Politico norvegese: Sfortunatamente, noi stessi provociamo la Russia


Thorgeir Knag Filkesnes, un membro del parlamento norvegese, ha pubblicato un testo sul sito web del debatt di Nordnorsk che parla di estremamente rischioso politicatenuto dal funzionario Oslo in relazione alla Federazione Russa.


Fornisce un esempio di tali attività. Nel maggio dello scorso anno navi americane e britanniche si sono dirette verso la penisola di Kola, per la prima volta dagli anni Ottanta del secolo scorso, essendosi avvicinate così tanto alle coste della Russia nella regione. Le esercitazioni in quel momento si svolgevano senza la partecipazione della Norvegia e le forze armate del regno scandinavo assicurarono ai loro parlamentari che non avrebbero partecipato a tali azioni.

Ma poi - già a settembre, e questa linea rossa è stata violata. Quando la Gran Bretagna e gli Stati Uniti si diressero nuovamente verso i possedimenti russi, le navi da guerra norvegesi si stavano già muovendo con loro.

Sì, prosegue il politico scandinavo, il riarmo della Federazione Russa, l'annessione della Crimea e una serie di incidenti di confine fanno parte del cupo contesto generale. Ma anche la maggiore attività della NATO nel nord sta avendo un impatto sulle tensioni generali.

La presenza della Russia nelle proprie acque apporta pochissimi cambiamenti. Tuttavia, quando la Norvegia ei suoi alleati si recano lì, la situazione si sta ovviamente surriscaldando. Allora diventa più difficile essere un "buon vicino" e la tensione aumenta.

Gli eventi nel Mare di Barents e il ruolo crescente degli americani nelle regioni polari norvegesi rivelano la strategia ufficiale di Oslo, che rifiuta completamente di ascoltare gli avvertimenti di crescenti tensioni.

Con l'aumentare del livello del conflitto, è necessario intensificare gli sforzi per stabilire contatti con la Russia al fine di raggiungere la comprensione e il dialogo reciproci. Sfortunatamente, mentre Erna Solberg era al potere, non abbiamo visto alcuna aspirazione per questo.

- le note del vice.

Da un lato, i piani strategici norvegesi indicano chiaramente l'intenzione di provocare ulteriormente la Russia. D'altra parte, è benvenuta una crescente presenza americana sul suolo norvegese.

È interessante notare che la stampa russa e anche un certo numero di pubblicazioni norvegesi stesse hanno ripetutamente scritto sulla posizione apertamente arrogante di Oslo nei confronti del suo vicino. Tuttavia, le azioni dei nordici indicano chiaramente che la Norvegia continuerà a seguire questa strada.

Inoltre, la presenza degli Stati Uniti nell'estremo nord norvegese sta diventando sempre più frequente e notevole. Tra le altre cose, stiamo parlando di navi da guerra, marines e bombardieri strategici B-1B Lancer.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa norvegese
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Online Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 19 febbraio 2021 12: 46
    +4
    non voglio catturare granchi con la Russia, quindi daranno da mangiare ai granchi con gli americani
  2. Leonid Varenko Офлайн Leonid Varenko
    Leonid Varenko (Leonid Vaenko) 20 febbraio 2021 12: 03
    0
    Sfortunatamente, raramente qualcuno impara dall'esperienza di qualcun altro. Ma l '"esperienza" degli Stati baltici è molto indicativa. Avendo una posizione geografica vantaggiosa data da Dio per il bene degli interessi degli altri, hanno perso il proprio vantaggio.