La Russia prende la metà del transito dei prodotti petroliferi bielorussi dalla Lituania


Sembra che il ghiaccio si sia finalmente rotto nel risolvere il vecchio problema del transito tra Bielorussia e Russia. Ieri il presidente Lukashenko ha firmato un progetto di accordo con Mosca sull'esportazione di prodotti petroliferi attraverso i porti russi. In Occidente, invece, questa decisione di Minsk è considerata un "grosso errore", per cui la Bielorussia sarà la perdente. É davvero?


La questione del trasferimento delle esportazioni bielorusse in Russia ha una lunga storia. Tradizionalmente, sin dai tempi dell'URSS, erano gli Stati baltici le nostre porte commerciali verso l'Europa. Grazie alle infrastrutture sviluppate, alla logistica ben funzionante e alla comoda posizione geografica, era oggettivamente redditizio inviare flussi di merci russi e bielorussi attraverso i porti di Lettonia, Lituania ed Estonia. Ma Riga, Vilnius e Tallinn hanno tagliato il ramo su cui si erano seduti così comodamente. Il loro russofobo politica alla fine costrinse Mosca ad avviare il processo di trasferimento delle esportazioni nella nostra parte del Baltico, dove furono ampliate le capacità portuali e costruiti nuovi terminal. Come dice il proverbio, ogni nuvola ha un rivestimento d'argento.

Minsk si tenne ostinatamente attaccata alla vicina Lituania, schivando un'offerta per usare l'Ust-Luga russa. L'argomento principale contro era l'aumento dei costi dovuto all'aumento della leva finanziaria. "Lingue malvagie" ha detto che in realtà la Bielorussia non voleva mostrare ai funzionari doganali russi cosa c'era veramente e in che volume stavano esportando. Ma l'ultima goccia, ovviamente, sono stati gli eventi dell'estate e dell'autunno 2020, che hanno rotto il rapporto tra Minsk e Vilnius, che ha sostenuto direttamente il "presidente Sveta" e ha introdotto sanzioni personali contro la leadership bielorussa. In risposta, il presidente Lukashenko ha promesso di dare una lezione alla Lituania togliendole i flussi di esportazione, che rappresentano circa il 30% delle entrate del porto di Klaipeda.

La nota edizione tedesca DW ha definito questa decisione "esportazione contraria alla logica" e ha previsto conseguenze negative per la Bielorussia sotto forma di un aumento del costo dei prodotti petroliferi e una diminuzione della loro competitività sul mercato europeo. Tuttavia, i tedeschi in questa faccenda hanno alzato le spalle, spacciando un pio desiderio.

In primo luogo, in conformità con il progetto di accordo, solo 9,8 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi bielorussi passeranno attraverso i porti russi, che è circa la metà del volume totale delle esportazioni. Questi sono benzina, olio combustibile e olio motore. Sarà valido fino al 2023 con possibilità di rinnovo automatico. La seconda metà, presumibilmente, almeno prima della scadenza del periodo specificato, ricadrà ancora sul transito baltico.

In secondo luogo, gli operatori dei terminal portuali nazionali hanno confermato la loro disponibilità a concedere sconti ai bielorussi, a condizione che la cooperazione sia a lungo termine. Mosca ha parlato anche di sconti fino al 50% sulla tariffa ferroviaria per Minsk.

Risulta che la crescita dei costi di trasporto dal trasferimento del transito a Ust-Luga sarà compensata dalla Bielorussia, il che significa che non dovrebbe esserci una diminuzione della competitività dei suoi prodotti nel mercato europeo. Allo stesso tempo, fino al 2023, il presidente Lukashenko, a quanto pare, manterrà anche il transito lituano, che rappresenterà la seconda metà dei volumi di esportazione. È possibile che in modo così semplice i partner bielorussi risolveranno il problema di ciò che non vorrebbero mostrare alla dogana russa. Forse c'è un tacito compromesso su questa delicata questione.

Inoltre, per quanto riguarda gli interessi della Russia stessa. Affinché il "Vecchio" non cambi improvvisamente idea, l'accordo sarà concluso solo secondo il principio "prendere o pagare" (prendere o pagare). Ciò significa che Minsk dovrà comunque pagare i servizi di transito per 9,8 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi, anche se li spedisce attraverso Klaipeda. Cresceranno anche i volumi di transito attraverso le ferrovie nazionali e i porti, il che porterà anche un po 'di soldi, nonostante sconti decenti. È del tutto possibile che i fertilizzanti minerali bielorussi seguiranno i prodotti petroliferi attraverso Ust-Luga in futuro.

Bene, e, infine, aumenterà il prezzo della politica russofobica per gli Stati baltici, il che può anche essere considerato un successo politico.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 17 febbraio 2021 17: 23
    +2
    C'erano alcune stime .... reindirizzando il traffico merci verso i porti russi di circa 1/3, il grande combinatore non è pronto per altro. Inoltre, a quanto pare la bellezza e l'orgoglio degli agrari avevano gli occhi puntati sulla pipa. Transneft viene costantemente controllato, la tassa è stata aumentata (naturalmente nella lotta per l'ambiente), ma la pipa bielorussa, a quanto pare, non rovina la natura, cosa si può dire di quella totalitaria. In generale, non cambia nulla ... per parafrasare la saggezza popolare, solo la cremazione risolverà la scoliosi degenerativa. Dove il multi-vettore vaga nella nebbia, la vita si mostrerà.

    1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
      Alexndr P (Alexander) 17 febbraio 2021 17: 54
      0
      va bene. Lukashenka si piega, si piega e il destino stesso e la logica condurranno la Repubblica di Bielorussia in Russia.

      Come se questi masi non volessero il contrario. È solo che il suo cognome non sarà nella composizione di coloro che hanno portato la Repubblica di Bielorussia al successo e alla prosperità tornando alla famiglia.
      Coloro che hanno riunito il nostro popolo rimarranno nella storia. Come Putin e la Crimea hanno riportato a casa la Crimea.

      E questi opportunisti temporanei in Ucraina e Bielorussia sono la polvere che la gente solleverà sul forcone.
      (anche se con l'Ucraina la domanda è: le persone sono pazienti)
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 17 febbraio 2021 18: 02
        +2
        Esatto, aspetteremo fino a quando l'ostinato contadino collettivo andrà in pensione. Se solo non l'avesse fatto. Per lui separato La "fattoria" bielorussa è un'attività che dura tutta la vita.
        1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
          Alexndr P (Alexander) 17 febbraio 2021 18: 03
          +1
          Putin lo metterà sotto pressione. Credo. Volodya può porre la domanda senza mezzi termini. Hai anche bisogno di un paio di leve. Ma penso che RB stesso stia navigando verso di noi. È davvero inevitabile
          1. 123 Офлайн 123
            123 (123) 17 febbraio 2021 18: 08
            0
            Ne dubito. Nessuno li spingerà e li costringerà a entrare in Russia. Solo volontariamente. Potrebbe risultare che i territori selvaggi al posto dell'attuale Ucraina (almeno fino al Dnepr) saranno richiesti prima. L'arroganza della vita, la fucina, il luogo di cura cadranno dai marinai, diventeranno più saggi. Una dieta ipocalorica aiuta ad attivare i processi mentali.
            1. pischak Офлайн pischak
              pischak 17 febbraio 2021 21: 38
              +2
              L'arroganza della vita, la fucina, il luogo di cura scompariranno dai navigatori, diventeranno più saggi. Una dieta ipocalorica aiuta ad attivare i processi mentali.

              Ahimè, solo la "arroganza" stessa - un gruppo di avidi cleptoligarchi - "Judeo-Bandera", la loro attirata polizia segreta Banderonazi dalla plebaglia marginale, servitori "Svidomo" e ogni sorta di attaccabrighe, non con una dieta ipocalorica " ", ma tutti ottengono dal loro imbonitore americano" biscotti e marmellata "proprio per la russofobia militante e l'antirussismo! richiesta
              E a loro non importa, "Svidomo (" deliberatamente ")" creato da loro, i problemi dello "stato fallito Ucraina" stesso, e il resto della popolazione multinazionale del territorio dell'ex SSR ucraino!

              Come ha dichiarato apertamente l'attuale "Fuhrer of the Maidan" americano-judo-galiziano Senya Krolik-Kulyavloba, durante il suo premier Maidan e la "costruzione multimiliardaria del muro di filo di Yaytsenyukh": "Non vivrò in questo paese! (Non vivrò in questo paese!) .. ..immediatamente dopo la fuga di "integratori europei incontrastati" -Yanyk-Azarov e il "superamento del Maidan", insieme ad altri "Forers, Maidan" hanno inviato la riserva aurea ucraina e tesori sciti inestimabili "per la conservazione" "il primo miliardo di verde" e andare all'estero per la residenza permanente ...
              Quindi, coloro che hanno preso il potere a Kiev, i giudeo-banderonazi "ucraini" dall'impunità diventano solo più arroganti e ingrassati!
              Anche se sì! Era così! L'arroganza da parte loro è stata abbattuta dal permesso inaspettato del Consiglio della Federazione della Federazione Russa del marzo 2014 di utilizzare le forze armate russe all'estero ... questa notizia ha poi immediatamente gettato i Banderonazik e i loro leader "w / Bandera" nello shock e timore reverenziale (che per paura, piccolo. razota, nel nostro sud-est, ha persino cominciato a "scappare" e provare a "cambiare le scarpe in un balzo", dicono, "siamo contro di voi, russi, non abbiamo niente il divieto della lingua russa e le nostre minacce nei tuoi confronti sono stati un errore ", dicono," siamo pereproshuemo per tse, vento il nostro Galychansky Lviv bude ohoche rozmovlyaty russo! "...)!
              E anche allora, quando i natsiks-Maydauns posseduti e le loro simpatiche "teste di pan" si sono resi conto che "Putin e la Russia (" non abbandoniamo i nostri! ") Non verranno" e non puniranno per numerosi, Maidan e post -Maidan omicidi (percosse e omicidi di persone anti-Maidan) compatrioti russi "invisibili" ...), quell'ex, febbraio 2014, arroganza russofobica frenetica sicura di sé che non avevano più! strizzò l'occhio
              "Myzdobuly" iniziò inconsciamente a "trasudare" - da qualche parte nel dupe, ogni Banderlog "Svidomo" ha vibrato un po 'della paura e dell'incertezza di marzo - "E se Putin cambiasse idea?!" in ogni modo possibile per soffocare quel sincero rimbalzo sincronizzato, con un forte urlo di "canti" russofobi e anti-Putin-anti-russi, poi "zhovto-blakytny" si avvolge con la bandiera dello stato e la pittura totale di tutto ciò che potevano raggiungere , poi attraverso le capacità motorie delle mani - superstiziose "scrivere le loro più grandi paure sacrali" sotto forma di discorsi - "abbreviazioni" anti-Putin su recinzioni e automobili, poi da teppisti che picchiano le vetrine con nomi russi e la demolizione universale di statue e busti del fondatore della SSR ucraina, ...).
              L'arroganza dei Banderlogisti Galitsai che occupavano l'ex SSR ucraino e dei loro astuti leader - "w / Bandera", ahimè, di per sé, senza "coercizione a fare del bene", NON si placherà e questi cannibalisti ameroholui non si siederanno per nessuna fame dieta, istigata da Washington e dalla Pan-Europa, stanno già, con tutti i mezzi, travasando mercantilmente il mondo, letteralmente divorando e "smontando in trapianti vendibili" per il "miliardo d'oro", la popolazione di lavoro "sbagliata" multimilionaria che hanno sequestrato del presente, completamente "incolto", amerokolony "Ucraina" - "ripulire il territorio" per il "corretto" "Nuovo Ordine" amero-fascista!
  2. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 17 febbraio 2021 18: 38
    -5
    Mosca ha parlato anche di sconti fino al 50% sulla tariffa ferroviaria per Minsk.

    - E il Cremlino pagherà la seconda metà da (indovina due volte) pensione o NWF? E, naturalmente, questo denaro "aumenterà il prezzo della politica russofobica per gli stati baltici". Tutto è proprio come in quella barzelletta: nonostante il conduttore non andrò in una carrozza calda, ma camminerò lungo le traversine sotto la pioggia e il vento ...
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 19 febbraio 2021 07: 07
      0
      Citazione: Igor Pavlovich
      - e il Cremlino pagherà l'altra metà da (indovina due volte) pensione o NWF? E, naturalmente, questo denaro "aumenterà il prezzo della politica russofobica per gli Stati baltici".

      Questo è il rovescio della medaglia
  3. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 17 febbraio 2021 20: 56
    +4
    Il porto commerciale di Kaliningrad sta dando una standing ovation con tutta la piccola squadra rimanente.
    Per tutte le difficoltà degli ultimi 30 anni.
    La Lituania ha effettivamente strangolato il porto con tariffe elevate per il trasporto ferroviario attraverso il suo territorio.
    Per il bene dei tuoi cari e dei tuoi porti.

    La vendetta è stata lunga (fredda), brutale, ma giusta.
    Devi pagare per tutto ..

    PS porto commerciale di Kaliningrad quest'anno.

  4. zz810 Офлайн zz810
    zz810 (zz810) 27 febbraio 2021 15: 26
    0
    Lukashenka fino al 2023, a quanto pare, manterrà il transito lituano, che rappresenterà la seconda metà dei volumi di esportazione. È possibile che in un modo così semplice i partner bielorussi risolveranno il problema con il fatto che non vorrebbero mostrare le usanze russe

    piuttosto, è una pietra nel petto per gli zelanti politici baltici ;-)