Il petrolio sta ridiventando “oro nero”: pro e contro per la Russia


L'aumento dei prezzi mondiali del petrolio a un livello che fino a poco tempo fa sembrava del tutto irrealistico alla maggioranza assoluta economico analisti, ci fa riflettere sulle ulteriori dinamiche del costo dei vettori energetici e sulle relative conseguenze.


Inoltre, c'è qualcosa a cui pensare: abbiamo al nostro servizio una serie di nuove previsioni in questo settore, nonché alcuni tentativi di prevedere la situazione che sono stati fatti in precedenza. Tuttavia, la cosa principale in questo caso sono le prospettive che l'aumento del prezzo degli idrocarburi promette specificamente all'economia russa.

"Una botte da 60 è fantastica ..." E tu non ne vuoi cento ?!


Ricordiamo tutti l'orribile crollo dei prezzi di cambio dell '"oro nero" causato dalla pandemia di coronavirus e dalla "guerra del petrolio" tra Arabia Saudita e Russia, che ha fatto seguito al fallimento dei loro tentativi di raggiungere accordi nel quadro dell'OPEC +. Dopo quegli anni, durante i quali il costo del famigerato barile era calcolato in un importo superiore a cento dollari o non molto diverso da esso, 25 dollari al barile di Brent suonavano come una condanna a morte per l'intera industria petrolifera mondiale. Questo, abbastanza prevedibilmente, ha dato origine a tutta un'ondata di previsioni apocalittiche sulla "rovina", "impoverimento" e persino sul "crollo" della Russia, che ha generato con zelo alcuni centri di esperti e ha apprezzato con entusiasmo i media occidentali. Siamo sopravvissuti, sopravvissuti, non abbiamo ceduto ... Con i sauditi, a causa dei nostri tentativi di dumping primitivo di "ripulire" e conquistare i mercati mondiali, che si sono fatti più problemi della nostra parte, siamo riusciti a concordare. I caldi sceicchi orientali si sono rivelati persone sane, e, avendo appreso dalla loro stessa amara esperienza il significato del proverbio russo su un mondo cattivo e una buona lite, amichevolmente e disciplinatamente "hanno avvitato i rubinetti" sulle proprie piattaforme di perforazione.

Ahimè, abbiamo dovuto fare lo stesso, ma non c'era tempo per il grasso ... Da maggio a luglio 2020, la produzione mondiale di petrolio è stata ridotta di 9.7 milioni di barili. Il petrolio si è fermato, si è attestato ai valori di prezzo minimi e si è mosso lentamente verso l'alto. Ciascuno dei suoi timidi "passi" dal limite di $ 40 al barile, che è stato superato nel novembre 2020, ha suscitato entusiasmo nei paesi esportatori e ha alimentato le loro speranze che "tutto funzionerà". Entro la metà di dicembre dello scorso anno, è stata raggiunta la "pietra miliare" di cinquanta dollari al barile e il cuore dei petrolieri ha cominciato a battere più velocemente in attesa ...

Allo stesso tempo, anche all'inizio di questo mese, analisti finanziari di istituzioni così serie come l'agenzia di rating internazionale Fitch e Saxo Bank, con uno sguardo terribilmente intelligente (e cos'altro potevano avere questi signori?) Hanno parlato della fragilità della vita e le vicissitudini del destino dei paesi esportatori di idrocarburi. "I prezzi mondiali del petrolio, ovviamente, mostrano alcune dinamiche positive sullo sfondo di un calo stabile della produzione e spera in un inizio precoce della vaccinazione di massa contro il coronavirus", ma $ 60 al barile è pura fantasia. No, no, no, signori! "La domanda è instabile, la situazione delle vaccinazioni non è ancora chiara", quindi il costo di un barile potrebbe anche scendere "a breve termine". I 60 dollari, secondo questi esperti, rappresentavano "una barriera psicologica troppo importante" per essere superata in questo modo facilmente e velocemente. Hanno vinto ... Allo stesso tempo, anche i "profeti" della Banca Mondiale sono stati svergognati, che avevano costruito la seguente "catena" di prezzi un po 'prima: $ 41 al barile nel 2020, $ 44 nel 2021, e solo cinquanta, al massimo, in un anno 2022-m. Come puoi vedere, l '"oro nero" tutti questi segni "scivolavano via" facilmente e, a quanto pare, sta appena iniziando a "prendere velocità" negli scambi mondiali. E ora le previsioni di un tipo completamente diverso hanno cominciato a suonare da tutte le parti. Christian Malek, capo analista di una delle banche americane più grandi e rispettabili nel mondo finanziario, JPMorgan, per il settore petrolifero e del gas, afferma che nel prossimo futuro il mondo non si aspetta un eccesso di offerta, ma una carenza di petrolio! E, molto probabilmente, molto presto vedremo il prezzo al barile nei buoni vecchi 100 dollari, o anche più in alto! 80 al barile, secondo Curry, è più che una prospettiva reale per quest'anno.

Non affogherei nei "petrodollari" ...


Un ampio articolo su questo argomento, che cita ampiamente sia Malek che i suoi colleghi di un'altra importante banca statunitense, Goldman Sachs, ha recentemente pubblicato il "fiore all'occhiello" della stampa economica mondiale - il Financial Times. Secondo la teoria difesa nelle pagine di questa edizione, non si tratta di una coincidenza casuale di circostanze o di alcune fluttuazioni temporanee della situazione del mercato. Secondo la ferma convinzione di rispettati finanzieri, l'economia mondiale sta entrando in un nuovo "super ciclo del petrolio" davanti ai nostri occhi, che porta prospettive assolutamente incantevoli ai paesi esportatori di "oro nero". Nelle valutazioni sull'arco temporale del precedente periodo di questo tipo, gli esperti differiscono in modo insignificante, tuttavia: alcuni ritengono che sia iniziato alla fine degli anni '90, con l'inizio del rapido sviluppo industriale della Cina e di altri paesi asiatici, e si sia concluso con la crisi del 2008 . Alcuni sono propensi a calcolarlo dal 2003 al 2014, fino al momento in cui i prezzi del petrolio hanno iniziato un piccolo ma stabile calo.

In un modo o nell'altro, ma secondo gli analisti, gli attuali programmi governativi volti a superare le conseguenze economiche negative della pandemia, il cui costo su scala globale è già stimato in decine di trilioni di dollari, porteranno sicuramente al fatto che ci sarà una grave carenza di risorse energetiche sul pianeta, e petrolio, soprattutto ... Gli esperti finanziari giustificano in modo abbastanza convincente tali loro conclusioni, sulla base di momenti quotidiani comprensibili a tutti. I programmi di "ripresa" degli Stati che cercano di rilanciare le proprie economie che sono notevolmente "cedute" a causa della "coronacrisi", a loro avviso, mirano principalmente a sostenere le aziende agricole con un livello di reddito medio e anche inferiore. "Le persone di questo livello non guidano Tesla, ma su SUV e pickup, il che significa che sarà necessaria molta benzina", afferma Goldman Sachs, riferendosi ai propri compatrioti.

In ogni caso, nelle attuali difficili condizioni, la maggior parte dei paesi cercherà di "spremere il massimo" dall'energia e dai trasporti tradizionali, che non richiedono trasformazioni su larga scala e costosi investimenti aggiuntivi. Un esempio è la stessa Cina, che ancora una volta acquista "oro nero" in centinaia di milioni di barili. La carenza di idrocarburi che può far salire i loro prezzi alle stelle sorgerà se il consumo mondiale crescerà di 1.2 - 1.4 milioni di barili al giorno. È vero? Fino a poco tempo, queste cose sembravano fantastiche - dopotutto, la pandemia di coronavirus ha ridotto il consumo giornaliero di petrolio di 10 milioni di barili - nel 2020 rispetto al 2019.

Secondo le previsioni più ottimistiche dell'Agenzia Internazionale per l'Energia e dell'OPEC, la domanda nel 2021 potrà raggiungere un volume di 96-96.5 milioni di barili al giorno. Il consumo giornaliero pre-crisi di 100 milioni di "barili" convenzionali è ancora irraggiungibile. Allora da dove viene il deficit? Inevitabilmente sorgerà se i paesi esportatori continueranno ad essere onesti gli uni con gli altri e continueranno ad aderire ai principi di moderazione e accuratezza nella questione della ripresa della produzione. Finora, è così che sta accadendo: dal 1 ° gennaio di quest'anno, il volume di petrolio fornito al mercato mondiale dovrebbe essere aumentato di quasi 2 milioni di barili al giorno. Tuttavia, la stessa probabilità di una seconda ondata di coronavirus sul pianeta, di cui i medici hanno iniziato a parlare, ha costretto gli esportatori a quadruplicare questa quantità: i paesi OPEC + continuano la loro attività a fronte di un taglio giornaliero della produzione di 7.2 milioni di barili, ricordando perfettamente le lezioni del recente passato ed evitare rischi inutili. In effetti, dopo un nuovo crollo, il mercato si riprenderà ancora più a lungo e più duramente ...

Per inciso, tutto ciò che sta accadendo ora rientra nel quadro di una previsione abbastanza recente fatta dall'Energy Information Administration del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti (EIA). Lì, come è consuetudine tra i professionisti, hanno sviluppato tre scenari per l'evoluzione della situazione con i prezzi dell'energia, cercando di calcolare le loro dinamiche fino al 2050. Nella cosiddetta variante "base" o media, il prezzo del petrolio in futuro sarà di 95 dollari al barile. Nelle circostanze più negative, "scivolerà" a $ 48. E con un andamento positivo degli eventi, che prevede una ripresa stabile dell'economia mondiale, raggiungerà i 173 dollari al barile. Quindi, cari connazionali, mettete da parte lo sconforto e l'incertezza sul futuro - contrariamente alle previsioni di numerosi critici dispettosi, tutto sta andando potenzialmente molto bene per l'economia nazionale.

È vero, questo solleva una serie di problemi di natura diversa, più globale e di lungo termine. Una crescita stabile e costante del valore dell '"oro nero" riempirà indubbiamente il tesoro della Russia generosamente, consentirà allo Stato di adempiere e probabilmente anche aumentare i propri obblighi sociali nei confronti dei cittadini, rafforzare la difesa del paese ... Non dimenticarlo. dopo che ogni aumento è inevitabile segue una recessione e il flusso dei "petrodollari" non sarà inesauribile e senza fine. Tutti questi punti sono certamente importanti, ma se il nostro Paese non investe una parte significativa dei suoi ricavi dalle esportazioni di energia per ridurre la dipendenza della propria economia da essa, prima o poi ci saranno problemi. E la stessa industria petrolifera nazionale necessita di importanti ammodernamenti e modifiche.

Le riserve di vettori energetici facilmente recuperabili si stanno sciogliendo, e nel tempo la Russia rischia di rimanere con "depositi" di petrolio e gas, che saranno semplicemente non redditizi con gli attuali metodi e metodi di produzione. Non molto tempo fa, il Fondo monetario internazionale, che è tradizionalmente perseguitato dalla nostra ricchezza, ha preparato un ampio rapporto su questo argomento, in cui, non senza evidente gongolante, è stato sottolineato che "un lungo periodo di prezzi del petrolio a $ 40 al barile e meno ", piuttosto tutti, causeranno" danni irreparabili "al settore nazionale del petrolio e del gas. Come puoi vedere, questo periodo non sarà lungo, non importa come qualcuno lo voglia. Il destino ci offre di nuovo una meravigliosa possibilità: resta solo da usarla con saggezza.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. irregolare Офлайн irregolare
    irregolare (VADIM STOLBOV) 18 febbraio 2021 11: 08
    -3
    È ora che gli Stati Uniti migliorino le relazioni con l'Iran. I persiani erano stanchi di aspettare per loro l'apertura dei mercati petroliferi.
    1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
      Alexndr P (Alexander) 18 febbraio 2021 12: 23
      0
      Ebbene, stavano aspettando un consiglio da te, triste ucraino. I persiani stanno ora risolvendo i loro affari con la Cina.
      Le tue pentole saranno presto in disparte. Dove avrebbe dovuto essere la Russia con la sua economia fatta a pezzi - ma qualcosa è andato storto e ai margini, dopo una nevicata, milioni di famiglie americane sono finite - gli arbitri del destino zoppicano)


      Le scorte di risorse energetiche facilmente recuperabili si stanno sciogliendo e nel tempo la Russia rischia di rimanere con "dispense" di petrolio e gas che saranno semplicemente non redditizie con gli attuali metodi e metodi di produzione.

      tali scorte si esauriscono in tutto il mondo, dove sono state utilizzate attivamente. Quindi il petrolio meno economico, più costoso sarà. La redditività determina la domanda, che non andrà da nessuna parte, perché una persona ha sempre bisogno di cibo, acqua ed energia.

      Ma se il nostro Paese non investe una parte significativa dei proventi delle esportazioni di energia per ridurre la dipendenza della propria economia da essa, prima o poi ci saranno problemi.

      le esportazioni non di risorse crescono ogni anno, almeno un impianto viene costruito in Russia al giorno (ce ne sono più di 360 all'anno). Quindi il paese investe da tempo nello sviluppo economico
      1. irregolare Офлайн irregolare
        irregolare (VADIM STOLBOV) 18 febbraio 2021 15: 21
        -2
        1)
        Dove avrebbe dovuto essere la Russia con la sua economia fatta a pezzi - ma qualcosa è andato storto e ai margini, dopo una nevicata, milioni di famiglie americane sono finite - gli arbitri del destino zoppicano)

        L'unica cosa che i venditori di risorse russe possono ancora sperare è il tempo e le catastrofi naturali. La mafia del Cremlino ha profilato con successo tutte le altre carte vincenti.
        Il problema è che i fenomeni naturali dipendono poco da Putin. Tuttavia, sempre più stranieri commerciano in risorse russe. Di quelli "russi" rimangono gradualmente solo i luoghi di produzione.

        2)
        le esportazioni non di risorse aumentano ogni anno, almeno un impianto viene costruito in Russia ogni giorno

        Una bugia assoluta!
        1. gorenina91 Офлайн gorenina91
          gorenina91 (Irina) 18 febbraio 2021 17: 10
          -2
          Una bugia assoluta!

          - Si trova in un cubo (nel terzo grado) ...
          - Esattamente le stesse bugie si possono dire sui nuovi "policlinici costruiti"; "ospedali"; "ospedali"; "dispensari" e chi più ne ha più ne metta ...
          - Ma i cimiteri sono "aperti" ... e "nuove tombe sono sepolte" ... - semplicemente incommensurabili ...--- "concorrenti invincibili" ... - quelle "nuove fabbriche" e "nuove cliniche" .. comunque ...
          - Il mio vantaggio per te ...
  2. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
    Capitano Stoner (Capitano Stoner) 18 febbraio 2021 13: 06
    -3
    Siamo sopravvissuti, sopravvissuti, non ci siamo spezzati ..

    Bravo!
    Non riesco proprio a capire perché un paese che vende petrolio e gas e ha l'intera tavola periodica nelle viscere dovrebbe "crollare"? E non ho sentito che nessun paese produttore di petrolio come la Norvegia, gli Emirati e altri catari "crollano".
    1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
      Alexndr P (Alexander) 18 febbraio 2021 13: 14
      -1
      Non riesco proprio a capire

      Bene, credo in quello che realizzerai mai. Credo sempre nel meglio.

      Capirai perché l'Europa unita non è andata in Norvegia, ma la Russia sì
      Perché le città non sono state distrutte in Norvegia, ma in Russia con piacere e più di una volta
      Perché non vengono imposte sanzioni contro i sauditi contro i norvegesi, ma contro la Russia?

      Norvegia ed Emirati, il Qatar sono in un blocco - il blocco si chiama - il sub-USA - e gli USA non si preoccupano delle grattugie degli aborigeni tra loro - gli aborigeni sono messi in una stalla e fanno una cosa - Gli USA li coprono - da qualunque cosa rompano

      avendo nelle sue viscere l'intera tavola periodica

      Non ci sono meno fossili in Africa. Ma un tempo l'Europa ne ha anche ostacolato lo sviluppo. E l'Africa ha smesso di svilupparsi. E i minerali vengono ora estratti in Africa da francesi, tedeschi, americani, canadesi e chiunque altro - e gli africani probabilmente non capiscono perché.

      Ebbene niente, penso anch'io, un giorno lo realizzeranno
    2. Ulisse Online Ulisse
      Ulisse (Alex) 18 febbraio 2021 21: 47
      +1
      Non riesco proprio a capire perché un paese che vende petrolio e gas e ha l'intera tavola periodica nelle viscere dovrebbe "crollare"? E non ho sentito che nessun paese produttore di petrolio come la Norvegia, gli Emirati e altri catari "crollano".

      Questi paesi non dovrebbero essere "rotti" ..
      Circa la stessa Norvegia.
      Nell'ultima guerra paneuropea, la questione era chi fosse il primo ad occuparla, la Gran Bretagna o la Germania.
      Gli anglosassoni sono stati più veloci in campionato, ma i tedeschi hanno avuto più successo in termini di risultati.
      Nessuno lo ha chiesto affatto ai norvegesi. sentire
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 18 febbraio 2021 14: 58
    0
    La solita competizione. Riduciamo i prezzi - i concorrenti vengono spazzati via - aumentiamo i prezzi. È ora di recuperare.
    Saluti ardenti agli adepti della rivoluzione dello scisto risata
    1. Ulisse Online Ulisse
      Ulisse (Alex) 18 febbraio 2021 21: 23
      +3
      La solita competizione. Riduciamo i prezzi - i concorrenti vengono spazzati via - aumentiamo i prezzi. È ora di recuperare.
      Saluti ardenti agli adepti della rivoluzione dello scisto che ridevano

      A giudicare dal numero di utenti, i sostenitori della rivoluzione dello scisto stanno cercando di riscaldarsi battendo assiduamente sulla tastiera. risata
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 18 febbraio 2021 21: 56
        +1
        Sono contento di averli aiutati a stare al caldo buono A proposito, questo può essere attribuito all'energia verde? che cosa
  4. Ulisse Online Ulisse
    Ulisse (Alex) 18 febbraio 2021 21: 20
    +2
    L'aumento dei prezzi mondiali del petrolio a un livello che fino a poco tempo fa sembrava del tutto irrealistico alla maggioranza assoluta degli analisti economici, fa riflettere sulle ulteriori dinamiche del costo dei vettori energetici e sulle loro conseguenze.

    Scienziati seri sostengono da tempo che il riscaldamento climatico locale ea brevissimo termine del pianeta sta volgendo al termine.

    Tuttavia, l'opinione di Greta Thunberg ha avuto la meglio.

    PS Questo sono io circa il livello di competenza della maggior parte degli "analisti economici".
  5. Praskovya Офлайн Praskovya
    Praskovya (Praskovya) 19 febbraio 2021 12: 08
    -1
    Inoltre, gli oligarchi diventeranno ancora più ricchi.
    Meno: la benzina aumenterà di nuovo di prezzo.