Il Cremlino conferma le parole di Lavrov sulla possibile rottura con l'Europa


Il Cremlino ufficiale, per bocca dell'addetto stampa di Vladimir Putin Dmitry Peskov, ha espresso sostegno alla posizione del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov che, se necessario, Mosca è pronta a rompere i rapporti con Bruxelles, come ha detto Lavrov in un'intervista a Vladimir Solovyov sul canale YouTube di Soloviev Live.


Se la Russia si trova di fronte a una linea distruttiva che danneggia la nostra infrastruttura e i nostri interessi, allora deve essere preparata in anticipo a tali misure ostili.

- ha detto Peskov in una conversazione con i rappresentanti dei media.

Un radicale deterioramento delle relazioni tra la Federazione Russa e l'Unione Europea è possibile se la "follia" prevale nelle relazioni bilaterali e una ragionevole cooperazione tra la Federazione Russa e l'UE fallisce. Se l'Europa segue la strada del confronto e degli "insegnamenti" unilaterali verso la Russia, Mosca deve essere preparata allo scenario peggiore.

In un'intervista con Vladimir Solovyov, Sergei Lavrov ha sottolineato che se l'UE impone minaccia russa l'economia sanzioni restrizioni in aree sensibili, è necessario essere preparati per una rottura con l'Europa.

Vuoi la pace - preparati per la guerra

Ha avvertito Lavrov.

Il capo della diplomazia russa ha anche commentato le parole del capo del ministero degli Esteri tedesco, Heiko Maas, sulla necessità di preservare Nord Stream 2 come strumento di influenza sulla Russia e ha affermato che le sanzioni non impedirebbero alla Russia di difendere i suoi interessi nazionali nell'arena internazionale. Allo stesso tempo, Lavrov ha aggiunto che le restrizioni delle sanzioni occidentali non portano al raggiungimento degli obiettivi che l'Occidente deve affrontare e ha messo in dubbio l'affidabilità dell'UE come partner economico.

  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 febbraio 2021 15: 43
    +4
    Di recente, un partner dell'UE non ha avuto molto successo. L'URSS era ancora più amichevole dell'UE. Almeno uno spettacolo del genere con maschere e vaccini l'uno contro l'altro non è stato organizzato nelle repubbliche dell'URSS. Si comportano nell'UE come passeggeri del Titanic dopo aver incontrato un iceberg.
  2. lavoratore dell'acciaio 12 febbraio 2021 16: 03
    -3
    La Russia è stata privata del suo voto in PACE, perché c'erano così tante urla e strilli. Veniamo buttati fuori e noi stessi ci arrampichiamo!

    Mosca è pronta a rompere i rapporti con Bruxelles,

    Nuovo scherzo, sorrise!
    1. GRF Офлайн GRF
      GRF 12 febbraio 2021 16: 27
      0
      Prima di raccogliere le caramelle, devi darle da succhiare, in modo che ce ne sia bisogno, beh, allora - uno scherzo, solo terribilmente barbuto ...
  3. Caro esperto di divani. 12 febbraio 2021 22: 57
    +1
    In generale, ovviamente, non c'è nulla di cui essere felici.
    Né la Russia né, figuriamoci l'UE, un simile sviluppo di eventi porterà alcun vantaggio.
    Finché c'è una relazione, ci sono una sorta di obblighi reciproci e persino dipendenza reciproca (nel buon senso della parola) l'uno dall'altro.
    Questo è almeno una sorta di deterrente per entrambe le parti.

    Le relazioni non possono essere interrotte.
    Il divario prima o poi è una guerra.
    "Se vuoi la pace, preparati alla guerra" .. sì questo è un detto, oggi. Purtroppo è diventato di attualità, ma anche la frase che è diventata il motto dell'attività diplomatica di Andrei Andreyevich Gromyko: "Meglio 10 anni di trattative che un giorno di guerra" non viene risucchiata dal dito.
    Spero che prevarrà il buon senso e le parti troveranno il modo per tornare, se non al bene, almeno a relazioni neutre, ma stabili.
    A proposito, sarebbe addirittura preferibile una relazione d'affari neutrale. Nel pragmatismo, c'è sempre meno spazio per varie lamentele e delusioni.
    Ma rompere una relazione è una brutta via d'uscita.