2021 09: 42
    +1
    sono un tentativo di minare la sua sicurezza nazionale ", porterà al ritiro del nostro Paese da START

    Quando gli americani stavano costruendo i loro sistemi di difesa missilistica in Romania e Polonia, la Russia non si ritirò dal trattato sui missili a medio raggio. Al contrario, gli Stati Uniti si sono ritirati dall'IRSD quando avevano già costruito i loro sistemi ABM. E il fatto che gli Stati Uniti siano redditizi ora è certo. Credo che senza il Trattato INF non avremmo bisogno di questo START in nessuna forma !!!
    1. alex5450 Офлайн alex5450
      alex5450 (Alessandro L) 4 febbraio 2021 20: 06
      -1
      La Russia si è ritirata dal Trattato INF il 20 marzo 2019. Cif 2 agosto 2019. Cioè, secondo lei, gli Stati Uniti avrebbero dovuto rispettare il trattato da cui si è ritirata la Russia?
  3. irregolare Офлайн irregolare
    irregolare (VADIM STOLBOV) 4 febbraio 2021 11: 06
    -4
    In primo luogo, la sua economia non consente all'attuale Federazione Russa di competere con l'Occidente. Senza cambiamenti politici radicali nel paese, il ritardo della Russia non farà che aumentare, il che alla fine porterà alla morte dello stato. Nessuna guerra globale è necessaria per questo. Basterà semplicemente non cambiare nulla in Russia.
    1. shiva Офлайн shiva
      shiva (Ivan) 4 febbraio 2021 12: 38
      0
      Non sono d'accordo. Al contrario, se non permettiamo che vengano al potere taggati, e anche semplicemente fan o agenti dei nostri "partner" occidentali, allora noi stessi vivremo abbastanza bene, senza disturbare nessuno, mentre emanano bile lì. Ma se noi, con le nostre stesse mani, iniziamo a portare cambiamenti radicali, a tagliare missili, a investire aerei con trattori e perdiamo a causa delle "riforme sociali" un paio di milioni di popolazione all'anno, allora sarà sicuramente una schifezza .
      1. irregolare Офлайн irregolare
        irregolare (VADIM STOLBOV) 4 febbraio 2021 13: 38
        -1
        se non si consente il file labeled

        Quindi già "consentito". Sono al potere in Russia da tre decenni.
        E con loro "solo vivere" non funzionerà. Solo degrado e morte.
      2. alex5450 Офлайн alex5450
        alex5450 (Alessandro L) 4 febbraio 2021 20: 07
        -1
        Hai grandi fantasie. Ora, se tutti diventavano gentili e buoni, e lì tutti erano cattivi, vivevano così. )
        Spero che almeno il tuo re sia gentile? Solo i boiardi fanno scherzi? ))
    2. Il commento è stato cancellato
    3. olpin51 Офлайн olpin51
      olpin51 (Oleg Pinegin) 4 febbraio 2021 21: 05
      0
      Irregolare ha una domanda. Dove e come è autoctono?
      1. irregolare Офлайн irregolare
        irregolare (VADIM STOLBOV) 4 febbraio 2021 22: 25
        -1
        Sinonimi: cardinale, radicale, capitale ...
        Quindi più chiaro?
        1. olpin51 Офлайн olpin51
          olpin51 (Oleg Pinegin) 5 febbraio 2021 19: 54
          0
          Ci sono così tanti sinonimi in modo radicale, radicale, completo. Ma la domanda rimane. Come? E poi tutti possono sbuffare le guance, non ci sono proposte cardinali.
          In generale, cosa non ti piace? Competere? E ora non dobbiamo competere con nessuno. Lascia che competano con noi in qualche modo. Abbiamo più che sufficienti aree di questo tipo. Di solito, coloro che fanno queste domande scivolano nella vita di tutti i giorni. - Qui non abbiamo questo e quest'altro, e quest'altro ...
          1. irregolare Офлайн irregolare
            irregolare (VADIM STOLBOV) 6 febbraio 2021 10: 34
            -1
            1) Leggi la storia. Ci sono abbastanza esempi di come vengono eseguite trasformazioni radicali. Scegli il metodo che puoi padroneggiare.
            2) In che modo una colonia può competere con la sua madrepatria?
            1. olpin51 Офлайн olpin51
              olpin51 (Oleg Pinegin) 6 febbraio 2021 22: 27
              0
              Bene, eccoci qui: leggi, scegli. Sì, non ne ho davvero bisogno. Dipende dal punto di vista, dalla direzione da cui guardare e da dove. Qualcuno pensa di vivere in una colonia, dove il degrado e la morte sono tutt'intorno - un loro diritto. Probabilmente non mi sono ritrovato in questa vita. E vivo in uno stato che è già sovrano, altrimenti non avrebbero latrato da tutte le parti e io sostengo questo stato.
              1. irregolare Офлайн irregolare
                irregolare (VADIM STOLBOV) 7 febbraio 2021 15: 14
                -1
                Per favore, dimmi - che cosa esattamente "sovrano" sei riuscito a trovare nella Federazione Russa, a cui è stato persino vietato di esibirsi sotto la sua bandiera in occasione di eventi sportivi?
                1. olpin51 Офлайн olpin51
                  olpin51 (Oleg Pinegin) 7 febbraio 2021 20: 22
                  0
                  Non dipende da altri Stati, ha l'autorità e la capacità di entrare in relazioni internazionali con altri Stati. E la cosa più importante è la priorità del diritto russo sul diritto internazionale. E il divieto di agire sotto bandiera è merito del pi dr che è scappato. Wada deve essere rispettato, tuttavia, e non entrare in conflitto.
                  1. irregolare Офлайн irregolare
                    irregolare (VADIM STOLBOV) 8 febbraio 2021 12: 04
                    -1
                    1) Dipende.
                    2) La colonia potrebbe "entrare in relazione".
                    3) Se la Russia avesse avuto la priorità della "legge russa sull'internazionale", non avrebbe pagato per decisione delle autorità straniere.
                    1. olpin51 Офлайн olpin51
                      olpin51 (Oleg Pinegin) 8 febbraio 2021 14: 59
                      0
                      Stanchi di rotolare il burro ...
                2. olpin51 Офлайн olpin51
                  olpin51 (Oleg Pinegin) 7 febbraio 2021 20: 30
                  0
                  E in generale, cosa abbiamo?
                  1. irregolare Офлайн irregolare
                    irregolare (VADIM STOLBOV) 9 febbraio 2021 08: 26
                    -1
                    Se "sai già tutto", allora starò zitto ...
                    1. olpin51 Офлайн olpin51
                      olpin51 (Oleg Pinegin) 9 febbraio 2021 10: 33
                      0
                      Non puoi fidarti di nessuno tranne me ...

                      (Mühler - 17 momenti di primavera)
                      1. irregolare Офлайн irregolare
                        irregolare (VADIM STOLBOV) 9 febbraio 2021 11: 25
                        -1
                        Ti ho inviato le informazioni di Muller in un messaggio personale.
  4. Il commento è stato cancellato
  5. olpin51 Офлайн olpin51
    olpin51 (Oleg Pinegin) 4 febbraio 2021 14: 13
    0
    Sì, non oseranno fare niente a nessuno. Hanno persino paura della RPDC, che l'ha presa in giro. Lascia che si mettano al passo - loro diritto, per i loro soldi.
    1. Anatoly Babug Офлайн Anatoly Babug
      Anatoly Babug (Anatoli) 4 febbraio 2021 15: 08
      -3
      Wow, l'ho preso in giro - dopo la visita delle portaerei americane, per qualche motivo, ha interrotto bruscamente tutti i test nucleari. E non è necessario di più, lascia che questa riserva rimanga com'è. Nessuno ha bisogno di milioni di persone zombificate dal l'ultimo secolo.
      1. Il commento è stato cancellato
      2. olpin51 Офлайн olpin51
        olpin51 (Oleg Pinegin) 4 febbraio 2021 21: 11
        0
        Visitare? Era una specie di ... con le guance gonfie. Ebbene, il paese è sicuramente più terribile di Grenada.
  6. alex5450 Офлайн alex5450
    alex5450 (Alessandro L) 4 febbraio 2021 20: 09
    0
    Eh. L'articolo è proprio come dal lontano passato sovietico: stiamo tutti combattendo per la pace, e lì affilano i coltelli. )
  7. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 4 febbraio 2021 21: 00
    -2
    "Per raggiungere e superare i russi ..." Per distruggere?

    Qualsiasi specialista in armi nucleari più o meno ti parlerà della parità tra Federazione Russa e Stati Uniti nelle armi nucleari. La Federazione Russa non ha alcun vantaggio. Anche l'apparenza di qualcosa di avanzato richiede la sua produzione in serie. Anche l'altro lato è sveglio. Non c'è niente che uno abbia fatto e l'altro non possa ripetere.
    Dopo Hiroshima e Nagasaki, le armi nucleari accumularono carri, lo migliorarono costantemente e, stranamente, non iniziò nessuna guerra. Questo continuerà ad essere così. Non ci sono stupidi per iniziare una guerra nucleare. Dopotutto, tutti sanno che le sue armi nucleari sono così tante che più volte puoi distruggerti a vicenda. Lo vogliamo?
    1. Dmitry Kokorev Офлайн Dmitry Kokorev
      Dmitry Kokorev (Dmitry Kokorev) 22 febbraio 2021 23: 24
      0
      Il Pentagono sa che non ci sarà un "inverno nucleare": questo è un mito inventato da Carl Sagan
  8. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 5 febbraio 2021 16: 24
    0
    C'è solo una via d'uscita, da qualche parte nel cortile di casa per mostrare agli Stati Uniti cosa li aspetta, e proprio a casa.
  9. Dmitry Kokorev Офлайн Dmitry Kokorev
    Dmitry Kokorev (Dmitry Kokorev) 22 febbraio 2021 23: 22
    +1
    Il Pentagono sa che non ci sarà un "inverno nucleare" e su questo costruisce la sua attuale strategia.
    Carl Sagan ha inserito tali "dati necessari" nel computer per ottenere il risultato desiderato - "inverno nucleare". Vale a dire, ha creato il concetto di "inverno nucleare".
    Tuttavia, i "test" del concetto di "inverno nucleare" sono avvenuti durante gli incendi boschivi del 2007-2012, soprattutto nel 2010, quando sono stati bruciati circa 12 milioni di ettari o 120mila metri quadrati. km, cioè il 12% della scala adottata per il concetto di "inverno nucleare". Non puoi ignorarlo, perché se l'effetto si fosse verificato, si sarebbe manifestato. La cosa più interessante è che sono stati effettuati i calcoli della formazione di fuliggine in questi incendi, pubblicati sulla rivista "Meteorology and Hydrology", n. 7 per il 2015. Il risultato è stato ribaltante. La fuliggine in realtà formava 2,5 grammi per metro quadrato. metri di incendio boschivo. Su tutta l'area degli incendi si sono formate circa 300mila tonnellate di fuliggine, che è facilmente traducibile in un milione di metri quadrati stimato. km - 2,5 milioni di tonnellate, che è 1600 volte inferiore rispetto al concetto di "inverno nucleare". E questo - nelle migliori condizioni di un'estate secca e calda, quando la pioggia non spegneva gli incendi e l'estinzione non poteva far fronte al fuoco.
    Una tale differenza di 1600 volte prova direttamente la sfacciata falsificazione effettuata dal gruppo di Carl Sagan.
    Quindi il Pentagono sa cosa sta facendo. Si aspetta che dopo lo scambio di attacchi con armi nucleari, la guerra si trasformi in una battaglia tra l'economia russa e l'economia dell'intero mondo occidentale "sopravvissuto".
  10. Dmitry Kokorev Офлайн Dmitry Kokorev
    Dmitry Kokorev (Dmitry Kokorev) 22 febbraio 2021 23: 26
    +1
    Citazione: Vladest
    Dopotutto, tutti sanno che le sue armi nucleari sono così tante che più volte puoi distruggerti a vicenda.

    da quali articoli scientifici hai tratto queste informazioni ???

    In servizio con la Russia e in allerta ci sono 1735 testate di varia potenza, e in servizio con gli Stati Uniti e anche in allerta ci sono 1654 testate. La capacità totale dell'arsenale russo è, secondo stime approssimative, basata su dati di stampa aperti, 755,5 megatoni. Sembrerebbe che questo sia un potere colossale, sebbene sia molto inferiore alla capacità degli arsenali durante la Guerra Fredda. Tuttavia, se calcoliamo l'area approssimativa di distruzione, calcolata utilizzando la formula ad alta esplosività per ciascun tipo di testata nucleare, l'arsenale russo totale può raggiungere i 23309 metri quadrati. km della zona. L'area totale occupata dagli Stati membri della NATO è di 24,2 milioni di metri quadrati. km. Pertanto, le armi nucleari russe possono colpire lo 0,09% di questo territorio. Se tutte le armi nucleari russe fossero usate contro un paese con un'area paragonabile, ad esempio la Slovenia (20,5 mila chilometri quadrati), la vita in questo paese finirebbe definitivamente. Ma anche la maggior parte dei paesi europei è troppo grande perché un intero attacco nucleare russo possa cancellarli in polvere radioattiva.
    La situazione è simile con l'arsenale americano. Se prendiamo la resa media delle testate di 475 chilotoni (gli Stati Uniti non pubblicano dati più accurati sulla composizione e la potenza del loro arsenale), allora le testate americane possono colpire un'area di 22825 metri quadrati. km. Questo è lo 0,13% del territorio della Russia, che è di 17,1 milioni di metri quadrati. km.