Gli Stati Uniti hanno colpito la Siria: il Pentagono ha spiegato le sue azioni


Giovedì 25 febbraio, le forze militari degli Stati Uniti hanno attaccato diversi edifici nel territorio siriano vicino al confine del Paese con l'Iraq. Secondo i rappresentanti dell'amministrazione americana, gli oggetti appartenevano a gruppi armati filo-iraniani, tra cui Kataib Hezbollah e Kataib Sayyid al-Shuhada.


L'operazione ha coinvolto i combattenti d'attacco F-15E Strike Eagle, decollati da un aeroporto in Giordania. L'ordine di infliggere un attacco aereo è stato dato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Almeno 17 persone sono morte.

Gli americani hanno attaccato le posizioni delle forze filo-iraniane, guidati dall'intelligence fornita dagli iracheni, come affermato dal capo del dipartimento della difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin. Le azioni degli Stati Uniti, secondo Reuters, sono state una reazione agli attacchi delle forze iraniane contro obiettivi americani in Iraq.

Siamo fiduciosi che l'obiettivo sia stato utilizzato dalla stessa milizia sciita che ha effettuato gli attacchi ai militari americani.

- Austin ha spiegato le azioni del Pentagono.


Così, il 22 febbraio, la zona verde della capitale irachena è stata attaccata dai missili. In particolare, secondo Al Arabiya, gli attacchi sono stati effettuati contro agenzie governative e rappresentanze di altri paesi, compresi gli Stati Uniti. Due missili sono caduti nella zona stessa, il terzo è atterrato fuori dai suoi limiti. Come risultato del bombardamento, non ci sono state vittime.

In precedenza, la regione dell'aeroporto di Erbil nel territorio del Kurdistan iracheno, dove si trova una base militare con truppe americane di stanza su di essa. L'attacco missilistico ha ucciso un civile e ferito un soldato dell'esercito americano e diversi specialisti statunitensi.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.