Sull'orlo della collisione: la guerra tra Stati Uniti e Cina sta diventando inevitabile?


È molto probabile che tutte le speranze di una riduzione delle tensioni tra Washington e Pechino in relazione al cambio del proprietario della Casa Bianca si siano rivelate vane. Inoltre, il "centro di gravità" del conflitto tra le due potenze mondiali si sta spostando sempre più in una direzione molto pericolosa - da economico concorrenza al confronto geopolitico, che potrebbe benissimo sfociare in un conflitto armato.


Di recente, abbiamo visto segni più che sufficienti di una tale trasformazione. Una guerra tra questi stati, che hanno eserciti e marine potenti e, inoltre, possiedono arsenali nucleari, fino a poco tempo fa sembrava del tutto impossibile, ma ora qualcuno ne parla come inevitabile. È così, e come può un tale sviluppo di eventi influire sul nostro Paese? Proviamo a capirlo.

Scambio di "convenevoli" sull'orlo della collisione


Prima di tutto, qui vale la pena menzionare le parole dello stesso Biden, che non molto tempo fa affermò in modo abbastanza inequivocabile che, con la sua sottomissione, il Pentagono avrebbe "rivisto la sua strategia" in relazione al Celeste Impero, e questo sarà fatto "in un futuro molto prossimo". In quale direzione verrà effettuata la regolazione? Washington intende davvero abbandonare le critiche indiscriminate alla Cina, i continui tentativi di interferire nei suoi affari interni, o almeno da iniziative provocatorie vicino ai confini di questo Paese? Non vale la pena contare su questo. Piuttosto, possiamo parlare di un ulteriore rafforzamento della posizione degli Stati Uniti e di "aumentare il grado" di confronto. Questa versione è supportata dal riconoscimento del capo del dipartimento militare americano Lloyd Austin, il quale sostiene che la "rotta prioritaria di opporsi a Pechino", intrapresa, tra l'altro, dal suo dipartimento durante la presidenza di Donald Trump, non subirà alcuna cambiamenti in futuro.

Inoltre, secondo le informazioni disponibili, è stata ora creata al Pentagono una task force di analisti militari e rappresentanti del comando dell'esercito, che dovrà elaborare e presentare adeguate raccomandazioni strategiche alla leadership del Paese nei prossimi quattro mesi. Che tipo di strategia potrebbe essere questa può essere dedotto dalle recenti azioni americane. In particolare, esercitazioni su larga scala, condotte in modo dimostrativo dai gruppi d'attacco delle portaerei della US Navy come parte delle portaerei USS Theodore Roosevelt (CVN-71) e USS Nimitz (CVN-68), così come gli incrociatori missilistici e cacciatorpediniere che li accompagnano nel Mar Cinese Meridionale il 9 febbraio di quest'anno ... Il contrammiraglio Doug Verissimo, comandante del 12 agosto, ha detto che le manovre sono state "una dimostrazione del sostegno degli Stati Uniti per un Indo-Pacifico libero e aperto".

Tuttavia, a Pechino, dove il 90% del Mar Cinese Meridionale è considerato le sue acque interne, questi "sforzi per garantire la libertà di navigazione" sono stati percepiti in modo completamente diverso e hanno reagito molto duramente. Il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha detto in un briefing speciale senza mezzi termini: "Sarà molto meglio per la pace e la stabilità in questa regione se gli Stati Uniti smetteranno di mostrare i muscoli lì, inviando navi da guerra e aerei fuori dalle proprie coste". Ebbene, per essere assolutamente chiaro, la Cina ha aggiunto le azioni dei militari alle parole del dipartimento diplomatico. Mentre il gruppo di portaerei americano guidato dalla USS Theodore Roosevelt, che sembra essere l'incarnazione del potere indistruttibile e della forza innegabile, entrava nelle acque del Mar Cinese Meridionale, il PLA vi inviò un "gruppo di accoglienti" molto rappresentativo, composto da 8 H -Bombardieri 6K, 4 caccia J -16 e un velivolo antisommergibile Y-8. Significativamente, il gruppo dell'aviazione dei compagni cinesi ha attraversato con calma la zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan, dimostrando ancora una volta che considera questo stato non riconosciuto e la sua "difesa" una finzione dell'acqua più pura, con cui Pechino non intende fare i conti.

Dobbiamo rendere omaggio ai compagni cinesi: i piloti hanno agito con estrema attenzione e professionalità, i loro veicoli non si sono mai avvicinati alle navi americane entro il raggio dei missili anti-nave YJ-12, che sono l'arma principale H-6K in questi casi. Tuttavia, le portaerei consideravano le loro manovre "un'imitazione di un attacco" (e molto probabilmente avevano ragione). Il portavoce del Comando indo-pacifico degli Stati Uniti, il capitano Mike Kafka, ha detto che i voli dell'Air Force del PLA erano "aggressivi e destabilizzanti". Ti spaventano, sai ...

La "NATO asiatica" creerà un'alleanza militare tra Pechino e Mosca?


Tuttavia, lo stesso oratore ha concluso il suo discorso con una promessa molto inequivocabile: "Gli Stati Uniti agiranno laddove il diritto internazionale gli consente, comprese la vela e il volo, per dimostrare determinazione e la propria presenza operativa in tutto l'Indo-Pacifico" ... Ebbene, d'ora in poi, i piloti ei marinai militari americani potranno con buona ragione esibirsi sulle note della famosa canzone sovietica: "Siamo nati per far diventare realtà Kafka ..." Ma la realtà può finire per essere piuttosto brutta. Oltre al Mar Cinese Meridionale, sulla "spedizione gratuita" (e parlando francamente, sul proprio dominio militare) in cui Washington è così preoccupata, c'è un altro "argomento di contesa" tra Pechino e Taiwan. La stragrande maggioranza degli analisti militari concorda sul fatto che è a causa di quest'isola, che fino ad oggi rimane nello stato di uno stato non riconosciuto o semi-riconosciuto e periodicamente cerca di proclamarsi "vera Cina", un tale pasticcio può essere preparato in la regione che le sue conseguenze dovranno "sbrogliare" il mondo intero.

Considerando quanto sia cambiata recentemente la retorica ufficiale di Pechino su questo tema, c'è una forte sensazione che la pazienza dei compagni cinesi dalla terraferma stia finendo. Qualche altro "separatista", ostinatamente riluttante ad accettare la riunificazione, anche secondo la formula adatta a Hong Kong: "un paese - due sistemi", smetterà di persuadere e sarà semplicemente costretto a "tornare all'ovile" con la forza militare. Allo stesso tempo, secondo gli esperti, se una dozzina o due anni fa una simile scappatella fosse costata molto alla Cina, e anzi sarebbe potuta finire in un fiasco, ora Taiwan non ha possibilità di successo.

L'esercito locale, abituato a esistere "all'ombra" degli alleati Usa, non solo è pigro, ma in un modo molto reale si è decomposto. Cose del genere accadono spesso a quelle forze armate degli "stati" - quelle minuscole, la cui dottrina militare rientra nella frase: "Resisti finché gli americani non arrivano in tempo". Quindi - in questo caso, gli esperti militari credono che non arriveranno in tempo ... Ci vogliono da tre giorni a due settimane al massimo per prendere Taiwan sotto il pieno controllo. Questo è ben noto su entrambe le sponde dell'oceano e se in Cina tali calcoli servono solo come base per rafforzare il combattimento e politico formazione, gli Stati Uniti destano una seria preoccupazione. Il paese ha esperienza nel condurre ostilità nell'Oceano Pacifico, e per non dire che ha avuto troppo successo - o contro il Giappone, o in Corea o in Vietnam.

In ogni caso, una tale collisione promette pesanti perdite umane e materiali. È sulla base di una comprensione di questi momenti che gli Stati Uniti hanno cercato per molto tempo di mettere insieme un'alleanza politico-militare nella regione indo-pacifica, che molti chiamano la "NATO asiatica" in anticipo, sebbene finora ha un nome ingannevolmente pacifico: "Dialogo sulla sicurezza quadripartito" (QUAD). Oltre agli stessi Stati Uniti, si prevede di coinvolgere nell'alleanza il Giappone, l'Australia e, soprattutto, l'India, che ha gravi differenze geopolitiche con Pechino. È noto per certo che il nuovo capo della Casa Bianca ha già discusso con il premier giapponese Yoshihide Suga e il premier indiano Narendra Modi un possibile incontro dei leader di questi paesi a Tokyo. Per quanto è noto, l'idea è stata accolta abbastanza favorevolmente. Nel Celeste Impero, si deve presumere, tali iniziative non suscitano il minimo entusiasmo.

Forse questo costringerà la Cina, alla vigilia della proroga del Trattato di amicizia e di buon vicinato, oggi in vigore tra essa e il nostro Paese, a pensare a cambiare seriamente il documento sotto l'aspetto del partenariato militare-strategico? In effetti, infatti, Pechino non ha nessun altro con cui concludere un'alleanza difensiva. A sua volta, ciò non sarà superfluo nemmeno per la Russia, sia alla luce del costante deterioramento delle relazioni con gli Stati Uniti, sia sulla base delle incessanti rivendicazioni territoriali del Giappone, che, come è stato affermato ancora una volta al Cremlino il giorno prima, no uno sta per soddisfare. Naturalmente, unirsi a una "confraternita in armi" con uno Stato che è il più probabile nemico degli Stati Uniti è un'attività piuttosto rischiosa. Tuttavia, forse non nel nostro caso, poiché la Russia ha esattamente lo stesso status per Washington. Forse un'affermazione ferma e inequivocabile che in caso di un confronto armato aperto, i soldati americani dovranno fare i conti con la potenza di difesa combinata dei nostri due paesi raffredderà seriamente le famigerate "teste calde" d'oltremare.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno dimostrato il loro incrollabile impegno per le stesse tattiche di ricatto e intimidazione, che sarebbe giunto il momento per loro di abbandonare. Il nuovo capo del Dipartimento di Stato, Anthony Blinken, durante la primissima conversazione telefonica con Yang Jiechi, membro del Politburo del Comitato Centrale del PCC, non solo si è congratulato con il suo interlocutore per il prossimo anno nuovo secondo il calendario del Celeste Impero, ma gli ha anche promesso molte delle cose più spiacevoli nella stessa conversazione. In particolare, "ritenere la Cina responsabile delle azioni che minacciano la pace e la stabilità nella regione indo-pacifica". E anche - per punire i "tentativi di minare l'ordine internazionale basato su regole". Questo, ovviamente, riguarda le "regole" che gli americani escogitano e stabiliscono per il mondo intero. Da tali "congratulazioni" alla dichiarazione di guerra - la distanza è inferiore a un passo. Se gli Stati Uniti intendono fare questo passo diventerà chiaro nel prossimo futuro.
21 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 15 febbraio 2021 11: 14
    -6
    Sull'orlo della collisione: la guerra tra Stati Uniti e Cina sta diventando inevitabile?

    - Sì, che tipo di guerra c'è ... - La Cina è codarda ... come una lepre ... - e solo questo può umiliare la Russia ... - Ebbene, cosa puoi fare tu; se la stessa Russia glielo permette ...
    - Per quanto riguarda la guerra con gli Stati Uniti; allora la Cina non oserà mai farlo (anche se la Russia lo sostiene in tutto) ... - Oh, e se improvvisamente la Russia esprimesse pubblicamente qualcosa contro il suo sostegno alla Cina; poi la Cina fa ... - si sgonfierà all'istante come un pallone finto ... - e correrà a cercare vie di riconciliazione con gli americani ...
    - La Cina è "coraggiosa" solo contro la compiacente Russia ...
    1. Rum Rum Офлайн Rum Rum
      Rum Rum (Rum Rum) 15 febbraio 2021 16: 55
      +3
      Irina. Bene, ammetti già di essere bionda.

      L'autore, ovviamente, affretta le cose, ma S-S-P non può esistere senza il completo dominio del mondo, e qui sorgono contraddizioni inconciliabili con la Cina. La Cina ha bisogno di svilupparsi ulteriormente, il che significa spostare S-Sh-P dal piedistallo, che è come la morte per S-Sh-P. Ci sarà una guerra non appena la Cina si preparerà a ritirarsi su altri mercati (è, dopotutto, una potenza commerciale), ma S-S-P potrebbe non dare questa volta.
      1. Lucifero67S Офлайн Lucifero67S
        Lucifero67S (Viktor Schmidt) 15 febbraio 2021 19: 02
        0
        Irina ne prosto blondinka, ona super blondinka, takie gluposti ja davno nechital-Irina 300% super blondinka
    2. Forrest Gump Офлайн Forrest Gump
      Forrest Gump (Forrest Gump) 15 febbraio 2021 20: 53
      +2
      La Cina è un paese antico con migliaia di anni di immensa esperienza militare. Tali osservazioni irrispettose sulla Cina non dimostrano nemmeno una cattiva educazione e educazione da parte tua, ma piuttosto una completa assenza di entrambe ...
      1. Rum Rum Офлайн Rum Rum
        Rum Rum (Rum Rum) 27 può 2021 16: 29
        0
        Военный опыт есть. Но опыт побед?
        К тому же Китай на протяжении этих тысячелетий не всегда был единым.
        В прочем как и Германия.
  2. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 15 febbraio 2021 11: 31
    -2
    Le inevitabili guerre tra Israele e Iran, India e Cina, Cina e Taiwan sono già cessate, è tempo di fare inevitabilmente la guerra tra Cina e Stati Uniti. Non un giorno senza guerre inevitabili!
    1. Rum Rum Офлайн Rum Rum
      Rum Rum (Rum Rum) 27 può 2021 16: 26
      0
      Сегодня можно вспомнить об этом Вашем утверждении.
      Особенно про Израиль (он опять толкается с Палестиной (не надо говорить, что Иран не причем))
  3. lavoratore dell'acciaio 15 febbraio 2021 12: 26
    +3
    un paese - due sistemi

    Se solo l'Ucraina lo offrisse al Donbass.

    Gli Stati Uniti intendono fare questo passo,

    Sappiamo dalla storia pratica che gli Stati Uniti fanno questo passo quando la loro superiorità è 100 volte. E così, la provocazione è il loro punto di forza. Gli Stati Uniti non hanno risposto all'Iran, ma tu vuoi iniziare a combattere con la Cina. Gli Stati Uniti sono contenti di tutto adesso, ma nessun conflitto militare con la Cina.
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 15 febbraio 2021 14: 22
    +4
    Gli Stati Uniti non combattono guerre senza formare una coalizione internazionale. Questo è stato il caso di Suez, Vietnam, Afghanistan, Siria e ancor di più nel caso di una guerra con la Corea del Nord, Iran, Russia, Cina.
    I funzionari statunitensi hanno dichiarato che la RPC e la Federazione russa sono nemici geostrategici, ma è scomodo anche per loro combattere su due fronti.
    Pertanto, stanno cercando di spostare l'onere principale della lotta contro la Federazione Russa sull'UE e sulla NATO, e loro stessi stanno cercando di concentrarsi sul confronto con la RPC, per la quale, prima di tutto, stanno cercando di formare un associazione politico-militare Quad - un analogo della NATO, come parte di Stati Uniti, Giappone, Australia, Nord Zelanda, forse India, altri stati e persino Taiwan.
    Questi tentativi degli Stati Uniti si scontrano con il Comprehensive Progressive Agreement on the Trans-Pacific Partnership, RCEP (Comprehensive Regional Economic Partnership), accordi di libero scambio e accordi bilaterali, e quindi non ci sono così tanti che vogliono sfruttare le avventure militari statunitensi , la maggior parte preferisce commerciare con la RPC piuttosto che combattere.
    Pertanto, la nuova amministrazione ha posto fine alla politica di Donald Trump nell'APR e, per cominciare, è tornata all'accordo sul partenariato trans-pacifico per livellare in qualche modo l'attrattiva politica ed economica della RPC. Ciò faciliterebbe anche la formazione della coalizione anti-RPC e, in caso di successo, la metterebbe in completa dipendenza dagli Stati Uniti, il che contribuirebbe notevolmente al ripristino dell'egemonia statunitense non solo nella regione, ma in tutto il mondo.
    Allo stesso tempo, tengono conto della prospettiva della formazione di un esercito europeo e di un complesso militare-industriale europeo, che inevitabilmente ridurrà l'acquisto di armi statunitensi, colpirà l'economia statunitense, aumenterà la concorrenza e ridurrà la dipendenza dell'UE dal NOI. Pertanto, anche se vincono in uno, possono perdere molto in un altro.
    La probabilità di perdite inaccettabili nel caso in cui gli Stati Uniti inizino una guerra con la RPC e la Federazione Russa la escluda completamente, limitandosi a sciabole e provocazioni. L'algoritmo di lotta è stato a lungo elaborato dagli Stati Uniti e consiste nel minare l'economia e destabilizzare la situazione interna. La punta di diamante della lotta contro la Repubblica Popolare Cinese è volta a screditare il Partito Comunista e nella Federazione Russa - a incitare contraddizioni tra vari gruppi di grandi imprese e personalmente a VV Putin, che, con sforzi incredibili, è riuscito a mettere le grandi imprese sotto lo stato controllo e lo ha reso al servizio degli interessi dello stato. C'è dunque la speranza che dopo la partenza di Vladimir Putin, con il sostegno dell'Occidente, le contraddizioni tra il grande capitale si intensificheranno inevitabilmente e lo Stato, per la gioia dei “democratici”, crollerà come l'URSS e la Jugoslavia.
    1. Alexzn Офлайн Alexzn
      Alexzn (Alexander) 15 febbraio 2021 15: 49
      -1
      Vorrei avere tue notizie sulla guerra di Suez.
    2. gorenina91 Online gorenina91
      gorenina91 (Irina) 15 febbraio 2021 17: 21
      +1
      L'algoritmo di lotta è stato a lungo elaborato dagli Stati Uniti e consiste nel minare l'economia e destabilizzare la situazione interna. La punta di diamante della lotta contro la Repubblica Popolare Cinese è volta a screditare il Partito Comunista,

      - Non funzionerà per gli americani. !!! - "Hanno perso la loro destrezza" e "hanno perso il loro profumo" e ... - Non hanno nemmeno avuto successo con il Venezuela (che è letteralmente sotto il loro naso) ... - Perché parlare della Cina ... - Sì, e come molto posso già ripetere ... - finché la Cina ha una Russia devota e disponibile ... - fino ad allora, la Cina è semplicemente invulnerabile agli americani ...

      e nella Federazione Russa - per incitare contraddizioni tra vari gruppi di grandi imprese e personalmente a V.V. Putin

      - No ... i nostri stupidi oligarchi hanno già capito; che Putin deve essere sostenuto con tutti i mezzi ... - I nostri oligarchi non molto avanzati e piuttosto primitivi lo capivano ancora; cosa ... cosa ... che "la barca non deve essere scossa" ... - Altrimenti, potrebbe iniziare in Russia ... - tutto inizierà a svilupparsi secondo lo "scenario ucraino" ... il fatto che "le coste devono comunque essere viste" ... - E i nostri oligarchi non "oltrepasseranno mai il limite" ora ... - non importa quanto "grosso" l'Occidente potrebbe suggerirgli ... - "dalla parte di Putin". ..
    3. lavoratore dell'acciaio 15 febbraio 2021 19: 09
      -2
      Argomenti in modo assolutamente corretto e la conclusione è come se avessi rubato tutti questi argomenti a qualcuno. Putin è il garante di tutto questo ladro. Se non Putin, cosa succederà a Chubais, Nabiulina, Gref, Miller, ecc.? Cosa succederà al centro EBN senza Putin? La Russia crollerà se al posto di Putin ci saranno Navalny, Sobchak e simili. L'Occidente e le grandi imprese sono contenti di Putin, non di Grudinin, Platoshkin e altri con le stesse opinioni!
    4. Alexzn Офлайн Alexzn
      Alexzn (Alexander) 16 febbraio 2021 13: 12
      -1
      E la GUERRA SUETSKAYA? Awww.
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 febbraio 2021 16: 37
    -2
    Ah, Necropic ...
    Profetizza ancora ... Dategli tutto il sangue ...
  6. FrankyStein Офлайн FrankyStein
    FrankyStein (Franky Stein) 15 febbraio 2021 19: 50
    0
    Proprio la stessa situazione è in aumento Cartagine e Roma.
  7. Ivan Pitkin Офлайн Ivan Pitkin
    Ivan Pitkin (Ivan Pitkin) 15 febbraio 2021 20: 55
    0
    La Cina e gli Stati Uniti sono amicizia per sempre e la Cina non combatterà mai gli Stati Uniti. Trump ha trasformato un po 'questa amicizia in una dryuchba, ma non è andata oltre.
  8. Aksel2 Офлайн Aksel2
    Aksel2 (Alexander Z.) 16 febbraio 2021 14: 58
    +1
    Il Nagorno-Karabakh-2020 è un classico conflitto periferico sulla ridistribuzione dei territori, che era sufficiente anche prima della seconda guerra mondiale. Insieme alla primavera araba, la guerra nel Donbass. Non ripeteremo i noti eventi principali.

    Ad esempio, la guerra saudita-yemenita, a seguito della quale Jizan, Asir e Najran divennero finalmente le province dell'Arabia Saudita. O l'annessione turca del territorio di Hatay.

    O la guerra tra Bolivia e Paraguay. Quest'ultimo è degno di nota, tra l'altro, per il fatto che vi hanno preso parte anche emigranti russi-Guardie Bianche.

    Tutti questi conflitti sono forieri di una grande ridistribuzione del mondo, iniziata nel 1939.
  9. Arthur Atanesyan Офлайн Arthur Atanesyan
    Arthur Atanesyan (Arthur Atanesyan) 17 febbraio 2021 22: 11
    +1
    Un blocco politico-militare con la Cina è impossibile in questa fase. La condizione iniziale dovrebbe essere la fusione delle élite sovranazionali. Nel frattempo, l'élite russa, la loro capitale, l'educazione dei bambini, il settore immobiliare sono più orientate verso l'Occidente. Il secondo fattore è la fiducia di domani delle autorità nell'irremovibilità di rotta dei futuri leader del Paese. Il terzo fattore è la stagnazione economica dello Stato, che porterà in realtà a partenariati ineguali. Il quarto fattore è, infatti, la fine dei lavori del Consiglio di sicurezza dell'ONU. I due più grandi blocchi militari condurranno un dialogo direttamente, bypassando il Consiglio di sicurezza. Personalmente, credo che non sarà ancora formata un'alleanza militare tra Cina e Russia.
    Basta aspettare un po '. Gli USA si disintegreranno con le nuove elezioni presidenziali. La minaccia scomparirà naturalmente.
  10. Pandiurina Офлайн Pandiurina
    Pandiurina (Pandiurina) 19 febbraio 2021 01: 14
    0
    I cinesi hanno detto qualcosa del tipo:

    purtroppo la Cina non è attualmente in grado di distruggere tutte le città americane.

    In effetti, ciò significa che i cinesi considerano la mancanza di forze nucleari strategiche in grado di raggiungere il territorio degli Stati Uniti come il più grande svantaggio delle loro forze armate.

    Poiché questo è il principale inconveniente a loro avviso, i cinesi inizieranno urgentemente a eliminarlo. Il livello minimo richiesto è la distruzione degli Stati Uniti (tutte le città significative)
  11. BuRiChq3 Офлайн BuRiChq3
    BuRiChq3 (Yuri Vetrov) 19 febbraio 2021 11: 33
    0
    Gli Stati Uniti inganneranno la Cina in Russia, Israele combatterà il mondo islamico, l'Europa combatterà gli Stati Uniti! ma in generale, la terza guerra mondiale è iniziata con la Jugoslavia!
  12. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 27 può 2021 17: 33
    -1
    Citazione: Rum Rum
    Сегодня можно вспомнить об этом Вашем утверждении.
    Особенно про Израиль (он опять толкается с Палестиной (не надо говорить, что Иран не причем))

    Какая связь? Израиль ВСЕГДА в состоянии войны с палестинцами, прежде всего с Газой и именно о неизбежности этого противостояния можно даже не спорить.