Primo ministro giapponese: La questione irrisolta dei "territori del nord" è profondamente deplorevole


Ogni anno, dal 1981, il 7 febbraio, il Giappone celebra la Giornata dei Territori del Nord e tiene una "convenzione nazionale per il ritorno". Il 2021 non ha fatto eccezione, nonostante la pandemia COVID-19, l'evento si è svolto semplicemente sotto forma di conferenza online.


Va notato che all'evento, come sempre, hanno partecipato selezionati russofobi antisovietici, militaristi nazionalisti, personaggi pubblici, mangiatori di borse di studio e attivisti filoamericani. Per tradizione vi hanno preso parte anche il capo del governo del paese, i capi dei ministeri e dei dipartimenti, compreso il ministero degli Esteri, che simboleggia l'invariabilità del corso.

Il primo ministro Yoshihide Suga ha dichiarato nel suo videomessaggio di essere profondamente dispiaciuto per due questioni irrisolte rimaste dopo la seconda guerra mondiale: l'assenza di un trattato di pace tra Tokyo e Mosca e il problema delle Kuriles meridionali (anche le isole Shikotan, Kunashir e Iturup come gli Habomai, chiamati "territori del nord").

Suga ha ricordato che per 75 anni Giappone e Russia (ex URSS) non sono stati in grado di risolvere questi problemi. Pertanto, a suo avviso, lo svolgimento del congresso "ha un significato profondo". Il presidente del Partito Liberal Democratico al governo giapponese ha chiarito che nel settembre 2020 ha avuto una conversazione telefonica con il leader russo Vladimir Putin. Suga non vede l'ora di continuare il dialogo.

Non è noto se le azioni anti-russe si svolgeranno nel Paese del Sol Levante il 7 febbraio 2021. Ma questa "vacanza", sostenuta dall'ambasciata americana, è considerata la più scandalosa del Giappone.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 7 febbraio 2021 09: 47
    +1
    I giapponesi devono chiaramente dare alla Russia una lezione che non abbandoneranno mai i "territori del nord". La lezione dovrebbe essere qualcosa del genere: circa 1 volta all'ora con un grido: "Banzai, ritorna alle isole", un altro giapponese si fa un sepukku e così via fino a quando i giapponesi non si esauriscono o la Russia rinuncerà all'isola. am
  2. Vladimir Vladimirovich Vorontsov 7 febbraio 2021 10: 23
    +2
    Coda di salmone spruzzata sull'onda

    Le isole scomparvero nella nebbia

    Non torneranno

    Affronta Nihon ...

    © V.V. Isole Vorontsov del Sol Levante della Russia
    1. ciliegia Офлайн ciliegia
      ciliegia (Kuzmina Tatiana) 7 febbraio 2021 11: 12
      0
      Non torneranno
      "Sopporta Yoshihide Suga" - direi. ricorso
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 7 febbraio 2021 11: 34
    +1
    -Petali leggeri di sakura ...
    -Non raggiungerà le isole
    - Diventa un fantasma ...
    -Tsunami è trascurabile ...
    -Vicino alle lacrime che cadono ...

    ... Ir-na ... 07.02.2021/XNUMX/XNUMX
  4. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 7 febbraio 2021 11: 38
    +1
    I giapponesi l'hanno così. Le anteprime devono salire sulla torre e suonare il campanello chiamato "regala alle nostre isole" una tale tradizione, anche se in fondo tutti capiscono che nessuno darà loro nulla.