Quanti soldi perderanno i paesi produttori di petrolio in 20 anni


I paesi che ricevono la maggior parte del loro reddito dalla vendita di idrocarburi, in due decenni, potrebbero perdere circa 9 trilioni di dollari a causa della transizione del mondo verso l'energia "verde" e la conseguente diminuzione della domanda di petrolio e gas. Questa conclusione è stata fatta dagli esperti del centro analitico britannico Carbon Tracker in relazione a 40 paesi produttori di petrolio.


Tali ingenti perdite finanziarie, secondo gli analisti, sono molto probabilmente dovute a un forte calo della domanda di risorse energetiche dovuto alla "decarbonizzazione globale" del settore energetico, nonché alla lotta della comunità mondiale con un aumento del temperatura media del pianeta, che consentirà in 20 anni di limitare questo indicatore a 1,65 gradi Celsius. A causa del calo della domanda di petrolio, i suoi prezzi a quest'ora saranno inferiori a quanto previsto dagli economisti.

Una diminuzione del livello delle vendite di petrolio e una forte riduzione del costo degli idrocarburi, prima di tutto, incideranno negativamente l'economia paesi come l'Iraq e la Guinea equatoriale, che ricevono circa l'80 per cento del loro reddito dalla vendita di petrolio. Altri sette paesi, inclusa l'Arabia Saudita, dipendono per il 60% dalle esportazioni di energia. Entro il 2040, la Russia perderà circa il 47% dei suoi proventi petroliferi.

La via d'uscita dalla situazione potrebbe essere rappresentata dai cambiamenti strutturali nell'economia e dalla diversificazione delle entrate pubbliche, afferma il rapporto Carbon Tracker. Ciò richiede maggiori finanziamenti per l'istruzione e le industrie legate all'energia verde, oltre a migliorare il clima imprenditoriale e la qualità della governance.
  • Foto utilizzate: Snpz / wikipedia.org
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Online 123
    123 (123) 12 febbraio 2021 16: 18
    +2
    I paesi che ricevono la maggior parte del loro reddito dalla vendita di idrocarburi, in due decenni, potrebbero perdere circa 9 trilioni di dollari a causa della transizione del mondo verso l'energia "verde" e la conseguente diminuzione della domanda di petrolio e gas.

    Sarebbe più appropriato racchiudere la parola "pace" tra virgolette. Non tutto il mondo sta cercando di passare al "verde". Questa è un'Europa carente di energia, che ha perso la guerra del "petrolio e del gas", il paese della rivoluzione dello scisto, beh, e vicina a loro nello spirito, priva anche delle proprie risorse energetiche, piccoli trucioli con nostalgia delle Isole Curili , e altri. Questo non è il mondo intero.
    Piuttosto, un gruppo di paesi, chiamiamoli condizionatamente "miliardo d'oro", capisce che stanno iniziando a perdere e cambiare le regole del gioco.
    I paesi in via di sviluppo semplicemente non attingeranno energia verde per motivi finanziari e saranno esclusi dai loro beni imponendo dazi. Altrimenti, la stessa industria europea non è competitiva. In Germania, ad esempio, il terzo anno di produzione industriale è in calo, tutta l'agricoltura europea è sovvenzionata.
    L'energia verde è una nuova bandiera del XXI secolo, sotto la quale i concorrenti saranno schiacciati. I vecchi (diritti umani) sono stati logorati nelle battaglie passate.
    1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
      Alexndr P (Alexander) 12 febbraio 2021 17: 49
      0
      In Germania, ad esempio, per il terzo anno, la produzione industriale è in calo

      Questo è meraviglioso occhiolino
      L'industria russa è in crescita da 5 anni consecutivi

      L'energia verde è una nuova bandiera del XXI secolo, sotto la quale i concorrenti saranno schiacciati.

      beh, niente, per loro avremo l'idrogeno. E la nostra elettricità dalle centrali nucleari e dalle centrali idroelettriche si scioglie luminosa.

      Quindi la Russia è pronta in linea di principio
      1. 123 Online 123
        123 (123) 12 febbraio 2021 20: 57
        0
        beh, niente, per loro avremo l'idrogeno. E la nostra elettricità dalle centrali nucleari e dalle centrali idroelettriche si scioglie luminosa.

        Non tutto è così sereno, i cui concorrenti lo schiacceranno, prima di tutto noi e la Cina.
        L'egemonia degli Stati Uniti si basa sul petrodollaro; questo non è possibile senza il controllo del mercato petrolifero. Ai nostri giorni, gli Stati Uniti stanno perdendo la loro "quota di controllo", il commercio è ancora in dollari, ma controllano sempre meno la produzione. Russia, Iran, Venezuela e pochi altri paesi sono alle prese con la gola; in Africa, i cinesi controllano parzialmente la produzione. Ciò porterà inevitabilmente all'affollamento del dollaro. Per loro, questo è un crollo. Andranno fino all'ultimo. La situazione è simile per il gas, Iran e Russia sono leader in termini di riserve. In generale, la Russia è una superpotenza energetica e si sta preparando uno sciopero principalmente contro di noi.
        Per quanto riguarda l'energia stessa nel suo insieme. In Russia, è ben sviluppato, petrolio, gas, carbone, energia idroelettrica, centrali nucleari e tutto questo è elettricità a buon mercato, il che significa un vantaggio competitivo. Questo è ciò di cui stanno cercando di privarci. Ad esempio, lo stesso alluminio, stiamo cercando di venderlo in Europa o negli Stati Uniti e ci fermano Stop usi energia "sporca", quindi il dazio e ora una tonnellata di alluminio russo costa non 200 euro (ovviamente, ovviamente), ma 400. Adesso costa quanto l'alluminio europeo o americano o anche di più. Non diventiamo concorrenti e stiamo perdendo il mercato. quindi negano il nostro vantaggio. Per la Cina, questo generalmente equivale alla morte, non sopravviverà con le turbine eoliche. Cosa fare in questa situazione non è molto chiaro. Chiudere le centrali elettriche e costruire turbine eoliche è semplicemente stupido. Resta da sviluppare il commercio con i paesi che non sono membri del club dei "ricchi verdi". In generale, l'OMC e il mercato comune si stanno estinguendo, il mondo si avvia verso la frammentazione in zone economiche. Dobbiamo coltivarlo per noi stessi. CSI, Africa, America Latina, Sud-est asiatico, India, dobbiamo lottare per questa "compensazione". A parte la CSI, è piuttosto problematico difendere i propri interessi senza una potente flotta militare oceanica.

        Quindi la Russia è praticamente pronta

        Immagino non del tutto, c'è ancora molto da fare. Devi far crescere il tuo cluster. E l'integrazione non è ancora molto buona. Si ha la sensazione che lo stesso Lukashenka con la sua visione del mondo da fattoria non lo capisca. Ecco come si vede brevemente la situazione che cosa
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 12 febbraio 2021 22: 34
    -1
    Il destino dei paesi neo-coloniali è spesso triste ... O la gomma diventa inutile, ora fertilizzanti per uccelli, ora canna da zucchero ...

    E improvvisamente la Cina padroneggia la fusione fredda - in generale, verrà uno scriba ...
  3. Termit1309 Офлайн Termit1309
    Termit1309 (Alexander) 13 febbraio 2021 01: 06
    0
    Citazione: 123
    e ci danno - fermati, usi energia "sporca", quindi il dazio e ora una tonnellata di alluminio russo costa non 200 euro (a condizione, ovviamente), ma 400. Ora costa quanto l'alluminio europeo o americano, o ancora di più.

    Di conseguenza (convenzionalmente) il prezzo dei mulini a vento e di altra energia verde sta crescendo, il prezzo dell'alluminio europeo sta crescendo e così via in un cerchio. Chi è il primo ad essere spazzato via?
  4. oracul Офлайн oracul
    oracul (leonide) 13 febbraio 2021 07: 34
    0
    Un tempo, l'accademico Aleksandrov, valutando le prospettive di reazioni termonucleari controllate, disse che il successo arriverà quando le condizioni saranno mature e se ne presenterà la necessità. Lo sbalzo di energia sul principio della moda in una direzione o nell'altra è ridicolo. Petrolio e gas non sono solo energia, ma anche materie prime per organizzare la vita.