Un solo inverno ha dimostrato che il tempo per l'energia verde non è ancora arrivato


L'avvento al potere negli Stati Uniti del Partito Democratico con il suo Green New Deal ei piani dell'Unione Europea per decarbonizzare completamente il suo economia entro il 2050, il futuro dell'energia tradizionale è stato messo in discussione. Tuttavia, il freddo inverno del 2020-2021 ci ha fatto guardare a questo problema in un modo nuovo.


Prima di tutto, è necessario decidere cosa appartiene all'energia rinnovabile, o "verde", che è considerata la "killer" di quella tradizionale basata sulla combustione di combustibili fossili. Questa è, prima di tutto, l'energia della luce solare, del vento, dei flussi d'acqua, delle onde, degli alti e bassi, nonché dei biocarburanti ottenuti dalla lavorazione dei rifiuti biologici. Solo tre anni fa, più di un quarto di tutto il consumo energetico globale proveniva da combustibili rinnovabili. E questo, senza alcuna ironia, non può che essere accolto con favore, poiché si riduce sensibilmente la dipendenza dai combustibili fossili, le cui riserve sono limitate e prima o poi si esauriranno completamente. Tra i leader mondiali nel campo dell'energia "verde" si possono individuare i paesi dell'Unione Europea, primi fra tutti Germania, Cina, Stati Uniti e altre potenze avanzate.

Tutto ciò ha fatto ritenere che entro il 2050 l'Unione Europea sarà in grado di ridurre a zero le emissioni nocive in atmosfera generate dalla combustione di combustibili idrocarburici. Seguendolo, Stati Uniti e Cina hanno annunciato piani simili. L'aria sapeva chiaramente di "caldo" per i paesi i cui ricavi dipendono in gran parte dall'estrazione e dall'esportazione di petrolio, gas e carbone. Tra loro c'erano Arabia Saudita, Nigeria, Angola, Libia, Azerbaigian e Russia, oltre a numerosi altri stati produttori di petrolio. Tuttavia, la natura ha apportato modifiche significative a questi ambiziosi piani.

Il freddo anormale che proveniva dall'Artico ha fatto precipitare gli stati meridionali degli Stati Uniti in uno stato di collasso energetico. Numerosi mulini a vento si sono congelati e hanno smesso di generare energia, i pannelli solari sono stati coperti di neve. La stessa sorte è toccata alla potenza leader dell'UE, la Germania, dove quasi 30mila generatori eolici si sono fermati contemporaneamente. L'energia "verde" alternativa ha smesso improvvisamente di funzionare. Se la RFT non avesse accesso alla produzione di gas e carbone, i tedeschi inizierebbero a congelare nelle loro case, come gli americani d'oltremare in Texas.

E quali conclusioni si possono trarre da quanto accaduto? E sono estremamente semplici: l'energia alternativa è buona e corretta, ma in nessun caso deve sostituire completamente l'energia tradizionale. Per evitare che il sistema energetico di un paese o un'unione di stati collassi dall'oggi al domani, sono necessarie capacità di bilanciamento. E questo richiede una generazione più tradizionale, ad esempio nucleare, gas o carbone.

Per quanto riguarda la generazione a carbone, sì, provoca danni significativi all'ambiente e dovrebbe essere gradualmente eliminata. Il più economico in termini di costo energetico rimane quindi atomico. Oggi della tecnologia l'energia nucleare pacifica consente la costruzione e il funzionamento di centrali elettriche sicure. È del tutto possibile che la Germania, spaventata dall'incidente alla giapponese "Fukushima", abbia comunque commesso un grosso errore, abbandonando le sue centrali nucleari. D'altra parte, altri paesi stanno mostrando un interesse crescente per loro: ad esempio, la Polonia, la Repubblica Ceca prevede di costruire una nuova unità di potenza, la Turchia sta attualmente costruendo con l'aiuto di Rosatom e la Bielorussia ha già lanciato una nuova centrale nucleare. pianta. Tuttavia, tutto ciò è piuttosto costoso e richiede molto tempo per essere costruito.

Quindi il "carburante blu" rimane una materia prima fossile relativamente poco costosa e più rispettosa dell'ambiente. Finora in Europa è stata creata l'infrastruttura di trasporto del gas più sviluppata. Questi includono numerosi gasdotti e terminali di ricezione di GNL sulla costa. È improbabile che l'inverno anormale del 2020-2021 costringa Bruxelles ad abbandonare completamente i suoi piani per "decarbonizzare" l'economia, ma chiaramente li aggiusterà in modo significativo. La pietra angolare sarà ora posta sulla creazione di tecnologie per lo stoccaggio a lungo termine dell'energia "verde" generata. Ci sono già alcuni sviluppi in quest'area, ma il problema è rendere tali stazioni massicce e commercialmente redditizie. Il compito è difficile, per molti anni a venire.

Durante il periodo di transizione, che può richiedere 20-30 anni, il gas naturale pompato attraverso tubazioni e spedito in forma liquefatta dalle petroliere svolgerà senza dubbio il ruolo di "cuscinetto". E qui la Russia si sente ancora abbastanza a suo agio, poiché manterrà una quota significativa del mercato energetico europeo. Nei paesi del sud-est asiatico tutto è ancora molto più modesto, qui il primo violino è suonato dal gas naturale liquefatto fornito dalle petroliere. Ma Gazprom ha già costruito il gasdotto Power of Siberia verso la Cina e intende anche, in concorrenza con Novatek, sottrarre la quota del mercato asiatico del GNL a Stati Uniti, Australia e Qatar. E le aziende russe hanno buone possibilità per questo.

In generale, è ancora troppo presto per seppellire l'energia tradizionale. In nessun caso questo deve essere considerato come un "passaggio" al "verde", l'unica domanda è la loro ragionevole combinazione ed equilibrio.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 26 febbraio 2021 19: 35
    +2
    Ci sono molte direzioni di energia alternativa, ma oggi solo una è reale: il nucleare.
    Le centrali di marea sono molte volte più costose e solo in luoghi con differenze significative e il lavoro è soggetto all'influenza del ciclo lunare.
    Un'alternativa potrebbe essere una tecnologia dei neutrini per la generazione di elettricità o la fusione nucleare controllata, ma tutto non è ancora andato oltre la portata degli esperimenti.
    C'è molta spazzatura e tutto arriva in modo esponenziale, l'intero pianeta è stato sporcato, ma la sua lavorazione non è economicamente redditizia e necessita di sussidi, e il denaro non è mai superfluo.
    Pertanto, nel prossimo futuro, non ci sono alternative alle fonti energetiche tradizionali.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 27 febbraio 2021 20: 37
    0
    Oh, tutte stronzate.
    In primo luogo, il termine di 30 anni, che molto probabilmente verrà prolungato.
    Le tecnologie di produzione, riduzione delle emissioni, ecc. Non si fermeranno.
    In secondo luogo - nel mondo, quindi la% dei biocarburanti è abbastanza grande. E ora ce ne saranno ancora di più ... Tutti gli argentini si fregano allegramente le mani ...
    In terzo luogo, tutta questa neve in Florida accade abbastanza regolarmente, proprio come uno skiff sulle strade della Federazione Russa durante le nevicate, quindi nessuno si muoverà troppo.
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 28 febbraio 2021 14: 16
    +1
    L'energia verde era, è e sarà. Ad esempio anche l'energia idroelettrica è green e in Russia si sta sviluppando con successo, se non sbaglio, la sua quota è passata dal 10 al 14%. Non è solo sconsideratamente necessario precipitarsi agli estremi, distruggere centrali termiche e sostituirle con ventilatori e pannelli solari, soprattutto dove non funzionerà, proprio perché ritengono necessario farlo ad "occidente".
    1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
      Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 28 febbraio 2021 17: 52
      +2
      L'energia idroelettrica è economica ed economica, ma non così verde: i bacini in alcuni luoghi si trasformano in vasche di sedimentazione di vari tipi di acque reflue, per non parlare delle ovvie conseguenze come l'allagamento di vaste aree, terreni agricoli e fertilizzanti, cimiteri e sepolture di bestiame, innalzamento delle acque sotterranee , impossibilità di migrazione di pesci e animali acquatici, fioritura e crescita eccessiva di alghe blu-verdi, morte di tutti gli esseri viventi per mancanza di ossigeno, ristagni d'acqua e altre conseguenze poco rispettose dell'ambiente ed economicamente costose.
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 28 febbraio 2021 18: 14
        +1
        Naturalmente anche l'energia idroelettrica ha i suoi lati negativi. Tutto nel mondo è relativo. In generale, non vedo molto senso dividere l'energia in verde e no.
        1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
          Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 1 March 2021 10: 15
          +1
          Per vivere in una casa pulita e ben curata non c'è bisogno di cagare dentro, e questo vale non solo e non tanto per l'industria energetica, ma in misura molto maggiore per l'industria chimica.
          Anche il primo Pietro proibì la deforestazione a meno di 50 metri lungo le rive dei fiumi e obbligò a produrre piantagioni di betulle e mettere pietre miliari lungo le strade.
          La moderna legislazione sulla protezione delle acque proibisce anche la deforestazione lungo le rive dei fiumi, la costruzione, lo smaltimento dei rifiuti domestici e industriali.
          L'economia dirige tutti i processi di produzione per massimizzare l'uso di materie prime e gli impianti di trattamento delle acque reflue esistenti catturano fino al 90% delle emissioni nocive, una questione di costo.
          Tutta la spazzatura, i prodotti chimici e la plastica non sono prodotti da materiali alieni sconosciuti, il che significa che possiamo presumere la possibilità di un processo inverso: il riciclaggio al suo stato originale o ad uno stato vicino ad esso.
          Fino a poco tempo, la RPC era il più grande importatore di rifiuti al mondo, il che significa che hanno un'applicazione economicamente valida, perché molta attenzione viene prestata allo stato dell'ambiente.
          1. 123 Офлайн 123
            123 (123) 1 March 2021 12: 01
            +2
            Certo che hai ragione sì Dobbiamo prenderci cura della natura, osservare le norme e la legislazione. Anch'io, bene contro tutto il male. Ma per quanto riguarda la chimica, non tutto è così liscio.

            Tutta la spazzatura, i prodotti chimici e la plastica non sono prodotti da materiali alieni sconosciuti, il che significa che possiamo presumere la possibilità di un processo inverso: il riciclaggio al suo stato originale o ad uno stato vicino ad esso.
            Fino a poco tempo, la RPC era il più grande importatore di rifiuti al mondo, il che significa che hanno un'applicazione economicamente valida, perché molta attenzione viene prestata allo stato dell'ambiente.

            Per quanto ne so, non tutti sanno come elaborare uno stato sicuro per gli esseri umani e l'ambiente. E quando è possibile, risulta essere economicamente impraticabile. Ecco perché i rifiuti vengono esportati in altri paesi. Mentre la Greta si leva in piedi dalle alte tribune, i bambini del Bangladesh scavano nella loro spazzatura.
            Per quanto riguarda la Cina, l'importazione di rifiuti solidi urbani è stata ridotta da 5 anni.
            2016 - 46,55 milioni di tonnellate;
            2017 - 42,27 milioni di tonnellate;
            2018 - 22,63 milioni di tonnellate;
            2019 - 13,48 milioni di tonnellate;
            2020 - 7,18 milioni di tonnellate.
            Il Ministero dell'Ecologia e dell'Ambiente della RPC ha annunciato il divieto di importazione di rifiuti solidi con qualsiasi mezzo dal 1 ° gennaio 2021.
            http://www.gov.cn/xinwen/2020-11/30/content_5565991.htm

            Perché pensi? Affinché il "miliardo d'oro" viva in un piccolo mondo pulito e accogliente, qualcuno deve scavare nella spazzatura. I cinesi non vogliono più e hanno bisogno di un sostituto. Non sarò sorpreso se, ad esempio, ... l'Ucraina, nella lotta per l'ambiente, si trasformerà presto in trattamento dei rifiuti.
  4. Anton Poluektov Офлайн Anton Poluektov
    Anton Poluektov (Anton Poluektov) 28 febbraio 2021 18: 56
    0
    Non dovresti rinunciare all'energia nucleare a favore di VIA. Al contrario, era necessario fare affidamento su centrali nucleari che non danneggiano l'ambiente, ma VIA come aggiunta al settore nucleare è molto buono!