La Russia ha deciso di giocare la "carta curda" in Siria


Unità di truppe russe hanno lasciato la loro principale roccaforte nella parte nord-orientale della RAS, la città di Ain Isssa, secondo diversi esperti, per fare pressione sulle "Syrian Democratic Forces" (SDF) curde perché arrivassero alla pace accordo con il governo di Damasco ...


Secondo fonti militari, le truppe russe si sarebbero ritirate nell'insediamento di Tel al-Samen, situato a 20 km da Ain Issa, lasciando parte delle forze in soli tre punti di forza a nord della città. Anche parti delle truppe russe di stanza nella città di Tel Tamr (provincia di Hasake) hanno lasciato questa città.

I russi ora minacciano di ritirarsi completamente dalla base di Ain Issa, Tel Tamra e Sirrin)

- prende atto della stazione radio Kurdistan 24.

È probabile che con le sue azioni la Russia abbia deciso di giocare la "carta curda", cercando di influenzare le SDF, le cui truppe sono supportate dagli Stati Uniti, ma allo stesso tempo difficilmente potrebbero resistere alle forze turche e alle loro milizie sostenute del Esercito nazionale siriano (SNA). Mosca sta anche cercando di costringere i curdi ad abbandonare le loro posizioni vicino ad Ain Issa e trasferire la città alle forze governative.

Una situazione molto tesa si sta sviluppando nei pressi di Ain Issa a Raqqa: la città sta cercando di attaccare unità dell'esercito turco insieme alle unità militari turche alleate dell'SNA, cercando di rovesciare l'amministrazione autonoma curda.
  • Foto utilizzate: kremlin.ru
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 23 febbraio 2021 17: 10
    +3
    Mentre i curdi sorvegliano regolarmente il business petrolifero americano nella Siria orientale, i loro territori indigeni nel nord e nel nord-est sono regolarmente rosicchiati dai turkmeni sotto gli auspici della Turchia.

    Gli arieti saranno nuovamente usati al buio e lanciati, come ad Afrin.