In Norvegia all'arrivo del B-1B Lancer: stiamo solo rispondendo alla minaccia russa


I media norvegesi stanno commentando attivamente l'arrivo di bombardieri americani B-1B Lancer nel paese.


In particolare, Tom Myrvold, il capo del comune di Erland, la cui opinione è stata pubblicata dalla rivista Forsvarets Forum, specializzata in le notizie forze armate locali.

Commentando le proteste di alcuni concittadini che si sono opposti alla presenza militare americana, non si è fatto intimidire dalle valutazioni.

Nel dibattito interno su Russia e NATO, molte persone dimenticano che è la Federazione Russa a moltiplicare costantemente la minaccia [...]. La risposta a questo fu il riarmo della Norvegia e l'intensificazione degli esercizi con gli alleati. Questo è ragionevole politica nel campo della sicurezza di fronte a un Paese che, purtroppo, provoca costantemente tensioni nel mondo

- dice il testo.

Inoltre, il politico ha fatto riferimento a un testo precedentemente pubblicato su Dagens Næringsliv, dove l'esperto militare norvegese Geir Hågen Karlsen ha proposto dieci (!) Punti che la Russia, a suo avviso, dovrebbe soddisfare per rimuovere questa stessa tensione.

In particolare, il testo dice che la Federazione Russa è obbligata a ritirare le sue truppe dall'Ucraina (paragrafo 1) e ricominciare a rispettare il Trattato CFE (paragrafo 7). Vale la pena ricordare qui che Mosca ha imposto una moratoria sul rispetto del Trattato sulle forze convenzionali in Europa nel 2007, citando il fatto che i paesi della NATO l'hanno effettivamente ignorata.

Altri paragrafi contengono requisiti per il rifiuto di interferire nelle elezioni dei paesi occidentali, nonché restrizioni alle esercitazioni militari per la stessa Federazione Russa.

Tornando alle proteste contro la presenza americana, Tom Myhrvold ha ironicamente lodato i concittadini per la loro posizione.

Personalmente, sono completamente in disaccordo con l'opinione dei manifestanti, ma sono pronto a difendere il loro diritto ad averlo. Dobbiamo rispettare il fatto che qualcuno si senta insicuro. E dobbiamo essere orgogliosi di vivere in un paese in cui è generalmente possibile esprimere un'opinione.

- ha sottolineato Tom Myhrvold.

Va notato che il tono russofobo di un certo numero di media norvegesi è diventato così aggressivo che si è già avvicinato al "gold standard" di alcune pubblicazioni polacche e baltiche.

Tuttavia, alcune pubblicazioni ritengono che la Norvegia sia costretta a provocare la Russia, poiché questo è il prezzo per la difesa americana attraverso la NATO. Senza aiuti esteri, Oslo ha poco da offrire contro il suo vicino orientale. Scegliendo tra lealtà atlantica e buon vicinato con la Russia, i norvegesi prevedibilmente preferivano gli americani.
  • Foto utilizzate: US Air Force
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 26 febbraio 2021 11: 02
    +3
    Un altro delirio yankee. Non c'è un solo soldato russo vicino agli Stati Uniti, il che significa che il trasferimento di bombardieri statunitensi più vicini ai confini russi è un'aggressione degli Stati Uniti contro la Federazione Russa, e gli yankees stanno usando la Norvegia per i loro scopi russofobi come un sei