"Colpo di stato", "Maidan" o punizione per il Karabakh: cosa sta succedendo in Armenia?


I recenti eventi di Yerevan hanno nuovamente richiamato l'attenzione del mondo su quella parte della regione del Caucaso, a cui era stata ribadita lo scorso autunno in connessione con il conflitto militare in Nagorno-Karabakh. Ciò che sta accadendo oggi in Armenia, però, può benissimo essere definito “l'eco della guerra”, che si è conclusa con una tregua per questo Paese, difficile non definire vergognosa.


Il cambio del governo "post-Maidan", che nei giorni fatidici ha mostrato in pieno la propria mediocrità e incompetenza, tutto è passato dal momento in cui i cannoneggiamenti dell'artiglieria erano ancora rumorosi alla periferia di Shusha. Ora è "esploso" ... Ma cosa sta succedendo esattamente in Armenia adesso? Proviamo a capirlo.

Come Pashinyan non è riuscito a far passare per intelligente


Ebbene, dimmi, che ha tirato per la lingua Pashinyan con critiche (stupide, inette e inopportune) del nostro "Iskander", la cui "imperfezione", come ha cercato di affermare, è stata quasi la ragione principale della sconfitta del suo paese nel guerra con l'Azerbaigian ?! L'iniziativa del Primo Ministro dell'Armenia, divenuta l'ultima goccia agli occhi di tutti coloro che non lo considerano degno di occupare questo alto incarico, ha fatto sì che molti commentatori di questo evento nel nostro paese si volgessero ai tesori della saggezza popolare. Ad esempio, il deputato della Duma di Stato Dmitry Sablin ha ricordato con grande successo in questa occasione un proverbio leggermente non stampabile, ma molto azzeccato, riguardante alcune parti del corpo che interferiscono con i cattivi ballerini. Secondo me, un altro slogan non è meno appropriato in questo caso: “Stai zitto! Passerai per intelligente… ”. Tuttavia, lo sfortunato premier, che ha ricevuto aspri rimproveri di disonore nazionale e appelli per liberare al più presto la presidenza del capo del governo, ha sempre mancato di prudenza e moderazione. Così è successo in questo caso.

È chiaro che ciò è stato fatto sia da una piccola mente che con un duplice scopo: ancora una volta per deviare le accuse di sconfitta da se stesso, e anche per promuovere un programma anti-russo, per il bene del quale è stato, infatti, messo a capo del paese. La verità che sono state proprio le azioni del capo del governo nei confronti dei capi militari armeni che in larga misura hanno provocato il conflitto armato e contribuito alla sua perdita è in superficie. Come, per inciso, nel momento in cui, alla vigilia della guerra imminente, cercava di "spingere" generali discutibili, Pashinyan cercò non solo di regolare i conti personali, ma, prima di tutto, di infastidire più profondamente Mosca. Naturalmente, non ammette mai niente del genere in vita sua. Ma potresti almeno tacere! Ma no - tutto è secondo i classici del cinema: "Ha il sistema sbagliato di granate ..."

Le azioni dell'esercito armeno, causate dall'osceno "ripieno" di informazioni da Pashinyan e dal successivo, per usare un eufemismo, decisioni di personale inadeguate riguardanti gli alti funzionari dello Stato maggiore, in realtà sono un "tentativo di colpo di stato militare", come lo stesso primo ministro "Maidan" e alcuni suoi sostenitori? In nessun caso. Un colpo di stato militare, signori, sembra completamente diverso. Forze speciali che prendono d'assalto la residenza di Pashinyan, carri armati e veicoli corazzati per il trasporto di persone agli incroci, coprifuoco, divieto totale di tutte le attività politico feste e, prima di tutto, per lo svolgimento di eventi di massa: è così che sarebbe successo tutto nella realtà. E le dure dichiarazioni dei generali offesi che chiedono che l'assolutamente presuntuoso balabol esca prima di arrecare ancora più danno al paese - questa, ovviamente, è una politica che, in linea di principio, non si adatta alle persone in uniforme, ma in nessun modo un colpo di stato . Pashinyan ancora una volta, nella sua carriera, sta cercando di sfoderare la sua mossa preferita: spostare tutto da una testa dolorante a una sana. E bene, questa figura è stata sostenuta dagli "ampi strati della popolazione" e dalla comunità armena nella persona di varie persone pubbliche rispettate dalla gente. È vero il contrario.

Ultimamente, chi non gli ha chiesto di partire gentilmente - dai più alti gerarchi della Chiesa armena ortodossa agli ex presidenti del Paese. Le dimissioni immediate di Pashinyan dall'ottobre dello scorso anno sono state richieste dal piuttosto affollato Movimento per la salvezza della Patria, che riunisce ben 17 partiti e movimenti di opposizione in Armenia. Infine, la famigerata "volontà del popolo" oggi è espressa abbastanza chiaramente - secondo una ricerca sociologica condotta dalla Gallup International Association, Pashinyan, la cui cifra al momento della sua ascesa al potere era stata approvata da oltre l'80% dei residenti del paese , oggi difficilmente ha un livello di supporto del 30%. Più del 40% (quasi la metà) degli armeni è sicuro che dovrebbe lasciare la carica di primo ministro prima e meglio è. Ebbene, dov'è il "colpo di stato militare" qui?

Piazza della Repubblica contro Piazza della Libertà


A proposito, anche il Dipartimento di Stato americano non ha visto alcun segno di tale negli eventi attuali, che si è precipitato a sostenere Pashinyan, in equilibrio sull'orlo di un abisso politico a causa della sua lingua lunga, con la velocità e la cura di una madre. , affrettandosi a prendere il suo piccolo, che rischia di cadere dalla sabbiera. Non è sorprendente: è improbabile che Washington riesca a "mantenere" un altro protetto al vertice del potere dell'Armenia nelle condizioni attuali. Tuttavia, hanno iniziato a tenere una conferenza all'esercito armeno, ricordando loro il "principio democratico fondamentale di non interferenza dell'esercito nella politica interna". Queste istruzioni in un briefing speciale sono state espresse dal portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price, che ha anche invitato le parti in conflitto "a frenare e ad astenersi dall'escalation e dalla violenza". L'Ucraina farebbe meglio a leggere lezioni su questo argomento! La NATO e l'UE hanno espresso la loro opinione più o meno nello stesso modo: "ragazzi, viviamo insieme". Altrimenti, stiamo "guardando molto da vicino" e in tal caso saremo terribilmente sconvolti. Ma chi ha interrotto un numero completamente incantevole - è la Turchia! Il segretario stampa di Recep Erdogan Ilham Alin si è espresso con "una dura condanna del tentato colpo di stato militare a Yerevan", che, di fatto, ha ripetuto quasi parola per parola la retorica di Pashinyan. In effetti, per qualsiasi politico armeno oggi, gli elogi e il sostegno ricevuti da Ankara non sono solo un chiodo nella bara della sua carriera politica, ma un paletto naturale. Un particolare senso dell'umorismo tra i discendenti dei giannizzeri, cosa posso dire ...

A proposito, i vicini nemici rappresentati dal presidente dell'Azerbaijan non hanno fatto ricorso a troll così sottili. Ilham Aliyev ha semplicemente affermato che le autorità armene, passate e presenti, "hanno portato il paese in uno stato veramente miserabile". Tuttavia, tutti gli esempi precedenti della reazione della "comunità internazionale" sono, in generale, testi. Ciò che conta davvero è cosa ne pensa Mosca.

A Yerevan, tra l'altro, lo capiscono nel modo più meraviglioso. Pertanto, subito dopo la conversazione telefonica tra Nikol Pashinyan e Vladimir Putin, il servizio stampa del primo ministro è esploso con una dichiarazione secondo cui "il presidente russo ha espresso il suo sostegno al governo armeno e al suo capo", definendole "autorità legittime" invece di i "cospiratori". Questa affermazione è stata sconfessata dal servizio stampa del Cremlino, che ha fatto un chiarimento molto significativo sul vero contenuto della conversazione. Si scopre che Vladimir Vladimirovich non ha espresso il suo sostegno a nessuno, ma ha solo espresso la fiducia che "la calma e l'ordine dovrebbero essere mantenuti in Armenia, invitando le parti opposte alla" moderazione ".

Allo stesso tempo, per quanto è noto, una comunicazione abbastanza stretta negli attuali momenti di crisi si verifica non solo tra i ministri degli esteri di entrambi i paesi - Sergei Lavrov e Ara Ayvazyan, ma anche tra i capi dei dipartimenti militari - Sergei Shoigu e Vagharshah Harutyunan. Il Cremlino ha detto più di una o due volte che qualsiasi processo di cambio di potere a Yerevan dovrebbe essere pacifico e civile, senza eccessi e, ancor di più, senza spargimento di sangue. Il fatto che Pashinyan non sia chiaramente il favorito delle simpatie di Mosca (e non lo è mai stato) è un assioma che non ha bisogno di prove. Tuttavia, lo scontro civile in Armenia, che è stato salvato solo dagli sforzi della Russia da una sconfitta molto più grave di quella che ha dovuto subire, come se nessuno ne avesse bisogno. Una delle caratteristiche più disgustose di ogni singolo politico "Maidan" è, diciamo, la mancanza di coordinamento del proprio apparato vocale e del contenuto del cranio. Pashinyan ha dimostrato ancora una volta che per questa regola non è un'eccezione, ma, al contrario, l'esempio più chiaro. Lui ora e raccogli i frutti ...

Al momento in cui scrivo, è noto che i sostenitori del "Movimento per la salvezza della patria" stanno cercando di allestire tende sotto l'edificio del parlamento del paese per avviare una campagna a tempo indeterminato per le dimissioni di Pashinyan. Allo stesso tempo, stanno cercando di bloccare il Marshal Baghramyan Avenue che va in questo posto con barricate. Il che parla della serietà delle intenzioni dei manifestanti. I rappresentanti dell'opposizione hanno anche annunciato che intendono inviare "camminatori" dal presidente del paese Armen Sargsyan per "risolvere una questione dolorosa". Sargsyan sta ancora cercando di aderire alla relativa neutralità: se ha firmato la proposta di Pashinyan di licenziare immediatamente il vice capo di stato maggiore Tiran Khachatryan, Onik Gasparyan ha scelto di porre prudentemente una richiesta simile per quanto riguarda la prima persona della stessa struttura. Forse una conversazione ponderata con i rappresentanti di quelle forze che non vogliono vedere Pashinyan sulla sedia del primo ministro per un giorno aiuterà il presidente a fare la scelta finale.

Significativamente, le manifestazioni dei sostenitori e degli oppositori di Pashinyan, che si sono svolte in precedenza a Yerevan, si sono svolte in due piazze della Repubblica e della Libertà situate non molto distanti (nel raggio di un chilometro) l'una dall'altra. Entrambi hanno invocato la lotta "per tutti il ​​bene contro tutti i cattivi" e hanno denunciato i propri oppositori come coloro che sono pronti a calpestare gli interessi dell'Armenia per il loro bene. In campagna, sa sempre più distintamente, se non il più vero "Maidan", allora qualcosa di molto simile ad esso. Allo stesso tempo, Pashinyan (almeno nominalmente) è supportato dal servizio di sicurezza nazionale e dalla polizia. Tuttavia, se l'esercito smette di limitarsi a dichiarazioni ad alta voce e scende in strada, anche senza armi, il risultato non è difficile da prevedere. Finora, a Yerevan, soprattutto, si teme provocazioni armate come la comparsa di "cecchini sconosciuti" secondo lo scenario degli Stati baltici o dell'Ucraina. In questo caso, la situazione può davvero sfuggire al controllo e iniziare a svilupparsi secondo il peggiore degli scenari. Allo stesso tempo, infatti, l'unica cosa che può calmare le passioni sono solo le dimissioni volontarie di Nikol Pashinyan, a cui lui, a quanto pare, non intende andare.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 26 febbraio 2021 10: 26
    -5
    "Colpo di stato", "Maidan" o punizione per il Karabakh: cosa sta succedendo in Armenia?

    - Sì ... qualunque cosa accada lì ... - solo una cosa è chiara ... - se Pashinyan viene rimosso; poi la Russia impoverita dovrà sborsare moltissimo ... -Pagare prestiti dall'Armenia (che l'Armenia non restituirà mai alla Russia); medicinali, prodotti, attrezzature all'avanguardia; enormi "in termini di volume" forniture di benzina, cherosene, nafta, oli tecnici; Le ultime armi russe (infatti, riequipaggia l'intero esercito armeno) e chi più ne ha più ne metta .... - E tutto questo è gratuito e irrevocabile ... - per niente ...
    - E anche allora ... - questo non garantirà che, dopo tutto questo, Russia e Armenia avranno una "comprensione reciproca" generale ...
    - Oggi l'Armenia con i soldi russi (per i prestiti russi all'Armenia) mantiene in patria un intero "corpo diplomatico" americano .... - Più di 1000 persone .... - Ebbene, l'Armenia continuerà a sostenerli; ma tenendo conto del fatto che la Russia lancerà altri soldi; allora anche questo numero di americani in Armenia potrebbe aumentare ... - E altrimenti, dopo che Pashinyan se ne sarà andato (se questo accadrà) ... - per la Russia, non ci sarà alcun miglioramento ... - solo nuove "spese eccessive" e perdite colossali per la Russia ...
    1. Odessa greca Офлайн Odessa greca
      Odessa greca (Greco) 26 febbraio 2021 13: 48
      +4
      Sì, tu, Irina, una vera esperta di "E", senza approfondire l'articolo, hai ammucchiato un mazzo di perle. Ma per te l'articolo contiene una menzione dello slogan: “Stai zitto! Passerai per intelligente ... ". Anche se forse questo è dovuto al fatto che Irina non è una lettrice, ma una "scrittrice" ??? buono
      1. gorenina91 Офлайн gorenina91
        gorenina91 (Irina) 26 febbraio 2021 14: 47
        -2
        "Essere in silenzio! Passerai per intelligente ... "

        -Sì qui ... qui ... qui è tutto un po 'diverso ...
        - Vale a dire: Grecia - ai Greci; e Odessa - ai residenti di Odessa ...
        - Come si dice a Odessa ..:. "Queste sono due grandi differenze" ...
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 26 febbraio 2021 10: 50
    +2
    È più come sfogarsi. La maggioranza in Armenia è guidata rispettivamente dall'opinione della diaspora americana e di Soros. Hanno portato Pashinyan al potere. Ed è improbabile che venga rimosso ora. Se verranno indette elezioni anticipate, eleggeranno, se non lui, lo stesso amico di Soros. Gli armeni negli Stati Uniti non hanno bisogno dell'Armenia, vivono degli interessi degli Stati Uniti. I risultati parlano da soli.
    1. Ulisse Офлайн Ulisse
      Ulisse (Alex) 26 febbraio 2021 23: 33
      0
      È più come sfogarsi. La maggioranza in Armenia è guidata rispettivamente dall'opinione della diaspora americana e di Soros. Hanno portato Pashinyan al potere. Ed è improbabile che venga rimosso ora. Se verranno indette elezioni anticipate, eleggeranno, se non lui, lo stesso amico di Soros. Gli armeni negli Stati Uniti non hanno bisogno dell'Armenia, vivono degli interessi degli Stati Uniti. I risultati parlano da soli.

      Aggiungerò che la diaspora armena russa è stata espulsa dal mercato armeno.
      Un fenomeno interessante che viene accuratamente evitato dai media.

      Così come la domanda sul perché le guardie di frontiera russe dovrebbero sorvegliare il confine dell'Armenia con la Turchia. sentire

      Molte domande si sono accumulate per questo pseudo-alleato ..
  3. lavoratore dell'acciaio 26 febbraio 2021 10: 54
    +1
    EBN ha anche promesso di sdraiarsi sui binari. Tali balaboli non si dimettono. Gli Stati Uniti hanno investito così tanti sforzi e denaro, e tu vuoi che lo prenda e se ne vada. Riuscite a immaginare che Tikhanovskaya "taci"? Questo può accadere solo sotto minaccia di morte. Anche se l'esempio di massa mostra che anche questo non è un motivo. La Russia deve vendicarsi della sua umiliazione in Armenia e rovesciare Pashinyan. Questo è un nemico e un russofobo per la Russia. Sì, umiliazione! La chiusura delle scuole russe e il divieto della lingua russa, l'espulsione delle imprese russe dal paese. Queste cose non possono essere perdonate! Qual è il prossimo? È naturale aiutare, ma pur soddisfacendo i requisiti politici (è scritto sopra). Devi pagare per la tua sicurezza! E l'avidità e l'avarizia sono inaccettabili qui.
  4. Alsur Офлайн Alsur
    Alsur (Alex) 26 febbraio 2021 15: 18
    +1
    Citazione: acciaio
    EBN ha anche promesso di sdraiarsi sui binari. Tali balaboli non si dimettono. Gli Stati Uniti hanno investito così tanti sforzi e denaro, e tu vuoi che lo prenda e se ne vada. Riuscite a immaginare che Tikhanovskaya "taci"?

    Al punto, queste persone non se ne andranno mai volontariamente, chi le darà.
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 27 febbraio 2021 10: 48
    +2
    Pashinyan è stato portato al potere da circoli di persone influenti orientate all'euro, che si inserisce pienamente nel programma geostrategico dell'UE "Partenariato orientale" e si è manifestato chiaramente nella sua relazione ambivalente con il Karabakh e nei rapporti con la Federazione Russa.
    Questa politica ha predeterminato uno scontro con l'Azerbaigian, dietro il quale c'è la Turchia e che ha i suoi rapporti con l'UE e interessi nella regione.
    Il fallimento della politica di Pashinyan ha messo l'Armenia sull'orlo dell'esistenza e l'ha costretta a rivolgersi alla Federazione Russa per la salvezza, con la quale ovviamente non tutti sono d'accordo. Di conseguenza - lotte sotto copertura, intrighi dietro le quinte e accese manifestazioni di massa della popolazione umiliata dalla sconfitta militare.
    La situazione non sarà risolta fino a quando le persone influenti in Armenia non raggiungeranno un compromesso, che dipende in gran parte dal loro sostegno da parte di forze esterne e dall'influenza di fattori stranieri: Stati Uniti, UE, Turchia, Iran, Russia.