Esperto libico: il pan-turkmeno di Erdogan minaccia la stabilità regionale


Tutti i passi di politica estera dell'attuale presidente turco Recep Tayyip Erdogan mirano a riportare la Turchia alla sua antica grandezza. Allo stesso tempo, il suo pan-turkismo è una minaccia crescente per la stabilità e la sicurezza regionale, riferisce la pubblicazione Internet turca AhvalNews, riferendosi alla pubblicazione del giornalista arabo Alaeddin Saleh sul portale Modern Diplomacy (Belgio) il 6 febbraio 2021.


Secondo l'esperto, Ankara cerca di utilizzare l'alleanza esistente con Baku per rafforzare la sua posizione nella regione e cercare di creare una parvenza dell'Impero Ottomano. Il leader turco vuole, utilizzando una strategia neo-ottomana, unire i paesi dell'Asia centrale (centrale) in un unico spazio logistico con forze armate comuni guidate da Ankara.

I curdi in Siria e gli armeni nel Nagorno-Karabakh hanno già sentito pienamente l'impatto del nazionalismo turco

- ha scritto l'analista.

Saleh lo spiega con i cambiamenti avvenuti a livello internazionale politica negli ultimi anni.

I processi di disintegrazione in Europa e il ruolo decrescente delle potenze mondiali, che in precedenza non consentivano alle ambizioni ottomane di andare oltre i confini nazionali, hanno dato alla Turchia il via libera per la vendetta geopolitica.

- è sicuro.

Saleh ha attirato l'attenzione sul fatto che Ankara ha scelto metodi estremamente dubbiosi per raggiungere i suoi obiettivi. Ad esempio, la Turchia incoraggia l'Islam politico e il separatismo nei paesi con minoranze turche, tra cui Russia e Cina. Negli ultimi 100 anni, il pan-Turkismo ha fatto parte dell'ideologia in Turchia. Ma Erdogan divenne il primo capo di stato a tentare con vigore di attuare questa dottrina, e nel modo più radicale.

La pulizia etnica, l'omicidio, il rapimento di uomini d'affari e proprietari terrieri curdi con l'obiettivo della successiva ridistribuzione delle loro proprietà tra i gruppi sostenuti dalla Turchia sono diventati comuni nei territori della Siria occupata

- ha aggiunto.

Ora gli sforzi di Erdogan sono diretti verso il Transcaucasus. Ha un disperato bisogno di un corridoio attraverso Nakhichevan al Mar Caspio - un accesso diretto ai paesi dell'Asia centrale (centrale). Le ambizioni di Erdogan non finiranno qui e l'espansione continuerà, ha sintetizzato il giornalista libico.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 7 febbraio 2021 12: 59
    0
    I prossimi, sconosciuti a nessuno, stanno spaventando la Turchia, dicono, metteranno le cose in ordine ...
  2. Vladest Офлайн Vladest
    Vladest (Vladimir) 7 febbraio 2021 14: 06
    -3
    Beh si . Stabilità. La stessa Libia, Siria, Iraq, Yemen e Iran sono tutt'altro che stabili. Se questa è stabilità, allora qual è il pasticcio? Piuttosto, ora c'è un problema dal panranismo. Micro RF, secondo le sue abitudini, anche l'Iran è tormentato dai fantasmi del suo antico potere.
    Piuttosto, dove c'è la Turchia, c'è ordine. I turchi hanno appuntato la coda a coloro che amano combattere in Libia, Siria e Karabakh.La Turchia è intensamente impegnata nello studio dei giacimenti di gas a mercoledì. Ch. Seas e potrebbe presto diventare un importante fornitore di gas naturale per l'UE.
  3. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 7 febbraio 2021 15: 02
    -1
    C'è ordine in Libia! La Turchia non vuole avere un nido di vespe nelle vicinanze!
    1. Il commento è stato cancellato