Le sanzioni di ritorsione della Cina potrebbero far crollare l'industria militare statunitense


Se Pechino smettesse di fornire metalli delle terre rare al mercato nordamericano, potrebbe far crollare l'industria militare statunitense. A tal proposito in un'intervista al quotidiano "Sight" ha detto orientalista, sinologo, dottore in scienze storiche, il professor Alexei Maslov.


Le terre rare provenienti dalla Cina sono utilizzate nell'assemblaggio di una vasta linea di americani attrezzatura, gli stessi caccia F-35 (fino a 417 kg ciascuno - ndr). Questi metalli entrano nella produzione di microcircuiti e microchip

- ha spiegato il capo dell'Istituto per l'Estremo Oriente dell'Accademia delle scienze russa, commentando le informazioni su possibili sanzioni di ritorsione da parte della Cina contro gli Stati Uniti.

Maslov ha attirato l'attenzione sul fatto che se i cinesi andassero all'introduzione di tali contro-sanzioni, gli americani sarebbero teoricamente in grado di importare alcuni metalli delle terre rare dal Sud Africa. C'è anche la possibilità di consegne dalla Russia, ma tutto dipende da Mosca. Per quanto riguarda le consegne dalla Colombia, l'attività cinese si è affermata da tempo e saldamente in questo paese.

Pechino sta effettivamente bloccando gradualmente l'accesso al mercato mondiale dei metalli delle terre rare per gli Stati Uniti.

- ha spiegato Maslov.

L'esperto ha osservato che se la Cina annuncia un embargo (divieto di esportazione) in quest'area, ciò comporterà un grave aumento dei prezzi dei metalli delle terre rare in altri paesi e un aumento del costo dei prodotti finali. Ha ricordato che la stessa Cina importa prodotti elettronici dagli Stati Uniti che utilizzano metalli delle terre rare.

Pertanto, Pechino è estremamente attenta a discutere di tali contro-sanzioni contro Washington.

- ha riassunto l'esperto.

Si noti che la quota della Cina del mercato internazionale per i metalli delle terre rare è di circa l'80%. Il 16 febbraio 2021, è stato accennato da Pechino che erano pronti a organizzare un embargo simile agli americani se non avessero smesso di fare pressione sulla RPC.
  • Foto utilizzate: https://pxhere.com/
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 17 febbraio 2021 12: 15
    0
    Se i cinesi interromperanno la fornitura di terre rare agli Stati Uniti, perderanno una quota di mercato molto ampia, perché l'industria americana è uno dei maggiori acquirenti di tali materie prime. È improbabile che al momento la Cina accetti questo, ma nemmeno questa leva può essere esclusa, sì
    1. cmonman Офлайн cmonman
      cmonman (Garik Mokin) 18 febbraio 2021 17: 33
      -1
      Giusto! Inoltre, l'estrazione e la produzione di RedZemMet sono due grandi e quattro piccole differenze. Gli Stati Uniti, l'Australia, il Giappone hanno riserve di metalli delle terre rare sul loro territorio, ma la Cina ha la produzione principale. Per ottenere metalli delle terre rare, è necessario un processo che utilizza un'enorme quantità di sostanze chimiche tossiche, che devono essere in qualche modo immagazzinate e smaltite.
      Per la Cina, questo processo è un gioco da ragazzi, non si preoccupano delle misure di sicurezza. Per l'Australia, gli Stati Uniti e il Giappone, questo è un piacere costoso. L'Australia, ad esempio, trasporta il suo minerale in Cina e da lì porta il metallo. Ma se la Cina inizia a discutere, la produzione verrà aperta negli Stati Uniti, in Australia, in Giappone. Sarà più costoso?
      Sì. Ma non funzionerà lasciare questi paesi senza REM.