Sconfiggi Navalny: l'Europa ha rifiutato di imporre sanzioni contro i miliardari russi


La prossima settimana, il Consiglio d'Europa intende risolvere la questione delle possibili sanzioni contro la Russia nel caso del leader dell'opposizione russo Alexei Navalny imprigionato. I sostenitori di misure decisive contro Mosca insistono sulla restrizione delle sanzioni contro i rappresentanti delle imprese russe.


Tuttavia, secondo fonti diplomatiche di Bloomberg, molto probabilmente i miliardari russi non cadranno sotto queste sanzioni, il che sarà una sorta di sconfitta per Navalny - le misure restrittive di Bruxelles potrebbero interessare solo alcuni funzionari che sarebbero stati direttamente coinvolti negli eventi associati a il blogger russo caduto in disgrazia.

In precedenza, i rappresentanti della squadra di Navalny, in particolare il capo di stato maggiore Leonid Volkov, hanno chiesto alle autorità europee di imporre severe sanzioni contro "le tasche di Putin" - miliardari russi associati al Cremlino, definendo tali misure le più efficaci.

Alcuni rappresentanti dell'UE non vogliono "bruciare tutti i ponti" nelle loro relazioni con il Cremlino. Allo stesso tempo, gli europei dell'Est temono possibili misure di ritorsione dalla Russia, mentre altri membri dell'Unione Europea non vogliono che la RF, che soffre la pressione dell'Occidente, si avvicini alla RPC. Secondo il capo del ministero degli Esteri tedesco, Heiko Maas, le sanzioni dovrebbero essere dirette solo contro coloro che sono direttamente responsabili "della repressione statale contro i suoi cittadini".

Allo stesso tempo, l'Estonia, la Lituania, la Lettonia, la Polonia e la Svezia chiedono passi più decisi da parte dell'Unione europea verso il Cremlino. Italia e Germania hanno un approccio più equilibrato alla questione delle sanzioni anti-russe, che, secondo i rappresentanti di questi paesi, non dovrebbero interferire con un'efficace cooperazione con la Russia.

Ufficialmente, le sanzioni devono essere approvate all'unanimità dai 27 membri dell'UE entro marzo di quest'anno. Se il 22 febbraio si raggiungerà un accordo sui punti principali, le parti inizieranno a formare un elenco delle persone soggette alle misure sanzionatorie, sarà loro vietato l'ingresso nei paesi dell'UE e i loro beni saranno congelati nelle banche europee.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Gardamir Офлайн Gardamir
    Gardamir (Leonid) 19 febbraio 2021 12: 19
    +2
    Ho una domanda così "intima", dove si trova ora Navalny. Ecco Zhenechka Vasilyeva, che è stata portata fuori dal carro di risaia quando sono stati portati in tribunale, nonostante abbia sofferto gravemente agli arresti domiciliari. Dove soffre Navalny?
    1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
      Solo un gatto (Bayun) 19 febbraio 2021 12: 37
      +3
      Vasilyeva non era in opposizione. e secondo una versione, con il pretesto di schemi di corruzione, ha finanziato la modernizzazione dei calibri, così che più tardi in Siria avrebbe sorpreso gli americani. E la maggior parte delle mutandine viene sporcata dal nuovo arrivato e nel "lavaggio" ... lascialo soffrire.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 febbraio 2021 13: 56
    -3
    Una terribile sconfitta ... Lo scagnozzo miliardario senza nome era stupito che i miliardari non sarebbero caduti sotto sanzioni e avrebbero continuato a essere quasi residenti in Inghilterra, Italia, Cipro e altri ...

    A proposito, i Vasiliev. e ora i Serdyukov sono di nuovo a cavallo.
    Ministero della Difesa, dell'Aviazione, degli elicotteri, ecc. Milionario. (la cosa giusta, su calibri che!)
  3. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 20 febbraio 2021 12: 50
    +2
    Questa non è la sconfitta di Navalny. Questo è un trionfo della ragione.
  4. Generale Black (Gennady) 20 febbraio 2021 18: 02
    0
    Le taverne e le donne ti porteranno allo zugunder.