Russia - Giappone: come è iniziata una guerra dei cent'anni


9 febbraio 1904 - la data dell'inizio della guerra russo-giapponese. Perché è importante per noi oggi, più di un secolo dopo? Innanzitutto perché quel giorno ha segnato l'inizio non di un conflitto armato, ma di tutta una serie di guerre, l'ultima delle quali, come tutti sanno, non è ancora stata ufficialmente conclusa. Sì, sì - le controversie sulle Isole Curili, le infinite iniziative del Paese del Sol Levante ei problemi che ne derivano - tutto questo ha origine in quel giorno di febbraio, lontano da noi.


Inoltre, le vicende di cui parleremo più avanti si sono concluse con una sconfitta per il nostro Paese, che non è tanto una sconfitta strategico-militare difficile quanto una delle più vergognose di tutta la sua storia. Dobbiamo ricordare anche questo, per non ripetere gli errori dei nostri antenati.

"Piccola guerra vittoriosa ..."


Sì, sì - queste parole, che molto tempo fa si sono trasformate in una delle citazioni più comuni e logore del loro autore, l'allora ministro degli Interni russo Vyacheslav von Plehve attribuì proprio allo scontro con il Giappone, a cui le autorità del L'Impero russo stava correndo a vele spiegate, chiaramente non rendendosi conto, con chi e con cosa avranno a che fare nella realtà. Tuttavia, non anticipiamo noi stessi e iniziamo, come previsto, dall'inizio. Bisogna ammettere che il confronto tra San Pietroburgo e Tokyo è stato predeterminato, per così dire, dal corso naturale delle cose. I due imperi, con davanti l'Estremo Oriente con le sue enormi ricchezze e opportunità, nella realtà di inizio Novecento non potevano passare. Dopo la cosiddetta "Restaurazione Meiji", infatti, terminata la frammentazione feudale del Paese, il Giappone, nel senso più letterale del termine, è precipitato dal Medioevo ai giorni nostri, vivendo un periodo di ascesa senza precedenti. Dopo aver effettuato la modernizzazione dell'industria a casa, la creazione di un esercito moderno e il suo riarmo, l'ex samurai iniziò a guardarsi intorno con cattivo interesse, chiedendosi cosa prendere per primo. A Tokyo si credeva giustamente che un impero che non guida l'espansione esterna non fosse affatto un impero, ma una sorta di malinteso geopolitico.

La Corea è stata la prima a presentarsi ai giapponesi. Bene, e allo stesso tempo - anche la Cina ... Tuttavia, la Russia ha avuto le proprie opinioni per molto tempo e fermamente in queste regioni. Inizialmente, è stata fortunata che Parigi e Berlino non volessero un aumento eccessivamente drammatico a Tokyo. Il cosiddetto "triplo intervento", infatti, limitato solo all'avanzamento di un formidabile ultimatum, ha costretto i giapponesi a rallentare per un po '. Cercare di resistere alle forze unite di Russia, Germania e Francia sarebbe per loro un puro suicidio.

Tuttavia, il conflitto con il Giappone era solo una questione di tempo per il nostro paese. Era possibile non combattere? Ebbene, in linea di principio, sì ... Solo per questo la Russia dovrebbe ritirarsi completamente dalla regione asiatica. E lì, vedete, e parte dai propri territori in Estremo Oriente (come hanno dimostrato gli eventi successivi, gli appetiti di Tokyo avevano esattamente tali volumi). Con quale gioia abbiamo dovuto dare in aggiunta ai samurai Port Arthur, Sakhalin, le stesse Isole Curili e persino la ferrovia sino-orientale? Tuttavia, continuando ad avanzare verso est, le autorità russe (e in quel momento erano specificamente l'imperatore Nicola II Romanov e il suo gabinetto) dovevano prepararsi intensamente, ostinatamente, intenzionalmente per la guerra. E per farlo, se possibile, al ritmo più veloce, e non aspettare il tempo in riva al mare, senza fare nulla di concreto, come è successo nella realtà. I giapponesi si stavano preparando con forza e principale - dopo lo schiaffo in faccia da tedeschi e francesi, che, a loro avviso, sostenevano i russi nel momento sbagliato, il samurai fece nuovi meravigliosi amici, che sognavano solo come rovinare il nostro paese, ma più seriamente.

Si tratta, ovviamente, degli inglesi. L'intero "colore" della marina giapponese, in particolare le 12 corazzate che affondarono in modo così audace le nostre navi sotto lo stesso Tsushima, furono costruite da loro. Inoltre, è stata conclusa un'alleanza militare molto specifica tra Tokyo e Londra. In caso di interferenza nel conflitto tra il Giappone e un paese terzo di qualsiasi altra potenza, Londra entrò in causa. Successivamente, questo ha portato al fatto che lo spaventato francese, che aveva un accordo simile con il nostro paese, non ha alzato un dito per aiutarlo quando le pistole hanno iniziato a parlare in Estremo Oriente.

"Il sovrano si degnerà di pensare ..."


Persone di buon senso in Russia, professionisti degli affari militari e della diplomazia, due decenni prima dell'inizio del sogno "poco vittorioso" di alcuni a San Pietroburgo, hanno perfettamente capito in cosa si sarebbe concluso. Il capo di stato maggiore russo, l'aiutante generale Nikolai Obruchev nel 1895 cercò di trasmettere a Sua Maestà l'idea che la guerra, che si svolse "decine di migliaia di miglia", attraverso la quale letteralmente ogni cartuccia avrebbe dovuto essere consegnata al suo teatro, e il nemico in cui sarebbe "un paese culturale e industrializzato" non finirà bene per la Russia. Il ministro delle finanze russo Sergei Witte era della stessa opinione, credendo che provocare a Tokyo un conflitto aperto fosse il massimo dell'incoscienza. Tuttavia, chi li ascolterebbe ?! Il sovrano Nikolai Alexandrovich e le "persone intelligenti" intorno a lui consideravano i "macachi dalla faccia gialla" giapponesi, che non dovrebbero essere presi in considerazione affatto.

La cosa più interessante è che il destino una volta aveva già mandato un avvertimento all'imperatore: nel 1891, mentre era ancora nello stato di erede al trono russo, fu quasi ucciso da uno degli agenti di polizia locale che si rivelò essere un samurai. Il motivo del tentativo di assassinio era, come disse lo stesso aggressore, Tsuda Sanzo, "la mancanza di rispetto mostrata dagli ospiti stranieri (oltre a Nicholas, anche il principe greco George era presente lì) all'imperatore del Giappone e ai suoi santuari nazionali. " Il fatto che Nikolai, essendo entrato in un tempio shintoista, abbia iniziato a battere le campane con un bastone è molto probabilmente una totale assurdità (dopotutto, non era un selvaggio). Tuttavia, il fatto che sia lui che il suo compagno greco siano entrati nel santuario senza togliersi le scarpe è registrato nella storia. E questo è un insulto più pulito per i giapponesi che per i nostri credenti: un uomo che è inciampato nella Chiesa ortodossa con un cappello e una sigaretta in bocca.

In una parola, la lezione che il disprezzo per il Giappone e la sua gente può costare molto, Nikolai non è andato per il futuro. Alla fine, nel suo entourage, un gruppo di persone ha prevalso, credendo che se fosse successo qualcosa, avremmo inondato i "macachi" di cappelli. E non oseranno ... Il primo violino di questo folle ensemble è stato suonato da Alexander Bezobrazov, un membro del comitato speciale per gli affari dell'Estremo Oriente. È stato attraverso i suoi sforzi, contrariamente alle obiezioni del ministro delle Finanze, dei capi dei dipartimenti militari e diplomatici, che la Russia ha fermato il ritiro delle sue truppe dalla Manciuria, contrariamente all'accordo che aveva firmato in precedenza con la Cina. Inoltre, furono avviati l'introduzione di contingenti militari aggiuntivi e i preparativi per la costruzione di strutture difensive. È chiaro che questo ha colpito i giapponesi come il famigerato straccio rosso su un toro ...

Per dire che la guerra è stata causata esclusivamente da "aggressivo politica e le aspirazioni imperiali di Tokyo ”sarebbero almeno errate. La Russia iniziò il trasferimento delle unità dell'esercito in Estremo Oriente, vi creò un proprio governatorato e il governatorato generale dell'Amur nel 1903. Quindi il samurai aveva ragioni molto reali per essere nervoso. Il problema, tuttavia, era che, pur perseguendo una simile politica, nessuno pensava di prepararsi per vere operazioni militari a San Pietroburgo! Sì, la Ferrovia Transiberiana è stata costruita appositamente per affrontare le sfide della logistica strategica militare. È stato costruito per costruirlo, ma come al solito con noi, con un "piccolo" difetto - senza un sito intorno al lago Baikal. Alla fine, quel carico, quella gente dall'altra parte del lago doveva essere trasportata con i traghetti. Questo, ovviamente, riduceva a volte il rendimento dell'autostrada e la velocità di movimento lungo di essa. Tuttavia, i problemi erano lungi dall'essere limitati a scarsi collegamenti di trasporto.

"Nessuno vuole pietà ..."


Lo Stato Maggiore dell'Esercito Russo, i cui servizi segreti operavano coscienziosamente, tutto nello stesso 1903, quando il "popolo brutto", con l'approvazione di Nicola, cominciò a mordere il morso per "scuotere" la situazione in Manciuria, riferì cose estremamente inquietanti all'imperatore. Secondo i suoi calcoli, si è scoperto che il Giappone era già completamente pronto per la guerra: l'esercito è stato riarmato e mobilitato, la flotta è stata rifornita con nuove navi da guerra ed era anche desiderosa di combattere. I predecessori di Richard Sorge dei tempi zaristi riuscirono persino a prevedere con la massima precisione la data di inizio delle ostilità. E che dire di Sua Maestà Imperiale? Ebbene, sì - il più alto comandato di prepararsi ... Per quanto si sa, i piani sono stati elaborati, e non in una versione. E i marinai provarono, e la "terra", gli ufficiali di stato maggiore ei generali di campo. Tuttavia, nessuno di questi piani estremamente dettagliati è mai stato implementato. Sì, stavano facendo qualcosa, sbuffando, agitandosi, ma stonato, fuori posto, ognuno a modo suo.

Alla fine, si è scoperto che entro il 9 febbraio la situazione non rientrava nemmeno nel sacramentale "era liscia sulla carta, ma si sono dimenticati dei burroni". Niente era chiaramente delineato neanche sulla carta. Riguardo allo stupido comando, le navi, come si è scoperto, non erano adatte alle corazzate britanniche sotto bandiera giapponese, ai proiettili dai quali esplodevano durante lo stesso Tsushima, Dio non voglia, ogni terzo, e non c'è niente da dire. Tutto ciò, nonostante l'eroismo e il coraggio senza pari dei soldati russi, finì naturalmente con una sconfitta. È tanto più vergognoso che la Russia abbia perso questa guerra a un paese tre volte inferiore in termini di popolazione, molte volte indietro in termini di dimensioni dell'esercito, potenziale economico e di risorse. Tuttavia, con la dimensione delle forze armate in più di un milione di "baionette" in tempo di pace e quattro volte di più, tenendo conto dei riservisti, in Estremo Oriente, all'inizio della guerra, la Russia aveva effettivamente un contingente di cento e cinquantamila persone, al massimo. Allo stesso tempo, quasi la metà del personale era coinvolta nella protezione delle frontiere.

Il trasferimento di rinforzi, così come il rifornimento dell'esercito attivo, dovette affrontare problemi colossali in connessione con le ragioni che ho esposto un po 'sopra. Il trasferimento di navi in ​​Estremo Oriente dalla flotta baltica - in tutta Europa e Africa, inoltre, è meglio non ricordare - è un argomento a parte, e molto doloroso ... Non sorprende che il La rivolta patriottica che per prima aveva inghiottito la Russia si placò rapidamente e fu sostituita da incomprensioni e rabbia, che portarono alla prima rivoluzione russa del 1905. Quello che Plehve pensava di "contenere", assecondando Bezobrazov e la compagnia ... In generale, economico e le perdite umane del Giappone come risultato di questa guerra hanno superato le nostre, e in modo abbastanza significativo. Tuttavia, su scala globale, sia militare-strategica che geopolitica, la Russia ha subito una sconfitta incomparabilmente maggiore. E uno dei problemi più grandi del nostro paese per molti decenni è stato il samurai, che aveva martellato nelle loro teste che i russi potevano essere picchiati, e da quel momento hanno solo aspettato fino a quando sarebbe stato possibile tagliare la terra fino a gli Urali. Sono stati fatti tentativi sia in Civic che successivamente.

La stoltezza degli invidiosi imperialisti giapponesi fu cacciata dal compagno Stalin, i cui generali li schiaffeggiarono così sensibilmente sul berretto a Khasan e su Khalkhin Gol che più tardi questi "conquistatori" durante la Grande Guerra Patriottica sedettero in silenzio come topi. Non era Nikolai per te - il maresciallo Blucher, che ha rovinato la difesa dell'Estremo Oriente, è stato colpito senza alcuno sconto per i precedenti meriti militari e ha iniziato a rafforzare questa linea in modo che i giapponesi avessero paura anche di attaccare la testa - finché non siamo arrivati ​​noi stessi a loro nel 1945. E non c'è altro modo con loro, altrimenti qualcuno, Dio non voglia, dovrà ripetere di nuovo l'impresa di "Varyag".

A giudicare da come i confini della nostra Patria in Estremo Oriente si stanno rafforzando e rafforzando oggi, sia il Cremlino che il dipartimento di Shoigu ne sono ben consapevoli. Molto corretto - dopo tutto, sulla base delle incessanti rivendicazioni sulle Isole Curili, alcuni a Tokyo vivono ancora con ricordi nostalgici di quella vecchia guerra iniziata il 9 febbraio 1904.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 13 febbraio 2021 10: 30
    0
    Il piccolo ma bellicoso giapponese si è improvvisamente reso conto che l'Inghilterra è una buona amica, non gettare la guerra nel frullatore, dare soldi, dire ai media che la colpa è sempre della Russia, il rublo d'oro è cattivo, la sterlina è buona. Solo loro non sapevano che in Russia solo il dolore si misura in libbre. Quindi quanto costa una libbra oggi?
    1. Vladest Офлайн Vladest
      Vladest (Vladimir) 14 febbraio 2021 12: 43
      -4
      Citazione: Dmitry S.
      Piccolo ma bellicoso giapponese

      Ci sono voluti 30 anni piccoli giapponesi nel 19 ° secolo per uscire dal Medioevo nel capitalismo e sconfiggere la Repubblica di Inguscezia durante la guerra.
      I giapponesi erano pronti a combattere fino alla vittoria e la rivoluzione iniziò in Inguscezia.
      I giapponesi si sono resi conto che combattere è male e si sono presi cura di se stessi, e di conseguenza sono più ricchi e più sviluppati della Russia di Putin.
      E la Russia non ha avuto abbastanza 30 anni per diventare un paese avanzato nel 21 ° secolo. FRENO.
  2. alex5450 Офлайн alex5450
    alex5450 (Alessandro L) 13 febbraio 2021 19: 03
    -2
    Siamo stati fortunati che i giapponesi non abbiano scelto noi e la Cina come loro obiettivo durante la seconda guerra mondiale, ma una corsa globale nel Pacifico.
  3. lavoratore dell'acciaio 13 febbraio 2021 21: 41
    +1
    I navigatori russi capitano Spanberg e il tenente Walton nel 1739 furono i primi europei ad aprire la strada alle coste orientali del Giappone. La spedizione ha scoperto che solo un'isola di Hokkaido è sotto il dominio del khan [imperatore?] Giapponese, il resto delle isole non sono sotto il suo controllo. Presto la popolazione locale (Ainu) delle isole di Urup e Iturup fu portata alla cittadinanza russa. Il mercante D. Shebalin è stato incaricato dall'ufficio portuale di Okhotsk di "convertire gli abitanti delle isole meridionali in cittadinanza russa e iniziare a contrattare con loro". Per ordine di Caterina II nel 1779, tutti i prelievi non stabiliti dai decreti di San Pietroburgo furono annullati. Pertanto, il fatto della scoperta e dello sviluppo delle Isole Curili da parte dei russi è innegabile.

    http://www.spsl.nsc.ru/history/descr/kuril.htm
    Questa è la terra russa! Stalin ha corretto tutti gli errori dei precedenti governanti. E il nostro compito è preservare le terre sature di sangue russo!