La russofobia come via d'uscita: i paesi baltici costano sempre di più all'Europa


Recentemente, il Parlamento europeo ha adottato un altro documento "storico": una risoluzione estremamente negativa sulla centrale nucleare di Ostrovets. E anche se questo oggetto si trova sul territorio della Bielorussia, questo non dovrebbe trarci in inganno. La decisione dei parlamentari europei è dettata non solo dal loro rifiuto del "regime criminale di Lukashenka", ma anche, prima di tutto, da motivazioni russofobe selettive nella forma più "classica".


Significativamente, i promotori sia della considerazione di questo problema al Parlamento europeo che del suono più politicizzato sono stati i rappresentanti della Lituania, che sono attivamente supportati dagli altri paesi baltici. Questo è un tipico esempio di come l'Unione europea segua l'esempio, per usare un eufemismo, non il più significativo dei suoi membri, promuovendo così i propri interessi. Il problema è che l'UE deve pagare per l'attuazione degli assurdi capricci baltici, sia letteralmente che figurativamente. E questa tassa diventa sempre di più nel tempo.

Russofobia come un modo per andare in rovina


Un tempo, sia nel periodo che precede il crollo dell'Unione Sovietica che immediatamente dopo questo evento, l '"Occidente collettivo", inclusi i paesi che ora fanno parte dell'Unione europea, ha compiuto molti sforzi per garantire che non solo il le ex repubbliche baltiche dello "spazio post-sovietico" si formarono condizionatamente sulle rovine dell'URSS, ma anche per opporsi il più possibile alla Russia. Gli abitanti della Lituania, della Lettonia, dell'Estonia sono stati martellati nelle loro teste con miti sulla loro "esclusività", "europeità" e prospettive brillanti che attendono gli Stati baltici e la sua popolazione in una "famiglia europea felice", dove tornano, rompendo con decisione il "maledetto passato sovietico". Questi paesi nani avrebbero dovuto diventare una "vetrina" che dimostra chiaramente la correttezza di un tale vettore di sviluppo, portando "drammatici cambiamenti per il meglio" causati dalla "decomunizzazione" e, ad essere onesti, adottando un posizione.

Per il bene di una prima "trasformazione europea" degli stati baltici, i quadri nazionalisti più aggressivi furono spinti al potere lì, che prontamente eseguirono politica di di questi paesi nella chiave di cui l'Occidente aveva bisogno e eseguendo tutti i comandi che provenivano da lì senza la minima esitazione sulle possibili conseguenze. Allo stesso tempo, Riga, Vilnius e Tallinn stavano davvero creando un "regime di nazione favorita al massimo" per il loro ingresso sia nell'UE che nella NATO, che, di fatto, era il sogno delle "élite politiche" locali e della popolazione ingannata da propaganda. La tardiva intuizione tra gli abitanti di questi paesi è arrivata più tardi, quando i "partner" hanno iniziato ad attuare la fase successiva del loro piano. In Lettonia, Estonia, Lituania iniziò una rapida deindustrializzazione, il completo collasso di tutte le componenti significative delle economie nazionali.

L'industria è stata seguita dall'agricoltura, seguita dalla distruzione delle infrastrutture non necessarie ... Tuttavia, in questo segmento di "integrazione europea" tutto era più o meno accettabile per i Baltici - l'UE non ha lesinato su generosi sussidi e compensazioni per lo stesso agricoltori, ma i suoi paesi, avendo aperto i confini, hanno accolto centinaia di migliaia di lavoratori migranti dalla regione. I problemi sono iniziati più tardi, quando si è scoperto che ha completamente rovinato il locale economia L'Europa non intende affatto sostenere per sempre i paesi baltici con quote e sussidi di tasca propria. In questo caso, abbiamo un conflitto molto sottile e peculiare: l'Unione europea era fiduciosa che, nonostante tutta la loro retorica russofobica, Lettonia, Estonia e Lituania non avrebbero distrutto completamente i legami economici con il nostro paese. Continueranno a utilizzare le loro opportunità di transito, condurre scambi commerciali e così via.

Per gli europei, questa è una pratica del tutto comune: la stessa Germania può rimproverare a Mosca "violazione dei diritti umani" o "annessione della Crimea" quanto vuole, accettare i nostri "oppositori", ma allo stesso tempo continuare a costruire Nord Stream 2 e prenditi cura di aumentare le esportazioni in Russia ... Con gli Stati baltici, tutto si è svolto in stretta conformità con il detto di una persona di talento alternativo che era costretta a pregare Dio ... I suoi paesi, soprattutto negli ultimi anni, sono riusciti, soprattutto negli ultimi anni, a rovinare i rapporti con i nostri tanto che la collaborazione economica con esso si è ridotta quasi a zero ... Inoltre, letteralmente nel 2019-2020, (soprattutto la Lituania) hanno litigato con un altro importante partner economico, la Bielorussia, che promette inevitabilmente nuove perdite. Forse qualcun altro in una situazione simile avrebbe pensato bene di cambiare il proprio comportamento, ma non i Balts. A quanto pare, intendono fermamente continuare ad agire esattamente nello stesso spirito e costringeranno a pagare per le loro "elezioni" politiche ... L'Unione europea!

"Fuga dal ring" e la strada verso il nulla


Consideriamo questa tesi utilizzando due esempi specifici. Per cominciare, torniamo all'argomento BelNPP. Attualmente, i sistemi energetici di Lettonia, Lituania ed Estonia fanno parte del cosiddetto BRELL Electric Ring, che unisce anche le reti di Russia e Bielorussia. Sembrerebbe che una tale ricostituzione della sua capacità come la messa in funzione della centrale nucleare "Ostrovets" dovrebbe essere accolta con favore da tutti i partecipanti al progetto. Ma no. Alla suddetta riunione del Parlamento europeo, è stato il deputato della Lituania, Andrius Kubilius, a flirtare sul BelNPP come un "progetto geopolitico del Cremlino" progettato per "incatenare il Baltico al vecchio sistema energetico sovietico" e renderlo "un burattino nelle mani della Russia ". Alcuni dei suoi colleghi, in particolare, il rappresentante della Germania, generalmente concordano sul fatto che "Ostrovets" è "l'arma di Lukashenka, che intende minacciare sia il suo popolo che gli abitanti della Lituania", ma questa è, mi scusi, psichiatria.

Il significato pratico delle iniziative russofobiche - anti-bielorusse di Kubilius e di altri come lui è nel desiderio di "uscire dal ring" di BRELL, succhiando ... scusate - collegandovi al sistema energetico dell'Europa. E tutto andrebbe bene, ma né Vilnius, né Riga, né Tallinn, né tutti insieme hanno i soldi necessari per una così vasta "svolta verso l'Occidente". L '"europeizzazione elettrica" ​​dovrebbe avvenire a spese di Bruxelles. È un dato di fatto, con i suoi soldi, è già stato effettuato a poco a poco - dal 2017, quando i Balts hanno deciso di ritirarsi da BRELL. La prima tranche "a copertura dei costi di infrastruttura" di oltre 300 milioni di euro è stata stanziata da Bruxelles nello stesso anno. Tuttavia, al momento, secondo la valutazione del commissario europeo all'Energia Kadri Simson, sono necessari investimenti di almeno un altro miliardo di euro. Ma l'elettricità per i paesi baltici deve essere generata da qualche altra parte! Al momento, l'Europa (la stessa Germania e Francia) sta attivamente eliminando la propria energia nucleare, dichiarando le proprie intenzioni di passare alle fonti energetiche rinnovabili. Ma i watt generati dalle turbine eoliche e dalle maree saranno sufficienti per i nuovi "freeloader"?

Secondo le informazioni disponibili, sostenendo totalmente a parole l'aspirazione di Vilnius, Tallinn e Riga di "aumentare la sicurezza energetica dell'Europa" ritirandosi dal BRELL, Bruxelles è perplessa: cosa vogliono questi Baltici ?! Viene citata come esempio la Finlandia, che (per niente che non è mai stata un'ex repubblica dell'URSS) importa senza problemi elettricità russa. Perché è affidabile e redditizio. E questi stanno storcendo il naso ... Come sarà risolta la situazione nella fase attuale è del tutto incomprensibile. Vilnius ha ripetutamente affermato che non accetterà un solo watt prodotto a Ostrovets. Tuttavia, se gli ingegneri energetici del paese, che fa parte del sistema unificato, stabiliranno meticolosamente l'origine dell'elettricità fornita loro dal BRELL in ogni caso specifico, o se intendono semplicemente lasciarlo, nonostante il fatto che secondo il piano approvato da Bruxelles, ciò dovrebbe avvenire non prima del 2025 non è assolutamente chiaro ...

È del tutto possibile che la stessa Vilnius, i cui emissari oggi al Parlamento europeo chiedono "di mostrare solidarietà europea" per "sbarazzarsi del mostro bielorusso", domani inizierà con un coltello alla gola dei funzionari europei, chiedendo di finanziare questo "salvataggio". Diventeranno - dopotutto, i rappresentanti dei paesi baltici hanno inscenato un brutto tentativo di ricattare l'intera Unione Europea quando si è trattato di approvare un piano di bilancio per stanziare fondi per superare le conseguenze della pandemia di coronavirus. "O dai soldi per Rail Baltica, o bloccheremo il tuo budget alla madre di Kuzminuskas!" - ha posto la condizione "i capi delle potenze baltiche" in una lettera che, come i cosacchi del famoso quadro, hanno scritto ad Antonio Costi, Primo Ministro del Portogallo, che presiede il Consiglio d'Europa.

Un terribile reato in Lettonia, Lituania ed Estonia è stato causato dal fatto che la promessa da Bruxelles di 1.4 miliardi di euro "per il completamento della costruzione delle principali ferrovie transfrontaliere tra i paesi dell'UE per unirli e sostenere il funzionamento del singolo mercato ", come si è scoperto, non erano affatto destinati a loro! O meglio, non a loro su base incontrastata. I Balts, implorando questi soldi a lungo e noiosamente, si sentirono quasi piacevolmente frusciare banconote nelle loro mani, quando improvvisamente ... Il tutto fu rovinato dal Parlamento europeo, i cui deputati dichiararono che tali fondi dovevano essere "stanziati su un base competitiva "e non andare a quelli che piagnucolano più lamentosi di tutti. Sono abbastanza comprensibili, perché gli esperti nel campo dell'economia sono giunti da tempo alla conclusione che Rail Baltica è, in effetti, una strada che non porta da nessuna parte. Ha certamente un serio significato militare per la NATO come autostrada per il trasferimento di truppe ai confini di Russia e Bielorussia. Tuttavia, questo progetto non ha prospettive economiche dal termine "assolutamente". Ebbene, questa ferrovia non pagherà nemmeno tra cento anni. L'unica cosa che può dargli un significato reale e persino renderlo un investimento redditizio è l'ipotetico ripristino dei legami economici e commerciali con la Russia da parte degli Stati baltici. Quindi, pieno del transito nostro e bielorusso, questo percorso almeno si ripagherà da solo.

Tuttavia, Bruxelles è ben consapevole che un tale scenario appartiene più al regno della fantasia, piuttosto che alle previsioni economiche. Quindi non hanno fretta di sborsare, perché è considerato sbagliato "seppellire" denaro comune in un progetto deliberatamente fallito anche in nome della "solidarietà europea", soprattutto nelle attuali condizioni di crisi. In effetti, l'Europa è caduta in una trappola che si è preparata da sola: avendo trasformato gli stati baltici nel proprio avamposto contro il nostro paese, è ora costretta a mantenere paesi economicamente insolventi, l'unico "prodotto" di cui è la russofobia.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 16 febbraio 2021 13: 32
    +1
    La ferrovia deve essere costruita e fornita di elettricità dall'Europa! Qui sarà uno scherzo.
  2. lavoratore dell'acciaio 16 febbraio 2021 14: 17
    +3
    In primo luogo, lasciamo che soddisfino i requisiti politici e poi possiamo pensare a quelli economici! Questi paesi baltici hanno fatto così tanta cattiveria e meschinità alla Russia e ai russi che farei del mio meglio per farli sparire il prima possibile. E per sviluppare il territorio, la Russia ha molta esperienza.
  3. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 19 febbraio 2021 14: 23
    -4
    Si può essere d'accordo con l'autore dell'articolo che tutte e tre le repubbliche baltiche dell'ex Unione Sovietica sono apertamente anti-russe. La domanda sorge spontanea: perché? Per l'annessione di Lituania, Lettonia ed Estonia nel 1940, quale Russia ha riconosciuto e ufficialmente chiesto scusa nel 1991? Per la repressione della popolazione locale sotto forma di sparatorie di massa, arresti, espulsioni forzate di centinaia di migliaia di intellettuali locali? Per una politica attiva di cambiamento della composizione etnica della Lettonia e dell'Estonia, che ha aumentato significativamente la percentuale della popolazione di lingua russa - in Lettonia a quasi la metà e in Estonia a un terzo della popolazione indigena. Per la collettivizzazione dell'agricoltura tradizionalmente, le basi militari, l'integrazione artificiale nell'economia dell'URSS e l'isolamento dalla cultura e dall'economia europee? Per i banchi vuoti ai tempi del socialismo sviluppato? Per aver preso e nazionalizzato tutta la proprietà dagli ex proprietari? Purtroppo l'autore non dà una risposta a questa domanda. Si scopre che gli ingrati baltici, essendo entrati a far parte della NATO (e di cui hanno paura, è del tutto incomprensibile!) UE, Schengen, stanno eseguendo la danza di San Vito sul proprio rastrello. Allo stesso tempo, non un singolo calcolo statistico compensato dalle emozioni. Sulla base di queste premesse molto dubbie, si conclude sull'insolvenza economica di Estonia, Lettonia e Lituania. E questo nonostante il fatto che il salario minimo netto in Estonia sia di quasi 700 euro, e la media sia inferiore a 1600 euro, c'è una crescita stabile del PIL a livello dei paesi europei sviluppati, HDI -29%. L'Estonia è il leader economico tra tutti gli stati post-comunisti, inclusi Slovenia e Croazia. Per non parlare della Polonia e persino della Repubblica Ceca. In Lettonia e Lituania è peggio. Ma, ancora una volta, sotto tutti gli aspetti, l'economia di questi paesi è davanti a tutte le repubbliche dell'ex Unione Sovietica. Anche l'affermazione dell'autore sugli "stati nani" baltici è dubbia. Lettonia e Lituania sono comparabili nel territorio con Ungheria, Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia. E l'Estonia - con i Paesi Bassi. Sembra la favola di I. A. Krylov "The Fox and the Grapes".
    1. Lucifero67S Офлайн Lucifero67S
      Lucifero67S (Viktor Schmidt) 20 febbraio 2021 20: 48
      0
      ja sam iz Germany i znaju chto vse pribalti nishie iu nas tolko tam rabotajut, gde nam rabotat nehochetsja ili protivno, a eshe znaju, chto skoro mi perestanem vam poproshaykam dengi iz obshego Evropeyskot tolko na poltejut ...
      1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
        Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 20 febbraio 2021 22: 58
        -3
        In realtà vengo da Israele. Questa è la prima cosa. Dai un'occhiata alle statistiche HDI imparziali per paese. Guarda i posti occupati in questa classifica da Estonia, Lituania, Lettonia e Russia. Questa è la seconda. Decine di migliaia di immigrati illegali dalla Russia e dall'Ucraina sono in Israele per guadagnare denaro. Questi sono dati ufficiali e verificabili. Le persone entrano con i visti turistici e poi rimangono in Israele. Questo momento è registrato. Balts - non ci sono immigrati illegali in Russia e Israele. Se esistono nell'Unione europea, questa è una domanda completamente diversa. Nell'ambito del diritto di lavorare entro i confini dell'Unione Europea dei suoi membri. Non c'è bisogno di destreggiarsi. Riguarda il tenore di vita nella Federazione Russa e nei paesi baltici. L'autore scrive che sono tutti economicamente insostenibili. Secondo le statistiche (HDI), è vero il contrario. Israele, ad esempio, è più povero della Norvegia. Ma questo non significa che Israele abbia fallito economicamente, questo è il terzo. E infine l'ultimo. Non colpire estranei, non consentire inappropriati, non verificati e
        dichiarazioni diffamatorie. Inoltre, non correttamente affermato. Il tetroidrocannabinolo, per tua informazione, contenuto nella canapa Chui e Manchu, che in gergo chiami "erba", appartiene alle droghe. Come gli oppiacei o le droghe sintetiche.
        Considera, se possibile, i miei commenti e sarai felice.
        1. Barmaley_2 Офлайн Barmaley_2
          Barmaley_2 (Barmale) 21 febbraio 2021 02: 41
          +1
          Quale importo di sussidi, Sig. Vagabond1812, riceve ogni anno il bilancio della Federazione Russa dall'UE, dagli Stati Uniti o da altre strutture a cui appartiene? Può chiarire? Capisce generalmente il significato della parola sussidio e vero significato della frase "redditività economica"? E niente, questa è la massa di visitatori non solo negli Stati baltici e così via. altre repubbliche e non a causa di qualche speciale "diluizione della popolazione locale", ma a causa dell'industrializzazione e della mancanza degli stessi lavoratori qualificati, ecc. O forse negli Stati baltici non si costruì niente sotto l'URSS?
          Tutti questi tuoi mantra su "e c'è un salario minimo di 700 euro e bla bla" sono molto buoni. Ma! C'è una cosa come (e questo è più importante di tutti questi belati e numeri contabili) la parità di potere d'acquisto e qualcos'altro. A mio piacimento, ti consiglio di familiarizzare con questo: cos'è e con cosa si mangia. Avevo un vicino di casa circa 7-8 anni fa. Viveva vicino a Riga. È in pensione da molto tempo . Dai russi. Sono tornato ai bambini in Ucraina. Alla mia domanda: "Perché ti sei trasferito qui?" Ha semplicemente risposto: "Non posso vivere lì con una pensione di 500 euro, ma qui i bambini vivono e, se qualsiasi cosa, aiuteranno. Anche se la pensione ucraina nell'equivalente di 200 euro per la vita qui, in generale, è sufficiente - molto più conveniente un ordine di grandezza ".
          E non c'è bisogno qui di parlare del vuoto totale dei contatori nei Baltici. Proprio come la vetrina dell'URSS, hanno cercato di sostenerli soprattutto. Sono stato più volte in URSS, a Riga e Tallinn, e anche a Mosca non ho visto quelle cose in vendita., che potrebbero essere facilmente comprate lì, ma generalmente tace per il resto delle città dell'URSS. E quindi, quindi, vorrei chiarire: va bene che Israele ha avuto un sacco di persone da altri paesi dalla stessa postsovka? Cosa siete per questi allora, tipo "non israeliti" O forse sono stati espropriati solo nei Paesi Baltici, e tutti gli altri erano così sotto l'URSS nel borghesia che non sono stati uccisi prima del 1991. andato?
          1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
            Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 21 febbraio 2021 03: 06
            -2
            Non essere nervoso: le cellule nervose non si rigenerano. I tuoi pensieri stanno saltando, mio ​​signore. Come quei cavalli. Se hai statistiche che "belano", allora di cosa parlare? Se invece di confutarmi con riferimenti ragionati a fonti, operi con una vecchia anonima, allora non è polemica. E il bazar Ryazan. E tu agisci in questo mercato in un ruolo che non è invidiabile per un uomo. Gli stati baltici non hanno chiesto di sfigurare la loro economia con la collettivizzazione e l'industrializzazione sovietica. Non le ho chiesto di essere occupata e annessa. Non ha chiesto di distruggere fisicamente la sua popolazione indigena su vasta scala. E ancora di più, non voleva scomparire dalla faccia della terra come gruppo etnico. Ora gli Stati baltici sono in piedi sia economicamente che culturalmente. E non dipendere dalla Russia in nulla. E la piccola Finlandia, se non avesse ucciso più di 150000 "liberatori" durante la "Guerra d'Inverno", sarebbe ora "il rifugio del disgraziato Chukhontsi", come dice A.S. Pushkin. Confronta il tenore di vita dei finlandesi in Suomi e dei loro parenti più stretti, i mordoviani nella Federazione Russa.
            Israele è una canzone completamente diversa. E non tutti sono ammessi lì, ma solo quelli con radici ebraiche. Sì, stanno viaggiando per diversi motivi, ma l'idea è di radunare tutti gli ebrei nello stato ebraico. Questo è il principio fondamentale del sionismo, implementato con successo. Ma hanno anche cercato di distruggere. E la stessa Russia sovietica ha dato ai nemici di Israele montagne di armi ciclopiche. E tutto si è concluso con la sconfitta e la vergogna degli aggressori arabi. Non appena l'URSS ha ordinato di vivere a lungo, la pace è arrivata ai confini di Israele. Prosperità come negli Stati baltici.
            1. Barmaley_2 Офлайн Barmaley_2
              Barmaley_2 (Barmale) 21 febbraio 2021 04: 48
              0
              Vagabond1812, ti sono state poste domande ASSOLUTAMENTE SEMPLICI, MA SPECIFICHE! E le tue opere demagogiche non hanno risposte a questo. Non ho toccato i temi dei superfighters arabi o ebrei, così come delle armi, così come della Finlandia, che, tuttavia, i suoi successi ek-x che ho ottenuto GRAZIE all'opportunità di commerciare sia con l'URSS che con la moderna Federazione Russa. E, a proposito, vengo da una città dove le persone come te sono persone intelligenti del tuo sangue dove puoi " Quindi tieni i tuoi uomini con te.
              E le cellule nervose - hanno dimostrato i neuroscienziati alcuni anni fa - vengono ripristinate, e qui sei nei guai.
              Cosa c'è di specifico e in sostanza?
        2. Lucifero67S Офлайн Lucifero67S
          Lucifero67S (Viktor Schmidt) 22 febbraio 2021 22: 20
          +1
          na Vi ja razgovarivaju tolko s ludmi kotorih ja uvagaju, no ne tebja evrey i tebe podobnih, a chto ja pro pribaltov i polakov tut napisal, a eto pravda, zachem mne nemcu vrat o nih. chastja a mne savata soveet i t
  4. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 21 febbraio 2021 07: 43
    -3
    Citazione: Barmaley_2
    Vagabond1812, ti sono state poste domande ASSOLUTAMENTE SEMPLICI, MA SPECIFICHE! E le tue opere demagogiche non hanno risposte a questo. Non ho toccato i temi dei superfighters arabi o ebrei, così come delle armi, così come della Finlandia, che, tuttavia, i suoi successi ek-x che ho ottenuto GRAZIE all'opportunità di commerciare sia con l'URSS che con la moderna Federazione Russa. E, a proposito, vengo da una città dove le persone come te sono persone intelligenti del tuo sangue dove puoi " Quindi tieni i tuoi uomini con te.
    E le cellule nervose - hanno dimostrato i neuroscienziati alcuni anni fa - vengono ripristinate, e qui sei nei guai.
    Cosa c'è di specifico e in sostanza?

    Essenzialmente:
    1. Quasi tutti gli ebrei hanno lasciato la Russia. E non hanno perso.
    2.
    L'economia estone è un'economia sviluppata, un membro dell'Unione europea e la 114a economia del mondo in termini di PIL in PPP a partire dal 2016. Tra i paesi post-comunisti, l'Estonia è uno dei più sviluppati. In termini di PIL pro capite (nominale) - $ 23 (758 ° posto dopo la Slovenia, 2). In termini di PIL pro capite (PPA) - $ 2019 (38 ° posto dopo Slovenia e Repubblica Ceca, 540). A dicembre 3, l'Estonia ha la media netta più alta tra tutti i paesi post-comunisti del mondo (2019 €) e dal 2019 ° gennaio 1257,13 il secondo salario minimo netto dopo la Slovenia (1 €, in Estonia 2020 €). Il salario medio (lordo) in Estonia a dicembre 700 è di 550,38 euro [2019] e (netto, al netto delle tasse) 1551 euro Il salario lordo minimo in Estonia dal 34 ° gennaio 1257,13 è di 1 euro, lo stipendio netto minimo di 2020 euro.

    Questi sono dati specifici per l'economia estone. Esattamente gli stessi sono disponibili in Lettonia e Lituania. Delle tue controargomentazioni - una vecchia anonima. L'economia dei Paesi baltici creata durante gli anni dell'URSS si è rivelata non redditizia. Di conseguenza, le aziende agricole collettive e statali, così come tutte le imprese dei tempi dell'Unione, furono liquidate. Poi è iniziata l'ascesa.
    La Russia in tutti gli indicatori HDI e ce ne sono 13 in ritardo rispetto a Estonia, Lettonia e Lituania per ordini di grandezza. Situato tra il Kazakistan e la Bielorussia. Ma superiore a Ucraina, Moldova, tutte le altre ex repubbliche. Cioè, se prendi tutti e 15, allora al 4 ° posto. Sotto l'URSS, la Russia stava morendo di fame, ora non lo è. Ma chiamare gli Stati baltici "canaglia" e la Russia il leader della produzione capitalista è una menzogna deliberata: questi sono fatti. Hai emozioni.
    3. La Finlandia ha raggiunto il suo successo economico senza essere la principale economia
    partner dell'URSS, non essendo parte dell'URSS e seguendo il percorso di sviluppo del mercato, a differenza dell'URSS. La Corea del Nord e Cuba hanno seguito il percorso dell'URSS. Il risultato è ovvio. E l'intero campo socialista (che parola stalinista!) È crollato. E l'odio "per tutte le cose buone" verso la Russia sovietica è rimasto. Tutti i paesi dell'ex Patto di Varsavia, nessuno escluso. Tranne la Serbia, forse. Ma c'è una conversazione speciale. Puoi confrontare come si sono sviluppate la Carelia e la Finlandia, prese dai finlandesi dell'URSS.
    1. Barmaley_2 Офлайн Barmaley_2
      Barmaley_2 (Barmale) 21 febbraio 2021 14: 20
      +1
      accumulare un mucchio di informazioni completamente inutili che non sono essenzialmente non è una risposta a domande SPECIFICHE. Come rappresentante di una certa nazione, anche il tuo uomo qui ha battuto il limite. Ho avvertito che questo non è scandalo. Ho chiesto:
      1. QUALI sussidi, quanto e da chi riceve la moderna Federazione russa, come i paesi baltici dell'UE?
      2. Come si può dichiarare "la vitalità economica di un paese" e questo è determinato nel quadro del loro scarso peso economico, numero di popolazione e dimensioni del territorio? Con quali criteri? Chi sovvenzionano, ad esempio, come principali donatori dell'UE - Germania e Francia o risorse finanziarie sono zone tecnologiche?
      3. Lo smaltimento in URSS riguardava solo i paesi baltici e lo sfollamento interno della popolazione è avvenuto al di fuori del quadro dell'industrializzazione, ecc. Nel paese Nulla è stato costruito nei paesi baltici sotto l'URSS?
      4. Dove ho scritto (colpiscimi con il dito!) Che i finlandesi "grazie al partner principale dell'URSS hanno raggiunto il successo?" Dov'è questo "partner principale?" Dove ho scritto che la Federazione Russa è un " leader della produzione capitalista? ”Perché ti tormenti tutto il tempo e ti agiti?
      5. Dichiarate lo stesso anche ai rimpatriati che sono venuti in Israele da diversi paesi e sussultate: "Eccoli in gran numero!" ?
      6. Forse tutti voi, quindi familiarizzate con la definizione della differenza di potere d'acquisto e poi capirete che ho inserito qui il mio vicino solo per semplicità di spiegarvi cos'è e quale differenza può esserci in diversi paesi e qual è la differenza. Come economista di secondo grado, ti svelo un altro segreto. Non sono un aderente né della Federazione Russa, né dell'URSS e non della Federazione Russa in generale. Ma quando ho letto queste tue sciocchezze, in alcuni punti bugie, torsioni, ecc., Quindi come programma educativo, vorrei anche aggiungere che c'è anche il concetto di monetizzazione dell'EC-ki. Puoi anche ottenere conoscere questo in modo più approfondito a tuo piacimento. Quindi, l'EC-ka della Federazione Russa è NON DOMONETTATO, a differenza dell'EC-ka dell'UE o degli USA. MOLTO! dà una percezione distorta della sua piena forza e, di conseguenza , complica il processo di molte valutazioni e confronti, poiché una delle semplici possibilità (ci sono altri criteri) per valutare questa sotto-monetizzazione è confrontare il livello del debito pubblico con il PIL.
      Inoltre, un'osservazione per te, amante del coinvolgimento nella giungla e nella demagogia. Il problema principale della fame nel MONDO è stato risolto solo negli anni '70 del XX secolo. Non era solo in URSS. Nel quadro del ek-ki dell'URSS, l'ek-ka degli stati baltici è il massimo possibile. era integrato nell'Unione Sovietica e aveva l'industria più potente lì. Non entrerò nei dettagli su "nee-t / ef", ma il L'impiegata del "Centro per il genocidio del popolo e della resistenza lituana" Vida Komichene ha affermato che durante l'Unione Sovietica la repubblica è stata donatrice del bilancio di tutta l'Unione. Allora come puoi sovvenzionare altri paesi / repubbliche con la tua economia?