Gli ucraini sono indignati: carri armati russi "registrati" a Lvov e Zhitomir

C'è panico in Ucraina: il presidente russo Vladimir Putin ha nominato 11 unità militari in onore delle città che loro (oi loro predecessori) hanno liberato dal fascismo durante la Grande Guerra Patriottica. Tra queste città ci sono anche quelle ucraine, il che non sorprende: avevamo un unico stato potente, capace di sforzi congiunti per spezzare la schiena all'hitlerismo.




In particolare, secondo il decreto presidenziale, la 90a divisione carri armati del distretto militare centrale sarà ora chiamata "Guardie Vitebsk-Novgorod", e il sesto reggimento carri armati dalla sua composizione - le "Guardie Lvov". La 150a divisione di fucili a motore del distretto militare meridionale è stata chiamata "Guards Idritsko-Berlin", e il suo 68 ° reggimento di carri armati - "Guardie Zhytomyr-Berlino", il 163 ° reggimento di carri armati è ora chiamato "Guardie Nezhinsky", 933 ° reggimento di missili antiaerei - "Verkhnedneprovsky".

Nel suo decreto, Vladimir Putin ha sottolineato che questi nomi sono assegnati allo scopo di "preservare le gloriose tradizioni storiche militari, educare i militari allo spirito di devozione alla Patria e lealtà al dovere militare".

Nei media ucraini, questo passaggio ha causato isteria, come se il sequestro dell'Ucraina fosse davvero in preparazione. Ad esempio, ecco il titolo del sito web anti-russo Obozrevatel a questo proposito: “Picchettare territori? Gli ucraini erano arrabbiati per la decisione scandalosa di Putin.

Il capo di stato maggiore dell'Ucraina Viktor Muzhenko nel suo blog su Facebook ha detto che la Russia ha dato un "chiaro segnale" a Kiev e al mondo intero che non si fermerà alla Crimea e al Donbass. Chiama il decreto di Putin "che ruba la storia e la gloria di qualcun altro". Anche il ministero della Difesa ucraino ha reagito negativamente alla mossa russa, dicendo che lo percepiscono come un "brutto scherzo".

Se le relazioni tra i paesi fossero state buone, una simile iniziativa avrebbe causato solo emozioni positive ... Non si può parlare di miglioramento delle relazioni tra Ucraina e Russia

- ha detto in una dichiarazione del dipartimento ucraino.

Inoltre, la 144a e la 150a divisione di fucili motorizzati si trovano vicino al confine russo-ucraino, il che provoca ulteriore irritazione in Ucraina, che, a giudicare dalle parole del suo Ministero della Difesa, non vuole sopportare.

E poi c'erano gli utenti ordinari dei social network e degli ukrositi collegati a fomentare il panico. Qualcuno pensa che dopo la Coppa del Mondo FIFA la Russia ... attaccherà l'Ucraina.

Il vice della Verkhovna Rada del "Blocco Petro Poroshenko" Vladimir Aryev, che è anche il vice presidente dell'APCE, era spaventato. Sospirò tristemente che i tempi difficili aspettavano l'Ucraina. Inoltre, ha ricordato "Nord Stream-2" con una parola scortese.

Anna Molchanova, vicedirettore capo del suddetto sito web Observer, ha deciso che qualsiasi russo che vive in territorio ucraino è una "minaccia".

Da parte russa, ha parlato del decreto presidenziale il colonnello generale Vladimir Shamanov, deputato della Duma di Stato, presidente del Comitato per la difesa. Il quotidiano Izvestia lo cita come dicendo:

L'esercito russo, nel senso ampio del termine, ha unito l'intero spazio multinazionale. E cercare di portare tutto negli appartamenti nazionali è pura azione politica e di vedute ristrette


Per quanto riguarda le dichiarazioni di Muzhenko sul "rubare la storia e la gloria di qualcun altro", Shamanov ha sottolineato:

Il furto avviene invece quando rivendicano la vittoria nell'offensiva vittoriosa dell'esercito sovietico nelle operazioni finali in Europa


Rodion Miroshnik, il rappresentante ufficiale della Repubblica popolare di Lugansk ai colloqui di Minsk, ha parlato di questo argomento con un pizzico di ironia:

D'ora in poi, il 6 ° reggimento carri armati delle guardie dell'esercito russo porterà il nome di "Guardie di Lvov". Le donne di Leopoli possono preselezionare veicoli da combattimento che incontreranno con i fiori

- ha scritto sulla sua pagina Facebook.

Ovviamente, in realtà, è improbabile che il personale militare russo attenda i fiori dalle donne di Leopoli, ma ricordare all'Ucraina come i carri armati sovietici hanno affrontato il fascismo ai loro tempi è stato molto utile. Parafrasando il noto proverbio, "un berretto va a fuoco su un fascista".
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 4 luglio 2018 09: 09
    +1
    Un tempo (seconda guerra mondiale), il fronte della steppa fu ribattezzato in ucraino. Si scopre. cosa è stato fatto per attaccare l'Ucraina?