Ovest debole e Mosca forte: perché Belomaidan ha soffocato


È successo così che il corso degli eventi che hanno turbato la Bielorussia dalla fine della scorsa estate sia effettivamente determinato ben oltre i suoi confini. No, nessuno toglie gli allori dei "vincitori del Maidan" al presidente locale Alexander Lukashenko e ai "siloviks" locali che hanno dimostrato una capacità di recupero standard e lealtà al dovere. Nessuno può negare che i bielorussi abbiano un senso comune e una saggezza mondana molto più elementari dei loro vicini più prossimi, gli ucraini.


Tuttavia, sarebbe fondamentalmente sbagliato vedere la situazione in questo paese al di fuori del contesto del "gioco" geopolitico globale, in cui era destinato a ruoli estremamente poco invidiabili come merce di scambio e un altro "trampolino di lancio per una democrazia vittoriosa". Tuttavia, questo non è accaduto e cercheremo di capire le vere ragioni della sconfitta della "rivoluzione dei colori".

"Tempo di agire" o "tutto sprecato"?


Oggi i media nazionali citano sconsideratamente l'amara confessione della leader dell '"opposizione" bielorussa Svetlana Tikhanovskaya, la quale, infatti, ha firmato il completo fallimento dell'avventura, che ha cercato di portare a termine con le mani e le mani dei suoi sostenitori. Tuttavia, allo stesso tempo, si è in qualche modo dimenticato che fino a poco tempo fa, letteralmente alla fine di gennaio di quest'anno, questa signora, così come la variegata banda di "zmagar" da lei guidata, facevano discorsi completamente diversi. Erano pieni di ottimismo e di "piani creativi". Il 27 gennaio, questa udienza, composta dai rappresentanti dell '"ufficio" della stessa Tikhanovskaya, del "Consiglio di coordinamento" e della "Gestione popolare anticrisi", ha discusso non meno, ma del "Piano di vittoria 2021". Si trattava di preparare nuove azioni di massa sia a febbraio che in primavera. "Siamo la maggioranza, stiamo lavorando per avvicinare la nostra vittoria, cresceranno le attività di protesta e la pressione sul regime!" - tale ottimismo brillava sul "popolo Maidan", che cercava di interpretare "veri rivoluzionari".

Per quanto ne sappiamo, nel prossimo futuro avrebbero tenuto una regolare "conferenza rappresentativa", dopo la quale i dettagli del loro grandioso piano di vittoria sarebbero stati "resi pubblici". "Di erst a una colonna di paludi ..." E invece di tutto questo, il "presidente della Luce" afferma con uno sguardo triste: "abbiamo perso la strada" (come se una volta la possedessimo!), "Il il regime ha forza e armi ”, e noi - orfani e poveri, assolutamente incapaci di tutto. "Sembra che abbiamo perso ..." In questi casi è necessario essere battezzati! Tuttavia, di cosa sto parlando ... Questo consiglio non è sicuramente per Tikhanovskaya. Qualunque cosa fosse, ma il "leader delle proteste", infatti, dichiara apertamente il loro completo fallimento. Allo stesso tempo, le promesse di "tornare e continuare" suonano estremamente poco convincenti - il "presidente della Luce" non è affatto attratto da Terminator ... Allora cosa è successo realmente?

Per cogliere l'essenza del problema, dovremo costruire una catena di eventi che hanno preceduto il discorso di Tikhanovskaya che si auto-espone. E qui, prima di tutto, va prestata attenzione alla sessione plenaria del Parlamento europeo, svoltasi il 20 gennaio (cioè proprio quando gli “zmagar” chiacchieravano ancora della loro “imminente vittoria”), a quale la “questione bielorussa”. La relazione in merito è stata presentata dal deputato lituano Petras Aushtrevičius, che di per sé testimonia la valutazione più bassa del “problema” agli occhi degli eurodeputati. Inoltre, tutti sanno perfettamente quanto sia parziale ed egoista la posizione di Vilnius nella crisi bielorussa, tanto che qualsiasi informazione proveniente da lì, come si suol dire, è “divisa per cento”. A proposito, Aushtrevičius, che ha parlato sotto le casseforme del parlamento dell'UE, si è comportato "nelle migliori tradizioni del genere" - ha ridotto tutto alle richieste di chiudere il BelNPP e ha iniziato a intimidire il pubblico con "la dittatura nucleare di Lukashenka". E per Tikhanovskaya, che è un indubbio burattino lituano, l'oratore è "annegato" con troppo zelo.

Alla fine, è uscita una specie di esibizione del tipo più brutto, che naturalmente è finita nel nulla. È che Josep Borrell un paio di settimane dopo ha borbottato qualcosa di incomprensibile alla gru sul "quarto pacchetto di sanzioni" che Bruxelles si suppone stia preparando o preparerà contro Minsk. "Siamo pronti per andare avanti, e lo faremo!" - Monsieur Borrell, grande e terribile, come sempre nel suo repertorio. Si può anche citare il "formidabile" discorso congiunto rivolto ad Alexander Lukashenko dai Ministri degli Esteri di Gran Bretagna e Canada, Dominic Raab e Mark Garneau. Questi due, come al solito, "hanno chiesto con forza la fine immediata della campagna di violenza". Alexander Grigorievich, per quanto ne sappiamo, ha semplicemente ignorato la richiesta, senza nemmeno preoccuparsi di chiedere: "Cosa succederà ?!"

"Lukashenka ride di te!" Sì, in compagnia di Putin ...


Non fu per niente che Tikhanovskaya, che, a quanto pare, iniziò a capire che l'Europa non ardeva affatto dal desiderio di rovesciare Lukashenka in un solo impulso e installarla "sul regno", alla fine crollò e iniziò versando veleno non sul "regime criminale", ma già sui suoi stessi capifamiglia e benefattori. Ha definito le sanzioni dell'Unione europea contro il "regime di Lukashenka", in base al quale ci sono "solo 90 persone", una "presa in giro" di cui ride di cuore il "dittatore" baffuto. Il “presidente Sveta” ha anche lamentato aspramente che la “comunità internazionale” insidiosa e scorretta “ha sostenuto l'iniziativa di non riconoscere Lukashenka come legittimo capo di stato”, ma solo “non ha risolto il problema”. Come mai?! Si parla - si parla, si minaccia - ma dove sono i battaglioni di carri armati della NATO e gli attacchi missilistici e con bombe a Minsk con l'obiettivo di "instaurare la democrazia"? Ovviamente, la "soluzione al problema" è stata vista dalla principale "donna Maidan" in questo filone, perché come altro può essere un "padre" pronto a difendere l'ordine nel Paese con le armi nelle mani del "padre"? costretto a rinunciare alla legittima autorità è assolutamente incomprensibile.

Le attuali misure restrittive sono del tutto insufficienti per esercitare una reale pressione su Minsk!

- Tikhanovskaya si lamenta.

Quindi, nessuno di loro sarà sufficiente, almeno finché Lukashenka, come ora, godrà del sostegno completo e incondizionato di Mosca. Bene, non è necessario avere sette campate sulla fronte per capire che ora l'unione di Bielorussia e Russia è indistruttibile. Inoltre, con alcune sanzioni davvero ridicole. Cosa speravi nei tuoi "centri di coordinamento" e "consigli" dopo che il tentativo di coinvolgere Minsk e Mosca è fallito? La bandiera bianca avrebbe dovuto essere gettata via anche allora! Ebbene, e anche ora, quando la Russia ha dimostrato in modo più che convincente al mondo intero, e all'Unione europea, prima di tutto, l'inviolabilità dei propri principi e la riluttanza a sacrificarli, non resta che uscire con sollevato mani.

Non c'è dubbio che gli "stati d'animo disfattisti" di Tikhanovskaya siano direttamente collegati a un altro fattore: il triste destino del suo "collega" nel vile caso "Maidan" di Navalny. Sicuramente il "presidente di Sveta" contava sul fatto che era nel processo della lotta per la sua liberazione che l'Occidente avrebbe fermamente "addomesticato" Mosca, tanto da accettare allo stesso tempo di "arrendersi" la Bielorussia . Ma tutto è andato in modo completamente diverso e agli occhi dolenti dell '"oppositore" che è andato a tenere la risposta per i suoi stessi trucchi, per i quali l'intera "comunità mondiale" ha strappato la gola in modo che le orecchie fossero bloccate, Tikhanovskaya vede con orrore il proprio destino . E non voglio affatto sedermi, soprattutto perché sicuramente non riuscirai a cavartela con un paio di anni di regime generale nei procedimenti penali che sono stati avviati contro di lei in Bielorussia. Allo stesso tempo, non si può non menzionare un altro punto importante, che chiaramente non contribuisce all'ottimismo degli "zmagar" e del loro leader.

Proprio di recente in Germania, che recentemente si è, purtroppo, trasformata in una "terra promessa" per tutti i tipi di criminali "Maidan", è stata ufficialmente annunciata un'importante decisione congiunta dei ministeri degli interni e degli esteri del paese. In base a ciò, la quota per i partecipanti della "maidan bianca", che Berlino accetta di riconoscere come "vittime politico repressione "e rifugio sul proprio territorio, fissato" già "... 50 persone. Questo sta tenendo conto dei membri della famiglia tali. I taccagni tedeschi non daranno da mangiare ed equipaggeranno i truffatori "rivoluzionari", con i quali poi, per di più, non si aggireranno i problemi. Guarda, uno è già stato curato sulla sua testa! A Tikhanovskaya, ovviamente, hanno gridato che questa quota era "completamente insufficiente", ma i severi Herrs e Frau del Ministero degli Affari Interni e del Ministero degli Affari Esteri sono rimasti irremovibili, e hanno persino affermato che avrebbero controllato meticolosamente "ogni specifica caso "con i richiedenti asilo politico. E se "zmagars" continuerà a giocare in modo intelligente, così potranno tagliare il limite.

Oggi, "il presidente di Sveta" continua, scusa l'espressione, a fare il buffone con entusiasmo e francamente. No, la parola giusta, in altre parole, è semplicemente impossibile caratterizzare alcune delle sue azioni e idee! Ad esempio, alla vigilia del Defender of the Fatherland Day, questo attivista ha dichiarato che era semplicemente inaccettabile celebrarne uno nella "Bielorussia libera" e ha suggerito di sostituire questa "reliquia totalitaria sovietica" con la celebrazione del "Giorno dell'eroe di Modifiche ”, precisando che chi è andato in galera“ per le sue convinzioni politiche ”. Cioè per aver partecipato a disordini di massa e tentato colpo di stato. Non seduto - per favore non disturbarti ... Chissà se la signora si rende conto di quante persone in un colpo solo si sono allontanate da se stessa con una chiamata del genere? Tuttavia, interrompe i numeri ed è più pulita. Ad esempio, in un'intervista al quotidiano svizzero Le Temps, ha annunciato che avrebbe fatto una visita in questo paese con obiettivi molto seri. In primo luogo, "incontrare l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Barchelet per discutere la situazione in Bielorussia". In secondo luogo, Tikhanovskaya intende “risolvere con le autorità svizzere la questione del congelamento dei beni di Lukashenka detenuti nelle banche locali”. No, è interessante - è seria ?! Non sto dicendo che l'impostore che vive per misericordia del grub lituano dichiari le sue intenzioni di "costruire" banchieri svizzeri, con i quali i leader delle potenze mondiali parlano in "te" sottovoce. Come intende "bloccare" qualcosa che non esiste ?!

Forse la più divertente della serie di recenti dichiarazioni della signora Tikhanovskaya, che fa riflettere seriamente sul fatto che il profondo shock emotivo derivante dalla realizzazione del crollo della "rivoluzione" abbia portato a conseguenze irreparabili per la sua salute, è la sua promessa di " dai a Lukashenko una casetta con le guardie. " Ovviamente, nel caso in cui cedesse volontariamente il paese a lei e ai suoi collaboratori. Lei chiama questo "fornire garanzie di sicurezza personale". Forse, il leader della “Maidan” completamente in bancarotta, che sta chiaramente diventando sempre meno interessante per l'Occidente, dovrebbe pensare a che tipo di sicurezza ci sarà nella “casa” che è preparata per lei personalmente.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 24 febbraio 2021 11: 26
    -2
    "Lukashenka ride di te!" Sì, in compagnia di Putin ...

    Questo articolo conferma ancora una volta che in Ucraina Putin ha commesso un grosso errore. Perché non si sono comportati così in Ucraina? Avevano il diritto, ci sono più proprietà e interessi russi che in Bielorussia. Zyuganov una volta ha paragonato il governo ai vigili del fuoco. Spegniamo solo gli incendi, ma è necessario avere questa educazione per pensare e prevedere che non ci sarebbe alcun incendio. E il nostro governo pensa solo al fondo: "In modo che abbiamo tutto, e in modo che non abbiamo niente per questo!"
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 24 febbraio 2021 23: 41
    -1
    E negli articoli estivi sulla Repubblica del Bashkortostan, tutti descrivevano come Putin avrebbe punito Old Man ... spiazzare, farlo pagare ... assorbire ...
    Ma lei è uscita ...
    Peremoga, forze dell'ordine con manganelli contro studenti con mazzi di fiori ... in calzini sulle panchine ...
    1. Mikhail Alekseev Офлайн Mikhail Alekseev
      Mikhail Alekseev (Mikhail Alekseev) 5 March 2021 20: 51
      +1
      sì, abbiamo visto questi "studenti" smantellare le pietre del selciato))) non hai ottenuto nulla)))