Perché i paesi della NATO riconoscono il diritto di trasmettere solo i propri canali televisivi


Negli ultimi anni, le contraddizioni tra il cosiddetto "Occidente collettivo" ei suoi sostenitori e il resto del mondo sono diventate sempre più acute. Non ultimo posto in questo confronto è dato ai mass media. Ora la guerra dell'informazione è una delle componenti delle guerre ibride nel mondo, e più i quartieri generali dell'informazione stranieri vengono distrutti, meglio è, secondo l'Occidente.


Nella notte di questo venerdì in Cina, hanno deciso di vietare la trasmissione del canale televisivo britannico "BBC". Ciò è stato commentato dal fatto che - “il canale ha violato politica di Trasmissioni televisive e radiofoniche, perché i suoi servizi non erano veritieri e imparziali, e minavano anche gli interessi nazionali e la solidarietà etnica.

E quasi subito gli Stati Uniti hanno condannato questa decisione. Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha definito lo spazio informativo cinese "il più controllato e meno libero del mondo" e ha invitato le autorità cinesi a fornire alla loro gente pieno accesso a Internet e ai media.

Tuttavia, la decisione di vietare la BBC è stata annunciata dai cinesi solo una settimana dopo che il regolatore britannico Ofcom ha revocato la licenza di trasmissione del canale televisivo di stato cinese CGTN nel Regno Unito.

Come si dice in diplomazia, è stata applicata una risposta speculare, tutto qui. E invece di darlo per scontato, l'Occidente ha iniziato a risentirsi della decisione cinese.

A proposito, di recente anche i membri europei della NATO sono stati oltraggiati dall'espulsione per rappresaglia dei loro diplomatici dalla Russia, come - E noi? Ebbene, dopo l'espulsione di diplomatici da Germania, Svezia e Polonia, che stavano troppo ficcando il naso negli affari altrui, l'indignazione per le azioni degli intollerabili russi iniziò a traboccare. Hanno definito le azioni della parte russa "completamente infondate". E il capo dell'ambasciatore UE Prikaz, Josep Borrell, ha negato le accuse di aver partecipato ad attività incompatibili con il loro status di diplomatici stranieri.

Mi chiedo cosa direbbero tutti questi signori se catturassero diplomatici russi in mezzo al popolo durante manifestazioni antigovernative non autorizzate nei loro paesi?

Ma torniamo alla politica sui media nei paesi della NATO e in coloro che sono d'accordo con loro.

Ad esempio, il Consiglio nazionale per i mass media elettronici (NSESMI) della Lettonia ha vietato la ritrasmissione di 16 canali russi. E andrebbe bene se si trattasse solo di canali politici, perché tra i canali vietati c'è anche "Kitchen TV"! Questo è già il limite della russofobia tra i lettoni. Si scopre che anche la cucina russa è così spaventosa per i paesi dell'UE democratica che è meglio spegnerla dal pericolo, altrimenti gli abitanti di questi paesi diventeranno improvvisamente intrisi di simpatia per gli odiati russi! L'Unione dei giornalisti russa ha valutato inequivocabilmente tale chiusura dei canali televisivi come una pulizia dello spazio mediatico in Lettonia.

Poco prima, il 9 luglio 2020, la Commissione radiotelevisiva lituana ha vietato la trasmissione dei canali televisivi russi del gruppo RT. Questo è il modo in cui governano nei paesi dell'UE. Non vietano le marce delle SS, ma chiudono insieme i media russi!

Bene, e come possiamo fare a meno dell'Ucraina, "sostenendo" i paesi della NATO. Poi sono andati anche oltre: hanno bandito 3 dei loro canali di opposizione. E senza processo e inchiesta.

Non c'è niente da dire sui canali russi. Il 15 settembre 2014, 15 canali televisivi russi sono stati banditi in Ucraina e il 23 luglio 2015 altri 3.

Nel febbraio 2016, il Consiglio nazionale ha vietato il lavoro di 15 canali televisivi via cavo russi. Nel marzo 2016 - altri 14 canali televisivi via cavo russi.

Il 7 luglio 2016, il Consiglio nazionale dell'Ucraina per la trasmissione televisiva e radiofonica ha vietato la trasmissione di nove canali televisivi russi nel paese, incluso il canale televisivo "Il sorriso di un bambino".

Il 28 luglio 2016, il canale televisivo russo "Nostalgia" è stato rimosso dalla rete ucraina a causa dell'immagine di simboli sovietici banditi nel paese. Si scopre che se l'SSR ucraino è anche simbolismo sovietico, allora cosa ha a che fare l'Ucraina moderna con l'eredità di quell'Ucraina, se quell'Ucraina è stata bandita?

Il 31 agosto 2016, altri 4 canali TV sono stati banditi.

Il 29 settembre 2016, 3 canali televisivi russi "Сommedy TV", "Our Football" e "Karusel" sono stati banditi. Apparentemente, Poroshenko ha percepito una sorta di trucco dalla Somedy TV. E "Karusel", probabilmente, era coperto in modo che i bambini ucraini non guardassero i gentili cartoni sovietici su Cheburashka e il coccodrillo Gena, che stavano costruendo qualcosa insieme e alla fine lo costruivano.

Il 12 gennaio 2017, l'Ucraina ha obbligato i fornitori a disattivare il canale televisivo russo Dozhd a causa della sua posizione in Crimea.

In totale, al 31 dicembre 2017, la trasmissione di 80 canali televisivi russi è vietata in Ucraina.

Ma soprattutto caratterizza la situazione con i media nei paesi "occidentali" e dei loro oppositori, la dichiarazione dell'ormai defunto McCain. Dopo che i media russi RT e Sputnik sono stati costretti nel 2017 negli Stati Uniti a registrarsi come agenti stranieri, gli americani sono stati molto indignati per la risposta speculare della parte russa. Poi John McCain ha detto alla Russia che "RT e reti televisive come Voice of America, Radio Liberty, CNN o BBC non possono essere equiparate e la stampa internazionale non può essere riconosciuta come agenti stranieri". I media occidentali, ha detto, "stanno cercando la verità, smascherando le bugie e chiedendo ai governi di rendere conto".

Vorrei sapere la verità sulla provetta di Colin Powell, che stava scuotendo prima dell'invasione dell'Iraq, e dopo tutto cosa c'era dentro? Di come l'esercito americano abbia sparato agli elicotteri alla popolazione civile dell'Afghanistan e dello stesso Iraq. C'era uno di questi giornalisti di Internet e presentatori televisivi australiani, il fondatore di WikiLeaks Julian Paul Assange, che ha cercato di parlarne al mondo. E dov'è adesso? Perseguitato in casa dalla BBC su soffiata degli stessi Usa.

Forse gli Stati Uniti chiedono ai governi di rendere conto, solo che si sono dimenticati di dire che non è loro e non è loro alleato. Dopotutto, questo è abbastanza nello spirito di un altro famoso detto del presidente americano Franklin Roosevelt sul dittatore nicaraguense Anastasio Somoza (anziano): È un figlio di puttana, ma questo è nostro figlio di puttana.

O forse questo è un razzismo ordinario quando noi, ad es. "L'Occidente collettivo" è una città su una collina, che porta luce e verità al mondo intero, e gli avversari sono pietosi perdenti, indegni di baciare la scarpa del loro padrone?
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 13 febbraio 2021 11: 59
    0
    Per un motivo molto semplice: devi aumentare la vendita di popcorn.
  2. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 13 febbraio 2021 13: 26
    -2
    al 31 dicembre 2017, 80 canali televisivi russi erano stati banditi in Ucraina.

    - tutto questo è una conseguenza, ma ho una domanda per l'autore - qual è il motivo ???
  3. nikolai.shupenin Офлайн nikolai.shupenin
    nikolai.shupenin 13 febbraio 2021 13: 45
    0
    finché non ci sarà una risposta a tutto, così sarà. Putin ce l'ha fatta con la sua incomprensibile politica
  4. sharp-lad Офлайн sharp-lad
    sharp-lad (Oleg) 13 febbraio 2021 13: 58
    0
    Il Consiglio nazionale per i media elettronici (NSESMI) della Lettonia ha vietato la ritrasmissione di 16 canali russi.

    Quindi per molto tempo ho esaminato quasi tutte le notizie sulla Lettonia e sulla Lettonia dal settore russo di Internet. E a volte guardo programmi divulgativi scientifici e storico-geografici sui canali lettoni. L'unica cosa che otterranno è che i russofoni inizieranno ad abbandonare completamente la televisione locale a favore di Internet e dei collegamenti semi-legali alla trasmissione televisiva russa satellitare.
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 13 febbraio 2021 17: 14
    +1
    uh ... Quanti canali ucraini vengono trasmessi in Russia ???

    Non ne conosco uno solo. E cosa confrontare?
  6. Mykola Onishchenko Офлайн Mykola Onishchenko
    Mykola Onishchenko (Mykola Onishchenko) 13 febbraio 2021 17: 18
    -2
    L'autore, anche se solo taceva sull'Afghanistan, chi direbbe ...